AfricaMaliOpinioniR. Centrafricana

Les résultats mitigés des guerres africaines de François Hollande

MALI – In occasione del 27° Vertice Africa-Francia del 13 e 14 gennaio a Bamako, l’emittente francese Rfi (Radio France Internationale) fa un punto sulla situazione della sicurezza nel Sahel e in Centrafrica, dove le forze militari francesi sono attivamente impegnate. Secondo Rfi, l’impegno delle truppe tricolore nella regione è addirittura la più vasta operazione di terra francese sin dalla guerra d’Algeria. I risultati, però, non sono proprio brillanti.
Ecco ai nostri lettori la versione originale del resoconto pubblicato da Rfi.

Le 27e sommet Afrique-France s’ouvre ce vendredi 13 janvier à Bamako au Mali. Quatre ans après le déclenchement de l’opération Serval, les questions sécuritaires au Sahara et au Sahel seront encore au centre des débats. Pour le président François Hollande, ça sera aussi le dernier sommet africain, après cinq ans passés au pouvoir. Celui qui considérait en 2012 que le « temps de la Françafrique était révolu », a dû, dès 2013 engager son armée au Mali dans sa plus vaste opération au sol depuis la guerre d’Algérie. Quelques mois plus tard, le chef des armées envoyait les soldats français en Centrafrique pour une opération de stabilisation devant permettre de faire cesser les violences avant de passer la main à l’ONU. Si « les guerres africaines » de François Hollande ont permis d’éviter le pire, ses interventions musclées en Afrique ont finalement donné des résultats mitigés.
François Hollande ne regrette rien, l’opération Serval a permis de sauver le Mali, disait-il récemment devant les militaires français : « J’ai pris les initiatives nécessaires et nous sommes intervenus militairement. Et ce qui a été fait là-bas en termes de combats et de logistique a sauvé, non seulement le Mali, mais sans doute l’Afrique de l’Ouest ».
Pourtant, quatre ans après, rien n’est réglé. Le nord du Mali est en proie à une recrudescence de violences, et c’est même toute la région qui a été mise sous tension, comme l’a prouvé la série d’attentats qui a secoué Bamako, Grand-Bassam en Côte d’Ivoire et Ouagadougou au Burkina Faso en 2015 et en 2016. Dans toute la zone, les attaques ont plus que doublé en l’espace d’un an.
Barkhane et ses 4 000 hommes est l’héritage des années Hollande. Une dizaine de bases et de points d’appuis. Un budget de 500 millions d’euros par an et le G5 Sahel, une architecture de défense régionale qui a donné une nouvelle impulsion à la coopération entre les pays de la zone, mais qui peine à endiguer une menace transfrontalière. Une vingtaine d’opérations militaires conjointes ont été menées depuis 2014.
Sangaris, l’autre grande opération
L’autre grande opération militaire initiée par François Hollande est Sangaris, une mission prévue pour six mois en République centrafricaine, mais qui allait durer près de trois ans, déclenchée huit mois après la prise de Bangui. Une opération mal préparée, des troupes épuisées, l’image de l’armée entachée après des allégations d’abus sexuels sur des mineurs. Une guerre entre milices et une population déchirée.
La France se devait d’intervenir : « Il fallait bien qu’il y ait une force qui vienne au secours des civils. Nous l’avons fait. Puis maintenant, la mission étant largement accomplie, nous avons transféré notre responsabilité à l’ONU, et donc à la Minusca ».
Rien ne se passera comme prévu
La veille de l’arrivée du contingent français, Bangui est le théâtre d’une offensive surprise des anti-balaka et de la répression des Seleka. Les concepteurs de Sangaris n’avaient pas vu la capacité de nuisance des anti-balaka. Autre imprévu, alors que Paris espérait qu’ils jettent l’éponge face à la puissance de feu française, les Seleka font face aux soldats français. Conçue pour une courte durée, Sangaris se devait aussi d’accompagner la montée en puissance sur le terrain de la Force de l’Union africaine en Centrafrique (Misca), puis des casques bleus de la Force des Nations unies en Centrafrique (Minusca).
Parallèlement à cela, Paris peine à mobiliser ses partenaires européens pour qu’ils contribuent militairement à la stabilisation de la RCA. Sangaris doit donc s’installer plus longtemps que prévu. L’opération coûte cher. En 2015, nouvel horizon pour Sangaris, les militaires français devront attendre l’issue des élections pour quitter le pays. La France pousse pour leur organisation rapide. Mais ces scrutins sont plusieurs fois reportés.
Le problème des moyens
Une fois le nouveau pouvoir installé au printemps 2016, Paris annonce son désengagement, claironnant que la mission a été accomplie. Pourtant fin octobre, quand Sangaris quitte le pays définitivement, les responsables politiques centrafricains martèlent tous que le moment est mal choisi. Les violences repartent et la force onusienne est critiquée pour son inefficacité. Seulement, entretemps, les priorités stratégiques de la France ont changé. Et l’argent consacré à la mission Sangaris doit être dédié à des missions de lutte contre le terrorisme au Sahel, en France et au Moyen-Orient.
En Libye, alors que la défense préparait une intervention d’envergure, François Hollande aura préféré l’envoi de quelques dizaines de forces spéciales et d’opérateurs clandestins du service action de la Direction générale de la sécurité extérieure en France (DGSE). Une guerre de l’ombre contre des mouvements jihadistes au Maghreb. [Fonte: Rfi]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Da Bic un concorso per premiare l’arte africana

