Marocco

Pret-a-porter, LC Waikiki verso l’apertura di 70 negozi

MAROCCO – LC Waikiki, una delle firme più note del pret-a-porter degli accessori di moda conta di aprire da qui al 2020 altri 70 punti vendita in Marocco (almeno dieci entro la fine di quest’anno). Giunta nel paese nordafricano nel dicembre del 2012, LC Waikiki conta attualmente sette unti vendita.

(117 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Accordo con Samsung per la produzione di tablet

    EGITTO - Il governo del Cairo ha firmato un contratto con il conglomerato industriale coreano Samsung per la produzione interna di apparecchiature elettroniche. 

    In base al contratto Samsung stabilirà una nuova fabbrica del valore di 30 milioni di dollari a Beni Suef, dove saranno formati 1000 studenti e creati 500 nuovi posti di lavoro. Lo rende noto la stampa egiziana. 

    La produzione a Beni Suef si concentrerà sui tablet destinati alle scuole e agli studenti egiziani: l’Egitto fa affidamento sui tablet come parte dei suoi moderni metodi educativi. Gli studenti usano i tablet in classe e durante gli esami. 

    Secondo quel che è stato reso noto, lo stabilimento di Beni Suef produrrà il tablet modello T505N del 2020 in sostituzione dei tablet T585, quelli attualmente consegnati agli studenti. 

    Samsung si è impegnata anche a fornire supporto tecnico e servizi di manutenzione per i proprietari di tablet attraverso più di 45 centri di manutenzione a livello nazionale. 

    Le linee di produzione in fabbrica rilasceranno tablet con il sigillo “Made in Egypt” a partire dal 2022. [ASB]

  • Egitto Free

    Fondi AfDB per nuovo progetto solare

    EGITTO - La Banca africana di sviluppo (Afdb) ha approvato oggi un finanziamento da 27,2 milioni di dollari per la progettazione, la costruzione e il funzionamento di un impianto fotovoltaico impianto solare da 200 Mw a Kom Ombo in Egitto, quattro chilometri dalla città di Assuan. Lo rende noto Afdb in un comunicato stampa, precisando che il progetto, del valore complessivo di 156,4 milioni di dollari, ridurrà i costi dell’elettricità per le imprese e le residenze private, oltre a ridurre le emissioni di gas serra, e porterà nuovi posti di lavoro nel campo dell’edilizia. Il prestito di Afdb è strutturato come prestito senior; altri contributi sono previsti dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, il Fondo verde per il clima (Gcf), la Banca araba e il Fondo dell’Opec per lo sviluppo internazionale. La proprietà dell’impianto sarà di Acwa Power, uno dei principali sviluppatori, investitori e operatori dell’Arabia Saudita nel mondo degli impianti di generazione di energia e di acqua dissalata. “Il progetto sostiene la transizione energetica dell’Egitto e contribuisce al raggiungimento della quota prevista del 20% di energie rinnovabili da parte del paese entro il 2022” ha dichiarato Kevin Kariuki, Vicepresidente della Banca per l’energia, l’energia, il clima e la crescita verde. [ASB]
  • Libia Free

    Cresce ancora la produzione petrolifera

    LIBIA - In Libia, la produzione di petrolio ha raggiunto il milione e 300.000 barili. Lo ha dichiarato Mustafa Sanallah, responsabile della National Oil Corporation, la società di idrocarburi libica. In un’intervista rilasciata a Trt Arabi Tv e rilanciata dai media locali, Sanallah ha detto che la produzione potrebbe crescere ancora a crescere se verranno effettuati ulteriori investimenti e la situazione politico-militare sarà più stabile. Attualmente, secondo quanto riferito da Sanallah, le entrate sono ancora trattenute nei conti esteri della Noc “per evitare che vengano sprecate”. Ha anche osservato che il settore petrolifero in Libia costituisce il 97% delle entrate pubbliche in valuta estera del Paese per questo è importante il suo rilancio. Sanallah ha insistito sul fatto che la Noc viene gestita lontano dalle influenze politiche. «La Noc – ha detto – ha ripetutamente dichiarato la sua neutralità. Si trova alla stessa distanza da tutti i partiti politici e intransigenti, il che le è valso il rispetto di tutti”. [EC]
  • Egitto Free

    Bando di gara per un nuovo impianto

    EGITTO - L’Egitto lancerà un bando di gara per la costruzione dell’impianto eolico di Jabal Al-Zeit 3. L’infrastruttura dovrà avere 60 turbine con capacità individuale di 2 MW e dovrà fornire una capacità di 120 MW. Siemens Gamesa, Vestas e Voltalia hanno una manifestazione di interesse a questo bando che sarà lanciato nel secondo trimestre del 2021. Il governo egiziano prevede di affidare la gestione e la manutenzione della centrale alla società che la costruirà per un periodo da 5 a 7 anni. Questo periodo potrà essere prorogato di un anno, previa approvazione dell’Autorità per le Energie Nuove e Rinnovabili. Jabal Al-Zeit 3 ​​è il terzo impianto in un parco che, al termine, avrà una capacità totale di 580 MW . Jabal Al-Zeit 1 con una capacità di 250 MW è entrato in servizio nel febbraio 2020. I lavori su Jabal Al-Zeit 2 sono appena stati completati. L’Egitto, che intende esportare 10 GW di elettricità in eccesso ai suoi vicini in Europa e in Africa, ha investito 6 miliardi di dollari in progetti elettrici negli ultimi due anni. [EC]
  • Egitto Free

    Ict, un sistema ibrido per collegare Africa ed Europa

    EGITTO - Collegare l’Africa all’Europa attraverso un nuovo sistema ibrido in fibra ottica che combina infrastruttura sottomarina e terrestre: è il progetto annunciato da Telecom Egypt mercoledì, reso nota dall’azienda nel corso di una conferenza online. 

    La nuova rete ottica sarà chiamata Harp (Hybrid African Ring Path), sarà operativa entro il 2023 e collegherà i Paesi della costa orientale e occidentale del continente, dal Sudafrica all’Egitto, con punti di approdo in Portogallo, Francia e Italia.

    Il progetto nasce nel 2018, quando Telecom Egypt ha iniziato a investire nella connettività a banda larga tramite fibra ottica terrestre e marina: alcuni degli investimenti strategici negli ultimi due anni sono stati il collegamento in fibra ottica da Città del Capo al Cairo in partnership con Liquid Telecom, l’acquisizione del Mena Submarine Cable System da Orascom Investment Holding e il dispiegamento del sistema 2Africa al fianco di Facebook. [ASB]

  • Marocco Free

    Gas, intesa con Chariot su progetto Anchois

    MAROCCO - La Chariot Oil & Gas ha firmato un memorandum d’intesa con il partner marocchino Onhym e con il ministero dell’Industria, del Commercio e dell’Economia Digitale per il suo progetto Anchois Gas Development. Secondo il comunicato dell’azienda con sede a Londra, il documento afferma che il ministero sosterrà l’Anchois Gas Development per migliorare la creazione di posti di lavoro, l’integrazione regionale attraverso lo sviluppo di infrastrutture strategiche e la promozione di ambienti puliti e competitivi al fine di fornire energia per il settore industriale marocchino. Chariot, attraverso la sua controllata al 100%, Chariot Oil & Gas Holdings Limited, detiene una quota del 75% sulla licenza Lixus in collaborazione con l’Onhym che detiene una partecipazione del 25%. La licenza Lixus, che si trova sulla costa atlantica del Marocco, appena a sud della Spagna, ospita la significativa scoperta di gas di Anchois. [CC]