Ghana

Joint-venture sino-canadese per sviluppare sito aurifero

GHANA - La compagnia estrattiva canadese Asante Gold ha formato una joint-venture con la cinese Beijing Fuxing Xiao-Cheng Electronic Technology Stock (BFXC) per sviluppare il sito minerario di Kubi, situato nei pressi di Dunkwa vicino la città di Cape Coast, e avviare le attività di produzione commerciale d'oro. A darne notizia sono i media specializzati, aggiungendo che l'accordo ha un valore economico pari a 19,5 milioni di dollari e prevede la creazione di una joint-venture al 50% tra le due società per sviluppare il sito minerario di Kubi e l'acquisizione di una quota del 30% da parte della BFXC nella sussidiaria ghanese di Asante Gold. L'accordo è tuttavia soggetto ad approvazione da parte delle autorità ghanesi competenti e degli organi sociali delle due compagnie coinvolte. Asante Gold ha acquisito nel 2008 una concessione ventennale per lo sfruttamento del sito aurifero di Kubi, dove si stima siano presenti giacimenti per 66 milioni di once di oro. [MV]© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    Prezzo cacao aumenterà del 21% nella stagione 2022...

    GHANA - In Ghana, una tonnellata di cacao sarà venduta 12.800 cedi (1248 dollari) durante la stagione del cacao 2022/2023. L’annuncio è stato dato da Owusu Afriyie Akoto, ministro dell’Agricoltura. Questo importo rappresenta un aumento del 21% rispetto alla tariffa precedentemente applicata (10.560 cedi) durante le ultime due stagioni. Secondo il funzionario, l’aumento “è una prova dell’impegno del governo a garantire un reddito dignitoso agli agricoltori e a rendere la produzione di cacao redditizia”. Nonostante questo aumento, la stampa locale fa notare che il prezzo garantito ai produttori ghanesi rimane comunque inferiore a quello in vigore sul versante ivoriano. Al chilogrammo, la fava di cacao ghanese costerà 12,5 cedi, ovvero 1,2 dollari, contro gli 1,36 dollari della materia prima coltivata in Costa d’Avorio (900 franchi Cfa). Una piccola differenza che, secondo le autorità, non dovrebbe stimolare il contrabbando tra i due Paesi confinanti. L’inizio della stagione 2022/2023 è previsto per il 7 ottobre. Per questo nuovo esercizio finanziario, il 3 ottobre la Cocobod ha contratto un prestito sindacato di 1,13 miliardi di dollari con banche internazionali per gli acquisti di cacao, mentre gli analisti si aspettavano una somma di 1,3 miliardi di dollari. Si prevede un volume di 850.000 tonnellate nella nuova stagione, rispetto a uno stock di 689.000 tonnellate nel 2021/2022, il livello più basso degli ultimi 12 anni. [VGM]
  • Nigeria Free

    Annuciati sei centri di tecnologia e innovazione

    NIGERIA - Il ministro nigeriano per la Scienza, la Tecnologia e l’Innovazione Henry Ikoh, ha spiegato che l’istituzione di centri di tecnologia e innovazione nelle sei zone geopolitiche rafforzerà la collaborazione dei ricercatori necessaria per ottenere i risultati di ricerca desiderati nel Paese. A dirlo il ministro durante un incontro sull’istituzione dei centri di tecnologia e innovazione per la competitività e la produttività globali ad Abuja. Secondo il ministro, i centri mirano a stabilire un quadro per la consultazione, la condivisione di esperienze, informazioni e pratiche, nonché a creare un ambiente favorevole tra gli scienziati. Ikoh ha affermato che i centri di tecnologia e innovazione, sono progettati per fungere da centri di eccellenza con l’obiettivo di migliorare il loro ruolo nello sviluppo socio-economico del Paese. [GT]
  • Nigeria Free

