Kenya

Italia e Kenya rinnovano l’accordo per il Centro Spaziale ‘Luigi Broglio’

KENYA / ITALIA – “Il sostegno alle nostre eccellenze del settore spaziale, in ambito multilaterale e bilaterale, è una priorità dell’azione di promozione della tecnologia italiana svolta dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale” – così Fabrizio Nicoletti, Capo dell’Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica del MAECI, ha commentato il rinnovo dell’accordo fra Italia e Kenya per il Centro Spaziale “Luigi Broglio” di Malindi. Il Centro – ideato nel 1964 dal Prof. Broglio dell’Università “La Sapienza” di Roma – è un polo di eccellenza della tecnologia aerospaziale italiana e uno strumento di dialogo scientifico e tecnologico con l’intero continente africano. “Quello spaziale è da sempre un settore che vede il nostro Sistema Paese all’avanguardia” – ha proseguito il diplomatico – “L’Italia è stato tra i primi Paesi europei a investire nello Spazio e, con il Progetto San Marco, fu negli anni ’60 il terzo Paese al mondo a mettere in orbita un satellite.”

L’Accordo, firmato per parte italiana dal Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Stefania Giannini, e dal Presidente dell’ASI, Roberto Battiston, a margine del primo “International Space Forum” tenutosi a Trento, prevede anche cinque Protocolli attuativi: “Supporto all’Agenzia Nazionale Spaziale keniana”; “Istituzione di un centro regionale per l’osservazione della Terra”; “Accesso ai dati di osservazione della Terra e ai dati scientifici”; “Attività di istruzione e formazione”; “Telemedicina”. Il suo rinnovo corona un negoziato guidato dalla Farnesina d’intesa con ASI, MIUR, MinDifesa ed altri Dicasteri e assicura la prosecuzione dell’attività del Centro che negli anni è stato base di lancio di numerosi satelliti e svolge oggi attività di assistenza a missioni spaziali e di acquisizione di dati satellitari. Intensa è la sua collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea-ESA, nel quadro del Protocollo trilaterale Italia-Kenya-ESA del 1995.

Sono circa quaranta, fra cui quelle delle principali Agenzie Spaziali mondiali, le delegazioni giunte a Trento dai cinque continenti per l’“International Space Forum”. La manifestazione, organizzata dall’International Astronautical Federation, dall’International Accademy of Astronautics e dall’Agenzia Spaziale Italiana, oltre agli interventi del Ministro Giannini e di Nicoletti, ha visto la partecipazione del Governatore del Trentino Alto Adige, Ugo Rossi, del Rettore dell’Università di Trento, Paolo Collini, e dei vertici di IAF, IAA e ASI. In agenda, rilevanti temi dell’attualità politica internazionale: cambiamenti climatici, big data e protezione della terra, con l’obiettivo della sottoscrizione finale di un Manifesto per lo Spazio. [Fonte: Farnesina]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • EgittoSudan Free

    Intesa tra Khartoum e il Cairo su produzione zootecnica

    EGITTO / SUDAN - I governi del Cairo e di Khartoum hanno firmato un memorandum d’intesa per costituire una società mista focalizzata sulla produzione zootecnica e agricola. Lo ha reso noto, con una dichiarazione ripresa dalla stampa locale, il ministero egiziano dell’Approvvigionamento, che ha spiegato che la società avrebbe un “grande” capitale d’avvio e rappresenterà un miglioramento importante nella cooperazione economica tra Egitto e Sudan. Il Sudan è noto per il suo bestiame, di cui il vicino Egitto è un grande importatore, e di recente i due paesi hanno intensificato la cooperazione su diversi fronti. Il Sudan riceverà anche 400 milioni di dollari dall’Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti per finanziare gli input della produzione agricola per le stagioni estive e invernali di quest’anno. [ASB]
  • Sudan Free

