Etiopia

Direttore Cooperazione Italiana in visita a cluster calzaturiero supportato da UNIDO

ETIOPIA – Nel corso della prima giornata della sua missione in Etiopia, il direttore dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS) Laura Frigenti ha visitato ieri EIFCCOS (Ethio-International Footwear Cluster Cooperative Society) un cluster produttivo situato nel distretto di Yeka, ad Addis Abeba, che riunisce un totale di 173 micro e piccole imprese impegnate nel settore della pelle e della produzione di scarpe.

Finanziato e sostenuto dalla Cooperazione italiana, l’assistenza tecnica ad EIFCCOS si inserisce nel quadro di un’iniziativa promossa dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO), al fine di garantire supporto diretto alle piccole e medie imprese etiopi attive nella produzione di calzature e altri prodotti in pelle, identificando oltre quello di Yeka anche altri due cluster, nei quartieri di Merkato e Kirkos ad Addis Abeba.

A Yeka il direttore Frigenti ha avuto la possibilità di incontrare alcuni tra i quasi 1600 lavoratori impiegati nei laboratori per la produzione di scarpe in pelle e associati ad EIFCCOS in forma cooperativa.

“L’obiettivo di questo progetto è consentire all’Etiopia di affermarsi a livello regionale come hub nella produzione della pelle – ha detto il segretario del cluster di Yeka, Wondimagen Gossaye – Le attività si sono concentrate sinora nel sostegno alla produzione, consentendo di creare delle reti per l’acquisto delle materie prime e macchinari, e per l’accesso al mercato locale tra le piccole e medie imprese coinvolte; la prossima fase sarà invece focalizzata maggiormente sulle attività di marketing per consentire alle imprese di inserirsi nei mercati regionali”.

Il progetto dei tre cluster, che nella sua prima fase ha ricevuto un finanziamento di 750.000 euro da parte della Cooperazione italiana, ha offerto sinora assistenza a 377 imprese impegnate nella trasformazione della pelle che, in diversi distretti di Addis Abeba, impiegano direttamente quasi 4000 persone.

Ad accompagnare Laura Frigenti nella sua visita presso il cluster di Yeka sono stati Aurelia Calabrò, a capo della Divisione per le tecnologie agro-industriali di UNIDO, e Andrea De Marco, responsabile del progetto per conto di UNIDO, che hanno spiegato come il progetto si inserisca all’interno del quadro del Programma di partenariato Paese (PCP) per l’Etiopia della stessa UNIDO, che ha lavorato in sinergia con il ministero dell’Industria etiopico per definire nuove misure capaci di facilitare lo sviluppo delle piccole e medie imprese impegnate nel settore manifatturiero in partership con il settore privato.

Per offrire maggiori informazioni, UNIDO ha realizzato un breve documentario video dedicato al progetto dei cluster della pelle in Etiopia visibile online su Youtube al seguente indirizzo: https://youtu.be/jbcxW2g2Cnk[MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Etiopia Free

    Diga sul Nilo, Addis Abeba annuncia prossimo...

    ETIOPIA - L’invaso della diga sul Nilo azzurro sarà riempito a partire dalla prossima stagione delle piogge: a dichiararlo è stato il premier etiope Abiy Ahmed prendendo in contropiede Egitto e Sudan, che sono contrari a tale tempistica.

    Secondo quel che viene riportato dal sito di Africa Rivista, Abiy ha affermato che i disaccordi tra il suo Paese e l’Egitto sul gigantesco progetto idroelettrico sul Nilo azzurro saranno risolti in seno all’Unione Africana, che attualmente sta mediando i colloqui in corso su un potenziale accordo.

    “L’Etiopia non danneggerà l’Egitto e inizierà a riempire la diga sfruttando la stagione delle piogge. Non priveremo l’Egitto di acqua e raggiungeremo un accordo presto”, ha detto il premier etiope.

