Algeria

Processo Sonatrach 1, ammenda a Saipem che fa ricorso

ALGERIA – Il Tribunale di Algeri ha oggi pronunciato sentenza di primo grado nel procedimento “Sonatrach 1” nei confronti di Saipem Contracting Algérie, società del gruppo Saipem registrata in Algeria, in relazione alla procedura di gara per l’assegnazione, nel 2009, della commessa GK3.

Lo riferisce un comunicato della Saipem, precisando che il Tribunale di Algeri ha comminato a Saipem Contracting Algérie una ammenda, pari all’equivalente di circa 34.000 euro, quale asserita responsabile della fattispecie sanzionata dalla legge algerina in caso di “maggiorazione dei prezzi in occasione dell’aggiudicazione di contratti conclusi con una società pubblica a carattere industriale e commerciale beneficiando dell’autorità o influenza di rappresentanti di tale società”.

Accogliendo la richiesta di Saipem Contracting Algérie, il tribunale ha rimesso nella disponibilità della società due conti correnti in valuta locale di Saipem Contracting Algérie, che erano bloccati dal 2010 in relazione al procedimento “Sonatrach 1” e il cui saldo totale è pari all’equivalente in euro di circa 82 milioni.

Saipem Contracting Algérie valuterà le motivazioni della odierna decisione del Tribunale e presenterà ricorso in Cassazione avverso la sentenza di primo grado, non ritenendo che vi sia stata alcuna maggiorazione rispetto ai prezzi di mercato. La presentazione del ricorso, ai sensi della legge algerina, sospende di pieno diritto l’irrogazione dell’ammenda.

Il Tribunale di Algeri ha respinto la richiesta di costituzione di parte civile del Trésor Public algerino. Sonatrach, committente della commessa GK3, che si era costituita parte civile nel procedimento, si è riservata di fare valere in separata sede civile il diritto al risarcimento del danno asseritamente subìto. Allo stato tale richiesta non è stata presentata in sede civile né è stato precisato l’ammontare dell’asserito danno. [Fonte: Saipem]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Africa NordAlgeria Free

    Algeria, riforma dei sussidi alle famiglie

    Il governo algerino ha chiesto alla Banca mondiale una consulenza per riformare il sistema dei sussidi alle famiglie riducendone il peso sul bilancio pubblico. L'annuncio è stato fatto dal ministro delle Finanze, Abderrahmane Raouya, durante il dibattito parlamentare in corso sulla manovra finanziaria. Secondo il ministro, la pandemia di coronavirus e la conseguente crisi economica hanno portato a un forte calo del prezzo del petrolio dai 50 dollari di inizio anno ai 30 dollari di marzo. Ciò provocherà un drastica contrazione del bilancio dello Stato, le cui finanze dipendono, in gran parte, dal comparto degli idrocarburi. A finire nella mannaia dei tagli sarebbero quindi i sussidi pubblici alle famiglie. Attualmente gran parte della popolazione li riceve. Di fronte all'attuale crisi finanziaria, però, questo sistema sta diventato troppo oneroso. Il governo sta così pensando di indirizzare gli aiuti pubblici solo alle famiglie con un basso reddito. Per attuare la riforma chiederà  la consulenza degli esperti della Banca mondiale.
  • Tunisia Free

    Prorogato stato d’emergenza per altri sei mesi

    TUNISIA -  E’ stato prorogato di sei mesi lo stato d’emergenza imposto in tutta la Tunisia dal novembre 2015.

    Lo riferisce la stampa locale e internazionale, precisando che la decisione è stata presa venerdì sera dal presidente tunisino Kaïs Saïed.

    "Il presidente ha deciso di estendere lo stato di emergenza in tutto il territorio della repubblica per un periodo di sei mesi, a partire dal 30 maggio 2020", recita una nota diffusa dalla presidenza tunisina.

    Lo stato di emergenza era stato dichiarato per la prima volta in Tunisia il 24 novembre 2015 a seguito di un sanguinoso attentato suicida contro un autobus della Guardia presidenziale in cui rimasero uccisi 12 agenti.

    La legge di emergenza conferisce alle autorità tunisine (in particolare al Ministero degli Interni) poteri eccezionali, in particolare il diritto agli arresti domiciliari, il divieto di riunioni, l'imposizione di coprifuoco, il monitoraggio dei media e la stampa, il divieto di raduni in spazi pubblici e operazioni di polizia realizzabili anche senza l'approvazione del potere giudiziario.

  • Egitto Free

    Sconti su visti e visite per incentivare la ripartenza...