    AFRICA - Bic, leader mondiale nella produzione di cancelleria, accendini e rasoi, ha annunciato l’inizio del suo concorso artistico di punta, Art Master Africa arrivato oramai alla sua quinta edizione.
    Il concorso invita i talenti di tutta l’Africa e del Medio Oriente a esprimere la propria creatività producendo opere d’arte utilizzando la nota penna a sfera Bic. Il tema del concorso di quest’anno è “Celebrare l’Africa”, con l’invito agli artisti a presentare le proprie percezioni del continente e delle culture africane.
    Gli artisti possono partecipare al concorso presentando fino a tre opere d’arte originali di cosa significhi per loro “Celebrare l’Africa”. Le candidature verranno quindi esaminate e selezionate da una giuria che include artisti, professori d’arte, collezionisti, nonché i vincitori del concorso 2019 e 2021  Gayi Eric e Oscar Ukonu. La fase di invio delle candidature si chiuderà il 31 agosto prossimo. Una volta completata la fase di valutazione, i vincitori saranno annunciati entro il 15 ottobre.
    I primi, secondi e terzi classificati regionali saranno nominati Maestri d’arte africani, saranno celebrati nei rispettivi Paesi e riceveranno premi in denaro. Il primo classificato regionale riceverà anche la sua galleria personale online e l’opportunità di entrare a far parte della Bic Art Collection esposta a Parigi, in Francia.
    Il legame di Bic con l’arte dura da più di 60 anni. Il marchio celebra regolarmente la creatività e l’originalità degli artisti che trovano grande ispirazione nella creazione di capolavori utilizzando i prodotti Bic. La collezione d’arte di Bic comprende oltre 250 opere d’arte di 80 artisti internazionali. Bic mantiene numerose collaborazioni consolidate con istituti d’arte di tutto il mondo e espone i suoi prodotti in rinomati musei in tutto il mondo. Per maggiori informazioni, cliccare qui. [GT]
  • Africa Free

    Rinnovabili, da AfDB e Regno Unito garanzie per 2 mld...

