MaroccoSahara Occidentale

In corso a Dakhla il Forum Crans Montana, focus su rinascita dell’Africa

MAROCCO / SAHARA OCC – L’Africa deve puntare sulla cooperazione sud-sud per affrontare le sfide che ha di fronte, quel “meccanismo, basato sulla cultura della condivisione e della solidarietà, che permetterà alle nostre nazioni di scambiare le proprie competenze direttamente”: è questo il messaggio lanciato dal re del Marocco, Mohammed VI, ai partecipanti del Crans Montana Forum in corso fino a domani a Dakhla, località del Sahara Occidentale dove sono riuniti oltre un migliaio di esperti, rappresentanti istituzionali, imprenditori ed esponenti di organizzazioni internazionali.

A riportarlo è l’agenzia di stampa AGI, ricordando che l’appuntamento arrivato alla sua terza edizione consecutiva a Dakhla è una piattaforma di discussione di alto livello sui temi principali nell’agenda dell’Africa del XXI secolo, dallo sviluppo agricolo e sicurezza alimentare, alla gestione delle risorse naturali, dalla sanità pubblica alle energie rinnovabili all’industria marittima, al ruolo dei giovani e delle donne nella società, fino alle migrazioni.

“Raggiungere quel rinascimento africano che aneliamo si basa su quanta fiducia abbiamo in noi stessi, su quanto contiamo sulle nostre capacità e potenzialità e quanto sapremo sfruttarle all’interno di una rete di cooperazione sud-sud e partenariati strategici di mutuo beneficio”, ha ricordato il monarca marocchino, guardando alla “nuova generazione di leader pragmatici che governano in Africa”.

In questo “orientamento africano”, ha concluso Mohammed VI, il Marocco tornato quest’anno al “suo legittimo e naturale posto in seno all’Unione africana” è “profondamente convinto della capacità del continente di affrontare le sfide che ha di fronte” ed è pronto a “contribuire, insieme agli altri Paesi, nel suo sviluppo”, così come alla sua “sicurezza e stabilità”.

Tra gli ospiti d’eccezione, il reverendo Jesse Jackson, “infaticabile sostenitore dei diritti e della dignità umana”, come l’ha presentato il fondatore di Crans Montana, Jean-Paul Carteron, introducendo sul palco una presenza costante del forum. Anche Jackson ha indicato “la cooperazione sud-sud e i partenariati” tra i paesi africani come “la soluzione”, sottolineando che “il mondo ha bisogno dell’Africa”.

E sul modello marocchino ha puntato l’attenzione Carteron, celebrando in particolare Dakhla: “Quello che è stato fatto qui dimostra che i miracoli sono possibili. Diventerà la Tangeri del sud, come hub per gli scambi”. [AGI/InfoAfrica]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Tunisia Free

    Per la prima volta una banconota raffigura una donna, ...

    TUNISIA – E’ quello della prima donna medico della Tunisina, Tawhida Ben Cheikh  (1909-2010), il primo volto femminile presente su una banconota del Paese nordafricano. Lanciato dalla Banca centrale il 27 marzo, la nuova moneta cartacea vale 10 dinari, l’equivalente di circa 3 euro. In un momento storico segnato da un’emergenza sanitaria mondiale, l’iniziativa è interpretata come una piccola rivoluzione e un  riconoscimento per i diritti e i successi delle donne del mondo arabo. E' anche vista come un omaggio al personale sanitario impegnato a fianco dei pazienti colpiti da covid-19. Prima donna medico della Tunisia,Tawhida Ben Cheikh  fu anche la prima donna tunisina musulmana a ottenere il diploma di maturità, nel 1928. Con il sostegno del dottore Etienne Burnet, direttore dell’Istituto Pasteur di Tunisi, Tawhida Ben Cheikh  si recò a Parigi per seguire studi universitari in medicina. Fu nel 1936 che ottenne il dottorato della disciplina, diventando la prima donna medico laureata del mondo arabo-musulmano. Specializzata in ginecologia e ostetricia, Tawhida Ben Cheikh  fu anche la prima donna membro del Consiglio dell’ordine dei medici di Tunisia. Nel 2012, lo Stato tunisino aveva emesso un francobollo con l’effige della dottoressa. La decisione di dedicare una banconota alla pioniera della medicina al femminile era stata presa circa un anno fa alla Banca centrale. [CC]
  • Marocco Free

    Il XV Salone dell’agricoltura diventa virtuale,...

