Etiopia

Direttore Cooperazione Italiana in visita a cluster calzaturiero supportato da UNIDO

ETIOPIA – Nel corso della prima giornata della sua missione in Etiopia, il direttore dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS) Laura Frigenti ha visitato ieri EIFCCOS (Ethio-International Footwear Cluster Cooperative Society) un cluster produttivo situato nel distretto di Yeka, ad Addis Abeba, che riunisce un totale di 173 micro e piccole imprese impegnate nel settore della pelle e della produzione di scarpe.

Finanziato e sostenuto dalla Cooperazione italiana, l’assistenza tecnica ad EIFCCOS si inserisce nel quadro di un’iniziativa promossa dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (UNIDO), al fine di garantire supporto diretto alle piccole e medie imprese etiopi attive nella produzione di calzature e altri prodotti in pelle, identificando oltre quello di Yeka anche altri due cluster, nei quartieri di Merkato e Kirkos ad Addis Abeba.

A Yeka il direttore Frigenti ha avuto la possibilità di incontrare alcuni tra i quasi 1600 lavoratori impiegati nei laboratori per la produzione di scarpe in pelle e associati ad EIFCCOS in forma cooperativa.

“L’obiettivo di questo progetto è consentire all’Etiopia di affermarsi a livello regionale come hub nella produzione della pelle – ha detto il segretario del cluster di Yeka, Wondimagen Gossaye – Le attività si sono concentrate sinora nel sostegno alla produzione, consentendo di creare delle reti per l’acquisto delle materie prime e macchinari, e per l’accesso al mercato locale tra le piccole e medie imprese coinvolte; la prossima fase sarà invece focalizzata maggiormente sulle attività di marketing per consentire alle imprese di inserirsi nei mercati regionali”.

Il progetto dei tre cluster, che nella sua prima fase ha ricevuto un finanziamento di 750.000 euro da parte della Cooperazione italiana, ha offerto sinora assistenza a 377 imprese impegnate nella trasformazione della pelle che, in diversi distretti di Addis Abeba, impiegano direttamente quasi 4000 persone.

Ad accompagnare Laura Frigenti nella sua visita presso il cluster di Yeka sono stati Aurelia Calabrò, a capo della Divisione per le tecnologie agro-industriali di UNIDO, e Andrea De Marco, responsabile del progetto per conto di UNIDO, che hanno spiegato come il progetto si inserisca all’interno del quadro del Programma di partenariato Paese (PCP) per l’Etiopia della stessa UNIDO, che ha lavorato in sinergia con il ministero dell’Industria etiopico per definire nuove misure capaci di facilitare lo sviluppo delle piccole e medie imprese impegnate nel settore manifatturiero in partership con il settore privato.

Per offrire maggiori informazioni, UNIDO ha realizzato un breve documentario video dedicato al progetto dei cluster della pelle in Etiopia visibile online su Youtube al seguente indirizzo: https://youtu.be/jbcxW2g2Cnk[MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Burundi Free

    Via ufficiale al nuovo partito di Agathon Rwasa, il...

    BURUNDI – E’ stato accreditato dal ministero dell’Interno il Congresso nazionale per la libertà (Cnl) di Agathon Rwasa, ex leader della storica ribellione delle Forze nazionali di liberazione (Fnl)-Palipehutu. Con questo nuovo partito, Rwasa e i suoi sostenitori quasi sicuramente imboccheranno la via delle elezioni presidenziali del 2020, alle quali l’attuale presidente Pierre Nkurunziza non si ricandiderà. La procedura di registrazione della formazione aveva subito un a battuta d’arresto perché il primo nome scelto, Fronte nazionale per la libertà, aveva lo stesso acronimo delle Forze nazionali di liberazione, da anni trasformato in partito politico, ma del quale Rwasa si era staccato per formare la fazione Fnl Amizero y’Abarundi, denunciando manipolazioni del potere per influenzare un’altra fazione del Fnl. “Abbiamo accolto questo riconoscimento giuridico del nostro partito con grande soddisfazione. Ormai è un diritto, la legge lo riconosce, non ci sono più ostacoli” ha commentato l’ex capo ribelle, che ha vissuto anni in esilio. [CC]
  • Somalia Free

    Governo annuncia bando per l’esplorazione petrolifera...

