Mozambico

Frelimo sceglie il suo candidato alla presidenza

MOZAMBICO – Si riunirà il 22 e 23 dicembre il Comitato Centrale del Fronte di Liberazione del Mozambico (Frelimo) chiamato a scegliere il candidato alle presidenziali che dovrà succedere ad Armando Guebuza nelle prossime elezioni generali di Ottobre.
A riferirlo è una nota dello stesso partito di governo, nella quale si precisa che i 160 membri del massio organo decisionale del partito saranno chiamati a scegliere tra i tre candidati rimasti in lizza: il ministro dell’Agricoltura Jose Pacheco, quello della Difesa Filipe Nyussi e il premier Alberto Vaquina.
Analisti e commentatori evidenziano come nessuno dei tre nomi sembra godere di un particolare ascendente tra l’elettorato, rispondendo piuttosto a logiche di partito.
Alcuni commentatori poi sottolineano come Guebuza, impedito dalla Costituzione a concorrere per un terzo mandato, abbia scelto nomi a lui vicini (soprattutto Pacheco e Vaquina) garantendosi in un certo senso una continuità nel governo del paese.

(143 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    I titoli declassati a livello spazzatura

    SUDAFRICA - Nei giorni scorsi, Moody's ha mantenuto l'outlook negativo sui titoli sudafricani, mentre Fitch ha abbassato l'outlook da stabile a negativo. Ciò significa che i titoli sudafricani sono ora classificati a livello di titoli spazzatura. Le decisioni sono giustificate da un debito pubblico elevato (220 miliardi di euro) e in aumento che è stato aggravato dall'indebolimento dell'economia e dall'aumento della disoccupazione causati dalla pandemia di Covid-19. Questo declassamento probabilmente farà aumentare i tassi di interesse e metterà ancora più sotto stress le finanze pubbliche, rendendo più difficili le riforme economiche e il risanamento fiscale. Il ministro delle Finanze, Tito Mboweni, ha affermato che c'è un'urgente di riforme economiche strutturali per evitare ulteriori danni al rating del Paese. Secondo Mboweni, la decisione delle agenzie avrà implicazioni immediate, vincolando il bilancio del governo. Il capo economista di Econometrix Azar Jammine ha affermato che i pagamenti dei tassi di interesse richiedono l'impegno del 20% delle entrate fiscali. “Questo livello è insostenibile - ha commentato - ed è per questo che le agenzie di rating ci hanno declassato. Preoccupante è che Moody's e Fitch hanno attribuito ala nostra economia un giudizio negativo, il che significa che i declassamenti potrebbero non essere ancora finiti”. [EC]
  • Zimbabwe Free

    Nestlè investe nella trasformazione dei cereali

    ZIMBABWE - E’ pari a 2,5 milioni di dollari l’investimento annunciato dalla filiale locale della multinazionale alimentare Nestlé per una nuova linea di trasformazione dei prodotti cerealicoli in Zimbabwe.

    A segnalarlo sono i media specializzati, dai quali si apprende che l’investimento consentirà di aumentare del 30% la capacità di produzione in Zimbabwe di prodotti a base di cereali con marchi Nestlè, aumentando il contenuto locale fino all’80% del totale.

    La nuova linea di produzione consentirà inoltre di raggiungere nel medio termine l’obiettivo del gruppo di triplicare le esportazioni di prodotto alimentari nella regione.

    “L’investimento di Nestlè rientra nell’ambito del programma di industrializzazione promosso dal governo, che intende migliorare la capacità di trasformazione dei prodotti agricoli nazionali sostituendo le importazioni e sviluppando la catena del valore locale”, ha commentato il ministro dell’Industria e del commercio dello Zimbabwe, Sekai Nzenza. [MV]

  • Mozambico Free

    Carbone, Vale pensa ad aumento produzione a Moatize

    MOZAMBICO - Benché la domanda di carbone a livello globale sia in calo anche a causa degli effetti della pandemia, la brasiliana Vale ha annunciato investimenti nel progetto che detiene a Moatize. L’obiettivo è di portare la produzione a 15 tonnellate di carbone all’anno.  La decisione di puntare sul carbone giunge un po’ a sorpresa dal momento che nel terzo trimestre di quest’anno le quantità portate fino al porto di Nacala sono calate del 40%.  Fonti di stampa locale dando la notizia hanno sottolineato come Vale e governo abbiano nascosto nel tempo i reali livelli di inquinamento causati dalle attività minerarie a Moatize. Attività minerarie che spesso non hanno ricadute positive sufficienti sulle comunità locali. [MS]
  • Mozambico Free

    Cooperazione tra polizie per fronteggiare instabilità...

