R.D. Congo

Attacchi (2): nuovo bilancio governativo, 103 morti

R.D. CONGO – Un nuovo bilancio degli attacchi che hanno coinvolto diversi siti strategici a Kinshasa e Lumumbashi è stato comunicato dal portavoce governativo, il ministro Lambert Mende: “Si tratta di un bilancio pesantissimo (…) Il bilancio definitivo di questo attacco terroristico è di 103 morti, tra cui 95 terroristi e 8 membri delle forze armate” ha detto Mende.

(165 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • R. Centrafricana Free

    Prestito dal Fondo saudita per le infrastrutture

    REP CENTRAFRICANA - Il governo centrafricano ha ottenuto dal Fondo saudita per lo sviluppo un prestito destinato alla costruzione e alla ristrutturazione di infrastrutture. In concreto, i fondi  - circa 10 milioni di euro - finanzieranno il rifacimento della strada dal PK0 all’aeroporto di Bangui M’poko, lavori sulla pista d’atterraggio, la costruzione di un ospedale per 250 letti nella capitale e lavori di ammodernamento presso l’unica università del Paese e quello della Sodeca, la società di fornitura idrica. La nota relativa al progetto dei lavori non precisa l’ammontare del prestito del fondo saudita, che è già un partner affermato in Repubblica centrafricana. L’esecuzione dei lavori che riguardano la strada per l’aeroporto e i lavori nello scalo sono stati affidati alla China Civil Engineering Construction Corporation e alla China Railways, sotto la supervisione di un’azienda locale, chiama Le Crayon. [CC]
  • Camerun Free

    Programma per sviluppo rete stradale e ferroviaria

    CAMERUN - La nuova Strategia nazionale di sviluppo (SND), approvata dal governo camerunese nelle scorse settimane e valida per il periodo 2020-2030, prevede di asfaltare almeno 6000 chilometri di strade ed espandere la rete ferroviaria di 1500 chilometri.

    A segnalarlo sono i media locali, precisando che a oggi meno del 6% della rete stradale in Camerun - lunga complessivamente più di 121.500 chilometri - è asfaltata.

    Presentata ufficialmente in Parlamento lo scorso 16 novembre, la SND 2020-2030 si concentra in particolare sulla componente delle infrastrutture dei trasporti attraverso uno sviluppo che consentire di assicurare l'apertura di bacini industriali, l'approvvigionamento degli stabilimenti di materie prime (in particolare di origine mineraria), il flusso di produzione verso i mercati interni ed esterni, nonché il trasporto di persone.

    Secondo le previsioni del governo, questa modernizzazione della rete stradale e ferroviaria dovrebbe contribuire ad aumentare la crescita economica media del paese da oltre il 4% nel periodo 2010-2019 a oltre l'8% nel periodo 2020-2030.

    In base ai dati contenuti nella SND, più della metà della rete attualmente già asfaltata in Camerun (totale 4.570 km) è costituita da strade nazionali, 1.562 km sono strade comunali, 1.042 km sono strade regionali e 78,5 km sono autostrade. Il resto della rete stradale, per un totale di 114.249 km, è costituita da strade sterrate. [MV]

  • Ciad Free

    Trent'anni di Deby, quale democrazia?

    CIAD - Il Ciad ha celebrato ieri la Festa della libertà, giorno festivo nazionale che ricorda la fine della presidenza di Hissène Habré e l’inizio dell’era di Idriss Deby Itno. Quest’ultimo, proprio l’1 dicembre del 1990, quindi 30 anni fa, entrò a NDjamena con le truppe del suo Mouvement patriotique du salut (Mps).  Da allora il Paese è rimasto nelle mani di Deby e ancora oggi, secondo diversi osservatori, sembra che il suo controllo sia stabile nonostante i tre decenni di età.  Per i sostenitori dell’Mps, il 1° dicembre 1990 segna un momento di libertà, dopo diversi anni di dittatura sotto Hissène Habré. Da allora sono state fatte molte riforme per introdurre una forma di apertura delle istituzioni, come ha sottolineato Abderrahmane Djasnabaille, uno degli esponenti della maggioranza presidenziale secondo cui oggi il Ciad può vantare una Costituzione, una diversità di associazioni e media.  Al contrario, l’opposizione denuncia cambiamenti istituzionali che potrebbero compromettere il gioco democratico: l’abolizione della figura del primo ministro, del Consiglio costituzionale e dell'Alta Corte di giustizia. Trent'anni dopo, è ancora un regime militare a prevalere, denuncia ad Rfi Salibou Garba, leader dell'opposizione, per il quale la nuova Costituzione del 2018 ha segnato un ulteriore regresso. [MS]
  • Gabon Free

