AfricaOpinioni

Il piano per la migrazione UE-Africa genera quesiti preoccupanti

[Pubblichiamo di seguito la traduzione in italiano di un articolo scritto dalla giornalista britannica Louise Hunt per il servizio notizie e analisi umanitarie a cura dell’Onu IRIN all’indomani del vertice internazionale sulla migrazione svoltosi a La Valletta]
I leader europei stanno imponendo i loro programmi sull’immigrazione all’Africa? Perché hanno deciso di fondere gli aiuti per la cooperazione allo sviluppo con le politiche sulle migrazioni? Cosa c’è di sbagliato nell’introdurre metodi più sicuri e legali per regolare il processo di emigrazione ed immigrazione?

Secondo i difensori dei diritti dei rifugiati e dei migranti, il piano d’azione lanciato a Malta oggi, alla fine di un incontro di due giorni al quale hanno partecipato 60 leader africani ed europei, ha generato più quesiti che soluzioni.

Il vertice di Valletta aveva lo scopo di rafforzare la cooperazione per affrontare il problema dell’immigrazione irregolare, ma i critici lo hanno interpretato come un’opportunità che non solo non è stata sfruttata, ma che è stata impostata in modo unilaterale, riservata e organizzata in modo sbagliato.

“Il vertice non è stato ben bilanciato. L’unica voce che si sentiva era quella dell’UE”, ha detto Odile Faye della rete africana Società civile per lo sviluppo e la migrazione (Made), una dei soli due membri di organizzazioni non governative ai quali era stata data l’opportunità di assistere al summit come osservatori all’ultimo minuto.

L’incontro è stato caratterizzato dal lancio ufficiale di un fondo fiduciario di emergenza per l’Africa, con lo scopo di finanziare l’implementazione di diversi aspetti del piano di azione. L’Unione Europea ha finanziato il fondo con 1,8 miliardi di euro derivanti dal Fondo europeo di sviluppo per dare una spinta all’iniziativa con l’aspettativa che anche i singoli Stati membri diano un contributo altrettanto significativo. Fino ad ora però, solo 78 milioni di euro sono stati promessi dai singoli Stati.

Ciò che preoccupa maggiormente Sara Tesorieri, esperta in migrazioni di Oxfam International, è il numero delle domande che non hanno ricevuto risposta riguardo il nuovo fondo fiduciario, che sarà utilizzato su entrambi i fronti della migrazione e dello sviluppo. L’esperta ha sottolineato come gli Stati membri che hanno preso parte all’iniziativa vorranno poter dire la loro su come questi soldi saranno utilizzati, il che potrebbe generare importanti conflitti tra chi è più interessato a spendere i fondi per il controllo sull’immigrazione e coloro che invece vorrebbero focalizzarsi sullo sviluppo.

“I fondi saranno utilizzati per combattere la povertà o per rafforzare la sicurezza delle frontiere? Saranno spesi nelle zone più povere o lungo i confini delle aree considerate di interesse strategico per l’Europa? Abbiamo posto queste domande e abbiamo ricevuto risposte molto diverse tra loro”.

“Aldilà del fondo fiduciario, sarà ancora stanziato il denaro previsto per lo sviluppo del Sudafrica o i donatori europei hanno scelto i Paesi nei quali intervenire, invece di pensare alle zone che hanno maggiori necessità in questo momento?”

Sara Tesorieri ha inoltre affermato che il fondo fiduciario nasce con diversi scopi, alcuni che coincidono con gli obiettivi di sviluppo standard ed altri che sono molto più inclini al controllo e alla gestione dell’immigrazione.

“Quello che vorremmo è vedere una netta divisione tra i fondi che saranno utilizzati per i progetti sullo sviluppo e quelli che invece verranno utilizzati per raggiungere altri obiettivi”, ha detto all’IRIN.

Altri partecipanti si sono detti preoccupati della possibilità che alcune importanti discussioni avvenute a Valletta possano essere passate inosservate o possano essersi perse “dietro le quinte” dell’evento principale.

Parlando al briefing della Società civile nelle ore subito precedenti al vertice, Iverna McGowan (Amnesty International) ha detto: “Non siamo preoccupati tanto delle linee ufficiali che seguirà l’evento, ma degli accordi bilaterali o al margine che sono in corso di negoziazione. L’esternalizzazione dei controlli delle frontiere può diventare pericolosa se il processo non è trasparente e presenta poche o nessuna garanzia”.

McGowan si è inoltre espressa sulle voci in merito al fatto che uno Stato nordafricano sarebbe stato esortato a stringere accordi per una cooperazione sulle migrazioni, con la promessa di una riduzione delle tariffe di importazione del cibo: “così l’accordo è stato firmato e voi otterrete ulteriori vantaggi sulle importazioni di cibo”.

Le 14 pagine di strategia congiunta tra UE e Africa sulla migrazione sono state rese note durante il vertice. La strategia si divide in 5 sezioni, inclusi sviluppo, mobilità, migrazione legale e mobilità, asilo e protezione internazionale. Forse le più importanti dal punto di vista dei leader europei sono le due sezioni finali, riguardanti la cooperazione per ridurre l’immigrazione irregolare e il contrabbando, e la promozione del rientro e della riammissione dei migranti.

