Etiopia

Direttore Cooperazione Italiana in visita a cluster calzaturiero supportato da UNIDO

ETIOPIA – Nel corso della prima giornata della sua missione in Etiopia, il direttore dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS) Laura Frigenti ha visitato ieri EIFCCOS (Ethio-International Footwear Cluster Cooperative Society) un cluster produttivo situato nel distretto di Yeka, ad Addis Abeba, che riunisce un totale di 173 micro e piccole imprese impegnate nel settore della pelle e della produzione di scarpe.

Finanziato e sostenuto dalla Cooperazione italiana, l’assistenza tecnica ad EIFCCOS si inserisce nel quadro di un’iniziativa promossa dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO), al fine di garantire supporto diretto alle piccole e medie imprese etiopi attive nella produzione di calzature e altri prodotti in pelle, identificando oltre quello di Yeka anche altri due cluster, nei quartieri di Merkato e Kirkos ad Addis Abeba.

A Yeka il direttore Frigenti ha avuto la possibilità di incontrare alcuni tra i quasi 1600 lavoratori impiegati nei laboratori per la produzione di scarpe in pelle e associati ad EIFCCOS in forma cooperativa.

“L’obiettivo di questo progetto è consentire all’Etiopia di affermarsi a livello regionale come hub nella produzione della pelle – ha detto il segretario del cluster di Yeka, Wondimagen Gossaye – Le attività si sono concentrate sinora nel sostegno alla produzione, consentendo di creare delle reti per l’acquisto delle materie prime e macchinari, e per l’accesso al mercato locale tra le piccole e medie imprese coinvolte; la prossima fase sarà invece focalizzata maggiormente sulle attività di marketing per consentire alle imprese di inserirsi nei mercati regionali”.

Il progetto dei tre cluster, che nella sua prima fase ha ricevuto un finanziamento di 750.000 euro da parte della Cooperazione italiana, ha offerto sinora assistenza a 377 imprese impegnate nella trasformazione della pelle che, in diversi distretti di Addis Abeba, impiegano direttamente quasi 4000 persone.

Ad accompagnare Laura Frigenti nella sua visita presso il cluster di Yeka sono stati Aurelia Calabrò, a capo della Divisione per le tecnologie agro-industriali di UNIDO, e Andrea De Marco, responsabile del progetto per conto di UNIDO, che hanno spiegato come il progetto si inserisca all’interno del quadro del Programma di partenariato Paese (PCP) per l’Etiopia della stessa UNIDO, che ha lavorato in sinergia con il ministero dell’Industria etiopico per definire nuove misure capaci di facilitare lo sviluppo delle piccole e medie imprese impegnate nel settore manifatturiero in partership con il settore privato.

Per offrire maggiori informazioni, UNIDO ha realizzato un breve documentario video dedicato al progetto dei cluster della pelle in Etiopia visibile online su Youtube al seguente indirizzo: https://youtu.be/jbcxW2g2Cnk[MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Climatescope, Kenya in cima alla classifica rinnovabili

    KENYA - Grazie a investimenti e politiche nel campo delle energie rinnovabili, il Kenya è entrato tra i primi cinque Paesi africani del rapporto annuale Climatescope, pubblicato ogni anno da Bloomberg New Energy Finance. Al di là della crescente quota di energia idroelettrica, il Kenya - si legge nel rapporto - sta progressivamente aggiungendo solare, eolico e geotermico; inoltre nel 2018 ha registrato il più massiccio investimento nelle rinnovabili grazie a uno stanziamento di 1,4 miliardi di dollari. Restando al 2018, il Kenya è poi risultato uno tra i Paesi più ricercati dagli investimenti esteri, raccogliendo circa un terzo del totale degli investimenti fatti in Africa Subsahariana. [MS]
  • Somalia Free