    AFRICA - Il Regno Unito ha accettato di garantire 2 miliardi di dollari del debito che la Banca africana di sviluppo ha esteso ai governi del continente, consentendo in questo modo alla stessa AfDB di liberare finanziamenti per progetti legati al clima.  Akinwumi Adesina, presidente della banca che ha sede ad Abidjan, in Costa d'Avorio, ha dichiarato in un'intervista che la capacità di prestito aggiuntiva sarà utilizzata per finanziare progetti di resilienza climatica e di energia rinnovabile.  "Questo ci permette di liberare 2 miliardi di dollari di margine di finanziamento aggiuntivo per la banca". Le garanzie sono un passo avanti per colmare un vuoto di finanziamenti che l'Africa, il continente più colpito dal cambiamento climatico, deve colmare per finanziare il rafforzamento di infrastrutture come strade e ponti. Allo stesso tempo, le sue abbondanti risorse di energia solare e rinnovabile favoriscono lo sviluppo di energia più verde. [MS]
  • Africa Free

    Al G7 Macky Sall chiede un seggio per l’Ua nel G20

    AFRICA - In Germania, dove ha preso parte al vertice del G7 allargato a Elmau, il presidente senegalese Macky Sall ha chiesto un seggio nel G20 per Unione africana. L’attuale presidente dell’Unione africana (Ua) è convinto che un posto all’interno del G20 andrà a favore degli interessi del continente africano, che conta oltre 1,3 miliardi di abitanti e un Pil cumulato di oltre 2600 miliardi di dollari. Sall ha inoltre elogiato i Paesi partner che hanno sostenuto una transizione climatica equa ed equa per l’accesso universale all’elettricità in Africa. Secondo il presidente della Repubblica Macky Sall, più di 600 milioni di africani vivono ancora senza elettricità. Sall era stato invitato dal cancelliere tedesco Olaf Scholz, assieme al suo omologo sudafricano Cyril Ramaphosa, e ai leader di India, Indonesia e Argentina. [CC]
  • AfricaAlgeria Free

    Autostrada trans-sahariana sarà anche corridoio...

    ALGERIA - I ministri dei lavori pubblici dei Paesi membri del progetto stradale trans-sahariano hanno concordato sull'accelerazione della creazione di un corridoio economico, frutto dello sviluppo del progetto autostradale trans-sahariano. A riferirlo ieri ad Algeri è stato il segretario generale del Comitato di collegamento della autostrada trans-sahariana (Comité de liaison de la route transsaharienne, CLRT), Mohamed Ayadi. Durante un briefing con la stampa a margine della 73a sessione del CLRT, Ayadi ha sottolineato che questo accordo fa seguito a uno studio condotto dall'Unctad che raccomandava la creazione di un corridoio economico attraverso un meccanismo regionale per garantire un coordinamento "efficace" tra i Paesi membri al fine di migliorare la strada trans-sahariana. Questo potenziamento, ha affermato, dovrebbe comportare la facilitazione del transito, dei trasporti, del commercio e la generazione di investimenti, il tutto supportato dall'attuazione dell'Area di libero scambio continentale africana. Alla presenza dei ministri del settore dei Paesi membri del progetto dell'autostrada trans-sahariana (Algeria, Tunisia, Niger, Nigeria, Mali e Ciad), il ministro dei Lavori pubblici algerino, Kamel Nasri, ha preso atto dei progressi del progetto nei sei Paesi. Lo stesso ha indicato che è stato proposto di muoversi verso la promozione della autostrada trans-sahariana per ottenere un sistema che consenta la facilitazione del commercio lungo il corridoio, con l'uso delle tecnologie al fine di migliorare questa rete stradale. Da parte sua, il ministro nigeriano dei Lavori pubblici e dell'Edilizia abitativa, Mu'azu Sambo, ha ricordato che la autostrada trans-sahariana è stata "quasi completata", il che dovrebbe ora consentire di procedere verso un accordo di gestione economica del corridoio tra i sei Paesi membri. Il ministro tunisino dell'Equipaggiamento e dell'Edilizia abitativa, Sarah Zafarani, ha affermato l'interesse dei Paesi membri a realizzare studi e a portare a termine i lavori per sostenere gli investimenti. "La Tunisia è impegnata a lavorare con i Paesi membri della CLRT per realizzare un corridoio economico, aumentare gli scambi commerciali e migliorare la sicurezza su questa strada", ha dichiarato. Per l'Algeria, questa strada è considerata un asse strategico, poiché attraversa 10 wilaya lungo un percorso di 2.022 km, da Algeri a In Guezzam, al confine con il Niger, nell'estremo sud, passando per Blida, Médéa e poi El-Meniaa, Ain Salah e Tamanrasset. [MS]
  • Africa Free

