Kenya

Continua l’organizzazione della conferenza ministeriale dell’OMC

KENYA – Nairobi ospiterà dal 15 al 18 dicembre la decima conferenza ministeriale dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC/WTO).

(154 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Dopo l'Europa, Kenya Airways ridimensiona anche i voli...

    KENYA - Una domanda troppo bassa: questo il motivo invocato dalla compagnia aerea nazionale Kenya Airways, che ha dovuto rivedere al ribasso la frequenza dei suoi voli per New York City, negli Stati Uniti, ridotti da due a uno solo a settimana. Lo ha annunciato l'amministratore delegato di Kenya Airways, Allan Kilavuka, che ha affermato che la compagnia aerea è stata costretta a ridurre la frequenza dei due voli settimanali pianificati a destinazione della Grande Mela, in quanto la domanda non è cresciuta dalla ripresa dei voli diretti da e per New York nel novembre 2020, dopo che il presidente Uhuru Kenyatta ha revocato il divieto sui voli passeggeri internazionali. “Come Kenya Airways, abbiamo risposto a questo problema riducendo lo sviluppo di capacità in alcuni mercati chiave come il Regno Unito e gli Stati Uniti. Abbiamo ridotto le nostre operazioni a JFK dalle pianificate due volte alla settimana a una volta alla settimana e continuiamo a monitorare la situazione", ha indicato Kilavuka, attribuendo la bassa domanda nel settore del trasporto aereo ai rigidi protocolli covid-19 in vigore nei porti di ingresso, ulteriormente intensificati in alcuni paesi in risposta alla seconda ondata del virus. Negli Stati Uniti, ad esempio, i viaggiatori internazionali sono tenuti a presentare un test per il coronavirus negativo effettuato entro tre giorni dal viaggio. La compagnia aerea, che ha lanciato voli diretti da e per gli Stati Uniti nell'ottobre 2018, operava cinque voli a settimana per New York prima dello scoppio della pandemia covid-19. Nel gennaio di quest'anno, Kenya Airways è già stata costretta a sospendere i suoi servizi per l'aeroporto Charles de Gaulle, in Francia, e l'aeroporto Schipol, nei Paesi Bassi, citando la bassa domanda su entrambe le rotte. Tuttavia, la compagnia aerea prevede di riprendere i servizi regolari il prossimo 3 marzo per la Francia e il 7 marzo per i Paesi Bassi. Nell'ambito degli sforzi attuati per limitare le perdite economiche durante la pandemia covid-19, Kenya Airways ha recentemente riassegnato il Boeing 787 Dreamliner ai trasporti cargo. [CN]
  • Tanzania Free

    Verso un nuovo capitolo nelle relazioni tra governo e...