    Panoramica sulla Somalia oggi

    SOMALIA - Situata strategicamente nel Corno d’Africa e confinante con Etiopia, Gibuti e Kenya, la Somalia presenta una superficie di circa 637.660 chilometri quadrati (il doppio dell’Italia), con una costa che si estende per 3.025 chilometri lungo il Golfo di Aden a nord e l’Oceano Indiano a est. Territorio La terra fertile comprende il 70% del Paese, di cui circa il 2% è terreno coltivabile, mentre il 68% è pascolo permanente. Le principali aree di produzione agricola sono situate nella Somalia centro-meridionale, lungo i fiumi Juba e Shabelle, e in parte del Somaliland, con colture come mais, sorgo, sesamo e fagioli. La Somalia presenta un clima arido o semiarido e una topografia prevalentemente desertica. Il Paese è ad alto rischio di catastrofi naturali, in particolare siccità, che unita al disboscamento incontrollato, sta portando a una sempre maggiore desertificazione. La siccità che ha colpito il Paese con quattro stagioni delle piogge al di sotto della media stagionale tra il 2016 e il 2017 hanno portato il settore agricolo-pastorale quasi al collasso con la perdita massiccia dei raccolti, carenza diffusa di acqua e pascoli, e aumento della mortalità del bestiame. Situazione idrica Le regioni settentrionali sono montagnose, con altitudini tra i 900 e i 2.100 m sul livello del mare, mentre nella parte meridionale si trovano i maggiori corsi d’acqua, i fiumi Shebelle e Juba, condivisi con l’Etiopia. Le infrastrutture idriche costruite prima della guerra civile sono andate distrutte e durante le forti piogge negli altopiani etiopici si verificano inondazioni nelle zone fluviali nella Somalia centrale e meridionale, con immediate conseguenze sul piano umanitario. Popolazione Lo studio di Unfpa State of the World Population stima la popolazione somala nel 2018 a 15,2 milioni di persone, con un tasso di crescita medio annuo di circa il 2,9% tra il 2010 e il 2018 (6,1 figli per donna). L’aspettativa di vita sta migliorando, raggiungendo 55 anni per gli uomini e 59 anni per le donne. Circa il 79% della popolazione al di sotto dei 24 anni. Anche in Somalia si registra un aumento della popolazione urbana - recentemente spinto anche dalla siccità dell’interno - rispetto a quella rurale, con circa il 45% della popolazione che nel 2018 risiedeva in centri urbani. Secondo le ultime analisi statistiche, entro il 2050 circa il 64% della popolazione risiederà in poche città della Somalia (Mogadiscio, Hargeisa, Berbera, Kismayo). Analfabetismo e disoccupazione sono diffusi. Il governo federale della Somalia indica un tasso di disoccupazione del 24,8%, mentre le statistiche delle Nazioni Unite indicano circa il 47%. Economia
    Nel 2017 il pil stimato era pari a 7 miliardi di dollari, circa 497 dollari pro-capite, una performance decisamente al di sotto della media degli Stati fragili e degli Stati dell’Africa subsahariana. Il tasso percentuale della popolazione che vive al di sotto della soglia di povertà (1,90 dollari al giorno) supera il 50%. L’insicurezza alimentare provoca un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, con conseguente diminuzione del potere di acquisto delle famiglie. L’indice dei prezzi al consumo (Consumer Price Index) ha registrato un tasso di inflazione annuale del 3,49% a dicembre 2018. La volatilità dei prezzi al consumo rimane un’altra delle questioni da affrontare a livello macro-economico per la stabilità del Paese. [Elaborazione su dati Aics]
  • Somalia Free

    Italy-Somalia Business Forum, a Mogadiscio una piazza...

    SOMALIA - Capire le opportunità di business del settore privato somalo, conoscerlo meglio, mostrarne quindi le reali potenzialità e i settori produttivi in cui la Somalia può creare il vero valore aggiunto, saranno il filo conduttore dell’Italy-Somalia Business Forum che UNIDO organizza oggi e domani a Mogadiscio in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri italiano, la Cooperazione Italiana e il Governo somalo. “La scelta dei settori su cui il Forum concentra l’attenzione è stata fatta guardando alle prospettive di crescita del Paese: agroalimentare e infrastrutture e costruzioni sono i settori di punta, perché è da qui che la Somalia vuole e può ripartire” ha spiegato Ygor Scarcia, rappresentante UNIDO a Mogadiscio. “Un’appendice significativa - ha aggiunto Scarcia - sarà poi la parte dedicata al social housing, dal momento che anche in Somalia, come in altre parti d’Africa, si assiste a spostamenti di popolazione dalle campagne alle città, in particolare verso Mogadiscio, Baidoa, Kismayo, Garowe, Bosaso, Hargeisa, richiedendo un attento lavoro di pianificazione e controllo. L’altro grande tema è quello dell’energia, perché senza di essa non ci può essere sviluppo, e anche in questo caso la Somalia mostra di avere gli ingredienti giusti, con molti spazi a disposizione per impianti fotovoltaici e fattorie eoliche”. All’iniziativa è prevista la presenza di oltre 300 delegati somali tra rappresentanti istituzionali ed esponenti del mondo imprenditoriale e della società civile; una decina invece le imprese italiane che hanno risposto all’invito di UNIDO. [GB]
  • Uganda Free

    A febbraio la V edizione della Pearl of Africa Tourism...

