Egitto

Intesa tra Borsa Merci Telematica Italiana e Ministero su polo logistico dei cereali a Damietta

EGITTO – La Borsa Merci Telematica Italiana ha firmato il 12 novembre un Protocollo d’Intesa con il Ministero della Fornitura e del Commercio Interno della Repubblica Araba d’Egitto per collaborare alla costruzione di un polo logistico dei cereali a Damietta.

Il Governo egiziano sta pianificando la costruzione di un Hub Logistico dei Cereali a Damietta che diventerà un polo internazionale di riferimento. Il Progetto, che rappresenta una priorità per il Governo d’Egitto, comprenderà anche la realizzazione di Borse merci nel Paese, partendo dal modello italiano.

La firma del protocollo è avvenuta al Cairo alla presenza del Ministro egiziano Khaled Hanafi, del Direttore della Borsa Merci Telematica Italiana (BMTI) S.c.p.a. Annibale Feroldi, dell’Ambasciatore italiano presso la Repubblica Araba d’Egitto Maurizio Massari, del Presidente della Camera di Commercio Italiana per l’Egitto Giancarlo Cifarelli, del Presidente della Federazione delle Camere di Commercio Egiziane Ahmed El Wakil e del Segretario Generale della Federazione egiziana delle Camere di Commercio Alaa Ezz.

“BMTI supporterà il Ministero egiziano nella realizzazione della Borsa Merci e nella predisposizione della relativa regolamentazione – ha dichiarato Annibale Feroldi, direttore di BMTI S.c.p.a. – Metteremo a disposizione le nostre conoscenze e l’esperienza maturata finora nell’ambito dello sviluppo e della trasparenza dei mercati agroalimentari fornendo consulenza e assistenza sui metodi di rilevazione, analisi e diffusione dei prezzi, sui sistemi di accesso al mercato in forma aggregata, nonché sulle norme di commercializzazione”.

L’evento per la firma del protocollo è stato organizzato dalla Camera di Commercio Italiana per l’Egitto che ha concretizzato l’incontro del 24 novembre 2014 a Roma tra il Presidente e il Direttore di BMTI con il Ministro della Fornitura egiziano. La Camera di Commercio Italiana per l’Egitto anche in qualità di rappresentante del sistema camerale italiano in Egitto, sta seguendo da vicino il tema della realizzazione di Borse merci nel Paese.

Il protocollo si inserisce in un quadro più ampio di rapporti che Borsa Merci Telematica Italiana (BMTI) ha istaurato con l’Egitto per favorire la cooperazione tecnica ed economica fra i due Paesi con l’obiettivo di migliorare la trasparenza e lo sviluppo dei mercati agroalimentari attraverso la realizzazione di borse merci in Egitto. Tra le iniziative in essere anche il progetto europeo EUROMED INVEST, di cui BMTI è partner, che lo scorso 20 ottobre ha portato alla realizzazione di un Programma di mentoring tra Borsa Merci Telematica Italiana (BMTI) e cinque organizzazioni egiziane (Federazione egiziana delle Camere di commercio, Camera di Commercio di Alessandria, Camera di Commercio Tedesco-Araba, Confederazione delle associazioni imprenditoriali euro-egiziane e Autorità di sviluppo per il commercio interno del Ministero della fornitura egiziano).

“Il protocollo firmato oggi rappresenta un passo in avanti nello sviluppo dei nostri rapporti con i Paesi esteri e nel lavoro di promozione del mercato internazionale, una piattaforma telematica regolamentata che abbiamo realizzato per favorire la contrattazione dei prodotti agricoli e agroalimentari, basata sulle prassi del commercio internazionale e aperta potenzialmente agli scambi con tutti i Paesi del mondo -ha continuato Annibale Feoroldi. Il mercato internazionale punta ad  estendere i benefici ed i vantaggi dell’uso della Borsa Merci Telematica al di fuori dei confini europei e favorire l’incontro tra domanda e offerta di prodotti agroalimentari tra operatori europei ed extraeuropei”.

