Mali

Riabilitazione ferroviaria (2), ai cinesi anche commessa in Mali

MALI –  Nella scia del recente contratto firmato con il Senegal, la compagnia cinese China Railways Construction Corporation ha ottenuto una commessa in Mali, dove sarà incaricata di riabilitare 644 km di ferrovia e di rinnovare 22 stazioni ferroviarie, dalla capitale Bamako verso ovest, guardando al confine con il Senegal.

(159 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Nigeria Free

    Raccolti fondi per ridurre perdite post-raccolto...

    NIGERIA - L’azienda agricola nigeriana Tomato Jos ha concluso una raccolta d’investimenti sul mercato, ottenendo 4,2 milioni di dollari per migliorare l’efficienza della produzione di pomodori.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che i fondi sono stati ottenuti attraverso una raccolta organizzata dal fondo olandese Goodwell Investments attraverso il suo partner in Africa occidentale, Alitheia Capital.

    Obiettivo dell’iniziativa è avviare un’attività di trasformazione industriale dei pomodori coltivati nello stato settentrionale di Kaduna per produrre fino a 24 tonnellate di conserve al giorno e soddisfare il fabbisogno dei mercati locali.

    Secondo il fondatore di Tomato Jos, Mira Metha,  l’avvio della trasformazione agro-industriale dei pomodori coltivati localmente consentirà di ridurre notevolmente le perdite post-raccolto, che attualmente in Nigeria sono pari a circa il 45% dell’intera produzione nazionale di pomodori. [MV]

  • Costa Avorio Free

    Erogati primi finanziamenti per sostenere il settore...

    COSTA D’AVORIO - Il governo ivoriano guidato dal primo ministro Amadou Gon Coulibaly ha erogato una prima tranche di pagamenti del valore pari a 230 milioni di euro per sostenere il settore agricolo.

    A darne notizia sono i media locali, ricordando che i fondi rientrano nel piano di sostegno all’economia approvato a fine marzo per far fronte agli effetti della pandemia di covid-19.

    Nel dettaglio, i fondi saranno destinati a sostenere la produzione ivoriana di anacardi per garantire che il prezzo di vendita non cali al di sotto dei costi di produzione. Inoltre, in ordine decrescente di sostegno finanziario, i fondi erogati andranno alla produzione di gomma arabica, riso, alla frutticoltura, al cotone e a quella di palma da olio. [MV]

  • Niger Free

    Scandalo abuso di fondi nella lotta al terrorismo,...

    NIGER – Una verifica nei conti del ministero della Difesa del Niger ha rivelato gravi irregolarità nella gestione dei fondi destinati alla lotta al terrorismo. Lo scandalo, arrivato sul tavolo del Consiglio superiore della Difesa, ha determinato la rimozione del capo di stato maggiore dell’Aviazione, il colonnello Boulama Issa Zana, in carica da nove anni, e la sua sostituzione con suo vice, il colonnello Amirou Aboul Kader. Nel rapporto sulla verifica degli appalti pubblici del ministero della Difesa ricevuto dal procuratore della Repubblica, Chaibou Samna, emergono “mancanze” in ambiti istituzionali e regolamentari. In 177 fascicoli sono rilevate condizioni di attribuzione, di pagamento e di esecuzione passibili di qualifiche penali. Boulama Issa Zana è stato regolarmente citato nelle indagini che stanno siscitando indignazione nell’opinione pubblica. Al centro dello scandalo ci sarebbero circa 116 milioni di euro incassati attraverso fatture gonfiate o ordini  fittizi. [CC]
  • GabonSão Tomé e Príncipe Free

    Ratificata intesa su frontiera marittima

    GABON / SAO TOME - Il Parlamento di Libreville ha ratificato un trattato sulla demarcazione della frontiera marittima tra Gabon e Sao Tomé.

    A segnalarlo sono i media locali, sottolineando come l’accordo siglato tra i due governi metterà fine a una controversia causata da una diversa interpretazione dei trattati coloniali.

    Secondo le informazioni a disposizioni, il trattato stabilisce che la frontiera marittima tra i due Paesi sia la linea media tracciata tra la linea di base arcipelagica che unisce la costa orientale dell'isola di Sao Tomé con quella di Principe da un lato, e la linea di base dritta lungo la costa del Gabon tra Cap Esterias, Pointe Gombe e Cap Lopez.

    Il trattato riguarda quindi l’estensione dei territori marittimi sotto le rispettive giurisdizioni nazionali, la cui larghezza è di 12 miglia (o circa 22 chilometri) dalla linea di base per ciascuno dei due Paesi.

    Grazie alla ratifica, Gabon e Sao Tomé favoriscono quindi le relazioni di buon vicinato e la cooperazione in una regione strategica potenzialmente ricca di gas e petrolio. [MV]

  • Nigeria Free

    Consegnato alla Marina militare un AW139 Leonardo

    NIGERIA – La Marina militare nigeriana ha preso in consegna un novo elicottero AW139 dell’italiana Leonardo.   Lo ha dettola scorsa settimana  l’ufficiale Ifeola Mohammed, capo della Pianificazione della Marina, durante una conferenza stampa.   Il  sito specializzato DefenseWeb precisa che il velivolo era stato ordinato nel 2016.   Nel settembre 2016 la Agusta Westland, ora Leonardo Helicopters, aveva annunciato l’ordine di 4 AW139 per missioni di ricerca e di soccorso.   Una delle attività principali della Marina nigeriana è la lotta alla pirateria marittima nel Golfo di Guinea.  [CC]
  • Nigeria Free

    Approvati fondi per completare lavori costruzione diga...

    NIGERIA - Il governo federale di Abuja ha approvato un prestito di 120 milioni di dollari per completare i lavori di costruzione della diga idroelettrica di Kashimbila, nello stato nord-orientale di Taraba.

    A segnalarlo sono i media specializzati, ricordando che i lavori erano cominciato nel 2007 con un progetto disegnato inizialmente con capacità di generazione installata di 18 megawatt, ma successivamente aggiornata a 40 MW.

    Secondo le informazioni rese note, l’impianto idroelettrico sarà collegato alla rete nazionale e fornirà energia agli stati della regione Nord-Orientale della Nigeria.

    Oltre che per la generazione di elettricità, la diga consentirà la fornitura di acqua potabile a circa 400.000 persone e l’irrigazione di 3000 ettari.

    In base alle informazioni a disposizione, i fondi saranno utilizzati per completare i lavori di costruzione dell’impianto, che attualmente sono arrivati al 90%, e per collegare la centrale alla rete elettrica nazionale. [MV]