Kenya

Italia e Kenya rinnovano l’accordo per il Centro Spaziale ‘Luigi Broglio’

KENYA / ITALIA – “Il sostegno alle nostre eccellenze del settore spaziale, in ambito multilaterale e bilaterale, è una priorità dell’azione di promozione della tecnologia italiana svolta dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale” – così Fabrizio Nicoletti, Capo dell’Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica del MAECI, ha commentato il rinnovo dell’accordo fra Italia e Kenya per il Centro Spaziale “Luigi Broglio” di Malindi. Il Centro – ideato nel 1964 dal Prof. Broglio dell’Università “La Sapienza” di Roma – è un polo di eccellenza della tecnologia aerospaziale italiana e uno strumento di dialogo scientifico e tecnologico con l’intero continente africano. “Quello spaziale è da sempre un settore che vede il nostro Sistema Paese all’avanguardia” – ha proseguito il diplomatico – “L’Italia è stato tra i primi Paesi europei a investire nello Spazio e, con il Progetto San Marco, fu negli anni ’60 il terzo Paese al mondo a mettere in orbita un satellite.”

L’Accordo, firmato per parte italiana dal Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Stefania Giannini, e dal Presidente dell’ASI, Roberto Battiston, a margine del primo “International Space Forum” tenutosi a Trento, prevede anche cinque Protocolli attuativi: “Supporto all’Agenzia Nazionale Spaziale keniana”; “Istituzione di un centro regionale per l’osservazione della Terra”; “Accesso ai dati di osservazione della Terra e ai dati scientifici”; “Attività di istruzione e formazione”; “Telemedicina”. Il suo rinnovo corona un negoziato guidato dalla Farnesina d’intesa con ASI, MIUR, MinDifesa ed altri Dicasteri e assicura la prosecuzione dell’attività del Centro che negli anni è stato base di lancio di numerosi satelliti e svolge oggi attività di assistenza a missioni spaziali e di acquisizione di dati satellitari. Intensa è la sua collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea-ESA, nel quadro del Protocollo trilaterale Italia-Kenya-ESA del 1995.

Sono circa quaranta, fra cui quelle delle principali Agenzie Spaziali mondiali, le delegazioni giunte a Trento dai cinque continenti per l’“International Space Forum”. La manifestazione, organizzata dall’International Astronautical Federation, dall’International Accademy of Astronautics e dall’Agenzia Spaziale Italiana, oltre agli interventi del Ministro Giannini e di Nicoletti, ha visto la partecipazione del Governatore del Trentino Alto Adige, Ugo Rossi, del Rettore dell’Università di Trento, Paolo Collini, e dei vertici di IAF, IAA e ASI. In agenda, rilevanti temi dell’attualità politica internazionale: cambiamenti climatici, big data e protezione della terra, con l’obiettivo della sottoscrizione finale di un Manifesto per lo Spazio. [Fonte: Farnesina]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Sud Sudan Free

    Oro e gomma per rilanciare l'economia

    SUD SUDAN - Il petrolio non basta più, serve un “Piano B”, che faccia leva sulle risorse minerali e naturali, per rilanciare l'economia sud-sudanese: lo ha affermato Gamal Abdalla Wani, il governatore della Banca centrale di Juba, secondo il quale, con il crollo del prezzo del petrolio dovuto alla pandemia di coronavirus, le casse rischiano di rimanere vuote. Il petrolio è la principale voce dell'export sudsudanese. Nel 2013, prima dello scoppio della guerra civile, il Paese ne produceva 350.000 barili. Nel febbraio di quest'anno, il ministero del Petrolio ha dichiarato che, quest'anno, la produzione non avrebbe superato i 200.000 barili al giorno. La pandemia ha portato a un calo dei consumi e a un crollo dei prezzi. Secondo il governatore, nei prossimi mesi l'economia del Paese ne risentirà in modo significativo. Da qui la necessità di trovare, al più presto nuove entrate per sostenere un bilancio pubblico in difficoltà. Ma come? Il governatore si è detto disposto a varare un piano di acquisto e di raffinazione dell'oro. Ma ha suggerito anche un aumento della produzione di gomma arabica - che si estrae dagli alberi di acacia e viene utilizzata in molte bevande gassate. Basterà? Al momento l'istituto centrale ha iniziato a stanziare fondi per sostenere i due settori, nella speranza che l'economia mondiale riprenda la sua corsa. [EC]
  • Sudan Free

    Un solar lab per testare tecnologie fotovoltaiche

    SUDAN - Uno speciale laboratorio per testare e certificare servizi per tecnologie a energia solare è stato aperto a Khartoum. Il laboratorio, denominato ‘Solar Lab’ è stato creato nell’ambito di una collaborazione tra il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (Undp) e la Sudanese Standards and Metrology Organization (Ssmo).  La funzione principale del laboratorio è garantire la qualità e la longevità dei sistemi solari importati e supportare la rivoluzione solare del Sudan, ha riferito in una nota l’Undp. I test del laboratorio garantiranno la qualità, l’autenticità e l’affidabilità di prodotti destinati a fornire energia rinnovabile agli utenti sudanesi per almeno 20 anni.  Il laboratorio testerà fra i 20 e i 30 pannelli solari, sistemi, pompe idrauliche al giorno. [MS]
  • Kenya Free

    Avviati colloqui con Usa per accordo commerciale...

