Angola

Industria del Caffè: Luanda chiede aiuto al Brasile

ANGOLA – Il governo angolano ha chiesto il sostegno internazionale del Brasile per rafforzare il proprio settore agricolo e in particolare l’industria del caffè.

(147 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Cabo Delgado: ribelli alzano il tiro, sospesi...

    MOZAMBICO - Alcune notizie provenienti da Cabo Delgado, confermate da fonti indipendenti, confermano le ipotesi degli ultimi giorni secondo cui i ribelli che si richiamano agli ideali jihadisti siano riusciti ad annullare progressi parziali che erano stati compiuti dalle forze governative.  In particolare, i ribelli hanno lanciato raid contro alcune isole al largo di Palma e sono rientrati in alcuni centri abitanti nel distretto di Muidumbe dove di recente le forze governative erano riuscite a impiantarsi.  La quotidiana cronaca di guerra ha avuto ripercussioni sulla popolazione civile: diversi sono gli episodi di attacchi che hanno visto la morte di persone che stavano provando a fuggire dalle violenze o di altre ancora fatte prigioniere.  Particolare nuovo emerso negli ultimi giorni è la capacità dei ribelli di condurre attacchi di un certo rilievo anche via mare. Un fatto che ha messo a rischio collegamenti fino a poco tempo fa sicuri e che hanno convinto il governo a sospendere almeno per ora i rifornimenti via mare per la città di Palma. [MS]
  • Namibia Free

    Annunciato piano di ripresa economico

    NAMBIA - Il governo di Windhoek intende approvare entro il prossimo mese di febbraio un piano di ripresa economica per rilanciare il Paese e far fronte all'impatto negativo della pandemia di covid-19.

    Ad annunciarlo è stato il presidente namibiano Hage Geingob, secondo il quale il piano prevedrà misure strategiche per rilanciare l'economia nazionale.

    "Dobbiamo rilanciare l'economia - ha detto Geingob, senza tuttavia entrare particolarmente nel dettaglio delle misure da introdurre - Dobbiamo creare posti di lavoro per i nostri giovani nei settori critici, che includono le odierne economie verdi e blu. Dobbiamo fornire servizi migliori alla nostra gente. Queste sono le necessità principali". 

    Secondo la Banca centrale della Namibia, nel 2020 è prevista una contrazione dell'economia nazionale del 7,8% dopo un calo già dell'1,1% registrato nel 2019. [MV]

  • Zimbabwe Free

    Verso introduzione tassa su coltivazione cannabis

    ZIMBABWE - Il governo il prossimo anno introdurrà una tassa sulla cannabis puntando a sfruttare il previsto boom della produzione in seguito alla decisione di legalizzare e commercializzare la sua coltura. La produzione di cannabis è stata legalizzata in Zimbabwe attraverso la legge 62 del 2018 (Dangerous Drugs - Production of Cannabis for Medicinal and Scientific Use Regulations) con produzione intesa esclusivamente per scopi medicinali. La cannabis viene utilizzata in diversi prodotti farmaceutici e fornisce allo Zimbabwe un prodotto dalle forti potenzialità in termini di esportazione e quindi di generare entrate in valuta pesante.  Finora oltre 30 aziende agricole hanno ottenuto licenze per produrre cannabis, il governo stima che il settore potrebbe generare fino a 1,25 miliardi di dollari in esportazioni nel 2021. Nella sua dichiarazione sul bilancio nazionale 2021 presentata la scorsa settimana, lo stesso ministro delle Finanze e dello sviluppo economico, Mthuli Ncube, ha affermato che lo Zimbabwe trarrà enormi benefici dall’esportazione di cannabis. [MS]
  • Angola Free

    Angola eletto alla presidenza dell'OPEC per il 2021

    ANGOLA - Gli Stati membri dell'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) hanno confermato l'elezione dell'Angola alla presidenza del cartello economico per l'anno 2021.

    A darne notizia è l'agenzia statale angolana Angop, ricordando che la presidenza dell'OPEC prevede un sistema a rotazione su base alfabetica e che quest'anno la presidenza di turno era assegnata all'Algeria.

    Secondo le informazioni a disposizione, in precedenza l'Angola ha presieduto l'OPEC solo una volta nel 2009, due anni dopo l'adesione all'organizzazione.

    L'Angola è stata infatti ammessa come membro a pieno titolo dell'OPEC a seguito di una decisione presa nel corso della 143° conferenza straordinaria dell'organizzazione, svoltasi ad Abuja, in Nigeria, nel dicembre 2006.

    L'OPEC è stata fondata il 15 settembre 1960 e attualmente, oltre all'Angola conta altri 12 Paesi membri: sono Algeria, Repubblica del Congo, Guinea Equatoriale, Gabon, Iran, Iraq, Kuwait, Libia, Nigeria, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Venezuela. [MV]

  • Madagascar Free

    Forum economico a Toliara, si cercano finanziamenti

    MADAGASCAR – Circa 200 operatori economici, finanziatori, esponenti della pubblica amministrazione e iniziatori di progetti sono attesi da oggi a 3 dicembre a Toliara, nel sud di Madagascar, per il primo forum economico regionale.   Organizzato dall’agenzia per la promozione economica (Edbm,Economic development board of Madagascar) il forum vuole mettere in vetrine progetti d’investimenti e reperire finanziamenti. «I bisogni ci sono, e i progetti non mancano. Il problema è sempre lo stesso, il finanziamento, il denaro», ha detto a Rfi Camille André-Bataille, direttrice di una società d’energia da fonti rinnovabili, la Anka Madagascar. Banche e fondi d’investimento sono stati invitati all’evento promosso dall’Edbm. Uno di questi è il Miarakap, il fondo d’investimenti malgascio.   Nei prossimi mesi, altri forum simili dovrebbero essere organizzati in altre regioni della Grande Isola. [CC]  
  • Zimbabwe Free

    Assegnati fondi per sviluppo infrastrutture Ict

    ZIMBABWE - Il ministro delle finanze dello Zimbabwe Mthuli Ncube ha annunciato che il governo ha assegnato 89 milioni di dollari al settore delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (Ict) per migliorare le infrastrutture.  Ncube ha dato l’informazione presentando il bilancio del 2021 e affermando che occorrono passi avanti per ammodernare quanto è collegato all’economia digitale e che oggi risente di un gap infrastrutturale di base.  “Al fine di migliorare l’accesso ai servizi Ict, il governo - ha detto il ministro - faciliterà l’implementazione di infrastrutture a banda larga e investimenti nella connettività dell’ultimo miglio da parte degli operatori del settore che garantiranno servizi Ict convenienti, accessibili, e affidabili che supportano un’economia digitale inclusiva”. [MS]