    Dalla Francia prestito ponte di 1,5 miliardi di dollari

    SUDAN - La Francia è pronta a concedere un prestito ponte fino a 1,5 miliardi di dollari per cancellare gli arretrati del Sudan con il Fondo monetario internazionale (Fmi). Ad affermarlo l’ambasciatore Jean-Michel Dumond, inviato speciale della Francia in Sudan e Sud Sudan, nel corso di un incontro ospitato da Chatham House. Il Sudan spera di rientrare nell’Iniziativa di cancellazione del debito dei Paesi poveri altamente indebitati (Hipc) entro giugno per riuscire a restituire 50 miliardi di debito estero a istituzioni finanziarie internazionali, creditori bilaterali ufficiali e creditori commerciali. La nazione africana ha già ottenuto prestiti ponte da Stati Uniti e Gran Bretagna per cancellare gli arretrati alla Banca mondiale e alla Banca africana di sviluppo. La Francia è il secondo più grande creditore bilaterale del Sudan dopo il Kuwait, secondo i dati del Fmi, e dovrebbe ospitare una conferenza economica sul Sudan il mese prossimo. “Siamo abbastanza ottimisti, la Francia è pronta a concedere un prestito ponte fino a 1,5 miliardi di dollari per il rimborso al Fmi – ha detto l’ambasciatore -. Il debito sudanese si aggira intorno ai 60-70 miliardi di dollari. La conferenza di Parigi registrerà gli impegni per la cancellazione del debito ma non prenderà una decisione finale”. Il Sudan sta uscendo da decenni di sanzioni economiche e isolamento sotto l’ex presidente Omar al-Bashir, che è stato deposto dai militari nell’aprile 2019. [EC]
  • AfricaComoreGhanaRepubblica Congo Free

    Gli operatori portuali in aiuto delle tartarughe marine

    AFRICA - Programmi per la conservazione della biodiversità e la sostenibilità degli spazi dove vengono svolte attività portuali: questo l’impegno preso dalla compagnia Bolloré Ports, operatore di concessioni portuali, particolarmente orientato alla salvaguardia delle tartarughe marine nel continente. “Bolloré Ports attribuisce importanza alla sostenibilità ambientale e sociale delle sue attività. È per questo motivo che tutti i nostri terminal portuali attuano una politica ambientale volta a preservare gli ecosistemi delle nostre strutture. Con l'aiuto di Ong ed esperti ambientali, i nostri team identificano e gestiscono i rischi ambientali e sociali associati alle nostre attività. A tal fine, stiamo implementando metodi innovativi per garantire la conservazione della flora e della fauna", ha affermato Olivier De Noray, direttore generale delle concessioni di Bolloré Ports. E così da una parte all’altra del continente: Congo Terminal, operatore del terminal container del porto di Pointe Noire, in Repubblica del Congo, Meridian Port Services (Mps), ad Accra, in Ghana, e il terminal Moroni, nelle Comore, sono impegnati in programmi e iniziative di sensibilizzazione sulla conservazione della biodiversità, e più particolarmente a favore della protezione delle tartarughe marine, sui danni del bracconaggio e sulle implicazioni dell'acqua per il pianeta. Inoltre, i terminal gestiti da Bolloré Ports sono impegnati nel processo di certificazione ambientale ISO 14001/2015. [CN]
  • Somalia Free