    UGANDA – Si terrà dal 4 al 6 febbraio la Pearl of Africa Tourism Expo – POATE 2020, la fiera del turismo organizzata dall’Uganda Tourism Board (Utb) per la V edizione. Sono attesi professionisti del settore turistico nazionali ed internazionali, tour operator, agenzie di viaggi, e tutti i protagonisti di questo settore economico sempre più importante per l’Uganda. Nel corso della presentazione dell’evento, il ministro del Turismo Godfrey Kiwanda ha sottolineato l’importanza dei viaggi intra-africani. L’Expo POATE 2020 sarà un crocevia di incontri tesi a creare nuove opportunità per lo sviluppo delle attività turistiche in Uganda. “Vogliamo posizionarci come migliore destinazione turistica in Africa e nel mondo. In Uganda esiste una diversità, in termini di natura, di cultura, di stili di vita, in grado di attirare il più gran numero possibile di visitatori, di prodotti, di sport…” aveva detto recentemente in un’intervista  Lily Ajarova, CEO dell’Utb. L’Uganda intende anche posizionarsi tra le migliori destinazioni per l’accoglienza di conferenze e fiere (MICE) e promuovere le proprie infrastrutture disponibili in materia. [CC]
  • EgittoSud Sudan Free

    Elsewedy Electric selezionata per un parco fotovoltaico...

    SUD SUDAN / EGITTO – La società egiziana Elsewedy Electric ha firmato a Juba un contratto per la realizzazione di un progetto fotovoltaico ibrido in Sud Sudan. Del valore di 45 milioni di dollari, l’impianto solare dotato di sistema di stoccaggio a batteria sarà ubicato a Nesitu, a 23 km dalla capitale sud-sudanese. Esteso su 250.000 m2, il parco fotovoltaico potrà generare 20 megawatt di elettricità e stoccarne altri 35, a partire dall’anno prossimo “Essere stati selezionati dal governo della Repubblica del Sud Sudan è un privilegio” ha detto Ahmed El Sewedy, presidente e CEO della compagnia egiziana, precisando che si tratterà di uno dei più grandi impianti di stoccaggio di energia fotovoltaica d’Africa. Circa 58.000 abitazioni dovrebbero poter beneficiare dell’energia prodotta a Nesitu. Per il finanziamento è intervenuta l’Afreximbank- African Export-Import Bank. [CC]
  • Etiopia Free

    Missione ad Addis Abeba per il primo viaggio di Von der...

    ETIOPIA - Ha portato alla firma di accordi per un valore di 170 milioni di euro il primo viaggio fuori dai confini europei per Ursula Von der Leyen nella sua veste di presidente della Commissione europea.

    La decisione di recarsi in visita ad Addis Abeba, secondo quel che ha dichiarato la neo-presidente della Commissione europea, è legata alla volontà di capire “le tendenze che modellano l’Africa e l’Unione Africana, lo sviluppo nel continente, il continente nel suo insieme, le priorità politiche ed economiche”.

    La visita era in realtà indirizzata per la prima volta all’Unione Africana. Tuttavia, la prima donna presidente della Commissione europea ha avuto anche un incontro di cortesia con la prima donna Presidente della Repubblica federale di Etiopia, Sahle-Work Zewde, e con il premier e vincitore quest’anno del premio Nobel per la pace, Abiy Ahmed.

    In base a quel che viene reso noto dai media che riportano la notizia, gli accordi firmati ad Addis Abeba prevedono finanziamenti per 100 milioni di euro diretti al sostegno diretto al bilancio statale dell’Etiopia, 50 milioni di euro a sostegno del settore sanitario, 10 milioni di euro per l'istruzione e 10 milioni di euro per la creazione di posti di lavoro. [MV]