R. Centrafricana

Via da Bozoum tutti i musulmani, ucciso un deputato a Bangui

CENTRAFRICA – Sarà un Centrafrica necessariamente diverso quello che vedremo a breve. Diverso per le conseguenze delle violenze e diverso perché migliaia di musulmani stanno lasciando il paese. A farlo, negli ultimi giorni sono stati i 2500 che erano rimasti a Bozoum, nel nord-ovest del paese. Una colonna di camion venuti dal Ciad li ha caricati con le loro povere cose, portandoli oltreconfine mentre in città si sentivano urla di gioia. Una gioia, riferiscono fonti di InfoAfrica, non si sa bene da cosa motivata. Poco dopo, hanno lasciato anche i militari della Misca, la forza di intervento africana, e la città è rimasta sprovvista di qualunque presidio, abbandonata a se stessa e agli uomini armati che circolano e taglieggiano la popolazione.

(241 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Ciad Free

    Militari ciadiani cadono in esplosione “acquatica”...

    CIAD – È la prima volta che si verifica un attacco “in acqua”, quelle del Lago Ciad, diventato in parte rifugio dei terroristi di Boko Haram e di gruppi criminali della zona. Martedì, quattro soldati ciadiani sono rimasti uccisi e diversi altri sono stati gravemente feriti dall’esplosione di una bomba artigianale che, si suppone, era stata collocata sotto la loro piroga. Un’altra ipotesi è che l’ordigno sia stato collocato in acqua. I soldati sono stati colpiti dall’eslplosione mentre stavano navigando sul lago a bordo di un’imbarcazione a motore, tra le piante di papiro, nel settore di Ngouboua, a 25 chilometri dal confine con la Nigeria. Secondo l’osservazione di Rfi, nuove tattiche di combattimento potrebbero essere state introdotte da ex combattenti dell’Isis venuti dalla Siria per unirsi al braccio di Boko Haram presente sulla sponda nord del lago Ciad. [CC]
  • Gabon Free

    “Sì” del governo a istituti di formazione...

    GABON – Il governo di Libreville ha adottato il progetto di creazione di quattro istituti di formazione professionale, dedicati alla lavorazione del legno, all’edilizia e ai lavori pubblici, alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione e ai trasporti e alla logistica. La decisione è stata presa in consiglio dei ministri lo scorso 20 novembre. Gli istituti forniranno un ciclo di formazione secondario, fino alla maturità, e un ciclo di formazione superiore, per chi ha già il diploma di maturità. L’obiettivo è di formare giovani qualificati per poter rispondere alla domanda del mercato del lavoro. [CC]    
  • Camerun Free

    Diga di Bini, progetto in stallo per sospensione...

    CAMERUN - Il progetto di costruzione della diga idroelettrica Bini a Warak, nella regione di Adamawa in Camerun, è ancora in sospeso. L’infrastruttura, che dovrebbe consentire alle tre regioni settentrionali del Camerun di coprire meglio il proprio fabbisogno elettrico, ha una capacità di 75 MW, per un costo totale di 182 miliardi di franchi Cfa. La diga idroelettrica Bini a Warak dovrebbe essere finanziata dalla Eximbank of China. Tuttavia, secondo fonti locali, sarebbe proprio la banca ad aver bloccato il progetto.  “E’ la riprogrammazione del debito del Camerun verso la Cina, che ha portato Eximbank a bloccare l’erogazione dei fondi per il finanziamento della costruzione della diga idroelettrica di Bini - Warak” riferiscono fonti ben informate camerunesi. Secondo le stesse fonti, il ministro dell’Economia, della pianificazione e dello sviluppo regionale del Camerun, sta rinegoziando con la Eximbank cinese il finanziamento. [MS]
  • Camerun Free

    Blogging ed economia digitale al II Bloggers Summit

    CAMERUN – Si terrà dal 26 al 28 novembre a Yaoundé la II edizione del Vertice dei blogger - Bloggers Summit 2020, centrata sul tema del blogging e dell’economia digitale. Organizzato dall’Associazione dei blogger del Camerun (Abc), l’evento sarà un’opportunità di scambi tra uomini e donne africani titolari di blog.   I partecipanti parleranno degli strumenti tecnologici a disposizione, delle sfide, delle necessità di sviluppo del digitale, del commercio online, del ruolo della tecnologia digitale nello sviluppo del turismo, della sanità, del telelavoro, dell’istruzione e di altri temi correlati.   Sono attese testimonianze da blogger del Kenya, del Gabon, della Repubblica Democratica del Congo, ma anche interventi da parte di agenzie dell’Onu, in particolare dell’Uneca, dell’Undp e dell’Unesco.   Nata nell’agosto del 2017 dalla volontà dei blogger di riunirsi, federarsi, e di contribuire al miglioramento dell’immagine del Camerun. Una missione dell’Abc è anche quella di creare e attuare un codice etico per i blogger, nel rispetto delle leggi e dei regolamenti nazionali.   Lo scorso 13 novembre, era stato il Ghana a organizzare il proprio Bloggers Summit, più centrato su questioni di contenuti e di giornalismo. [CC]
  • Repubblica Congo Free

    Petrolio, gruppo Perenco pronto a crescere

    REP CONGO - Il gruppo franco-britannico Perenco sta producendo 80 mila barili di petrolio al giorno e nonostante la crisi sanitaria, grazie al rinnovo del contratto Emeraude, ha potuto fare passi avanti. E’ quanto sostenuto dal presidente del gruppo, François Perrodo, in un incontro con il capo di Stato congolese Denis Sassou-Nguesso.  “C’è anche l’aggiudicazione di un nuovo contratto che abbiamo vinto lo scorso aprile e che ci auguriamo possa presto consentire di avviare un nuovo programma di perforazione e investimento per i prossimi vent’anni” ha aggiunto Perrodo. Perrodo, venuto in Congo a fornire un aggiornamento sulle attività di Perenco al capo di Stato congolese, ha affermato che la crisi sanitaria dovuta alla pandemia di coronavirus ha impatti negativi sulle attività di Perenco in Congo, ma che ciononostante sarà possibile una progressione delle operazioni. [MS]
  • Africa Centrale Free

    Promesse d’investimenti per progetti nella zona Cemac

    A CENTRALE - Una tavola rotonda di investitori riuniti a Parigi ha portato a impegni per circa 3,8 miliardi di euro per progetti nella Comunità dell’Africa centrale (Cemac).   Diversi media riferiscono la notizia che riguarda il finanziamento di 84 progetti nella zona, nell’ambito del Programma economico regionale a favore di una mutazione profonda delle economie della regione. Camerun, Congo, Gabon, Ciad e Repubblica Centrafricana sono le nazioni coinvolte.   Sono prioritari i progetti che favoriscono una maggiore integrazione nella regione: la modernizzazione della rete stradale, i collegamenti con la fibra ottica, l’interconnessione energetica.   Tra i finanziatori, figurano la Banca per lo sviluppo dell’Africa Centrale e la Banca africana per l’import-export. [CC]