    TANZANIA - Il governo farà tutto il necessario per creare un ambiente imprenditoriale favorevole per gli investitori nel settore minerario: lo ha dichiarato qualche giorno fa il ministro delle Risorse Minerarie della Tanzania, Doto Biteko, all’apertura di una conferenza internazionale di tre giorni sugli investimenti minerari che ha riunito i rappresentanti di 49 società da 24 paesi al Julius Nyerere International Conference Center, a Dar es Salaam. “Il desiderio del governo è di vedere il settore minerario, il cui tasso di crescita è stato del 17,7% l'anno scorso, crescere ulteriormente”, ha ribadito il ministro, promettendo un nuovo capitolo nel rapporto con il settore privato, che gestisce al 90% la filiera mineraria della Tanzania, per giungere a una situazione vantaggiosa per tutti. Ricordando però che sono stati segnalati circa 102 episodi di contrabbando di minerali, Biteko ha avvertito che i minatori “senza scrupoli” si espongono al rischio di perdere la propria miniera o di essere puniti con la legge: “Utilizziamo appieno i mercati minerari di cui dispone la Tanzania. Il contrabbando è all'antica”, ha puntualizzato il ministro. Ospite d’onore all’evento, la vicepresidente Samia Suluhu Hassan ha confermato la volontà politica del governo di lavorare con gli investitori e di sostenere il settore privato: "Ci impegniamo a creare un ambiente lavorativo favorevole non solo ai minatori su larga scala, ma anche ai minatori su piccola scala affinché possano passare alla media e, infine, alla grande scala", ha assicurato la Hassan, spiegando che l’obiettivo degli emendamenti al Mining Act del 2017 era di “creare un ambiente in cui tutti gli attori del settore possano trarre vantaggio dal settore, garantendo il buon andamento delle attività di estrazione e lavorazione dei minerali”. Il governo della Tanzania ha rivisto le leggi relative all'estrazione mineraria per assicurarsi una più grande quota dalle sue vaste risorse minerali che includono tanzanite, grafite, diamanti e altri minerali rare. "Abbiamo ancora un enorme potenziale non sfruttato che richiede investimenti", ha concluso la vicepresidente, invitando gli investitori a operare in Tanzania sotto forma di partnership con il governo. Soddisfazione per il clima favorevole agli investimenti instaurato in Tanzania è stata espressa dal presidente e Ceo di Barrick Gold Corporation, Mark Bristow, che ha elogiato la formazione della Twiga Minerals Corporation, partnership tra il governo e la compagnia canadese, costituita per gestire le miniere d’oro di Bulyanhulu, North Mara e Buzwagi, nel Nord-ovest del paese, con lo scopo di risolvere tutte le controversie legate alle miniere precedentemente gestite dalla società Acacia, con sede a Londra. "Quando abbiamo rilevato Acacia, le miniere erano in cattive condizioni, ma da allora stanno producendo risultati incoraggianti", ha affermato Bristow, ribadendo che “una partnership di successo è la chiave per plasmare l'industria mineraria”. Quanto al presidente della Federazione delle associazioni di minatori della Tanzania (Femata), John Bina, egli ha invitato il governo a creare un ambiente che consenta ai minatori di accedere ai prestiti delle banche. “È sorprendente vedere alcuni minatori su larga scala in cerca di prestiti dall'estero. Il governo deve intervenire, se vogliamo portare il settore minerario a un livello più alto", ha osservato Bina. Gli ha fatto eco Godfrey Mitti, presidente dell'Associazione dei piccoli minatori nel distretto di Chato, nel Nord-ovest della Tanzania,  che funge anche da presidente del comitato dell'oro della Femata. Mitti, che è anche consigliere del distretto nord-occidentale di Buseresere, ha attribuito la mancanza di accesso ai prestiti alla penuria di personale formato in questioni minerali in seno alle istituzioni finanziarie. Sulla questione, il presidente della Tanzania Bankers Association, Abdulmajid Nsekela, che funge anche da amministratore delegato della Banca CRDB, ha precisato che con le nuove iniziative del governo per formalizzare il settore minerario, il problema dell'accesso dei minatori ai prestiti sarà presto un ricordo del passato, ricordando che negli ultimi tre anni, la sua banca ha erogato oltre 47 milioni di dollari agli operatori del settore. [CN]
  • BurundiRwanda Free

    Al via iniziativa per progetto idroelettrico

    RWANDA / BURUNDI - Il segretariato dell'Iniziativa del bacino del Nilo (NBI) ha avviato le procedure per l'individuazione dei fondi necessari a realizzare un progetto idroelettrico sul fiume Akanyaru, nei pressi del confine tra Rwanda e Burundi.

    A riportarlo sono i media locali, precisando che il progetto ha un costo stimato pari a 190 milioni di dollari e prevede la costruzione di una diga con una capacità di  circa 333 milioni di metri cubi di acqua da destinare all'irrigazione, al consumo umano e la realizzazione di un impianto per la generazione di elettricità con capacità di 14,5 megawatt.

    Oltre alla produzione di energia, all'approvvigionamento idrico e all'irrigazione, il progetto contribuirà allo sviluppo di altri usi ausiliari dell'acqua come lo sviluppo del bestiame, la creazione di posti di lavoro, il controllo delle inondazioni, la protezione ambientale e la gestione dei bacini idrografici.

    Il progetto, che è uno dei tanti investimenti transfrontalieri nel bacino del Nilo che richiede un uso sostenibile delle risorse idriche, prevede anche il ripristino dei bacini idrografici degradati a monte della diga.

    Secondo le informazioni rese note, il processo di mobilitazione delle risorse per la diga di Akanyaru è sostenuto dalla Banca africana di sviluppo (AfDB) e dallo Strumento per la preparazione dei progetti infrastrutturali (IPPF) del NEPAD. [MV]

  • Etiopia Free

    Sostegno dalla Banca mondiale per l'economia digitale

    ETIOPIA - La Banca mondiale sta lavorando a uno stanziamento di 200 milioni di dollari per sostenere la trasformazione digitale dell'economia dell'Etiopia.

    Ad annunciarlo è stato Ousmane Dione, direttore della Banca mondiale responsabile per Eritrea, Etiopia, Sudan e Sud Sudan, precisando che i fondi saranno destinati a un progetto intitolato 'Digital Ethiopia Foundations'.

    Obiettivo del progetto sarà rafforzare le capacità degli enti di regolamentazione del settore oltre che a preparare gli elementi legali e normativi dell'ecosistema digitale, in aree come l'e-commerce e l'identificazione digitale.