    MOZAMBICO / TANZANIA - I capi della polizia di Tanzania e Mozambico hanno deciso di avviare operazioni congiunte contro i combattenti legati allo Stato islamico attivi da tre anni a Cabo Delgado la più settentrionale delle province mozambicane, al confine con la Tanzania.  L’ispettore generale della polizia della Tanzania, Simon Sirro, e il suo omologo del Mozambico, Bernardino Rafael, si sono incontrati nella città di Mtwara, nella Tanzania meridionale, secondo un comunicato della polizia. L’incontro è avvenuto un mese dopo che circa 300 sospetti militanti islamisti sono passati dal Mozambico e hanno attaccato il villaggio di Kitaya, a Mtwara, uccidendo un numero imprecisato di persone. I due capi di polizia hanno anche accettato di condividere informazioni legate ai militanti mentre Rafael ha fornito aggiornamenti della situazione.  I militanti islamisti hanno ucciso più di 2.300 persone dall’inizio dell’insurrezione e ne hanno costrette alla fuga altre 500.000, secondo i dati forniti da Armed Conflict Location & Event Data Project. La comunità di sviluppo dell’Africa australe (Sadc) si è detta pronta ad aiutare il Mozambico e altre nazioni - come Stati Uniti, Francia e Portogallo - hanno offerto assistenza. Finora però il Mozambico è stato restio a coinvolgere Stati terzi. [MS]
  • Lesotho Free

    “Dobbiamo sviluppare una filiera avicola”

    LESOTHO - La domanda di carne di pollo è elevata, ma la produzione locale non è in grado di soddisfarla. Maseru è quindi costretta a importare tonnellate di polli dal vicino Sudafrica. L'aumento della domanda è stato continuo negli ultimi quattro decenni. Nel 1969 non si registravano infatti importazioni di carni avicole. Nel 2007, invece, ne sono stati importati nel Paese 5.400.000 chili. Quasi mezzo decennio dopo le importazioni hanno conosciuto un vero e proprio boom. Nel 2014, i basotho, la popolazione locale, ha consumato 20.000.000 di chili di pollo importato. Knoema, un portale di ricerca sui dati commerciali, afferma che, nel 2018, il Lesotho ha importato 17.365.000 chili di carne di pollo e che, nello stesso anno, la produzione locale è stata di poco superiore a 1.800.000 chili. Queste cifre hanno stimolato gli investimenti nel settore che hanno creato piccoli allevamenti. Queste imprese hanno però avuto alterne fortune e la maggior parte di esse non è sopravvissuta più di due anni. Ma ora alcuni imprenditori vogliono creare strutture più grandi e strutturare una filiera avicola. “Il nostro Paese non sarà completamente indipendente - spiegano alla stampa locale alcuni operatori del settore - finché non saremo in grado di nutrirci da soli. La crisi economica innescata dalla pandemia di Covid-19 ha fatto schizzare in alto i prezzi delle derrate alimentari e ha messo in evidenza, una volta per tutte, che dobbiamo iniziare e produrre il cibo e non dobbiamo più importarlo. I nostri ex leader pensavano di poter gestire tutto e, alla fine, le loro politiche hanno portato a svendere tutte le nostre migliori attività. Dobbiamo difendere le nostre aziende, produrre cibo e posti di lavoro”. [EC]
  • eSwatini Free

    Istituito il tribunale commerciale

    ESWATINI - È stato istituito il primo tribunale che si occupa delle controversie legate alle attività commerciali. La corte tratterà le controversie nei settori bancario e finanziario, contrattuale, spedizioni, assicurazioni e riassicurazioni, merceologico. Lo ha annunciato il Chief Justice Bheki Maphalala, secondo il quale questo tribunale risponderà alle esigenze delle organizzazioni internazionali (tra le quali la Banca mondiale) che avevano criticato il sistema giudiziario del piccolo Paese dell'Africa australe perché non aveva una sede specializzata in questioni commerciali. “Non potevamo avere un tribunale commerciale perché il Paese è a corto di strutture ha detto Bheki Maphalala -, ma ora c'è stata una svolta. Una volta completata la costruzione della sede, identificheremo due giudici che saranno incaricati di presiedere i casi. Speriamo che ciò aiuti ad affrontare i casi legati alle attività commerciali in modo più veloce e senza gravare più sull'Alta Corte”. Il ministro della Giustizia, Pholile Shakantu, ha annunciato che, oltre alla nuova sede, si provvederà alla creazione di una rete che permetterà di velocizzare ulteriormente i procedimenti rendendo più rapida la presentazione di documenti, come memorie, mozioni e petizioni. [EC]