Etiopia

Cooperazione italiana, direttore Frigenti in visita ad Addis Abeba

ETIOPIA – (da Addis Abeba) Il direttore dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS), Laura Frigenti, è ad Addis Abeba in quella che è la sua prima missione per visitare una sede estera.

“Per me è un po’ come tornare a casa, visto che mi sono occupata di Etiopia per quasi vent’anni quando lavoravo alla Banca Mondiale”, ha detto il direttore Frigenti ai dipendenti riuniti nella sede dell’AICS ad Addis Abeba, dove oggi parteciperà all’apertura dei lavori del Forum internazionale sull’agro-industria organizzato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO).

La visita ad Addis Abeba è anche l’occasione per presentare ai rappresentanti del governo etiope e ai partner internazionali la nuova agenzia, illustrando loro la filosofia che ne guida l’azione e sottolineando la volontà di offrire maggiore efficienza e sostenibilità nella realizzazione dei progetti attraverso la creazione di sinergie, non solo tra i diversi donatori, ma anche tra il mondo delle organizzazioni non governative e il settore privato.

“La nuova versione della cooperazione italiana vuole offrire un approccio che non sia più solo bilaterale, ma sia capace di coordinare le iniziative e stabilire relazioni strutturate: i mesi che verranno saranno critici per definirne le prossime priorità”, ha detto il direttore dell’AICS al ministro di Stato delle Finanze e della pianificazione economica, Ahmed Shide, durante una visita di cortesia presso la sede del ministero.

Ricordando l’importanza e la qualità della cooperazione italiana in Etiopia, Shide ha evidenziato i progressi realizzati dal suo Paese a livello economico e il ruolo che l’Etiopia ha per la stabilità regionale: “In Etiopia c’è necessità di sviluppare il settore privato ed è anche per questo che vorremmo vedere incrementare il volume della cooperazione italiana”.

Laura Frigenti ha affermato che il modo migliore per incrementare le relazioni consiste nel facilitare gli investimenti: “Soltanto così le nostre eccellenze potranno sostenere localmente lo sviluppo e assicurare il trasferimento di competenze professionali”.

Dopo la visita al ministero delle Finanze etiopico, Frigenti si è recata presso la sede del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) dove insieme alla direttrice dell’ufficio di Addis Abeba dell’AICS Ginevra Letizia si è incontrata in un faccia a faccia con il Capo della Cooperazione della Delegazione dell’Unione Europea in Etiopia, Francisco Carreras. Successivamente ha presentato la nuova Agenzia ai rappresentanti del Gruppo di assistenza allo sviluppo (DAG), che riunisce 29 donatori tra cui oltre l’UE figurano anche i responsabili delle agenzie delle Nazioni Unite presenti ad Addis Abeba e delle rappresentanze diplomatiche di Austria, Canada, Francia, Germania, Gran Bretagna, Olanda, Repubblica Ceca, Spagna e Svizzera.

La prima giornata della missione di Laura Frigenti ad Addis Abeba è proseguita con una visita nel quartiere di Yeka al cluster che riunisce piccole e medie imprese impegnate nel settore della pelle e della produzione di scarpe, un’iniziativa promossa da UNIDO e finanziata dall’AICS con l’obiettivo di incrementare la capacità produttiva e migliorare la competitività delle singole imprese tramite l’introduzione di strategie comuni.

Tornata nella sede dell’AICS a Villa Italia nell’area di Kebena, dove è ospitata anche la sede dell’Ambasciata d’Italia ad Addis Abeba, Laura Frigenti ha siglato insieme al direttore regionale dell’Agenzia francese di sviluppo (AFD) Ignace Monkam-Daverat e al responsabile in Etiopia della Banca europea degli investimenti (BEI) Christophe Litt un memorandum d’intesa per sostenere il settore della gestione delle risorse idriche e dell’igiene (WASH) nelle piccole e medie città dell’Etiopia. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Etiopia Free