    EGITTO - Sconti sui visti turistici e sull’ingresso nei siti archeologici e i musei sono stati annunciati dal ministero egiziano de Turismo, nell’ambito di provvedimenti per far ripartire un settore chiave dell’economia.   Secondo la guida Lonely Planet, sono previsti tagli ai costi dei visti d’ingresso per le città antiche di Luxor e Aswan, ma anche un dimezzamento del costo dei biglietti alle principali attrazioni archeologiche che rendono il Paese uno dei siti più visitati al mondo.   Sempre secondo la Lonely Planet, gli alberghi d’Egitto hanno riaperto dal 18 maggio scorso con una possibilità di riempimento del 25%, che a partire dal 1° giugno passerà al 50%, nel rispetto di nuove regole sanitarie e d’igienizzazione. A compensare la mancanza di turisti stranieri, in queste prime giornate, sono viaggiatori domestici, soprattutto nelle località balneari del Mar Rosso.   Le perdite economiche del turismo e dell’hospitality sono state considerevoli. Ad aprile,una stima di esperti del settore aveva parlato di un miliardo di dollari al mese   Nell’esercizio 2018-19il turismo in Egitto aveva toccato un record di 12,5 miliardi di dollari di proventi. [CC]
  • Egitto Free

    Assegnato incarico per progetto infrastrutture acque...

    EGITTO  - E’ stato assegnato a un consorzio guidato dalla canadese Stantec l’incarico di sviluppare un progetto per migliorare l’accesso ai servizi di base attraverso la realizzazione di infrastrutture per la gestione delle acque reflue nel governatorato di Fayoum.

    A renderlo noto è stata la stessa società specializzata nella fornitura di servizi professionali per la progettazione e la consulenza, precisando che l’incarico è stato assegnato dalla compagnia idrica nazionale Egyptian Holding Company for Water and Wastewater (HCWW).

    In base a quel che viene reso noto, il contratto riguarda un progetto di costruzione su larga scala di infrastrutture per espandere la capacità di trattamento delle acque reflue e la rete fognaria locale, nonché promuovere il riutilizzo dell'acqua.

    Il programma di espansione delle acque reflue di Fayoum è finanziato dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) e cofinanziato dalla Banca europea per gli investimenti (BEI), dal Fondo investimenti per i vicinati dell'Unione europea e dall'egiziano governo per un valore totale di 456,5 milioni di euro.

    Obiettivo dell’iniziativa è aumentare l'accesso ai servizi igienico-sanitari dal 32,6% all'86% nelle aree rurali del governatorato di Fayoum.[MV]

  • Algeria Free

    Richiamato ambasciatore a Parigi, tensioni diplomatiche

    ALGERIA - Il governo algerino ha richiamato il suo ambasciatore a Parigi, Salah Lebdioui, ufficialmente per “consultazioni”. La decisione segue la trasmissione martedì sulla televisione pubblica francese di due documentari su Hirak, il movimento di protesta contro il governo che già lo scorso anno aveva contribuito alle dimissioni dell’allora capo di Stato Abdelaziz Bouteflika. I due documentari, dal titolo ‘Algérie Mon Amour’ e ‘Algérie : Les Promesses de l’Aube’, sono stati trasmessi dal canale France 5 e dal canale parlamentare LCP.  In una dichiarazione rilasciata mercoledì, il ministero degli Esteri algerino aveva affermato che “la natura ricorrente dei programmi trasmessi dai canali televisivi pubblici francesi, apparentemente spontanea e con il pretesto della libertà di espressione, sono in realtà attacchi contro il popolo algerino e le sue istituzioni”. Nella dichiarazione si denunciavano inoltre “le intenzioni maligne di alcuni ambienti che non desiderano l’avvento di relazioni pacifiche tra Algeria e Francia”. Allo stesso tempo, l’Aps, l'agenzia di stampa ufficiale algerina, ha sostenuto che la trasmissione di questi documentari nella stessa serata rientrasse in una “campagna stampa” orchestrata politicamente. [MS]
  • Tunisia Free

    Fatturati in aumento per tutti gli operatori telecom...

    TUNISIA – Il fatturato del mercato delle telecomunicazioni in Tunisia è aumentato del 9,5%, pari a 87 milioni di euro,  dal 2018 al 2019.   Lo ha reso noto l’Istanza nazionale delle telecomunicazioni (Int), precisando che sono tutti gli operatori presenti ad aver ottenuto miglioramenti a livello di fatturato l’anno scorso rispetto all’anno precedente.   A dividersi la clientela tunisina sono gli operatori Ooredoo, Orange Tunisie e Tunisie Telecom. Ooreddo vanta la più ampia fetta del mercato, il 40,7%, mentre Orange Tunisie è quello meno rappresentato, col l 22,1%.   Anche tutti i fornitori d’accesso a Internet hanno fatto registrare aumenti di guadagno nel 2019, con la leadership di Topnet, con 5,3 milioni di euro. [CC]