    Sostegno a Pmi, fondi da Banca di sviluppo

    NIGERIA - La Banca Africana di Sviluppo (AfDB) ha dichiarato di aver approvato un prestito di 25 milioni di dollari per ridurre il gap di finanziamento del commercio in Nigeria, rendendo disponibili risorse finanziarie alle piccole e medie imprese (Pmi). In un comunicato, la banca precisa di aver approvato una linea di credito per il finanziamento del commercio di 15 milioni di dollari e una garanzia di transazione di 10 milioni di dollari per la Fsdh Merchant Bank in Nigeria, al fine di fornire prestiti alle imprese locali. Nell’ambito della parte di garanzia, l’Afdb garantirà anche fino al 100 per cento dei rischi di mancato pagamento derivanti dalle lettere di credito e da analoghi strumenti di finanziamento commerciale emessi dalla Fsdh. Secondo l’AfDB, ciò consentirà di confermare le transazioni commerciali originate dalla Fsdh, a vantaggio delle imprese locali di importazione ed esportazione. Complessivamente – viene precisato nella nota – nei prossimi tre anni lo strumento catalizzerà oltre 200 milioni di dollari di transazioni commerciali in diversi settori, tra cui l’agricoltura, l’industria manifatturiera e l’energia. “La disponibilità di strumenti di finanziamento commerciale per guidare gli sforzi di ripresa economica post-pandemia non può essere sottolineata oltre”, ha dichiarato Lamin Barrow, direttore generale della banca per la Nigeria, in un comunicato. La banca stima che il gap di finanziamenti commerciali per l’Africa sia di 82 miliardi di dollari. Le Pmi e le altre aziende nazionali hanno maggiori difficoltà ad accedere ai finanziamenti commerciali rispetto alle multinazionali e alle grandi aziende locali. [VGM]
  • Africa CentraleAfrica Occidentale Free

    Operatori portuali formati per scongiurare il...

    AFRICA CENTRALE/OCCIDENTALE - La Commissione ECOWAS e la Ports Management Association of West and Central Africa hanno sviluppato attività di cooperazione tecnica e rafforzamento delle capacità e strumenti per le parti interessate nel sistema di sicurezza e protezione marittima e portuale. La Commissione ECOWAS sta organizzando dal 3 ottobre a Cotonou, in Benin, corsi di formazione sul “Codice internazionale per la sicurezza delle navi e degli impianti portuali (ISPS) e sul potenziamento dei porti per migliorare la sicurezza e la sicurezza marittima e portuale nell'Africa occidentale”. La formazione  proseguirà fino al 14 ottobre. L'obiettivo principale di questa formazione è sviluppare le capacità del personale portuale e degli attori coinvolti nella sicurezza dei porti e delle aree marittime dell'Africa occidentale secondo gli standard del codice ISPS e del codice IMDG (Codice marittimo internazionale delle merci pericolose). Questo seminario vedrà la partecipazione di esperti in sicurezza e protezione marittima degli Stati membri dell'ECOWAS, in particolare le autorità portuali, gli affari marittimi, il Consiglio degli caricatori, la Marina nazionale, l'Alto comando della gendarmeria nazionale, i rappresentanti della Commissione dell'ECOWAS e i Centri di coordinamento marittimo dell'ECOWAS. La formazione rientra nel quadro del Piano d'azione prioritario 2020-2024 per sradicare il terrorismo nell'area ECOWAS nella gestione delle frontiere e dei controlli di sicurezza via terra, aria, mare e fiume. [CN]
  • Ghana Free

    In crescita il consumo di gpl

    GHANA - In Ghana il consumo di gas di petrolio liquefatto (gpl) come principale fonte di combustibile per cucinare è aumentato dal 24,5% nel 2017 al 36,9% nel 2021. A renderlo noto l’amministratore delegato dell’Autorità nazionale di petrolio Mustapha Abdul-Hamid. Lo stesso ha spiegato che l’impennata di consumo dipende da interventi normativi per la promozione del gpl nelle zone rurali, distribuzione gratuita di bombole, istruzione pubblica intensificata sull’uso sicuro del gpl, lo sviluppo delle infrastrutture, il miglioramento della fornitura e la distribuzione e struttura dei prezzi del gpl. Parlando alla terza Conferenza ed Expo sul gpl dell’Africa occidentale dal tema “Rendere il gpl il carburante pulito dell’Africa occidentale”, ha affermato che l’obiettivo del governo è di garantire una penetrazione di almeno il 50% entro il 2050. [GT]
  • Togo Free

    Fabbrica indiana pronta per i primi vestiti made in...

    TOGO - Inizierà nel gennaio 2023 la commercializzazione dei capi di abbigliamento “Made in Togo” della Togo Clothing Company (Tcc), una società creata dal produttore indiano Itcrmg, all’interno della zona economica speciale “Pia”, ovvero Piattaforma industriale di Adetikope. Lo ha annunciato al portale economico Togo First, Sathiyamurthy Rajamanikkam, manager della Tcc. I prodotti tessili della fabbrica togolese sono destinati al mercato dell’Africa occidentale. L’obiettivo finale, quando le fabbriche raggiungeranno il livello massimo di produzione, è quello di cogliere le opportunità offerte dai mercati europeo e americano. La fabbrica impiega 500 lavoratori e dovrebbe raddoppiare il personale nei prossimi mesi. [CC]