    MAROCCO – Una piattaforma virtuale destinata alla commercializzazione per le cooperative agricole sarà messa in rete dagli organizzatori del XV Salone internazionale dell’Agricoltura del Marocco (Siam), cancellato a causa della pandemia di coronavirus in corso. Al posto degli incontri di persona e delle vetrine fieristiche, il consiglio d’amministrazione dell’associazione del Siam ha previsto di dare alle cooperative, protagoniste della fiera, la possibilità di vendere i propri prodotti via Internet, fornendo anche aiuto per la parte logistica. Il servizio sarà funzionante nei giorni in cui si sarebbe dovuto tenere il Siam, dal 14 al 19 aprile a Meknes. [CC]
  • Egitto Free

    Limitazioni a prelievo e deposito contanti

    EGITTO - La Banca centrale egiziana ha fissato un limite al prelievo giornaliero di contante sia per i privati che per le imprese. Il limite è di 10.000 lire egiziane per i primi e di 50.000 lire per i secondi.  Misure in questo senso sono state applicate anche ai prelievi e ai depositi attraverso i bancomat che potranno eccedere giornalmente le 5000 lire egiziane.  La decisione, ha riferito la stessa banca, è temporanea ed è legata all’attuale emergenza sanitaria globale (covid-19). Lo stesso istituto ha invitato i cittadini a ricorrere di più ai pagamenti elettronici. [MS]
  • Algeria Free

    Stop all’esportazione di numerosi generi di prima...

    ALGERIA – Sono ben 1219 – un elenco di 28 pagine – i prodotti di prima necessità che le autorità algerine hanno deciso di bloccare sul territorio nazionale in maniera temporanea durante l’emergenza da coronavirus. E’ pertanto sospesa l’esportazione di generi alimentari come la farina, il riso, la pasta, l’olio, lo zucchero, il caffè, l’acqua minerale, i legumi secchi, la semola, il concentrato di pomodori, i prodotti lattieri, la carne, la frutta e la verdura. Restano sul territorio nazionale a disposizione degli algerini anche le attrezzature medico sanitarie, i medicinali, i prodotti per l’igiene personale e i detersivi. Il provvedimento mira a evitare una possibile penuria di generi fondamentali nel periodo di crisi pandemica I casi ufficialmente registrati di covid-19 in Algeria sono ad oggi 584 e 35 i decessi. [CC]
  • Marocco Free

    Argento, aumenta la capacità produttiva della miniera...

    MAROCCO – A poco più di un anno dall’apertura, la compagnia estrattiva Maya Gold & Silver Inc ha annunciato l’espansione delle infrastrutture e della capacità produttiva della miniera d’argento di Zgounder, a 200 km a Sud da Marrakech. L’azienda ha eseguito 28 perforazioni da gennaio 2019 e nei mesi successivi, si sono aggiunti nuovi contratti di vendita. Alla fine del 2019, 1427 tonnellate di concentrato erano state inviate via nave perso la Cina. Alle vendite si sono aggiunti riduzioni nei costi di produzione, grazie a una tecnica di raffinazione usata dal partner cinese Xinhai. L’investimento previsto dall’operatore dovrebbe generare un aumento del 40% di produzione. La miniera di Zgounder appartiene all’85% alla Maya Gold & Silver, in joint venture con l’istituzione pubblica  “Office national des hydrocarbures et des mines”. [CC]
  • Egitto Free

    Investiti fondi per espandere connettività

    EGITTO - Sono stati pari a oltre 1,7 miliardi i fondi investiti nel corso del 2019 dal ministero delle comunicazioni e della tecnologia dell'informazione per espandere la capacità dei servizi Internet in Egitto.

    A dirlo è stato il ministro della comunicazione egiziano Amr Talaat, secondo il quale gli investimenti hanno consentito di espandere del 30% la capacità dei servizi Internet in Egitto.

    Secondo Talaat, senza queste nuove capacità, il Paese si troverebbe oggi in una grave crisi, soprattutto alla luce dell'elevata domanda da parte di tutti i segmenti della società a seguito dell’introduzione delle misure precauzionali adottate per contrastare la diffusione del coronavirus.

    Tra le misure introdotte dal governo egiziano, sono stati previsti un supporto all'e-learning durante il periodo di sospensione di scuole e università aumentando le capacità dei pacchetti Internet del 20% e la gratuita del servizio di navigazione a quelle piattaforme educative e siti web necessari a garantire che il corretto funzionamento del processo educativo durante la sospensione delle lezioni. [MV]