    Negli ultimi giorni, Addis Abeba ha assistito a grandi manifestazioni a seguito dell’omicidio del famoso cantante Hachalu Hundessa, che è stata ucciso a colpi di arma da fuoco da ignoti nella capitale del Paese. I disordini hanno causati decine di morti e feriti. Il primo ministro ha affermato che i recenti disordini interni non freneranno il suo piano per riempire la diga.

    “Se l’Etiopia non riempie la diga, significa che l’Etiopia ha costruito un’opera inutile – ha aggiunto il premier - Su altri punti possiamo raggiungere un accordo lentamente nel tempo, ma per il riempimento della diga possiamo raggiungere e firmare un accordo già quest’anno”.

    Egitto e Sudan hanno dichiarato che le tre nazioni avevano concordato di ritardare il riempimento del bacino idrico della diga fino al raggiungimento di un accordo e quindi si oppongono alla decisione unilaterale di Addis Abeba.

    L’Unione Africana il mese scorso ha invitato le tre nazioni ad astenersi dal prendere qualsiasi azione che possa “mettere a repentaglio o complicare” i suoi sforzi per trovare una soluzione accettabile a tutte le parti in causa. In questi giorni sono in corso colloqui mediati dalla Ua organizzati in risposta a un invito del presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa, l’attuale presidente della organizzazione internazionale. Dovrebbero concludersi l’11 luglio. [MV]

  • Rwanda Free

    Fondi per sostenere industria ‘made in Rwanda’

    RWANDA - Il governo di Kigali ha stanziato una cifra pari a sette milioni di dollari per promuovere la trasformazione industriale del Paese e sostenere l’iniziativa ‘made in Rwanda’.

    A riportarlo sono i media locali, di quali si apprende che i fondi saranno destinati alle imprese locali interessate a modernizzare le loro linee di produzione, garantendo l’adozione in fabbriche degli standard di qualità e delle norme di sicurezza, in modo da poter essere più competitivi sul mercato domestico e su quelli internazionali.

    Negli ultimi anni il governo ruandese ha adottato diverse misure per rafforzare la produzione industriale di beni e servizi per raggiungere non solo l'autosufficienza domestica, ma anche per aumentare la competitività all’estero.

    Secondo le autorità, il sostegno concesso all’iniziativa ‘Made in Rwanda’ dovrebbe consentire di ridurre il deficit commerciale, che nel 2019 è aumentato del 17%. [MV]

  • Kenya Free

    Verso adozione standard ecologici in  edilizia sociale

    KENYA - Il programma governativo di edilizia sociale in Kenya adotterà gli standard di edilizia ecologica della Società finanziaria internazionale (IFC) del gruppo della Banca mondiale.

    Ad annunciarlo è stato il segretario principale del ministero dei Lavori pubblici responsabile per gli alloggi e lo sviluppo urbano, Charles Hinga, sottolineando come il Kenya sia intenzionato a costruire i nuovi alloggi utilizzando tecniche e metodologie che consentano di ridurre le emissioni inquinanti al fine di combattere i cambiamenti climatici.

    "Lo standard minimo per la progettazione di case in edilizia sociale che siano al tempo stesso economiche e rispettose del clima deve’essere l'eccellenza di IFC nella progettazione per il programma di certificazione di bioedilizia di maggiore efficienza (EDGE)”, ha detto Hinga ricordando come tale standard comporti un 20% in meno nell’uso di energia, nonché un minore utilizzo di  acqua ed energia nei materiali di costruzione.

    Nell'ambito del suo programma di edilizia sociale, il Kenya intende costruire 500.000 unità abitative da destinare alle fasce di popolazione più a basso reddito entro la fine del 2022. [MV]

  • Sud Sudan Free

    Drastica riduzione del tasso di interesse

    SUD SUDAN - La Banca centrale del Sud Sudan ha comunicato di aver ridotto il suo tasso d’interesse di riferimento dal 13 al 10% per mitigare gli effetti della pandemia di covid-19 sull'economia.

    Si tratta della seconda volta da aprile che la Banca centrale del Sud Sudan ha tagliato il suo tasso d’interesse, che in precedenza era fissato al 15%.

