Nigeria

Ennesimo attacco di presunti Boko Haram, decine di vittime

NIGERIA – Decine di persone sono state uccise e altrettante ferite martedì sera durante un attacco condotto da presunti miliziani di Boko Haram nella cittadina di Konduga, a circa 30 chilometri a sud-est di Maiduguri, capoluogo dello Stato di Borno e storica roccaforte del gruppo radicale islamista.

(171 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Nigeria Free

    Qatar Airways rotta su Abuja

    NIGERIA – Sono attivi da oggi, venerdì 27 novembre, tre voli settimanali di Qatar Airways per Abuja, via Lagos. La capitale della Nigeria diventa la sesta nuova destinazione annunciata dalla compagnia dall’inizio della pandemia. Il servizio per Abuja sarà effettuato con Boeing 787 Dreamliner, dotato di 22 posti in Business Class e di 232 posti in Economy Class. “Siamo lieti di lanciare nuovi voli verso la capitale della Nigeria. Con la forte diaspora nigeriana in Europa, Stati Uniti e Regno Unito, siamo entusiasti di volare verso Abuja, i cui voli si aggiungono a quelli già esistenti per Lagos partiti nel 2007. Non vediamo l’ora di lavorare a stretto contatto con i nostri partner in Nigeria per far crescere costantemente questa rotta e sostenere la ripresa del turismo e del commercio nella regione”, ha detto Akbar Al Baker, Amministratore Delegato del Gruppo Qatar Airways. Entro la metà di dicembre, Qatar Airways opererà con oltre 65 voli settimanali verso 20 destinazioni in Africa, tra cui Accra, Addis Abeba, Città del Capo, Casablanca, Dar es Salaam, Gibuti, Durban, Entebbe, Johannesburg, Kigali, Kilimanjaro, Lagos, Luanda, Maputo, Mogadiscio, Nairobi, Seychelles, Tunisi e Zanzibar. [VGM]
  • Nigeria Free

    Raccolta fondi per infrastrutture critiche

    NIGERIA - La Infrastructure Credit Guarantee Company, società pubblica nigeriana, ha in programma il reperimento di fondi addizionali per finanziare infrastrutture critiche considerate necessarie allo sviluppo del Paese.  Per questa unità dell’Authority che gestisce il fondo sovrano nigeriano si tratta in particolare di raccogliere equity e crediti nel corso del prossimo anno. A riferire queste intenzioni è stato l’amministratore delegato della società, Chinua Azubike.  L’idea di sviluppare le infrastrutture è legata al programma del governo di rispondere alla fase di recessione in cui la Nigeria è caduta attraverso una serie di stimoli tra cui, appunto, lo sviluppo di infrastrutture. [MS]
  • Liberia Free

    Riprendono i voli della Air France verso Monrovia

    LIBERIA – Dopo nove anni di interruzione, sono ripesi i voli della compagnia Air France verso Monrovia, capitale della Liberia.   I collegamenti regolari erano stati interrotti nel 2011, sotto l’allora amministrazione della presidente Ellen Johnson Sirleaf, a causa dello stato di degrado estremo delle piste aeroportuali.   Il presidente della Repubblica George Weah ha espresso grande soddisfazione per il ritorno della compagnia francese, visto come un segno di fiducia nei confronti del futuro economico del Paese africano.   Il ministro delle Finanze della Pianificazione dello sviluppo, Samuel D. Tweah, in occasione della cerimonia ufficiale dedicata al volo inaugurale, ha sottolineato che nonostante la crisi del covid-19 ci sono stati progressi e il clima degli affari continuerà a migliorare.   La ripresa dei voli della Air France verso la Liberia – che offre anche collegamenti indiretti verso altre destinazioni, in particolare gli Stati Uniti, era già stata programmata per aprile scorso, ma è dovuta slittare a causa della crisi del coronavirus. [CC]
  • Guinea Free

    Cucito e orticoltura, una società miniera per lo...

    GUINEA - Un laboratorio di cucito e un’azienda agricola estesa su una superficie di 5000 metri quadrati saranno finanziati dalla Società Alliance Minière Responsable (Amr) nel distretto di Guilléré, situato nella prefettura di Boké, in osservanza delle proprie responsabilità socio-ambientali a favore delle popolazioni locali. Il direttore delle attività socio-ambientali di questa società miniera impegnata in Guinea nell’estrazione di bauxite, Moussa Thiam, ha precisato che il progetto mira allo sviluppo di posti di lavoro stabili per migliorare le condizioni di vita di una cinquantina di persone in totale. A questa iniziativa di Amr si affiancherà il contributo dell’Ong locale Conadev. Il sottosuolo della Guinea detiene le riserve di bauxite più grandi al mondo. Secondo quanto scritto sul proprio sito web, Amr è una società francese indipendente con l’obiettivo di sviluppare progetti minieri in Africa nel rispetto dell’ambiente e delle popolazioni locali. Nella prefettura di Boké, Amr è titolare di una licenza di esplorazione di 295 km2 per la bauxite. [CN]
  • Mali Free

    Attacco a un villaggio nella regione di Mopti

    MALI – Civili uccisi, bestiame rubato, abitazioni incendiate: è con grande violenza che il villaggio di Minimakanda, nella regione di Mopti, è stato attaccato due volte da uomini armati sia lunedì che martedì. La notizia è girata in rete ieri, lanciata da testimoni, ma nessun’alta precisione è stata comunicata da fonti ufficiali. Il bilancio delle vittime sarebbe tra quattro e otto morti. Centinaia di abitanti sono fuggiti verso villaggi circostanti. Gli attacchi non sono stati rivendicati, ma si parla sia di terroristi jihadisti, sia di milizie di autodifesa (in particolare di cacciatori dogon) forse in rappresaglie contro una comunità di Peul a Libbé. [CC]
  • Burkina Faso Free

    Il cotone burkinabé per produrre t-shirt

    BURKINA FASO - Il ministro del Commercio, dell'Industria e dell'Artigianato, Harouna Kaboré, ha presentato una collezione di t-shirt, calzini e boxer tutti rigorosamente «Made in Burkina Faso». Il tessuto di questi articoli è prodotto da Cotexa, una società con sede a Tanghin-Dassouri, non lontano dalla capitale Ouagadougou. Questa azienda produce il tessuto partendo dal filato fornito dalla Filature du Sahel (Filsah) che, a sua volta, lo ha ottenuto dal cotone prodotto in Burkina Faso. Ad oggi solo il 2% del cotone burkinabé viene lavorato localmente. Harouna Kaboré, ministro dell'Industria, ha spiegato che l'obiettivo del governo è trasformare almeno il 25% della produzione nazionale di cotone entro il 2023. Cotexa, che ha beneficiato di sussidi statali, ha una capacità di produzione di 2.200.000 metri lineari di tessuto, ovvero 189.000 metri al mese. Una capacità che potrebbe essere aumentata prossimamente. [EC]