    Sale bilancio vittime di scontri

    ETIOPIA - E' arrivato a 239 il bilancio delle persone morte negli scontri della settimana scorsa seguiti all’uccisione del noto cantante e attivista Hachalu Hundessa. Considerato la voce degli Oromo, Hachalu è stato assassinato da ignoti dieci giorni fa ad Addis Abeba. Nei giorni successivi a quell’omicidio, folle di sostenitori sono scese in strada in diverse città dell’Etiopia, suscitando preoccupazione per il riacuirsi delle tensioni interetniche. "A causa degli scontri che sono avvenuti nella regione, 9 agenti, cinque membri della milizia e 215 civili hanno perso la vita", ha riferito Mustafa Kedir, capo della polizia dell’Oromia, regione a larga maggioranza Oromo, il più numeroso etnico del Paese, da anni scontento per la marginalizzazione politica ed economica di cui si sente vittima. A queste vittime, si aggiungono i dieci morti registrati nella capitale. Ci sono stati "estesi danni e saccheggi", ha aggiunto Kedir, precisando che 3.500 sospetti sono stati arrestati. La musica di Hachalu è stata la colonna sonora delle proteste antigovernative che hanno portato il leader Oromo Abiy Ahmed alla guida del Paese nel 2018. Tuttavia, in vista delle prossime elezioni, previste ad agosto ma spostate a causa della pandemia di coronavirus, diversi nazionalisti Oromo si sentono traditi dal primo ministro che è stato accusato di aver adottato le pratiche dei predecessori, con una serie di arresti tra le file dei suoi critici e oppositori, numerosi tra gli stessi Oromo. Per Abiy, l’uccisione di Hachalu e le violenze che ne sono scaturite fanno parte di un piano per destabilizzare il Paese, complice anche la tensione con i vicini Egitto e Sudan in merito alla mega diga sul Nilo Blu. Con queste notizie «si vuole distogliere lo sguardo del governo dalla diga», ha affermato il premier in Parlamento. [Africa Rivista]
  • Sudan Free

    Conferenza per pace, prossima tappa in Arabia Saudita

    SUDAN - L’Arabia Saudita ospiterà una conferenza per la pace in Sudan su cui c’era già stato l’accordo del gruppo dei cosiddetti Friends of Sudan. La notizia è stata confermata dal dallo State minister per gli Affari Esteri sudanese Omer Gamar Eldin al termine di un incontro con l’ambasciatore saudita a Khartoum, Ali Hassan bin Gaafar.  I Friends of Sudan avevano già organizzato il mese scorso a Berlino una conferenza per la raccolta di fondi da destinare al sostegno della transizione in corso in Sudan. Quello della pace in Darfur e in altre regioni del Paese resta uno dei nodi ancora problematici e su cui le scadenze poste dall’attuale esecutivo non sono state rispettate.  Il Sudan sta cercando di tornare protagonista sulla scena internazionale. Un grande ostacolo è stato finora rappresentato dalle sanzioni degli Stati Uniti che però ne stanno valutando il mantenimento o meno. [MS]
  • Etiopia Free

    Diga sul Nilo, Addis Abeba annuncia prossimo...

    ETIOPIA - L’invaso della diga sul Nilo azzurro sarà riempito a partire dalla prossima stagione delle piogge: a dichiararlo è stato il premier etiope Abiy Ahmed prendendo in contropiede Egitto e Sudan, che sono contrari a tale tempistica.

    Secondo quel che viene riportato dal sito di Africa Rivista, Abiy ha affermato che i disaccordi tra il suo Paese e l’Egitto sul gigantesco progetto idroelettrico sul Nilo azzurro saranno risolti in seno all’Unione Africana, che attualmente sta mediando i colloqui in corso su un potenziale accordo.

    “L’Etiopia non danneggerà l’Egitto e inizierà a riempire la diga sfruttando la stagione delle piogge. Non priveremo l’Egitto di acqua e raggiungeremo un accordo presto”, ha detto il premier etiope.

    Negli ultimi giorni, Addis Abeba ha assistito a grandi manifestazioni a seguito dell’omicidio del famoso cantante Hachalu Hundessa, che è stata ucciso a colpi di arma da fuoco da ignoti nella capitale del Paese. I disordini hanno causati decine di morti e feriti. Il primo ministro ha affermato che i recenti disordini interni non freneranno il suo piano per riempire la diga.

    “Se l’Etiopia non riempie la diga, significa che l’Etiopia ha costruito un’opera inutile – ha aggiunto il premier - Su altri punti possiamo raggiungere un accordo lentamente nel tempo, ma per il riempimento della diga possiamo raggiungere e firmare un accordo già quest’anno”.

