Angola

Società spagnola termina lavori di costruzione acquedotto nel sud

ANGOLA – E’ lungo 100 chilometri, il nuovo acquedotto realizzato dalla multinazionale spagnola Abengoa nella provincia meridionale di Cunene, tra la cittadina di Xangongo sul fiume Cunene e quella di Ondjiva, che consentirà a circa 250.000 persone di avere accesso diretto all’acqua potabile.

(111 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Zimbabwe Free

    Congestione al posto di frontiera di Beitbridge per i...

    ZIMBABWE - Un progetto da 300 milioni di dollari volto ad aumentare di cinque volte la capacità per la circolazione delle persone e dei veicoli attraverso Breitbrige, in Zimbabwe: questa la finalità dei lavori di ammodernamento in corso nel porto interno più trafficato della Comunità per lo sviluppo dell’Africa Australe (Sadc), che stanno attualmente implementando il governo dello Zimbabwe e il consorzio dello Zimborders. Lo ha annunciato la Zimbabwe Revenue Authority (Zimra), secondo la quale il progetto di costruzione porterà al necessario miglioramento dell’infrastruttura e a una gestione efficace del traffico a beneficio dell'economia locale. “Ciò ha comportato la riduzione degli spazi di lavoro e dei parcheggi, nonché dei canali di traffico. Si prevede che questa riduzione della capacità provochi una notevole congestione e ritardi nell'effettivo passaggio di tutto il traffico, in particolare il traffico diretto a nord", ha avvertito l’Autorità, sottolineando la possibilità  che, nonostante gli sforzi della Zimra per accelerare il movimento delle merci attraverso il posto di frontiera, i ritardi persistano per le prossime sei settimane Durante i lavori, si prevede che 485 posti di lavoro saranno creati per gli zimbabwani nel corso dei i prossimi 18 mesi. Un totale di 45.000 camion commerciali, 3000 autobus, 10.000 veicoli leggeri e 500.000 viaggiatori utilizzano mensilmente il confine, sebbene il traffico passeggeri si sia drasticamente ridotto durante la pandemia. [CN]
  • Namibia Free

    Avanti con un secondo pozzo petrolifero nel bacino di...

    NAMIBIA - Un secondo pozzo nel bacino del Kavango, nel deserto del Kalahari, a Nord-est della Namibia, è stato perforato in questa settimana da Reconnaissance Energy Africa (ReconAfrica). Lo ha annunciato in un comunicato la compagnia con sede in Canada, precisando che le operazioni di perforazione si svolgeranno fino a una profondità di 3800 metri. Nel comunicato, ReconAfrica afferma che il nuovo pozzo detto 6-1 è progettato per valutare i sistemi petroliferi scoperti nel primo pozzo (6-2) in un'area di massimo spessore. Questi primi due pozzi si trovano all'interno di uno dei cinque sottobacini principali del bacino del Kavango. ReconAfrica afferma nella nota di aver impiegato oltre 200 Namibiani come elettricisti, capi progetto, specialisti tecnici di edilizia, ambiente, rilevamento della fauna selvatica, acqua e idrologia, esperti in salute, sicurezza e ambiente, assistenti amministrativi, lavoratori e operai generali. [CN]
  • Angola Free

    A Roma alla FAO si parla di cooperazione con i Paesi...

    ANGOLA - “Molto proficua per rafforzare la cooperazione e l'amicizia tra l’Angola e i Paesi Bassi”: con questi termini il rappresentante permanente dei Paesi Bassi presso le Agenzie delle Nazioni Unite a Roma, Hans Hoogeveen, ha definito la sua visita mercoledì all'ambasciata dell'Angola in Italia, dove ha incontrato la sua controparte angolana, Maria de Fátima Jardim, con la quale ha affrontato questioni multilaterali e bilaterali. Durante l'incontro, Hoogeveen ha chiesto il sostegno dell’Angola in seno all’Onu per la sua candidatura alla carica di presidente indipendente del Consiglio dell’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura (Fao). I due diplomatici hanno anche analizzato gli aspetti della cooperazione economica tra i loro due paesi, dopo che la Fátima Jardim ha riferito del lavoro svolto dall'esecutivo angolano nei settori politico, economico e sociale e degli sforzi compiuti per mobilitare gli investimenti stranieri, in particolare per l'agricoltura e la pesca. Secondo il servizio stampa dell'ambasciata dell'Angola in Italia, l'ambasciatore Hoogeveen rappresenta i Paesi Bassi presso le Organizzazioni delle Nazioni Unite a Roma dal 2016, e in tale veste è anche presidente del Comitato del Programma della Fao. Oltre a Hoogeveen, anche gli ambasciatori di Ungheria e Repubblica Dominicana hanno presentato proposte di candidatura alla carica di presidente indipendente del Consiglio della Fao. [CN]
  • Sudafrica Free

