Tunisia

Cosmetici, arriva l’indiana Dabur

TUNISIA – Sarebbe un primo passo verso la conquista dei mercati del Maghreb il lancio di un ramo tunisino della compagnia indiana Dabur, specializzata nella produzione di cosmetici.

(134 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • AlgeriaTunisia Free

    Annunciata riapertura confini terrestri con la Tunisia

    ALGERIA – Le frontiere terrestri tra l’Algeria e la Tunisia riapriranno dal 15 luglio, secondo quanto annunciato dal presidente algerino Abdelmadjid Tebboune, a margine delle festività commemorative del 60° anniversario dell’indipendenza. I confini terrestri tra i due Paesi confinanti erano stati chiusi nel marzo 2020 per arginare la diffusione del coronavirus. Il traffico stradale era limitato al trasporto merci. [CC]
  • Tunisia Free

    Record di produzione di fosfati per la Cpg

    TUNISIA – Per la prima volta dal 2012 la produzione commerciale di fosfati della Compagnie des Phosphates de Gafsa (Cpg), in Tunisia, ha superato due milioni di tonnellate nella prima metà del 2022, nonostante la cessazione delle attività delle unità di produzioni nei siti di Redeyef e Oum Laarayes. Lo ha riferito all’agenzia Tap una una fonte responsabile della gestione della produzione della Cpg. La fonte ha aggiunto che la miniera a cielo aperto di Oum Lakhcheb a Metlaoui riprenderà presto le sue attività dopo un’interruzione all’inizio del 2022. Questo sito ha una capacità di produzione annua di 2,4 milioni di tonnellate di fosfato grezzo da trasformare in acido fosforico e fertilizzanti fosfatici. [CC]
  • Marocco Free

    Agricoltura, governo vara misure contro siccità

    MAROCCO – La scarsità di acqua per l’irrigazione è la principale sfida dell’attuale campagna agricola. Ad affermarlo il ministro dell’Agricoltura marocchino Mohammed Sadiki. Rispondendo alle domande dei parlamentari in una seduta del Parlamento, Sadiki ha spiegato che la scarsità d’acqua ha ostacolato la stagione agricola sin dal suo inizio a causa delle condizioni meteorologiche avverse. All’inizio della campagna agricola del 2022, il Marocco ha dovuto affrontare la peggiore siccità degli ultimi decenni. “I gravi problemi di siccità e carenza d’acqua – ha osservato Sadiki- hanno coinciso anche con l’instabilità geopolitica internazionale”. Lo stesso ministro ha spiegato che il governo “ha introdotto una serie di misure per garantire che i mercati locali rimangano ben riforniti, e sta inoltre promuovendo attivamente l’uso dell’irrigazione per incoraggiare un uso efficiente e sostenibile delle risorse idriche attraverso una serie di strategie nazionali”. [GT]
  • Marocco Free

    Ambiente, accordo di cooperazione con Singapore

    MAROCCO – Il ministro marocchino degli Affari esteri e della Cooperazione africana Nasser Bourita e il ministro degli Affari esteri di Singapore, Vivian Balakrishnan, hanno firmato ieri a Rabat un memorandum d’intesa relativo all’accordo di Parigi , nonché una lettera di intenti tra i ministeri dei due Paesi. Attraverso questo protocollo d’intesa, le due parti hanno espresso l’intenzione di collaborare nel campo del superamento del carbonio previsto dall’Accordo di Parigi, e di promuovere lo sviluppo sostenibile e l’integrità ambientale. La cooperazione tra Marocco e Singapore, nell’ambito di questo memorandum, prevede lo scambio di informazioni, conoscenze, migliori pratiche ed esperienze per la gestione e lo sviluppo di attività e risorse di mitigazione dei gas serra. Per quanto riguarda la lettera di intenti, i due ministri hanno espresso la volontà di promuovere la cooperazione tra i loro Paesi nel campo del rafforzamento delle capacità e dell’assistenza tecnica. [GT]
  • Tunisia Free

    Ice aiuta imprese tunisine a partecipare a fiera Eima

    TUNISIA – Una decina di aziende tunisine saranno selezionate dall’Agenzia Italiana per il Commercio Estero (Ice) per partecipare alla 45a edizione di Esposizione internazionale di macchine per l’agricoltura e il giardinaggio che si svolgerà a Bologna (Italia) dal 9 al 13 novembre 2022. Lo ha annunciato ieri Donatella Laricci, direttrice dell’agenzia Ice in Tunisia, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Tunisi per presentare l’evento. La responsabile ha spiegato che si tratta di una strategia di supporto, volta a sensibilizzare le aziende selezionate alle tecnologie italiane con l’obiettivo di creare condizioni favorevoli per una collaborazione congiunta tra i due Paesi. Le aziende partecipanti potranno beneficiare di spese di viaggio e soggiorno e di un programma di attività. La fiera Eima International vanta di essere la più grande manifestazione mondiale nel settore della componentistica per macchine agricole con una diversificata gamma di prodotti, tecnologie e attrezzature (trattori, mietitrici, impianti meccanizzati per la frutticoltura e l’olivicoltura, sistemi di irrigazione, raccolta, trasporto e giardinaggio…). Nel 2021, nonostante la pandemia, la manifestazione ha registrato la partecipazione di 270.700 visitatori e 1.364 espositori, di cui oltre il 30% provenienti da 70 Paesi, secondo gli organizzatori. [CC]
  • Algeria Free

    Sonatrach rivede i prezzi del gas esportato

    ALGERIA – L’Algeria annuncerà presto accordi con i suoi partner inerenti a una una revisione dei prezzi del gas per l’esportazione. Lo ha annunciato ad Algeri l’amministratore delegato del gruppo Sonatrach, Toufik Hakkar. Durante una conferenza stampa, organizzata dopo la presentazione dei risultati di Sonatrach per l’anno 2021 e i primi cinque mesi del 2022, Hakkar ha affermato che “la revisione dei prezzi del gas esportato dall’Algeria viene effettuata con tutti i suoi partner visto l’aumento dei prezzi mondiali del gas”. Come riferisce l’agenzia ufficiale Aps, oltre all’accordo siglato di recente con il gruppo italiano Eni, “sono in corso di negoziazione altri accordi con due partner, soprattutto perché nell’ultimo trimestre i prezzi del gas sono aumentati sul mercato Spot”, ha spiegato l’amministratore delegato di Sonatrach. “La revisione del prezzo viene eseguita con tutti i partner di Sonatrach senza tener conto della natura del partner. Le trattative sono molto avanzate”, ha affermato. Inoltre, Hakkar ha anche menzionato le recenti scoperte di gas a Hassi R’mel (Laghouat), affermando che le prime produzioni da queste scoperte inizieranno il prossimo settembre grazie agli impianti esistenti, con un volume previsto di oltre 10 milioni di m3/giorno . Interrogato sul possibile reindirizzamento del gas algerino ad altri Paesi da parte dei partner algerini, Hakkar ha affermato che “nessun caso di rivendita di gas algerino da parte dei partner di Sonatrach è stato registrato finora”. Si tratta di un riferimento alla riattivazione del gasdotto Maghreb Europa dalla Spagna verso il Marocco. Il manager del Gruppo nazionale idrocarburi ha sottolineato l’interesse di nuovi partner per l’acquisizione del gas algerino. In particolare, ha citato le richieste dei paesi dell’Est europeo, richieste che “sono attualmente allo studio”, a livello di Sonatrach. [CC]