Etiopia

Lanciato progetto UNIDO per imprenditoria femminile e giovanile

ETIOPIA – Prevede uno stanziamento iniziale di 900.000 euro per i prossimi cinque anni, il progetto per promuovere l’imprenditoria femminile e giovanile in Etiopia lanciato nei giorni scorsi dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO), a margine del Forum internazionale sull’agro-industria svoltosi la settimana scorsa ad Addis Abeba.

“Abbiamo deciso di perseguire un approccio basato sullo sviluppo industriale inclusivo e sostenibile per contrastare la disoccupazione giovanile e promuovere la valorizzazione delle donne – ha detto il direttore generale di UNIDO, Li Yong – L’enfasi è posta perciò sul sostegno alle piccole e medie imprese attraverso la facilitazione dell’accesso al credito e la formazione di competenze professionali per sostenere lo sviluppo del settore privato”.

All’evento di presentazione del progetto, finanziato congiuntamente dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS) e dalla Cooperazione allo sviluppo austriaca (OEZA), erano presenti insieme al direttore generale di UNIDO anche il ministro di Stato etiope dell’Industria, Mebreahtu Meles, il direttore dell’AICS Laura Frigenti e l’ambasciatore dell’Austria ad Addis Abeba, Andreas Melán.

“L’enfasi alle piccole e medie imprese è un tema molto caro all’Italia – ha detto il direttore dell’AICS, Laura Frigenti – Abbiamo visto che è stato questo modello a consentire al nostro Paese di trasformarsi nel secondo dopoguerra in un’economia del G7 e riteniamo che sia il più adatto a sostenere una crescita che sia il più equa e sostenibile possibile”.

Il progetto – che sarà portato avanti nell’area di Addis Abeba e nelle cinque regioni dell’Etiopia dov’è prevista la realizzazione dei quattro parchi agro-industriali (Oromia, Amhara, Tigray e Regione delle Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud) e del Corridoio infrastrutturale – consentirà di rafforzare il dialogo politico in merito alla promozione imprenditoriale in Etiopia così come sostenere la formazione di nuove capacità professionali a livello nazionale e regionale, inclusi gli operatori fornitori di servizi finanziari e per l’accesso al credito.

“Negli ultimi anni abbiamo visto molte innovazioni introdotte nel settore finanziario dei grandi affari relativamente ai temi dell’accesso al credito – ha detto ancora il direttore Frigenti nel suo intervento – Vorremo adesso che tali innovazioni siano estese anche al settore delle PMI e del micro-credito”. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Sudan Free

    A Kassala un hub di supporto a imprenditori con la...

    SUDAN - Nell’ambito del progetto ‘Sviluppo delle filiere e accesso a servizi finanziari per una crescita economica inclusiva nello Stato di Kassala’ finanziato dal governo italiano tramite l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, si è svolta la cerimonia di inaugurazione di un hub di supporto a imprenditori realizzato presso l’Università di Kassala.  “Attraverso la realizzazione di questo hub, un team di trainers certificati offrono servizi di formazione e coaching a potenziali imprenditori impegnati in progetti di agro-business; l’Università di Kassalâ assicurerà assistenza tecnica e follow-up allo scopo di promuovere lo sviluppo economico dei piccoli/medi imprenditori” ha affermato l’Ambasciatore italiano, Gianluigi Vassallo. “Il nostro obiettivo e di creare business attraverso le reti d’impresa nel lungo periodo, promuovendo la partnership tra pubblico, privato e iniziative di cooperazione” ha concluso l’Ambasciatore.  Il progetto è realizzato in collaborazione con l’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (Unido).  Ali Mohammad Ali, Direttore Generale del ministero della Produzione e delle Risorse Economiche ha ringraziato l’Italia per il supporto e si è impegnato a incentivare azioni per il raggiungimento di una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, un’occupazione piena e produttiva e un lavoro dignitoso per tutti.
  • CamerunKenya Free

    Lapsset diventa un progetto continentale, il corridoio...

    KENYA - Il programma del corridoio infrastrutturale dedicato ai trasporti tra il porto di Lamu, in Kenya, il  Sud Sudan e l’Etiopia (Lapsset) è stato adottato come progetto dell’Unione Africana. Questo fatto implica una riprogettazione dello stesso corridoio per collegare il porto di Lamu sulla costa orientale dell’Africa al porto camerunese di Douala nell’Oceano Atlantico. L’adozione del progetto da parte dell’Unione Africana eleva lo status dello stesso allo scopo di attrarre maggiori investimenti diretti esteri e da parte di altri finanziatori. Significa anche che l’implementazione sarà ora una questione regionale sotto l’egida dell’Unione Africana, con quest’ultima che considera il progetto d'importanza strategica per la realizzazione della zona di libero scambio continentale africana (AfCFTA). L’Alto rappresentante dell’Unione Africana per lo sviluppo delle infrastrutture, Raila Odinga, ha reso noto gli ultimi sviluppi durante una cerimonia tenutasi la scorsa settimana a Mombasa, in Kenya. Alla cerimonia hanno partecipato i ministri del Kenya, dell’Etiopia e del Sud Sudan, che hanno firmato un memorandum di intesa per lo sviluppo e il finanziamento del progetto. [MS]
  • Rwanda Free

