Nigeria

Decine di vittime in diversi attacchi negli Stati di Borno e Benue

NIGERIA – Due attentati attribuiti ai miliziani del movimento radicale Boko Haram hanno ucciso circa 12 persone– inclusi gli attentatori  – ieri alle porte di Maiduguri, la capitale dello Stato settentrionale di Borno, uno degli Stati in cui è attivo il gruppo armato antigovernativo.

(127 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    Al rialzo tasso di interesse per combattere inflazione

    GHANA - La Banca centrale del Ghana ha alzato il tasso di interesse di 300 punti base portandolo al 22% con l’obiettivo di domare l’inflazione e di stabilizzare il tasso di cambio. È quanto si legge in un comunicato stampa rilasciato dalla Banca a margine di una riunione di emergenza sulla politica monetaria svoltasi mercoledì. Il comitato di politica monetaria ha anche deciso di aumentare la riserva primaria obbligatoria delle banche dal 12% al 15%, da attuare gradualmente tra il 1° settembre e il 1° novembre. “Per aumentare l’offerta di valuta estera all’economia, la Bank of Ghana sta lavorando in collaborazione con le imprese minerarie, le compagnie petrolifere internazionali e i loro banchieri per acquistare tutte le valute estere derivanti dal rimpatrio volontario dei proventi delle esportazioni dall’attività mineraria e compagnie petrolifere e del gas. Ciò rafforzerà le aste valutarie della banca centrale”, ha infine affermato la Banca centrale. [CN]
  • Guinea Bissau Free

    Legislative, confermata data del 18 dicembre

    GUINEA BISSAU - Il primo ministro della Guinea Bissau Nuno Gomes Nabiam ha ribadito  il “totale impegno” del governo a tenere elezioni parlamentari il 18 dicembre, anche a fronte di “molte difficoltà”. Come riferisce la stampa locale, Nabiam si è espresso a riguardo a margine di una visita alla sede della Commissione elettorale nazionale (Cne) e dell’Ufficio tecnico per il sostegno al processo elettorale (Gtape), dove avrebbe rilevato “grandi limitazioni”. Il premier ha anche riconosciuto le difficoltà del Paese nel trovare i fondi per pagare l’intero processo elettorale e ha annunciato che il budget per l’evento sarà approvato durante la prossima riunione del Consiglio dei ministri. Il presidente della Guinea-Bissau, Umaro Sissoco Embalò, ha sciolto il parlamento a metà maggio, citando una “crisi istituzionale”. Alla fine di giugno 2020 il Partito africano per l’indipendenza della Guinea e di Capo Verde (Paigc) ha perso la maggioranza parlamentare a favore dell’alleanza del presidente eletto Embalò. La stabilità rimane precaria in Guinea Bissau: il Paese è infatti stato teatro di frequenti disordini politici, con diversi colpi di Stato – alcuni tentati – da quando ha ottenuto l’indipendenza dal Portogallo nel 1974. L’ultimo presunto tentato golpe risale solo allo scorso febbraio. [VGM]
  • Nigeria Free

    Presto operativa metropolitana leggera a Lagos

    NIGERIA - L’ultima trave del binario (T-beam) di un progetto di metropolitana leggera intrapreso da un’azienda cinese a Lagos, hub economico della Nigeria sud-occidentale, è stata posata con successo mercoledì, il che significa che il progetto è entrato nella fase finale della costruzione. Lo si apprende dall’agenzia di stampa Xinhua. Il progetto di 27 km di Lagos Blue Line Rail Mass Transit, costruito dalla China civil engineering construction corporation (Ccecc), dovrebbe alleggerire la congestione del traffico in città. Intervenendo alla cerimonia di posa dell’ultima trave a T, Babajide Sanwo-Olu, governatore dello Stato di Lagos, ha dichiarato che il progetto di metropolitana leggera “incarna la visione della sua amministrazione di fornire un solido sistema di transito integrato”. Ha aggiunto che la linea ferroviaria sarà collaudata subito dopo il completamento, mentre la circolazione dei passeggeri inizierà nel primo trimestre del 2023. Con l’installazione dell’ultima trave a T, i costruttori procederanno alla posa dei binari. [VGM]
  • Liberia Free