L’idea di realizzare un mercato internazionale online viene, infatti, dalla realtà ormai consolidata della Borsa Merci Telematica Italiana, nata su iniziativa del sistema camerale italiano per ammodernare i servizi a supporto della commercializzazione dei prodotti agroalimentari e per dare trasparenza al meccanismo di formazione dei prezzi. La BMTI, istituita ufficialmente nel 2006 con il Decreto n.174 del Ministro delle politiche agricole, è il mercato telematico regolamentato dei prodotti agricoli, agroenergetici, agroalimentari, ittici e dei servizi logistici realizzato attraverso una piattaforma telematica unica a livello nazionale accessibile da postazioni remote.

Alla base della contrattazione dei prodotti nella BMTI c’è la “regolamentazione” che ne norma tutti gli aspetti: dalle modalità generali di funzionamento, ai requisiti che gli operatori ed i SAI devono possedere per accedere alle contrattazioni, agli elementi qualificanti le caratteristiche dei prodotti, alla struttura del contratto di compravendita, fino alle modalità di gestione degli eventuali contenziosi.

La Camera di Commercio Italiana per l’Egitto organizzerà nella prima metà del 2016 un workshop operativo per presentare alle aziende egiziane il funzionamento della piattaforma della Borsa Merci Telematica Italiana. [Fonte: Assomercato estero]

 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Marocco Free

    Record di introiti doganali nel 2019

    MAROCCO – Il 2019 è stato un anno da record per gli introiti doganali in Marocco. Lo riferisce L’Economiste, citando l’ultimo rapporto dell’Amministrazione delle dogane e delle imposte indirette, secondo il quale le entrate doganale hanno toccato il picco di 9,6 miliardi di euro. A favorire l’andamento positivo è stato un potenziamento dei controlli, la lotta al traffico di valute,  e il recupero di royalties pregresse. Il giornale ricorda inoltre l’apertura dell’istituti di formazione doganale di Benslimane, nell’ottobre del 2019, grazie al quale si stanno formando risorse umane competenti. L’anno 2019, ricorda infine l’Economiste, è stato quello dell’abolizione delle pratiche cartacee e della nuova relazione virtuale tra gli agenti delle dogane e gli operatori di transito. [CC]
  • Egitto Free

    Sospesa concessione nuove licenze di costruzione ai...

    EGITTO - Sono state sospese per i prossimi sei mesi le concessioni di nuove licenze di costruzione per edifici privati nell’area metropolitana del Cairo, ad Alessandria, in tutti i capoluoghi dei governatorati e nelle principali città egiziane.

    A comunicarlo è stato il ministero dello Sviluppo locale egiziano, precisando che la sospensione riguarda anche le licenze per la ristrutturazione e l’espansione degli edifici.

    Obiettivo principale della sospensione è garantire il rispetto dei termini e delle condizioni pertinenti alla costruzione.

    La sospensione non si applica alla continuazione dei mega-progetti nazionali, che includono soprattutto la costruzione nelle 20 nuove città pianificate, tra cui quella della nuova capitale amministrativa a est del Cairo, di strutture per il trasporto pubblico e nuove strade. [MV]

  • Egitto Free

    Allo studio nuovi progetti petrolchimici

    EGITTO - Hanno un valore complessivo stimato pari a 19 miliardi di dollari gli 11 nuovi progetti petrolchimici attualmente allo studio presso il ministero del Petrolio egiziano.

    A dirlo è stato il ministro del Petrolio, Tarek El Molla, precisando che si tratta di progetti che potrebbero essere inseriti nella nuova strategia di sviluppo dell’industria petrolchimica nazionale per il periodo tra il 2020 e il 2035.