    Egitto e Sudan hanno dichiarato che le tre nazioni avevano concordato di ritardare il riempimento del bacino idrico della diga fino al raggiungimento di un accordo e quindi si oppongono alla decisione unilaterale di Addis Abeba.

    L’Unione Africana il mese scorso ha invitato le tre nazioni ad astenersi dal prendere qualsiasi azione che possa “mettere a repentaglio o complicare” i suoi sforzi per trovare una soluzione accettabile a tutte le parti in causa. In questi giorni sono in corso colloqui mediati dalla Ua organizzati in risposta a un invito del presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa, l’attuale presidente della organizzazione internazionale. Dovrebbero concludersi l’11 luglio. [MV]

  • Rwanda Free

    Fondi per sostenere industria ‘made in Rwanda’

    RWANDA - Il governo di Kigali ha stanziato una cifra pari a sette milioni di dollari per promuovere la trasformazione industriale del Paese e sostenere l’iniziativa ‘made in Rwanda’.

    A riportarlo sono i media locali, di quali si apprende che i fondi saranno destinati alle imprese locali interessate a modernizzare le loro linee di produzione, garantendo l’adozione in fabbriche degli standard di qualità e delle norme di sicurezza, in modo da poter essere più competitivi sul mercato domestico e su quelli internazionali.

    Negli ultimi anni il governo ruandese ha adottato diverse misure per rafforzare la produzione industriale di beni e servizi per raggiungere non solo l'autosufficienza domestica, ma anche per aumentare la competitività all’estero.

    Secondo le autorità, il sostegno concesso all’iniziativa ‘Made in Rwanda’ dovrebbe consentire di ridurre il deficit commerciale, che nel 2019 è aumentato del 17%. [MV]

  • Kenya Free

    Verso adozione standard ecologici in  edilizia sociale

    KENYA - Il programma governativo di edilizia sociale in Kenya adotterà gli standard di edilizia ecologica della Società finanziaria internazionale (IFC) del gruppo della Banca mondiale.

    Ad annunciarlo è stato il segretario principale del ministero dei Lavori pubblici responsabile per gli alloggi e lo sviluppo urbano, Charles Hinga, sottolineando come il Kenya sia intenzionato a costruire i nuovi alloggi utilizzando tecniche e metodologie che consentano di ridurre le emissioni inquinanti al fine di combattere i cambiamenti climatici.

    "Lo standard minimo per la progettazione di case in edilizia sociale che siano al tempo stesso economiche e rispettose del clima deve’essere l'eccellenza di IFC nella progettazione per il programma di certificazione di bioedilizia di maggiore efficienza (EDGE)”, ha detto Hinga ricordando come tale standard comporti un 20% in meno nell’uso di energia, nonché un minore utilizzo di  acqua ed energia nei materiali di costruzione.

    Nell'ambito del suo programma di edilizia sociale, il Kenya intende costruire 500.000 unità abitative da destinare alle fasce di popolazione più a basso reddito entro la fine del 2022. [MV]

  • Sud Sudan Free

    Drastica riduzione del tasso di interesse

    SUD SUDAN - La Banca centrale del Sud Sudan ha comunicato di aver ridotto il suo tasso d’interesse di riferimento dal 13 al 10% per mitigare gli effetti della pandemia di covid-19 sull'economia.

    Si tratta della seconda volta da aprile che la Banca centrale del Sud Sudan ha tagliato il suo tasso d’interesse, che in precedenza era fissato al 15%.

    Secondo quel che ha dichiarato il governatore della Banca, Gamal Abdalla Wani, la revisione al ribasso è stata decisa per ridurre i costi dei finanziamenti al settore privato da parte delle banche commerciali.

    “I prestiti saranno più convenienti e andranno a vantaggio sia delle imprese che dei cittadini in questo momento di crisi", ha detto Wani annunciando il taglio.

    E’ stato inoltre anche ridotto il rapporto di riserva di liquidità dal 15% al 10% per rilasciare liquidità aggiuntiva alle banche commerciali per iniettarla ulteriormente per sostenere le attività economiche e in particolare i settori più colpiti dalla pandemia, in un’economia che si deve ancora riprendere dalla devastazione causata da anni di guerra civile tra le forze governative leali al presidente Salva Kiir e quelle alleate con il vice presidente Riek Machar. [MV]