Burkina Faso

Business forum Africallia 2016, a Milano la presentazione

BURKINA FASO – Dal 24 al 26 febbraio 2016 è in programma a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, la IV edizione di AFRICALLIA, un importante evento business che coinvolgerà tutte le più rilevanti Camere di Commercio dell’Africa Occidentale, imprenditori Africani , Europei, Asiatici e Americani .
A tale evento hanno già aderito centinaia di imprenditori provenienti dalla Francia e da altri paesi Europei .
L’unica presentazione dell’evento si terrà il 21 gennaio p.v. a Milano presso il Teatro della Triennale (Viale Alemagna 6), a partire dalle ore 10.00.
All’incontro di Milano interverranno tra gli altri, oltre a Confindustria Assafrica-Mediterraneo,  il Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri ed alla Cooperazione Internazionale Sen. Benedetto Della Vedova, l’Ambasciatore del Burkina Faso in Italia S.E. Sem Raymond Balima, il Presidente della Camera di Commercio del Burkina Faso Dr. Felix Sanon ed il Console Generale del Burkina Faso a Milano Dr.Francois Assise Yameogo. [Con Assafrica]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Togo Free

    Un salvagente per gli aerei di Asky, grazie a Wfp

    TOGO - Il World Food Program (Wfp) ha istituito il suo centro di risposta africano per il covid-19 in Ghana. Ogni giorno, gli aerei partono da Accra per trasportare personale medico e attrezzature in Africa occidentale e centrale. Dall’aeroporto di Kotoka, il Wfp opera con due Boeing 737 noleggiati da Asky, compagnia aerea fondata su iniziativa dei governi dell’Africa occidentale che ha il suo quartier generale a Lomé, in Togo.  Per Asky, il contratto con il Wfp è stato a dir poco tempestivo. Con i suoi velivoli fermi da due mesi a causa della chiusura degli aeroporti africani ma anche del resto del mondo (un discorso valido per tutte le compagnie aeree) la ripresa parziale delle attività grazie all’agenzia dell’Onu rappresenta una significativa boccata d’ossigeno. [MS]
  • Benin Free

    Una fabbrica di mattoni da plastica riciclata

    BENIN – Produrre mattoni a partire da rifiuti plastici: il progetto, che rende onore al concetto di riciclaggio, sarà presto realtà nel sudest del Benin, nel comune di Sèmè-Kpodji. Su un terreno di 1000m2 sorgerà l’unità di produzione, promossa dall’Agenzia per lo sviluppo Sèmè City, con il sostegno dell’Unicef. Un progetto simile era stato avviato l’anno scorso in Costa d’Avorio, in partenariato con l’azienda colombiana Conceptos Plasticos. I mattoni in plastici riciclata sono già stato utilizzati per costruire aule scolastiche. I mattoni di plastica sono ignifughe e possono resistere più a lungo nel tempo, di materiali convenzionali. In Costa d’Avorio, la direttrice dell’Unicef aveva previsto che si potesse riciclare 9600 tonnellate di rifiuti di plastica all’anno. [CC]
  • Ghana Free

    Fondo per le Pmi, ma secondo la camera di commercio non...

    GHANA – Ammonta a circa 95 milioni di euro il programma di sostegno alle piccole e medie imprese (Pmi) del Ghana annunciato dalla Presidenza, per alleviare gli impatti negativi del coronavirus. Il fondo è stato annunciato all’inizio della settimana dal presidente Nana Akufo-Addo, il quale ha precisato che il programma era il risultato di negoziati tra il governo,  il settore privato  - il National Board for Small Scale Industries (NBSSI) e alcune associazioni di commercio – e una serie di banche. Dalla Camera di commercio e d’industria, tuttavia, sono giunte critiche. “Questo pacchetto è molto inadeguato” ha detto il presidente della Camera, Nana Appiagyei Dankawoso, ricordando che i 93 milioni dovrebbero essere divisi in 200.000 Pmi, per un risultato finale di circa 465 euro ad azienda. Temendo gravi ripercussioni della crisi legata al coronavirus sull’economia, Dankawoso ha chiesto maggiori aiuti al governo per il settore privato, per contrastare il rischio di recessione per il Paese. [CC]
  • Ghana Free

    Un mercato da 142 negozi nella città di Ho

    GHANA - Un totale di 142 negozi saranno costruiti al mercato di Ho in due progetti separati che inizieranno simultaneamente a breve, nell’ambito del Programma di sostegno alle città secondarie del Ghana. I progetti prevedono la realizzazione di 36 servizi igienici, una banca e un ufficio postale tra le altre strutture accessorie. L'amministratore delegato municipale di Ho, Prosper Pi-Bansa, ha riferito i particolari alla stampa locale. Pi-Bansa ha detto che la decisione è stata presa in risposta alla rapida crescita del comune con il fine di promuovere attività commerciali più solide. [MS]
  • Nigeria Free

    Presidente del Senato critica risultati della...

    NIGERIA – Il presidente del Senato nigeriano, Ahmad Lawan, ha stilato un bilancio negativo della privatizzazione del settore elettrico nazionale e chiesto al governo di procedere a una revisione del processo. “Credo che la privatizzazione sia fallita, perché l’essenza delle privatizzazioni è creare efficienza” ha detto il presidente del Senato, nel corso della discussione di una mozione dedicata alla ripresa del settore energetico e degli effetti della pandemia di covid-19. La privatizzazione del settore dell’elettricità risale al 2013 e ha coinvolto la produzione e la distribuzione, con ,o smantellamento della Power Holding Company of Nigeria (PHCN). Solo la trasmissione è rimasta in mano al pubblico, attraverso la Transmission Company of Nigeria. L’obiettivo era quella fornire ai nigeriani 10.000 megawatt di elettricità al giorno, obiettivo mai raggiunto e disservizi che suscitano molte critiche nel Paese. “Se li lasciamo continuare così, fra 10 anni non avremo più elettricità nel Paese” ha addirittura dichiarato Lawan, riferendosi alle società private che hanno preso il controllo della produzione e della distribuzione. Il promotore della mozione, Gabriel Suswam, ha sottolineato l’importanza di una rete funzionante in un momento critico come questo, in cui si è confrontati al covid-19 e a pazienti con bisogni in centri sanitari funzionanti. [CC]
  • Benin Free

    Elezioni nei comuni, i due partiti di maggioranza si...

    BENIN – Tre partiti politici sui cinque in lizza sono riusciti ad ottenere più del 10% delle preferenze alle elezioni comunali del 17 maggio in Benin. Lo ha annunciato ieri la Commissione elettorale nazionale autonoma (Cena) presentando i risultati ufficiali della consultazione. I due partiti rappresentati i Parlamento – dove l’opposizione non ha seggi  -  il Blocco Repubblicano (Br) e l’Unione Progressista (Up), hanno ottenuto rispettivamente il 39,97% e il 37,38% , mentre il partito d’opposizione “Forze cauris per un Benin emergente” (Fcbe) ha vinto il 14,98% delle preferenze. Gli altri due partiti minori non potranno essere rappresentati poiché non hanno raggiunto il minimo del 10% necessario. In termini di seggi nei consigli comunali, sono rispettivamente 820 e 735 assegnati ai partiti favorevoli al presidente Patrice Talon, e 260 alle Fcbe, da poco abbandonate dall’ex presidente Thomas Yayi Boni. Secondo la Cena, il  tasso d’affluenza è stato del 49,14%. L’opposizione, che aveva lanciato un appello al boicottaggio, non riconosce questo dato e ha fornito una stima del 25%. [CC]