    IFC partner di Absa per i progetti verdi

    SUDAFRICA - Fino a 150 milioni di dollari: questo l’importo del prestito fornito dall'International Finance Corporation (Ifc) al gruppo di servizi finanziari sudafricano Absa per supportare la strategia della banca nell’espandere la sua attività di finanziamento dei progetti sostenibili. Lo ha annunciato in una nota l’istituzione finanziaria internazionale, precisando che oltre al prestito, l’Ifc fornirà anche consulenza tecnica e condivisione delle conoscenze per aiutare Absa a sviluppare un quadro di prestiti e obbligazioni verdi, sociali e sostenibili. "Le istituzioni finanziarie e il settore privato hanno un ruolo importante da svolgere nell'aiutare il Sudafrica a ricostruire in modo più verde e sostenibile dall'impatto del Covid-19", ha commentato Adamou Labara, country manager dell'Ifc in Sudafrica, aggiungendo che "aumentando i finanziamenti per le energie rinnovabili e i progetti climatici intelligenti, possiamo aiutare il Sudafrica a rafforzare la sua resilienza ai cambiamenti climatici". Il prestito verde certificato aumenterà i finanziamenti per la biomassa e altri progetti di energia rinnovabile in Sudafrica e sosterrà il settore energetico del paese e la ripresa economica da Covid-19, si legge ancora nella nota dell’Ifc, che stima che ci sia un'opportunità di investimento di 588 miliardi di dollari nella mitigazione del clima in alcuni specifici settori in Sudafrica da qui al 2030. Secondo le informazioni rese disponibili da Absa, la banca è responsabile dei finanziamenti per circa il 46% dei progetti attualmente conclusi del Programma di approvvigionamento di energia rinnovabile indipendente del Sudafrica (Reipppp) - procedura di gara competitiva progettata per facilitare gli investimenti del settore privato nella generazione di energia rinnovabile connessa alla rete in Sudafrica. Il Sudafrica si è prefissato l’obiettivo di ridurre le proprie emissioni di gas serra del 42% entro il 2025 e la sua dipendenza dal carbone entro il 2050. Oggi, circa il 90% dell'elettricità del paese è generata da centrali a carbone. [CN]
  • Angola Free

    Disponibili i bandi di gara per i blocchi di Basso...

    ANGOLA - L'Agenzia nazionale per il petrolio, il gas e i biocarburanti (Anpg) dell'Angola ha ufficialmente aperto la gara di appalto pubblico per le licenze dei blocchi nei bacini onshore del Basso Congo e di Kwanza come parte del suo round di licenze per il settore oil&gas del 2020. Il bando di gara fa parte dell’attuale strategia di licenze per gli idrocarburi 2019-2025 dell'agenzia. I blocchi onshore del bacino del Basso Congo includono CON1, CON5 e CON6; mentre i blocchi onshore del bacino di Kwanza comprendono KON5, KON6, KON8, KON9, KON17 e KON20. La gara in corso è una manifestazione della strategia dell'Angola per l'attribuzione delle concessioni petrolifere 2019-2025, in linea con il decreto presidenziale n. 52/19 del 18 febbraio 2019, con lo scopo di espandere le attività di ricerca e valutazione nei bacini sedimentari, aumentare la conoscenza geologica del potenziale degli idrocarburi dell'Angola e invitare gli esploratori a fare nuove scoperte. Per maggiori informazioni: cliccare qui Per le regole e le procedure di offerta: cliccare qui.
  • Angola Free

    Idrocarburi, Total avvia produzione in progetto...

    ANGOLA - Il gruppo energetico francese Total ha avviato la produzione petrolifera nel suo progetto Zinia Phase 2, al largo delle coste angolane.

    A renderlo noto è stato lo stesso gruppo francese, precisando che il progetto estrattivo è collegato all'unità galleggiante di produzione, stoccaggio e scarico (FPSO) Pazflor, già presente e operativa nell'area.

    Secondo le informazioni rese note, il progetto Zinia Phase 2 prevede la perforazione di nove pozzi e dovrebbe raggiungere entro la metà dell'anno prossimo una produzione di 40.000 barili di petrolio al giorno.

    Situate in acque profonde tra 600 e 1200 metri di profondità, a circa 150 chilometri dalla costa , le risorse di Zinia Phase 2 sono stimate in 65 milioni di barili di petrolio.

    Total ha aggiunto che lo sviluppo del progetto è stato eseguito secondo programma con spese in conto capitale inferiori di oltre il 10% rispetto al budget previsto inizialmente, con un risparmio di 150 milioni di dollari. [MV]