    Stabilimento lavorazione del latte a Gicumbi

    RWANDA - Il sottosettore zootecnico del Rwanda dovrebbe ottenere un notevole impulso e gli allevatori di latte un mercato pronto per i loro prodotti, grazie alla costruzione di uno stabilimento che produrrà latte in polvere. Secondo informazioni del ministero del Commercio e dell’Industria, la capacità installata di questo impianto consentirà di lavorare 252.000 litri di latte al giorno. Lo stabilimento sarà costruito a Byumba del distretto di Gicumbi, nel nord del Paese. La fabbrica sarà di proprietà e gestita da una società chiamata East African Dairies, una partecipazione tra Triomf East Africa (80%) e i produttori di latte del distretto di Gicumbi (20%). Secondo il quotidiano locale New Times il processo di creazione della fabbrica sta procedendo bene e i negoziati per un finanziamento tra Triomf e la Banque Populaire du Rwanda (Bpr) stanno facendo buoni progressi. Secondo i programmi, la costruzione dell’impianto dovrebbe essere avviata entro la fine del 2020, i lavori dureranno 12 mesi. [MS]
  • KenyaNigeria Free

    I nigeriani di Access Bank acquisiscono un istituto di...

    NIGERIA / KENYA - Uno dei principali istituti di credito nigeriani, la Access Bank, ha acquisito la keniana Transnational Bank. La notizia è stata confermata dalla Banca centrale del Kenya.  L’accordo è l’ultimo di una serie di intese che sta riguardando il settore bancario del Paese dell’Africa orientale dove dal 2017, per una serie di motivi, è in corso un generale consolidamento del settore. Access Bank, ha un patrimonio di 16 miliardi di dollari, è focalizzata sul corporate retail banking e - secondo un comunicato della Banca centrale keniana - ha i numeri per favorire la crescita del volume d’affari di Transnational Bank. “L’acquisizione dovrebbe rafforzare la resilienza del settore bancario del Kenya” si legge nello stesso comunicato dove però non si accenna ai termini della transazione. Transnational Bank conta al momento 28 sportelli in tutto il Paese. Access Bank opera invece in sette Paesi africani e in Gran Bretagna, a ha uffici di rappresentanza in Cina, Emirati Arabi Uniti, Libano e India. [MS]
  • Kenya Free

    Al via programma per distribuzione prodotti contro le...

    KENYA - Il governo di Nairobi ha siglato un contratto con la società olandese Koppert Biological Systems per distribuire agli agricoltori keniani un prodotto naturale per contrastare le aflatossine.

    A darne notizia sono i media specializzati, dai quali si apprende che il programma è destinato in particolare ai piccoli e medi agricoltori impegnati nella produzione di mais e arachidi.

    Secondo quel che viene reso noto, il governo keniano si occuperà di distribuire a un prezzo sussidiato di 1,8 euro al chilo il prodotto Aflasafe, sviluppato dalla Koppert dopo un intenso lavoro di ricerca svolto in collaborazione con l'Organizzazione per la ricerca agricola e zootecnica del Kenya (KALRO) e l'Istituto internazionale di agricoltura tropicale (IITA).

    Le aflatossine (o afflatossine) sono micotossine prodotte da specie fungine appartenenti alla classe degli Ascomiceti oppure da altre muffe. Le aflatossine sono altamente tossiche e sono ritenute essere tra le sostanze più cancerogene esistenti.

    In condizioni ambientali favorevoli le spore degli Aspergillus germinano e successivamente colonizzano le granaglie (cereali, legumi, semi oleosi) e la frutta secca, da queste possono trasferirsi ai carboidrati derivati (farine). [MV]

  • Rwanda Free

    FMI: crescita economica continua ad accelerare

    RWANDA – Corre l’economia del Rwanda, che continua a far registrare prestazioni macroeconomiche invidiabili, secondo l’ultima revisione effettuata dal Fondo Monetario Internazionale al termine di una missione nel paese. Secondo una nota diffusa nel fine settimana dal FMI, l'economia del Ruanda dovrebbe crescere dell'8% nel 2020 e nel 2021 rispetto all'8,5% stimato nel 2019. Una crescita sostenuta dagli investimenti privati ​​e dal commercio, ha affermato il Fondo monetario internazionale (FMI), in un’economica che dipende in gran parte dall'agricoltura, dal turismo e dalle miniere. “Le prestazioni macroeconomiche del Ruanda rimangono forti. La crescita continua a battere tutte le aspettative, con una media del 10,3 per cento nella prima metà del 2019, grazie al boom del settore delle costruzioni, alla solida attività nei servizi e alla sana produzione agricola. Di conseguenza, la previsione di crescita per il 2019 è stata rivista dal 7,8 all'8,5 per cento, con un forte rischio al rialzo, soprattutto in considerazione dei dati sul PIL recentemente pubblicati che suggeriscono che l'economia è cresciuta a doppia cifra nel terzo trimestre del 2019” si legge nel resoconto della missione del FMI tenuta ai primi di gennaio nel paese. “Il deficit fiscale nel 2018/19 era superiore al previsto a causa della rapida attuazione della spesa per investimenti; ma è rimasto nei limiti del programma. Ciò, combinato con una maggiore domanda di importazioni di beni strumentali necessari per l'edilizia, ha portato ad un ampliamento del disavanzo delle partite correnti” scrive ancora il Fondo. L’Fmi vede quindi all’orizzonte dei “rischi” di ulteriore rialzo delle stime, grazie alla continuazione dei forti investimenti privati, all’aumento degli scambi regionali e alla crescita dei profitti legati ai grandi progetti di investimento pubblico. I fattori di rischio reali che potrebbero rallentare la crescita includono quelli legati agli alti prezzi del carburante, a condizioni meteorologiche imprevedibili e a problemi regionali, facendo un implicito riferimento alle tensioni politico-militari col vicino Uganda.