    SOMALIA – Il governo somalo è pronto a lanciare, tra qualche mese, il suo primo bando internazionale per l’esplorazione petrolifera. Il Paese del Corno d’Africa possiede coste lunghissime e crede nella presenza di riserve offshore. I primi studi sismici condotti dalle aziende britanniche Soma Oil & Gas e Spectrum Geo hanno confortato tale speranze, rivelando possibili riserve da 100 miliardi di barili lungo la costa dell’Oceano Indiano, tra Garad e Kismayo. Il primo bando dovrebbe uscire a novembre, seguito dai primi accordi di condivisione della produzione il 9 dicembre e un’entrata in vigore delle licenze il 1° gennaio 2020. Per preparare gli investitori, il governo ha già iniziato ad organizzare un roadshow internazionale di presentazione. La notizia ha fatto reagire l’opposizione somala ed alcuni parlamentari. Sebbene possibili investimenti nel settore degli idrocarburi possano tradursi in benefici per la Somalia, l’opposizione ritiene che il Paese non è pronto in questa fase – non esiste ancora un codice petrolifero – e la classe dirigente è considerata troppo corrotta per gestire i contratti in maniera equa e trasparente. Il presidente della commissione Risorse naturali della Camera alta del Parlamento, Ilyas Ali Hassan, avrebbe dichiarato che la decisione traduce un’assenza di ragionevole diligenza e una violazione della Costituzione, da parte del presidente Mohamed Abdullahi Mohamed. La Costituzione del 2012, tuttora provvisoria, non contiene regolamenti ben definiti sullo sfruttamento delle risorse naturali e prevede in ogni caso una consultazione tra il governo federale e i governi locali, consultazione che non è avvenuta. [CC]
  • Etiopia Free

    Inaugurato impianto per lavorazione del sesamo

    ETIOPIA - E’ stata inaugurata alla periferia di Addis Abeba una fabbrica per la trasformazione del sesamo, il cui obiettivo è produrre tahina per un valore pari a circa 10 milioni di dollari all’anno. A segnalarlo sono i media locali, precisando che l’impianto è frutto di una collaborazione tra la Compagnia etiope per l’esportazione del sesamo e l’israeliana Genuine. Denominato Krotaj, il consorzio si propone di lavorare ogni anno circa 3700 tonnellate di sesamo, pari a circa l’1% dell’intera produzione etiope dei semi di questa pianta. Il sesamo è uno dei maggiori prodotti che costituiscono il paniere delle esportazioni dell’Etiopia, che con circa 370.000 tonnellate è tra i maggiori produttori continentali dopo Tanzania, Sudan e Nigeria. In base alle informazioni a disposizione, l’esportazione dei semi di sesamo non lavorati dall’Etiopia ha generato introiti per un valore pari a circa 300 milioni di dollari. [MV]
  • Burundi Free

    Consegnato dalla Cina il palazzo presidenziale di...

    BURUNDI – Dieci anni dopo l’avvio del cantiere, è stato consegnato ufficialmente alle autorità burundesi il nuovo palazzo presidenziale di Bujumbura, un sontuoso ed immenso edificio realizzato e finanziato dalla Cina con circa 20 milioni di euro. La nuova struttura statale si trova nel distretto di Mutimbuzi, a nord della capitale, ed è circondata da 40 ettari di giardini. "Questa è la prima volta nella storia in cui possiamo contare su una struttura così bella. Questo fatto testimonia relazioni politiche e diplomatiche più forti tra Burundi e Cina", ha detto il ministro degli Esteri burundese Ezechiel Nibigira in occasione della firma del documento di consegna. Fino ad ora, il palazzo della Presidenza era un edificio in affitto. Sul posto però, riserve ed interrogativi si moltiplicano, poiché il governo burundese ha deciso di trasferire la capitale amministrativa da Bujumbura a Gitega e che il presidente Pierre Nkurunziza è raramente presente a Bujumbura. Il viceportavoce della Presidenza Alain Diomède ha ammesso che per il momento il palazzo non sarà occupato. Per alcune voci della società civile, questo dono cinese sarebbe in realtà una moneta di scambio per l’ottenimento di altri contratti in Burundi. [CC]  
  • Rwanda Free

    In corso l’Africa Tech Summit a Kigali

    RWANDA – Circa 400 esponenti del settore delle Tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni sono riuniti a Kigali per l’ Africa Tech Summit, evento che vuole essere una vetrina delle ultime tendenze africane in materia di Ict. Da ieri e fino a questa sera sono in corso conferenze ed incontri tra attori africani ed internazionali del settore. Secondo gli organizzatori, sono rappresentate le più grandi aziende e startup del settore per creare rete e presentare le ultime novità e tendenze nel mondo della comunicazione e dell’informazione, come lo streaming video e la fornitura di contenuti. Al’Africa Tech Summit di Kigali, al quale seguirà l’Africa Tech Summit di Londra a luglio, vuole essere uno strumento utile per gli investitori interessati dal comparto Ict in Africa. [CC]
  • Etiopia Free

    Enat Bank sigla accordo con operatore di money transfer

    ETIOPIA - Enat Bank ha stretto una partnership con uno dei principali operatori attivi nel servizio di money transfer. L’accordo è stato siglato con WorldRemit e consentirà trasferimenti di denaro digitale in Etiopia. Usando l’app WorldRemit o il sito web, la diaspora etiopica che è sparsa in oltre 50 paesi, potrà inviare denaro a qualsiasi account Enat Bank e 41 nuovi punti di prelievo in contanti ad Addis Abeba e nelle regioni Oromia, Amhara, Tigray e SNNPR. Le rimesse svolgono un ruolo importante nell’economia dell’Etiopia. Secondo la Banca Nazionale dell'Etiopia, il paese ha ricevuto oltre 5 miliardi di dollari di rimesse nell’anno fiscale 2017/2018. [MS]