    In base a quel che viene riportato dai media che ne danno notizia, tra i progetti figurano anche due mega-complessi per la raffinazione degli idrocarburi da realizzare nella Zona economica del canale di Suez e a New Alamein City.

    Secondo quel che ha dichiarato il ministro del Petrolio, i nuovi progetti sono stati scelti sulla base di studi accurati, che tengono in conto l’accessibilità dei siti e la disponibilità delle risorse. [MV]

  • Egitto Free

    A Orascom prima fase del progetto Zed Sheikh Zayed

    EGITTO - Orascom Construction è stata scelta da Ora Developers per la costruzione della prima parte del mega progetto ZED Sheikh Zayed in Egitto. Il master plan del progetto è stato realizzato da Watg International.  Orascom Construction, secondo i termini del contratto, è tenuto a costruire circa 600 unità abitative in questa fase, insieme a un garage a tre piani, un centro commerciale a due livelli e quattro torri di appartamenti di 17 piani. Questa fase iniziale sarà finanziata da Banque Misr a seguito di un accordo di prestito del valore di circa 63 milioni di dollari siglato con Ora Developers. Il progetto ZED Sheikh Zayed sarà realizzato in sei fasi e, una volta completato, comprenderà oltre 4.500 unità abitative e un complesso commerciale amministrativo. Filiale del Gruppo Gemini, Ora Developers è una delle aziende leader nel settore immobiliare in Egitto, ed è nota per progettare e sviluppare residenze di livello alto. [MS]
  • Tunisia Free

    Annunciato investimento in azienda conserve di pomodori

    TUNISIA - Ha un valore pari a 56 milioni di dollari l’investimento annunciato dal fondo pan-africano Development Partners International (DPI) nella Société Industrielle des Conserves Alimentaires (SICAM), principale azienda della trasformazione agro-alimentare in Tunisia specializzata nella lavorazione dei pomodori.

     A segnalarlo sono i media locali, dai quali si apprende che i fondi contribuiranno a rafforzare la posizione della SICAM come leader del mercato tunisino e contribuiranno a sostenere la sua strategia di espansione internazionale focalizzata sull’emergente classe media dei Paesi africani.

    Fondata nel 1969, SICAM è di proprietà del gruppo Bayahi, uno dei principali conglomerati tunisini attivo anche nel settore della produzione agricola e della grande distribuzione organizzata. [MV]

  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Diga sul Nilo, via libera a nuovi negoziati tra le...

    EGITTO / ETIOPIA /SUDAN - Il governo del Cairo ha dato il proprio assenso a riprendere i negoziati con Sudan ed Etiopia sul riempimento dell’invaso della controversa diga in costruzione sul fiume Nilo.

    A comunicarlo è stato il ministero degli Esteri egiziano, sottolineando come il raggiungimento di un’intesa tra i tre Paesi è negli interessi dell’Egitto così come del Sudan e dell’Etiopia.

    L’annuncio egiziano arriva in seguito a un incontro virtuale la scorsa settimana tra il primo ministro sudanese Abdallah Hamdok e il suo omologo etiope Abiy Ahmed, dopo che il governo di Addis Abeba aveva rifiutato di aderire ad una proposta di mediazione avanzata dagli Stati Uniti e dalla Banca Mondiale e il successivo invio al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di una lettera di protesta formale da parte del Cairo in cui si lamentava l’ostruzionismo di Addis Abeba.

    Quello del riempimento è un tema delicato perché potrebbe ridurre drasticamente la portata del fiume, danneggiando così Egitto e Sudan.

    Per i due Paesi è infatti è inconcepibile iniziare a riempire il bacino senza aver precedentemente firmato un accordo globale con l’Etiopia, che invece vorrebbe avviare tali attività a partire da luglio. Le due nazioni a valle vogliono un’intesa a lungo termine sulla condivisione dei dati dalla diga, sulla sicurezza della diga e sull’impatto sociale e ambientale nei rispettivi Paesi. [MV]