Mozambico

FlyAfrica annuncia intenzione a operare voli interni

MOZAMBICO – La compagnia aerea low-cost FlyAfrica ha annunciato l’intenzione a voler operare voli interni in Mozambico entro la metà di quest’anno.

(124 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • eSwatini Free

    Anche eSwatini riduce il tasso di interesse

    ESWATINI - Dopo la decisione del Sudafrica la settimana scorsa, anche la Banca centrale di eSwatini ha ridotto di 50 punti base il suo tasso d’interesse di riferimento.

    A darne notizia sono i media economici internazionali, precisando che il tasso d’interesse in eSwatini è stato così ridotto al 4%.

    Si tratta della quarta riduzione consecutiva dallo scorso 1° marzo, quando il tasso di interesse era fissato al 6,5%.

    Secondo quel che viene reso noto, la decisione è stata presa in risposta all’impatto della pandemia di covid-19 sulle prospettive della crescita economica, quest’anno prevista in calo del 6,16% nello scenario più pessimistico elaborato dalla Banca centrale.

    In eSwatini le decisioni sui tassi d’interesse sono quasi sempre allineate a quelle del vicino Sudafrica, alla luce dell’ancoraggio della sua valuta locale (lilangeni) al rand sudafricano. [MV]

  • Zambia Free

    Accordo con Power China per tre centrali solari

    ZAMBIA – Tre centrali solari saranno realizzate in Zambia, dove aggiungeranno 600 megawatt alla capacità energetica nazionale. Il progetto è frutto di un accordo da 548 milioni di dollari tra la Zesco, la compagnia elettrica nazionale, e la compagnia cinese Power China. La scelta di nuove infrastrutture con fonti di energia rinnovabili è in linea con la politica di diversificazione del mix energetico promossa dal governo zambiano. A marzo,  la Zesco aveva reso noto che il deficit di forniture energetica in Zambia era cresciuto di quasi il 20% rispetto a settembre. Un deficit che ammonta a 810 megawatt e che obbliga la Zesco a far affidamento sulle importazioni di energia a breve termine attraverso la rete di interconnessione regionale della South African Power Pool (SAPP), che riunisce tutti i Paesi membri della Comunità di sviluppo dell’Africa meridionale (SADC). [CC]
  • Angola Free

    Firmato nuovo contratto per aeroporto di Luanda

    ANGOLA - Il ministero angolano dei Trasporti ha siglato un addendum al contratto con la ditta cinese Aviation Industry Corporation of China (AVIC) per il progetto di costruzione del nuovo aeroporto internazionale di Luanda.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che le parti hanno inoltre firmato un memorandum d’intesa sulla revisione tecnica dei lavori per adattare la qualità e i parametri operativi del nuovo scalo aeroportuale.

    In base a quel che è stato reso noto, i lavori dovrebbero essere completati entro il 2023 con un investimento stimato pari a 1,4 miliardi di dollari.

    Il cantiere per la realizzazione del nuovo aeroporto, inaugurato nel 2004, è stato interrotto più volte a causa della mancanza di fondi con i lavori che sono fermi dal 2017 a seguito a seguito della risoluzione del precedente contratto tra il governo angolano e il China International Fund (CIF), a cui era stato assegnato l’incarico.

    Elemento centrale di un progetto chiamato "Aerotropolis de Luanda", il nuovo aeroporto avrà la capacità di accogliere ogni anno 15 milioni di passeggeri e due piste, una lunga 4000 metri e l'altra lunga 3800 metri, estendendosi su un’area di 1324 ettari nel comune di Bengo, a nord di Luanda. [MV]

  • Sudafrica Free

    Rating junk e outlook positivo secondo S&P

    SUDAFRICA - S&P Global Ratings ha mantenuto il grado ‘junk’ per l’economia sudafricana avvertendo anzi sull’impatto che il covid-19 potrebbe avere con una stima di riduzione del pil per il 2020 del 4,5%.  Secondo un comunicato della stessa società, i rating del debito in valuta estera e locale a lungo termine del Paese sono mantenuti rispettivamente a BB- e BB. L’agenzia ha comunque mantenuto l’outlook stabile.  L’economia sudafricana è quella più integrata con il resto del mondo fra le economie della regione subsahariana. L’arrivo della pandemia ha contribuito ad esacerbare criticità già esistenti, benché secondo alcuni osservatori l’arrivo di Cyril Ramaphosa alla presidenza abbia aperto prospettive diverse rispetto a quelle del suo predecessore. [MS]
  • Zimbabwe Free

    Due istituti bancari rimossi da elenco sanzioni USA

    ZIMBABWE - Due istituti bancari locali con legami diretti con il governo di Harare sono stati rimossi dall’elenco statunitense dei soggetti sottoposti a sanzioni economiche.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che si tratta della Agricultural Development Bank of Zimbabwe (Agribank) e della Infrastructure Development Bank of Zimbabwe (IDBZ).

    L’annuncio della rimozione dall’elenco è giunta attraverso una nota diffusa dal Dipartimento del Tesoro statunitense, in cui viene specificato che l’ufficio responsabile del controllo delle attività estere sta modificando il regolamento delle sanzioni applicate a soggetti dello Zimbabwe al fine di autorizzare nuovamente tutte le transazioni che coinvolgono Agribank e IDBZ.

    I due istituti erano stati posti sotto sanzione da parte degli Stati Uniti nel luglio 2008.

    "Qualsiasi notizia di rimozione dall’elenco delle sanzioni statunitensi è davvero positiva - ha commentato il ministro delle Finanze dello Zimbsbwe, Mthuli Ncube - Ciò consentirà alle banche di accedere alle linee di credito internazionali e rimuovere tutte le restrizioni sinora esistenti”. [MV]

  • Mozambico Free

    Gnl, Total ottiene 14 miliardi di finanziamenti

    MOZAMBICO – La major francese Total è riuscita ad ottenere 14,4 miliardi di dollari per sviluppare il suo progetto di gas naturale liquefatto (Gnl) in Mozambico. Rivelato dalla Reuters e riportato dalla stampa di settore, l’accordo finanziario coinvolgerebbe una ventina di banche, il cui nome non è stato rivelato. Procede con garanzie, quindi, il piano di estrazione gasiera e di trasformazione in Gnl di circa 12,9 milioni di tonnellate all’anno. Lo scorso ottobre, la Total ha acquisito le quote della statunitense Anadarko nel progetto Gnl Mozambicano. Il mega progetto ha un costo stimato di 20 milioni di dollari. [CC]