    Germania restituisce opere a tre Paesi africani

    AFRICA - La Germania riconsegnerà a tre Paesi africani numerosi manufatti di inestimabile valore non solo economico sottratti durante il periodo coloniale. Lo ha riferito ieri la Fondazione prussiana per il patrimonio culturale secondo cui tra le opere che saranno restituite c’è una statua della dea madre Ngonnso’, che ha un grande significato spirituale per il popolo Nso’ del Camerun nord-occidentale.  La statua fa parte della collezione del Museo Etnologico di Berlino dal 1903, dopo essere stata "donata" da un ufficiale coloniale tedesco che l'aveva sottratta con la forza agli Nso'. La fondazione ha dichiarato che il suo consiglio di amministrazione ha raccomandato la restituzione della statua dopo lunghi colloqui tra i rappresentanti del museo e le delegazioni del Camerun. Alla Namibia saranno invece restituiti 23 manufatti, tra cui gioielli, utensili e oggetti di moda. Gli oggetti, anch'essi trafugati durante il periodo coloniale dal 1884 al 1919, erano stati inviati in Namibia il mese scorso a scopo di ricerca e ora vi rimarranno. La fondazione ha dichiarato che il suo presidente è stato anche autorizzato dal consiglio di amministrazione a firmare un accordo per la restituzione degli oggetti che la Germania ha saccheggiato in Tanzania durante la ribellione di Maji Maji. [MS]
  • Africa Free

    Dal G7 600 mld di dollari in infrastrutture

    AFRICA - I leader del G7 riuniti nel sud della Germania hanno dettagliato i piani per raccogliere 600 miliardi di dollari in fondi privati e pubblici per finanziare infrastrutture, in particolare nel continente africano, e per contrastare l'influenza della Cina nel mondo in via di sviluppo attraverso il suo progetto Belt and Road. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e altri leader del G7 hanno rilanciato il Partenariato per le Infrastrutture e gli Investimenti Globali (PGII, Partnership for Global Infrastructure and Investment), presentato in occasione dei colloqui del G7 dello scorso anno, in occasione del loro incontro annuale tenutosi quest'anno a Schloss Elmau, nel sud della Germania. Il PGII invita i leader del G7 a raccogliere 600 miliardi di dollari in cinque anni per finanziare l'avvio di progetti infrastrutturali nei Paesi a medio e basso reddito. Il programma risponde alla cosiddetta Belt and Road Initiative della Cina, che i funzionari occidentali sostengono da tempo intrappolare i Paesi beneficiari nel debito, con investimenti che avvantaggiano più la Cina che i Paesi ospitanti. Gli Stati Uniti hanno promesso di mobilitare 200 miliardi di dollari del totale attraverso sovvenzioni, fondi federali e investimenti privati. "Voglio essere chiaro. Non si tratta di aiuti o di carità. È un investimento che produrrà ritorni per tutti", ha detto Biden, aggiungendo che permetterà ai Paesi di "vedere i benefici concreti della collaborazione con le democrazie". Biden ha detto che centinaia di miliardi di dollari aggiuntivi potrebbero provenire da banche multilaterali di sviluppo, istituzioni finanziarie di sviluppo, fondi sovrani e altri. L'Europa mobiliterà 300 miliardi di euro per l'iniziativa, ha dichiarato il Presidente della Commissione Ursula von der Leyen. [MS]