Gabon

A Gemalto il sistema di gestione dei visti d’ingresso

GABON – Il gruppo francese Gemalto, leader mondiale nel campo dei sistemi di pagamento e della sicurezza digitale, ha ottenuto dal governo di Libreville l’incarico di fornire e installare per conto del Dipartimento della Sicurezza nazionale un sistema integrato per la gestione delle frontiere e dei visti d’ingresso.

(154 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Repubblica Congo Free

    Dieudonné Bantsimba nuovo sindaco di Brazzaville

    REP CONGO - Si è insediato il nuovo sindaco della capitale della Repubblica del Congo, Dieudonné Bantsimba, eletto venerdì scorso dal Consiglio municipale e dipartimentale. Esponente del partito di maggioranza Partito congolese del lavoro (Pct), Bantsimba sostituisce Christian Roger Okemba, dimesso ufficialmente il 18 aprile attraverso un decreto del Consiglio dei ministri, in seguito al rinvio a giudizio del Primo cittadino per appropriazione indebita di denaro pubblico. Bantsimba, un ex dipendente del Comune in pensione, ha ottenuto 98 preferenze su 101 votanti. I media ufficiali lo descrivono come un uomo discreto e lavoratore, in grado di rappresentare il legame tra la vecchia e la nuova generazione. [CC]
  • Gabon Free

    Carico record di legname destinato alla Cina  

    GABON – E’ il più importante carico di legname mai esportato dal Gabon quello destinato alla Cina dal porto di Owendo. “E’ storico” ha commentato il ministro dell’Ambiente e delle Foreste, Lee White, assistendo martedì alle operazioni di carico di 26.000 m3 di legname nella zona portuale. Il ministro ha sottolineato che nonostante la crisi legata al covid-19, questa transazione dimostra che la filiera del legname, già penalizzata da un calo della domanda globale, sta progressivamente ripartendo. Il sopralluogo del ministro era anche destinato ad assicurarsi che i lavoratori nella filiera legname si stiano svolgendo nelle condizioni di protezione idonee per impedire la diffusione del coronavirus. Il carico da record destinato alla Cina è di legname già processato, poiché dal 2009, in Gabon è vietata l’esportazione di tronchi grezzi. La Cina è stata nel 2019 il principale partner commerciale del Gabon, seguita dalla Francia, dal Belgio e da Singapore. [CC]
  • Gabon Free

    Prestito dalla Banca Mondiale per la lotta al...

    GABON – La Banca Mondiale ha approvato un prestito del valore di 9 milioni di dollari per il Gabon. Il finanziamento sarà sborsato dalla Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (Birs), un ramo della Banca Mondiale, e sarà destinato alla lotta alla pandemia di covid-19. Il sistema sanitario sarà il principale beneficiario del prestito, che aiuterà nella ricerca di casi positivi, la cura, l’acquisto di materiale, di ambulanze, nella formazione del personale sanitario e nella creazione di centri di screening. La rappresentante della Banca Mondiale in Gabon, Alice Ouedraogo, ha sottolineato che si tratta di una decisione in linea con l’impegno a lungo termine fornito dall’istituzione finanziaria a Libreville. I casi ufficialmente censiti i Gabon finora sono 1.567 positivi , 12 decessi e 365 guarigioni. [CC]
  • Guinea Equatoriale Free

    Assegnato incarico su piano sviluppo del gas

    GUINEA EQUATORIALE - Il governo di Malabo, in collaborazione con la statunitense Marathon Oil, ha assegnato alla società britannica Gas Strategies l’incarico di sviluppare un piano di sviluppo delle risorse del gas naturale in Guinea Equatoriale.

    A darne notizia sono i media specializzati, dai quali si apprende che l’incarico è parte delle attività previste per la realizzazione di un mega-hub gasiero attraverso la massimizzazione delle infrastrutture del terminal di Punta Europa sull’isola di Bioko.

    Nell'ambito del progetto, Punta Europa è destinata a diventare un centro di riferimento per il trattamento del gas per tutti i giacimenti di gas naturale situati nel Golfo di Guinea aprendo a potenziali intese per la lavorazione anche del gas estratto in Camerun e Nigeria. [MV]

  • Camerun Free

    Zucchero, la Sosucam investe per diventare più forte

    CAMERUN – Forte di una produzione record nel 2019, la Società zuccheriera del Camerun – Sosucam, filiale del gruppo francese Somdiaa e leader del settore in Camerun – ha annunciato investimenti migliorativi per 93 miliardi di franchi Cfa, pari a circa 142 milioni di euro. Grazie all’iniezione di capitale, la Sosucam afferma che potrà procedere a nuove assunzioni, modernizzare l’infrastruttura produttiva e far aumentare il livello di produzione annua, da 130.000 tonnellate all’anno attuali a 150.000 tonnellate. Grazie a una legge del 2013 per l’incitamento all’investimento privato sul territorio nazionale, la Sosucam potrà avere agevolazioni fiscali e doganali. Le principali attività della Sosucam sono la coltivazione di canna da zucchero e la produzione di zucchero grezzo e raffinato. [CC]
  • Guinea Equatoriale Free

    Firmati primi contratti per estrazione mineraria

    GUINEA EQUATORIALE - Il governo di Malabo ha firmato i primi contratti per l’estrazione mineraria della sua storia dopo l’assegnazione lo scorso anno di permessi estrattivi nel corso di una gara competitiva.

    A darne notizia sono i media specializzati, dai quali si apprende che il ministero delle Miniere e degli idrocarburi equato-guineano ha firmato cinque contratti estrattivi con tre diverse compagnie.

    In base alle informazioni rese note, si tratta di contratti firmati con la statunitense Manhattan Mining Investment Inc per l’estrazione di oro nel blocco I, con la Blue Magnolia per l’estrazione di bauxite, uranio, terre rare e minerali preziosi nei blocco B, K e H e infine di altri due contratti con la sudafricana Shefa Minerals SA per l’estrazione di platino, palladio e rame nei blocchi N e O.

    Le società dovranno cominciare entro l’anno le attività esplorative nell’area di Rio Muni, considerata di grande interesse per le sue riserve minerarie. [MV]