Annunciando il fondo fiduciario, il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker ha detto: “Per riuscire nel nostro intento, i Paesi dell’Unione Europea e i loro Paesi partner in Africa devono lavorare insieme per individuare i problemi alla radice delle migrazioni irregolari e per promuovere pari opportunità in fatto di economia, sviluppo e sicurezza”.

In cambio dei nuovi aiuti, l’Europa si aspetta che i Paesi africani riprendano indietro i loro cittadini che cercano di entrare nell’UE illegalmente e che non hanno diritto alla protezione internazionale. Attualmente, un’importante porzione degli ordini di rimpatrio effettuati dai Paesi europei non sono attuabili poiché gli immigrati distruggono i loro documenti o i loro Paesi di origine si rifiutano di rimpatriarli.

Il piano d’azione richiede “una cooperazione rafforzata per facilitare il rientro e il reintegro in patria degli immigrati irregolari”. I funzionari dell’immigrazione dei 10 Paesi africani che si presentano come principali fonte di emigrazione saranno incoraggiati a realizzare missioni di identificazione per verificare e identificare i propri cittadini ai fini dell’espulsione. La prima missione di questo tipo dovrebbe iniziare nei primi mesi del 2016.

Tuttavia Valerie Ceccherini, che rappresentava il Consiglio norvegese per i rifugiati ed era la seconda osservatrice di una organizzazione non governativa invitata a partecipare al summit, ha detto all’IRIN: “La politica di rimpatrio più dura arriverà dall’Europa, non dagli africani, non sono loro a volerla.”

Ceccherini ha aggiunto che i delegati francesi che hanno preso parte al vertice si sono opposti all’approccio, proposto principalmente da Germania e Gran Bretagna. “I francesi hanno detto che pensano sia sbagliato mettere insieme la cooperazione allo sviluppo con quella per l’emigrazione”.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Fondo francese cerca progetti sostenibili per impianti...

    AFRICA - Un appello a manifestazione d’interesse per progetti di produzione di impianti di refrigerazione e la climatizzazione sostenibile è stato lanciato dal Fondo francese per l’ambiente globale (Ffem), un fondo gestito dall’Agenzia francese per lo sviluppo. La catena del freddo è carente in molti Paesi del continente africano, particolarmente indicato per la tipologia di progetti del bando. Priorità sarà data alle iniziative rivolte ai Paesi in via di sviluppo e a quelle che favoriranno un approccio integrato e rispettoso dell’ambiente. L’Ffem cita ad esempio sistemi con fluidi di raffreddamento detti naturali e soluzioni alternative senza fluidi frigorigeni. Altre caratteristiche per la selezione sono il carattere innovativo, la facile riproduzione e la sostenibilità finanziaria. I soggetti abilitati a presentare progetti sono sia aziende che collettività locali, enti di ricerca, fondazioni, enti pubblici e società civile. La scadenza dell’appello a manifestazione d’interesse è la fine del mese di settembre 2020. [CC]
  • Africa Free

    Cobalto, aumentano i prezzi

    AFRICA - I ritardi nei trasporti imposti dalla quarantena per il coronavirus e la crescita della domanda cinese hanno provocato un rialzo dei prezzi dell'idrossido di cobalto. In Africa, il cobalto si presenta sotto forma di idrossido che viene poi convertito in sostanze chimiche per le batterie agli ioni di litio utilizzate nei veicoli elettrici, nei telefoni cellulari e nell'industria aerospaziale. Subito dopo l'allentamento dei vincoli imposti dal lockdown, le raffinerie cinesi si sono mosse per ricostituire le scorte, scontrandosi però con i blocchi imposti alle spedizioni dallo Zambia e dalla Rd Congo (che, insieme, rappresentano il 70% dell'offerta mondiale). I prezzi del cobalto sul London Metal Exchange hanno toccato i 33.000 dollari a tonnellata, i più alti dall'inizio di marzo e in aumento di oltre il 15% dalla fine di luglio, quando i prezzi erano scivolati a causa del coronavirus. Sul mercato internazionale, la Cina occupa una posizione dominante. Sono quasi tutti cinesi i maggiori produttori mondiali di batterie per veicoli elettrici. [EC]    
  • Africa Free

    Lo Champagne piace sempre di più all’Africa

    AFRICA - Il Sudafrica è di gran lunga il primo importatore africano di Champagne. Nel 2019, ha acquistato oltre un milione di bottiglie del pregiato vino spumante francese. Negli ultimi cinque anni, le importazioni di Champagne in Sudafrica sono aumentate del 20%. Lo si apprende dagli ultimi dati del Comitato interprofessionale dei vini di Champagne (Civc) relativi all’anno scorso. In Africa, il secondo importatore è la Nigeria, con circa 569.000 bottiglie, seguito dalla Costa d’Avorio, dalla Repubblica Democratica del Congo, e dal Marocco, primo importatore della zona del Maghreb. Bevanda simbolo di occasioni speciali, di successo e di riuscita sociale, nel 2019 lo Champagne ha toccato un record mondiale di fatturato di 5 miliardi di euro, in crescita del 3,6% rispetto al 2018. A contribuire a questa tendenza sono le esportazioni, anche verso l’Africa: 3,7 milioni di bottiglie per 90 milioni di euro, per soddisfare una crescente classe media, una borghesia d’affari, l’élite politica e i turisti. [CC]
  • Africa Free

    Stampa tedesca: Russia realizzerà sei basi militari in...