    Secondo quel che ha dichiarato il governatore della Banca, Gamal Abdalla Wani, la revisione al ribasso è stata decisa per ridurre i costi dei finanziamenti al settore privato da parte delle banche commerciali.

    “I prestiti saranno più convenienti e andranno a vantaggio sia delle imprese che dei cittadini in questo momento di crisi", ha detto Wani annunciando il taglio.

    E’ stato inoltre anche ridotto il rapporto di riserva di liquidità dal 15% al 10% per rilasciare liquidità aggiuntiva alle banche commerciali per iniettarla ulteriormente per sostenere le attività economiche e in particolare i settori più colpiti dalla pandemia, in un’economia che si deve ancora riprendere dalla devastazione causata da anni di guerra civile tra le forze governative leali al presidente Salva Kiir e quelle alleate con il vice presidente Riek Machar. [MV]

  • Somalia Free

    Opposizione contraria a rinvio del voto

    SOMALIA - I principali partiti di opposizione in Somalia si oppongono fermamente alla decisione della commissione elettorale di rimandare il voto del 2020.

    Secondo le formazioni di opposizione lo spostamento si configura come “una cospirazione per estendere il mandato del presidente Mohammed Abdullahi Farmaajo”.

    Il Partito Wadajir guidato dal principale oppositore Abdirahman Abdishakur Warsame, il Forum for National Parties (Fnp), una coalizione di sei partiti guidata dagli ex presidenti Sharif Sheikh Ahmed e Hassan Sheikh Mohamud, e il Somalia Welfare Party hanno sostenuto che l’annuncio della commissione elettorale è stato fortemente influenzato da Villa Somalia (la residenza del presidente della Repubblica).

    La Somalia avrebbe dovuto tenere le elezioni parlamentari a dicembre e le elezioni presidenziali a febbraio, ma il presidente della commissione, Halima Yarey, ha annunciato a fine giugno sarà tutto spostato nel 2021. Questo voto avrebbe dovuto rappresentare una svolta storia. Per la prima volta da cinquant’anni, i somali avrebbero potuto votare individualmente (come avviene nelle principali democrazie) e non attraverso gli anziani dei rispettivi clan.

    Il presidente Farmaajo ha ripetutamente assicurato che la sua amministrazione è determinata a organizzare le elezioni. Il 28 maggio scorso, il premier Hassan Ali Kheyre ha incaricato i ministri di organizzare il voto.

    “Tenere elezioni è più importante di ogni altra cosa in questo momento ed è uno degli obiettivi primari che i cittadini ci hanno affidato”, ha dichiarato Kheyre dopo una riunione del governo. Ma l’amministrazione Farmaajo teme che i continui attentati di al-Shabaab, uniti all’epidemia di coronavirus e alle recenti alluvioni, possano influenzare le elezioni. [Africa Rivista]

  • EgittoEritrea Free

    Politica e affari nell'incontro tra al-Sisi e Isaias

    EGITTO / ERITREA - Affari e alleanze geopolitiche, si è discusso di questo nell'incontro che si è tenuto ieri, lunedì 6 luglio, al Cairo tra il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi e il suo omologo eritreo Isaias Afwerki al Cairo. Sotto il profilo strategico, i due Paesi si affacciano entrambi sul Mar Rosso e condividono interessi comuni. Entrambi hanno come solidi alleati l'Arabia Saudita e gli Emirati arabi uniti ed entrambi lavorano per contenere l'influenza dell'Etiopia nel Corno d'Africa (in particolare sul dossier della diga sul Nilo). Negli ultimi anni è poi aumentata anche la cooperazione economica soprattutto in agricoltura e nella pesca. Negli ultimi anni è si è consolidata anche l'assistenza tecnica all'Eritrea da parte della Egyptian Agency of Partnership for Development. Il presidente eritreo, arrivato domenica nella capitale egiziana, rimarrà fino a mercoledì 8 luglio.