    Il progetto sosterrà anche lo sviluppo di servizi digitali per la pubblica amministrazione, facilitare l'imprenditorialità e fornirà soluzioni alla crisi sanitaria causata dalla pandemia di covid-19.

    Secondo le informazioni rese note, Digital Ethiopia Foundations si inserisce nella strategia Digital Ethiopia 2025, una componente essenziale del programma di sviluppo nazionale adottato dal governo di Addis Abeba nel 2019, proponendosi di rendere l'Etiopia un hub digitale per tutto il continente. [MV]

  • Rwanda Free

    Covid-19, RwandAir prima compagnia africana a provare...

    RWANDA - RwandAir diventerà la prima compagnia aerea africana a provare Iata Travel Pass per consentire viaggi internazionali sicuri: lo ha annunciato la stessa compagnia aerea, precisando che una prova di tre settimane inizierà ad aprile per i passeggeri che viaggiano tra Kigali e Nairobi, in Kenya. “RwandAir è orgogliosa di essere la prima compagnia aerea africana a provare Iata Travel Pass, che potrebbe rafforzare tutte le misure e i protocolli di salute e sicurezza che abbiamo messo in atto per ripristinare la fiducia dei clienti”, ha dichiarato la Ceo di RwandAir, Yvonne Manzi Makolo, spiegando che “la soluzione innovativa di Iata Travel Pass semplifica e trasmette digitalmente le informazioni richieste dai paesi e dai governi di tutto il mondo ai nostri sistemi aerei, in modo sicuro ed efficiente”. Iata Travel Pass è una piattaforma digitale che aiuta i passeggeri a verificare in modo semplice e sicuro la conformità ai requisiti di viaggio del test covid-19 o di altri vaccini, dando al contempo ai governi la fiducia necessaria per riaprire i confini. Sviluppata dalla International Air Transport Association (IATA), l'associazione di categoria delle compagnie aeree mondiali, la piattaforma è progettata per essere incorporata nelle app delle compagnie aeree, in modo che i viaggiatori in aereo capiscano facilmente le formalità necessarie prima di volare. L'app di prova include una serie di funzionalità, tra cui un registro di centri e laboratori nel luogo di partenza e di arrivo atti a condurre test covid-19 in base al tipo di analisi richiesto per il viaggio. I clienti di RwandAir che partecipano alla prova creeranno un "passaporto digitale" che verificherà prima del viaggio la conformità del loro test covid-19 o di altre vaccinazioni ai requisiti della destinazione. Saranno anche in grado di condividere in modo sicuro e protetto i loro certificati di test e vaccinazione con le autorità competenti e le compagnie aeree di tutto il mondo per garantire viaggi fluidi e senza problemi. “RwandAir sta dimostrando la sua leadership nel settore in Africa diventando la prima compagnia aerea del continente a provare Iata Travel Pass”, ha a sua volta osservato Alexandre de Juniac, direttore generale e Ceo della IATA. RwandAir è una delle compagnie aeree in più rapida crescita al mondo e gestisce una delle flotte più giovani e all'avanguardia del continente africano, con una flotta di 12 aeromobili con un'età media di poco meno di sei anni. La compagnia aerea collega attualmente 25 destinazioni in 21 paesi in Africa, Europa, Medio Oriente e Asia. [CN]
  • Kenya Free

    Cala il prezzo del tè per un eccesso di produzione

    KENYA - Un calo del 13,3% è stato registrato nel prezzo del tè tra giugno 2020 e gennaio 2021: lo ha reso noto la Kenya Tea Development Agency (Ktda), che rileva come durante il periodo preso in esame, per l’eccesso dell’offerta, il prezzo delle foglie verdi sia scesi da 2,56 dollari a 2,22 dollari per chilogrammo. "L'elevata produzione unita agli elevati volumi nella catena di approvvigionamento globale ha mantenuto bassi i prezzi all'asta", ha detto Alfred Njagi, amministratore delegato della Ktda, sottolineando inoltre un calo nelle consegne di tè, diminuite a 726 milioni di chili negli ultimi sette mesi, rispetto ai 770 milioni di chili registrati nello stesso periodo dell'anno precedente. Secondo i dati del Kenya National Bureau of Statistics, i piccoli coltivatori di tè del Kenya hanno aumentato la superficie coltivata a tè, che si attestava a 163.000 ettari nel 2019, rispetto a 141.800 ettari nel 2018. Di conseguenza, gli agricoltori hanno registrato un aumento del 28,7% della produzione nell'anno 2019-2020, raggiungendo 1,454 miliardi di chilogrammi di prodotto, rispetto ai 1,13 miliardi di chilogrammi registrati per l'anno finanziario precedente. Con l’aumento della produzione globale, negli ultimi tre anni il prezzo del tè ha registrato una tendenza al ribasso. [CN]