    Formalizzata la vendita di manganese da Comilog al...

    GABON - Con il contratto quadro di vendita firmato nelle ultime settimane dalla multinazionale cinese BaoWu con la compagnia mineraria Comilog, questa filiale gabonese del gruppo metallurgico francese Eramet con sede a Moanda, nel Sud-est del paese, entrerà a fare parte dei fornitori di manganese del leader mondiale dell’acciaio a partire dal 2021. “Con questo accordo commerciale, BaoWu intende formalizzare la cooperazione intrapresa da diversi anni con Comilog, alla luce delle sue prestazioni operativi durante la pandemia”, si legge in un comunicato diffuso dalla casa madre. Anche se i dettagli relativi al prezzo e alla quantità di manganese nonché alla durata del contratto non sono stati divulgati, il comunicato precisa che “la firma dell’accordo segna il riconoscimento del ruolo di leader del mercato di Comilog”, secondo produttore di manganese ad alta densità del pianeta, che detiene il 15% del mercato mondiale. [CN]
  • Camerun Free

    Siglata intesa per aumentare capacità di trasporto su...

    CAMERUN - La società responsabile dell'infrastruttura ferroviaria camerunese Camrail ha firmato un memorandum d'intesa co la compagnia mineraria australiana Canyon Resources per aumentare la capacità di trasporto lungo la linea tra Ngaoundere e Douala.

    A riportarlo sono i media specializzati, ricordando che la linea lunga circa 800 chilometri serve soprattutto a trasportare la bauxite estratta dalla miniera della Canyon a Minm Martap fino al porto di Douala.

    L'intesa prevede di aumentare la capacità di trasporto sulla linea da un milione di tonnellate all'anno a cinque milioni di tonnellate, prima dell'inizio delle operazioni estrattive previste nel 2023.

    L'accordo descrive il processo di finalizzazione del progetto, in cui Camrail ha accettato di assistere Canyon nello sviluppo di qualsiasi soluzione tecnica e logistica proposta, fornendo input per lo sviluppo delle politiche, la conformità e i requisiti normativi e le opzioni di finanziamento.

    "La finalizzazione del MoU con Camrail è un importante passo avanti in quanto descrive in dettaglio un percorso e una sequenza temporale per completare l'accesso ferroviario commerciale e gli accordi operativi per il progetto di Minim Martap", ha dichiarato James Durrant, direttore dei progetti di Canyon.  [MV]

  • Guinea Equatoriale Free

    Saipem al lavoro per gasdotto giacimento Alen

    GUINEA EQUATORIALE - La nave di Saipem Castorone è arrivata in Guinea Equatoriale per eseguire i lavori di installazione del gasdotto di 70 km che collegherà il giacimento Alen di Noble Energy con gli impianti di trattamento del gas di Punta Europa. A riferirlo è il sito specializzato  Africa Oil and Power.  Con un valore di 100 milioni di dollari, il contratto per l’installazione dell’oleodotto è stato assegnato alla società italiana di servizi per i giacimenti petroliferi dal Ministero delle Miniere e degli Idrocarburi della Guinea Equatoriale. Il gasdotto di 24 pollici di diametro sarà in grado di gestire 950 milioni di piedi cubi di gas naturale equivalente al giorno. Il gas proveniente dal giacimento rifornirà l’impianto di onshore Punta Europa, che ospita impianti di trattamento di gas di petrolio liquefatto, metanolo e gas naturale liquefatto (Gnl); l’obiettivo è quello di creare un hub Gnl offshore nel Golfo di Guinea. [MS]