    Rischio record di sfollati a causa della siccità

    SOMALIA - In Somalia si rischia un numero record di sfollati a causa della siccità che sta colpendo diverse zone del Paese, lasciando decine di migliaia di persone senza acqua e senza mezzi di sussistenza: questo l’allarme lanciato dall’organizzazione umanitaria Consiglio norvegese per i rifugiati (Nrc). “Ancora una volta la Somalia si trova a dover affrontare una grave siccità. Le risorse idriche e i pascoli si stanno esaurendo giorno dopo giorno, con la conseguenza che le persone abbandonano le loro case con il bestiame alla ricerca di condizioni migliori. Siamo preoccupati che la siccità, unita al conflitto, possa portare a livelli record di sfollati quest’anno”, ha detto Mohamed Abdi, responsabile per la Somalia del Nrc. Secondo il progetto Protection and Return Monitoring Network gestito dall’agenzia Onu Unhcr insieme all’organizzazione norvegese, lo scorso anno sono stati più di un milione gli sfollati in Somalia a causa di alluvioni, conflitti e siccità. Il dato più alto dal 2016. E ad oggi sono stati registrati 112.000 sfollati nei primi tre mesi dell’anno, di cui il 34% a causa della siccità. “La siccità sarà probabilmente quest’anno il fattore principale dello spostamento di un gran numero di somali a causa dello scarse piogge stagionali. Il nostro personale sul campo sta riferendo di oltre 50 distretti già alle prese con livelli di siccità da moderati a gravi e prevede che la situazione peggiori”, ha aggiunto Abdi. In Somalia, l’impatto della siccità va di pari passo con quello delle inondazioni: “Sembra contraddittorio – ha ammesso il responsabile dell’organizzazione norvegese – ma in Somalia le inondazioni e la siccità in contemporanea sono una realtà. L’anno scorso le inondazioni sono state il principale fattore di grande spostamento. Dobbiamo prepararci a tutti gli shock climatici”. Secondo l’ultimo rapporto dell’Unicef sulla situazione umanitaria in Somalia, la mancanza di acqua e le difficoltà ad avere accesso ad acqua potabile hanno contribuito a far registrare casi di colera in alcune aree del paese. Al 23 marzo scorso sono stati registrati 780 casi sospetti di colera dall’inizio dell’anno, tra cui due decessi. Le Nazioni Unite hanno chiesto 1,09 miliardi di dollari per assistere quattro milioni di persone in condizioni di estremo bisogno in Somalia nel 2021, a fronte di una diffusa insicurezza, delle ricorrenti crisi climatiche e per l’impatto sull’economia della pandemia di covid. “Finora è stato coperto circa il 13% dell’appello, neanche lontanamente sufficiente per sostenere la popolazione a rispondere alla siccità e alle tante altre crisi – ha precisato Abdi – la comunità internazionale non deve voltare le spalle ai somali, in particolare alle comunità di pastori, che sono le più colpite. Bisogna fare il possibile per scongiurare altre sofferenze in Somalia”. [SS]
  • Tanzania Free

    Annunciata espansione cementificio di Dar es Salaam

    TANZANIA - Quindici milioni di dollari: questo l’importo che Tanzania Portland Cement (Twiga Cement) ha l'intenzione di investire per il 2021 nell’ambito di un programma di espansione e riabilitazione dell’azienda. Lo affermano fonti di stampa locali, precisando che le operazioni di ammodernamento porteranno la capacità di produzione dell’impianto con sede a Dar es-Salaam, sulla costa orientale della Tanzania, dagli attuali 1,2 Mt di cemento all’anno a circa 2 Mt. "Twiga Cement sta andando bene e ne siamo felici, ringraziamo anche il governo per un migliore ambiente imprenditoriale nonostante ci siano piccole sfide politiche su cui lavoreremo in collaborazione con istituzioni responsabili", ha affermato Danford Semwenda, direttore commerciale senior della compagnia, secondo il quale la sfida principale riguarda i ritardi dei carichi registrati al porto di Dar es Salaam. [CN]
  • Burundi Free

    Via libera a due progetti idroelettrici

    BURUNDI - Il governo di Bujumbura ha dato la proria approvazione a due progetti idroelettrici che saranno realizzati lungo i fiumi Mulembwe e Ruvyironza.

    A segnalarlo sono i media specializzati, dai quali si apprende che entrambi i progetti saranno portati avanti dalla società locale Songa Energy, joint-venture tra l'omonima compagnia energetica statunitense e la panafricana Virunga Power.

    Secondo le informazioni rese note, i due impianti consentiranno di aggiungere 10,65 megawatt alla rete elettrica nazionale. In particolare, il progetto di Mulembwe è il più grande con una capacità prevista di 9 MW che saranno realizzati attraverso l'installazione di una centrale elettrica ad acqua fluente nella provincia di Bururi, nel sud-ovest del Burundi.

    Entrambi i progetti sono stati sviluppati nell'ambito di un partenariato pubblico-privato (PPP) in cui Songa Energy venderà la sua produzione a Régie de production et distribution d'eau et d'électricité (Regideso) del Burundi. [MV]