    Insieme a Ue, più elettricità per Monrovia

    LIBERIA - Il governo della Liberia e l’Unione Europea (Ue) metteranno in funzione la nuova sottostazione elettrica di Congo Town, per consentire alla Liberia electricity corporation (Lec) di far fronte alla crescente domanda di elettricità a Monrovia. Congo Town, nella contea di Montserrado, è una città della Liberia situata a sud-est di Monrovia. Secondo un comunicato stampa congiunto di tutte le parti interessate, l’evento cerimoniale ospiterà la consegna dei “Certificati di riconoscimento” e il “Taglio del nastro della nuova sottostazione di Congo Town da 66/22kV e 40MW”, accompagnato da diversi spettacoli culturali, oltre a commenti di alto livello da parte della presidenza della Liberia, del capo della delegazione dell’Ue in Liberia, del ministero delle Miniere e dell’Energia, del ministero delle Finanze e della Pianificazione dello Sviluppo e della Lec. Le opere infrastrutturali per l’energia elettrica realizzate a Monrovia sono note come Progetto “Light up Monrovia”. Il piano è attuato nell’ambito del progetto “Monrovia consolidation of electricity transmission and distribution”, finanziato dall’Ue nell’ambito dell’11° Fondo europeo di sviluppo (Fes) con un budget totale di 48,1 milioni di euro (51,3 milioni di dollari). Il comunicato sottolinea che il progetto Light up Monrovia (Lum) è stato realizzato da Mbh Power Limited, Intec-Gopa e Lec, e che migliaia di case e aziende di Monrovia e dintorni stanno ora beneficiando di una fornitura di energia elettrica sicura, accessibile ed efficiente dal punto di vista dei costi da parte della rete nazionale. Con la costruzione della nuova sottostazione di Congo Town sulla Old Road e l’estensione di altre tre sottostazioni nei dintorni di Monrovia, la Lec fornirà elettricità a circa 41.000 famiglie. Inoltre, più di 70 comunità nelle zone centrali di Monrovia, Sinkor, Congo Town, Paynesville e fuori Monrovia stanno attualmente beneficiando della fornitura di energia elettrica della Lec, generata dalla centrale idroelettrica di Mount Coffee, con una maggiore capacità e l’utilizzo di mezzi efficienti dal punto di vista dei costi. Il comunicato indica che, nell’ambito del progetto, sono stati installati 2.510 lampioni nelle comunità dell’area di Greater Monrovia per la sicurezza dei cittadini. Inoltre, nell’ambito del progetto, sono stati reclutati più di 40 studenti in stage e giovani ingegneri dai dipartimenti di ingegneria delle università di Monrovia. Gli stagisti sono stati impiegati in diversi cantieri e hanno ricevuto una formazione pratica in materia di sicurezza elettrica, civile e di ingegneria generale, oltre a un kit di strumenti per migliorare le capacità di gestione tecnica e professionale delle risorse umane del settore. Il capo della delegazione dell’Ue in Liberia, l’ambasciatore Laurent Delahousse, ha dichiarato che l’Ue è orgogliosa di finanziare un progetto che migliorerà le condizioni di vita dei liberiani. Da parte sua, Samuel D. Tweah, ministro delle Finanze e della Pianificazione dello Sviluppo, che è anche l’ordinatore nazionale, ha dichiarato: “Voglio ringraziare l’Unione Europea per essere un vero partner per lo sviluppo della Liberia. L’assistenza dell’Ue nel settore energetico, per fornire alla nostra popolazione e alle nostre imprese l’accesso all’elettricità a prezzi accessibili, è molto preziosa ed essenziale. L’elettricità è fondamentale per le nostre industrie e i nostri clienti commerciali, come produttori e commercianti. Con il miglioramento delle nostre infrastrutture energetiche, ci aspettiamo di stimolare la crescita economica e di creare più posti di lavoro. Nel 2018, il governo liberiano ha firmato un contratto di “Trasmissione e distribuzione” con la delegazione dell’Ue in Liberia, Mbh Power Limited e Intec-Gopa per la progettazione e la costruzione di linee aeree da 66KV e l’estensione di quelle esistenti da 66/22/10KV che aiuteranno Monrovia ad assorbire più elettricità dall’impianto idroelettrico di Mount Coffee da trasmettere alle sottostazioni di Bushrod Island, New Kru Town, Capitol Hill, Congo Town e Paynesville. [VGM]
  • Togo Free

    Lomé hub regionale per la sicurezza informatica

    TOGO - Il Togo istituirà una piattaforma regionale per la sicurezza informatica, l’African Cybersecurity Center, con il supporto della Commissione economica per l’Africa delle Nazioni Unite (Uneca). Le due parti hanno firmato un memorandum d’intesa (MOU) in tal senso, secondo un comunicato stampa congiunto. La nuova struttura dovrebbe avere sede a Lomé. Fornirà competenze subregionali in materia di sicurezza informatica e attività relative alla promozione della sicurezza informatica e alle indagini sulla criminalità informatica. “Abbiamo l’ambizione di  rendere il nostro Paese un vero hub digitale in Africa. Il nostro modello di partnership con il settore privato è uno dei nostri approcci innovativi che vogliamo mostrare per ispirare altri paesi per un cyberspazio più sicuro nel continente”, si è rallegrata Cina Lawson, ministro dell’Economia digitale e della Trasformazione digitale. [CC]
  • AfricaGhana Free

    Presentata convention del cinema africano

    GHANA - E’ stata presentata ufficialmente ad Accra la prima edizione del Meta Cinema Forum Africa, appuntamento previsto nella capitale del Ghana per presentare le opportunità per investitori cinematografici e distributori di film in Africa.

    All’appuntamento, promosso dall’Autorità nazionale dei film (Nfa) del Ghana in collaborazione con la società emiratina Great Minds Group, è attesa la partecipazione di investitori cinematografici, distributori di film, sviluppatori cinematografici e responsabili politici per esplorare le opportunità nello sviluppo delle infrastrutture cinematografiche nel continente africano. La manifestazione si svolgerà sotto fora di una conferenza, un’esposizione commerciale di contenuti cinematografici e una rassegna di film.

    Secondo l’amministratrice delegata della Nfa, Juliet Yaa Asantewa Asante, l’Africa è il mercato cinematografico più sottoservito a livello globale: in base ai dati dell’Unesco, in tutto il continente ci sono infatti meno di 1.700 schermi cinematografici, pari a meno di uno schermo ogni 787.402 persone.

    Asante ha affermato che una migliore infrastruttura cinematografica incoraggerebbe una distribuzione più efficace dei film in Africa, che a sua volta incoraggerebbe maggiori investimenti in contenuti locali di alta qualità.

    Per approfondire, cliccare qui. [MV]