    AFRICA - La Russia ha concordato con sei leader africani di stabilire basi militari nazionali nel territorio dei loro paesi.

    A sostenerlo è il quotidiano tedesco Bild (popolare tabloid tedesco noto per il suo linguaggio sensazionalistico e articoli non sempre adeguatamente verificati), che in un lungo articolo pubblicato nella sua edizione domenicale sottolinea come, ad oggi, i russi stiano già conducendo operazioni di cooperazione militare con 21 paesi africani.

    Il tabloid tedesco nel suo articolo fa riferimento a un documento segreto del Ministero degli Affari Esteri tedesco, nel quale si sostiene che negli ultimi cinque anni la Russia ha attivamente stabilito contatti militari in Africa.

    Di recente, durante i negoziati, Mosca ha ricevuto le autorizzazioni necessarie per stabilire basi militari in Repubblica Centrafricana, Egitto, Eritrea, Madagascar, Mozambico e Sudan.

    Bild osserva inoltre che “la Russia collabora con regimi prevalentemente dittatoriali”.

    Secondo i resoconti dei media, gli esperti militari russi stanno attualmente addestrando attivamente i soldati di quei paesi con i quali il Cremlino ha già stabilito legami militari.

    Bild sottolinea che, oltre alle truppe regolari russe, sono attivi in quei paesi anche i dipendenti di compagnie militari private, come il famigerato gruppo Wagner.

    Gli analisti ritengono che, attraverso la cooperazione con Mosca, i leader africani siano assicurati contro potenziali rivoluzioni interne.

    La Russia, a sua volta, riceve sostegno per le sue iniziative durante le riunioni delle Nazioni Unite.

  • Africa Free

    Calano i prezzi del cacao, non quelli del cioccolato

    AFRICA - Il crollo dei prezzi del cacao, causato dalla pandemia di Covid-19, non porterà a un calo dei prezzi del cioccolato. Secondo uno studio dell'agenzia Reuters sui futures sul cacao di Londra, alla fine del 2020, il cacao dovrebbe costare il 10% in meno. Ma il cacao è solo uno dei costi che contribuiscono a formare il prezzo al dettaglio delle tavolette di cioccolato. Nel determinare il prezzo finale vanno infatti inclusi ingredienti come zucchero, latte, frutta, nonché imballaggi, marketing, trasporti, tasse e margini dei rivenditori. Elementi il cui costo non è calato granché sul mercato. A ciò si aggiunge il fatto che i produttori del migliore cioccolato, normalmente, non acquistano sul mercato dei futures, ma si rivolgono a quello locale. Ciò significa che sono costretti a pagare una maggiorazione agli agricoltori che garantiscono una qualità elevata del prodotto. Nella stagione 2020/21, che inizia il prossimo 1° ottobre, i produttori di cioccolato è previsto che paghino fino a 400 euro in più alla tonnellata sulle forniture di prodotto di ottima qualità proveniente dalla Costa d'Avorio e dal Ghana. [EC]
  • Africa Free

    Coronavirus: raggiunto il milione di casi in Africa

    AFRICA – Sfiorano il milione i casi di contagio da Covid-19 registrati in Africa: lo riferisce il centro per il controllo delle malattie (CDC) dell’Unione Africana questa mattina. Secondo gli ultimi dati, che risultano aggiornati a sabato 1 agosto, i contagi sono 945.882, i decessi 19.983 e 603.687 i guariti. E’ bene ricordare che il continente Africa conta 1,3 miliardi di abitanti sparsi in 54 paesi e che, al momento, continua ad essere il continente meno colpito dalla pandemia di coronavirus che sta sconvolgendo il pianeta.  La regione più colpita è quella dell’Africa Australe che da sola conta quasi il 60%dei casi totali (527.000 contagi), seguita dall’Africa del Nord con 161.000 contagi, poi dall’Africa Occidentale 129.700, da quella orientale con quasi 79.000 casi e infine dall’Africa Centrale con circa 49.000 casi. Il paese più colpito, che conta il 95% dei casi dell’Africa Australe e metà di quelli dell’intero continente è il Sudafrica con 503mila casi, 8153 decessi e oltre 300mila guariti. A livello nazionale segue poi l’Egitto con oltre 94mila casi, 4800 morti e oltre 40mila guariti e la Nigeria con oltre 43mila contagi, 880 morti e 20mila guariti.  Tra i paesi maggiormente colpiti seguono Marocco, Algeria Ghana (tutti con oltre 30.000 contagi) e in misura minore Etiopia, Kenya,  Camerun e Costa d’Avorio I numeri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO) sono più bassi di quelli del CDC e i dati aggiornati a domenica 2 agosto riportano un totale per il continente di 802.000 contagi.