    KENYA - Kenya e Stati Uniti hanno avviato formalmente negoziati per un accordo commerciale bilaterale. In una dichiarazione congiunta, i ministri del Commercio dei due Paesi, Betty Maina e Robert Lighthizer, hanno dichiarato di voler tenere un ciclo iniziale di colloqui nelle prossime due settimane. Il Kenya vuole raggiungere un accordo con Washington prima della scadenza dell'Africa Growth and Opportunity Act (Agoa), che consente agli Stati dell'Africa subsahariana di esportare migliaia di prodotti negli Stati Uniti senza tariffe o quote fino al 2025. “Riteniamo che questo accordo con il Kenya integrerà gli sforzi di integrazione regionale dell'Africa, anche nell’ambito della Comunità dell’Africa orientale e nella prossima Area di libero scambio continentale africana”, hanno detto Maina e Lighthizer. [MS]
  • Mauritius Free

    Annunciata realizzazione centri riciclo rifiuti

    MAURITIUS - Il ministro dell’Ambiente delle Mauritius, responsabile della gestione dei rifiuti solidi e dei cambiamenti climatici, Kavydass Ramano, ha dichiarato in parlamento che il governo costruirà cinque centri di riciclo dove le famiglie potranno smaltire rifiuti specifici che non sono raccolti dalle autorità locali. L’obiettivo è anche quello di risolvere l’annoso questione dei rifiuti abbandonati. Secondo Ramano, questa iniziativa intende sviluppare una strategia per la gestione dei rifiuti solidi in conformità con l'obiettivo di sviluppo sostenibile n. 12 delle Nazioni Unite che incoraggia la produzione e il consumo sostenibile. Secondo il ministro, la quantità di rifiuti prodotti sull'isola sta aumentando a un tasso annuale di circa il 2,8% e nel 2019 solo 545.000 tonnellate di rifiuti sono state effettivamente conferite in discarica. [MS]
  • Africa Orientale Free

    Contributo Unione Europea contro locuste

    AFRICA ORIENTALE - La Commissione europea ha destinato un contributo di 15 milioni di euro a sostegno della Fao e dei Paesi alleati per combattere l’invasione di locuste del deserto, attualmente in corso e considerata la peggiore vista nella regione negli ultimi decenni. I fondi sono pervenuti attraverso la Direzione generale della Cooperazione internazionale e dello sviluppo dell'Unione europea (Dg Devco). L'Unione europea aveva già versato un contributo di 11 milioni di euro per rispondere all'appello contro le locuste a febbraio.  Il Direttore Generale Fao, Qu Dongyu, ha preso atto del contributo: “La lotta contro le locuste del deserto - ha detto Qu - è lunga e lontana dall'essere conclusa,il sostegno continuo è fondamentale se vogliamo contenere la minaccia rappresentata da questi insetti”.  A partire da gennaio si stima che con il supporto della Fao sia stato debellato quasi mezzo trilione di locuste in operazioni di controllo nel Corno d'Africa e in Yemen e che siano state salvate dalla devastazione un milione di tonnellate di raccolti - sufficienti per sfamare circa 7 milioni di persone. Nonostante il successo delle operazioni di controllo che hanno interessato un'area di 500.000 ettari, le piogge intense della stagione primaverile hanno creato le condizioni ideali per la riproduzione e la potenziale distruzione causata dalle nuove generazioni di sciami può ancora provocare una crisi umanitaria mentre i nuovi sciami colpiscono l'Etiopia, il Kenya, la Somalia, il Sudan, il Sud Sudan e lo Yemen.
  • Etiopia Free

    Sale bilancio vittime di scontri

    ETIOPIA - E' arrivato a 239 il bilancio delle persone morte negli scontri della settimana scorsa seguiti all’uccisione del noto cantante e attivista Hachalu Hundessa. Considerato la voce degli Oromo, Hachalu è stato assassinato da ignoti dieci giorni fa ad Addis Abeba. Nei giorni successivi a quell’omicidio, folle di sostenitori sono scese in strada in diverse città dell’Etiopia, suscitando preoccupazione per il riacuirsi delle tensioni interetniche. "A causa degli scontri che sono avvenuti nella regione, 9 agenti, cinque membri della milizia e 215 civili hanno perso la vita", ha riferito Mustafa Kedir, capo della polizia dell’Oromia, regione a larga maggioranza Oromo, il più numeroso etnico del Paese, da anni scontento per la marginalizzazione politica ed economica di cui si sente vittima. A queste vittime, si aggiungono i dieci morti registrati nella capitale. Ci sono stati "estesi danni e saccheggi", ha aggiunto Kedir, precisando che 3.500 sospetti sono stati arrestati. La musica di Hachalu è stata la colonna sonora delle proteste antigovernative che hanno portato il leader Oromo Abiy Ahmed alla guida del Paese nel 2018. Tuttavia, in vista delle prossime elezioni, previste ad agosto ma spostate a causa della pandemia di coronavirus, diversi nazionalisti Oromo si sentono traditi dal primo ministro che è stato accusato di aver adottato le pratiche dei predecessori, con una serie di arresti tra le file dei suoi critici e oppositori, numerosi tra gli stessi Oromo. Per Abiy, l’uccisione di Hachalu e le violenze che ne sono scaturite fanno parte di un piano per destabilizzare il Paese, complice anche la tensione con i vicini Egitto e Sudan in merito alla mega diga sul Nilo Blu. Con queste notizie «si vuole distogliere lo sguardo del governo dalla diga», ha affermato il premier in Parlamento. [Africa Rivista]