MaroccoSahara Occidentale

In corso a Dakhla il Forum Crans Montana, focus su rinascita dell’Africa

MAROCCO / SAHARA OCC – L’Africa deve puntare sulla cooperazione sud-sud per affrontare le sfide che ha di fronte, quel “meccanismo, basato sulla cultura della condivisione e della solidarietà, che permetterà alle nostre nazioni di scambiare le proprie competenze direttamente”: è questo il messaggio lanciato dal re del Marocco, Mohammed VI, ai partecipanti del Crans Montana Forum in corso fino a domani a Dakhla, località del Sahara Occidentale dove sono riuniti oltre un migliaio di esperti, rappresentanti istituzionali, imprenditori ed esponenti di organizzazioni internazionali.

A riportarlo è l’agenzia di stampa AGI, ricordando che l’appuntamento arrivato alla sua terza edizione consecutiva a Dakhla è una piattaforma di discussione di alto livello sui temi principali nell’agenda dell’Africa del XXI secolo, dallo sviluppo agricolo e sicurezza alimentare, alla gestione delle risorse naturali, dalla sanità pubblica alle energie rinnovabili all’industria marittima, al ruolo dei giovani e delle donne nella società, fino alle migrazioni.

“Raggiungere quel rinascimento africano che aneliamo si basa su quanta fiducia abbiamo in noi stessi, su quanto contiamo sulle nostre capacità e potenzialità e quanto sapremo sfruttarle all’interno di una rete di cooperazione sud-sud e partenariati strategici di mutuo beneficio”, ha ricordato il monarca marocchino, guardando alla “nuova generazione di leader pragmatici che governano in Africa”.

In questo “orientamento africano”, ha concluso Mohammed VI, il Marocco tornato quest’anno al “suo legittimo e naturale posto in seno all’Unione africana” è “profondamente convinto della capacità del continente di affrontare le sfide che ha di fronte” ed è pronto a “contribuire, insieme agli altri Paesi, nel suo sviluppo”, così come alla sua “sicurezza e stabilità”.

Tra gli ospiti d’eccezione, il reverendo Jesse Jackson, “infaticabile sostenitore dei diritti e della dignità umana”, come l’ha presentato il fondatore di Crans Montana, Jean-Paul Carteron, introducendo sul palco una presenza costante del forum. Anche Jackson ha indicato “la cooperazione sud-sud e i partenariati” tra i paesi africani come “la soluzione”, sottolineando che “il mondo ha bisogno dell’Africa”.

E sul modello marocchino ha puntato l’attenzione Carteron, celebrando in particolare Dakhla: “Quello che è stato fatto qui dimostra che i miracoli sono possibili. Diventerà la Tangeri del sud, come hub per gli scambi”. [AGI/InfoAfrica]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Africa Nord Free

    Costruzioni, un 2020 in crisi

    AFRICA DEL NORD - Il settore edile in Nord Africa sarà colpito da una tripla battuta d'arresto a causa del calo della produzione petrolifera, della discesa dei prezzi del petrolio e della contrazione dei settori non legati al petrolio. Secondo il think-tank GlobalData, questo triplice effetto, legato alla pandemia di coronavirus, porterà a una contrazione del comparto del 2,4% nel 2020. “Le attività dell'edilizia per il resto del 2020 - spiega Yasmine Ghozzi, economista di GlobalData - sono orientate su performance basse. Ogni anno si registra un calo delle attività edili nel mese sacro del Ramadan e nei mesi caldi di giugno, luglio e agosto ma viene di solito compensato da prestazioni forti all'inizio e alla fine di ogni anno. Quest'anno non andrà così a causa delle strette politiche di lockdown. Il settore affronterà un vento contrario anche nel 2021 con una ripresa molto lenta anche se il percorso sarà diverso tra i Paesi della regione”. L'unico Paese che conoscerà una crescita è l'Egitto dove si attende una crescita del7,7%, comunque in discesa rispetto al +9,5% del 2019. Nel Maghreb tagliate le previsioni per la crescita del settore edile in Tunisia, Marocco e Algeria, rispettivamente al -3%, -2,1%, e -2,5%. [EC]
  • Egitto Free

    In attività primo parco industriale eco-sostenibile

    EGITTO - Si chiama e2Alamein ed è il primo parco industriale eco-sostenibile operativo in Egitto.

    A renderlo noto è stato il Gruppo per lo sviluppo industriale (IDG), società del governo egiziano incaricata di facilitare gli investimenti privati nel Paese e già responsabile dello sviluppo del parco industriale di East Port Said.

    L’infrastruttura offre ai potenziali investitori industriali interessati i vantaggi di installare le proprie attività in un Paese che gode di molteplici accordi commerciali, tra cui l’adesione al Mercato comune dell’Africa orientale e australe (COMESA), all’Area di libero scambio del Consiglio dell’Unità economica araba (GAFTA) e al partenariato con l’Unione Europea.

    Il parco industriale si estende su una superficie complessive di 2,7 chilometri quadrati, proponendo oltre a capannoni e magazzini anche servizi ad hoc come un centro di certificazione, trasporti interni, spazi per conferenze e banche. [MV]

  • Egitto Free

    Terreni agli investitori per progetti industriali

    EGITTO - Il governo del Cairo ha aperto una nuova fase aperta agli investitori locali e internazionali per l’acquisizione di terreni nella regione dell’Alto Egitto dove realizzare progetti industriali.

    A darne notizia sono i media economici locali, precisando che titolare dell’iniziativa è l’Autorità per lo sviluppo industriale (IDA) mettendo a disposizione degli investitori 654 appezzamenti di terreno distribuiti in 12 governatorati e che le richieste di assegnazione saranno ricevute fino al 3 agosto prossimo.

    Maggiori informazioni sono disponibili consultando il portale elettronico della mappa degli investimenti industriali, dove è possibile ritirare anche i termini e le condizioni per le richieste, al link https://www.investinegypt.gov.eg. [MV]

  • EgittoEritrea Free

    Politica e affari nell'incontro tra al-Sisi e Isaias

    EGITTO / ERITREA - Affari e alleanze geopolitiche, si è discusso di questo nell'incontro che si è tenuto ieri, lunedì 6 luglio, al Cairo tra il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi e il suo omologo eritreo Isaias Afwerki al Cairo. Sotto il profilo strategico, i due Paesi si affacciano entrambi sul Mar Rosso e condividono interessi comuni. Entrambi hanno come solidi alleati l'Arabia Saudita e gli Emirati arabi uniti ed entrambi lavorano per contenere l'influenza dell'Etiopia nel Corno d'Africa (in particolare sul dossier della diga sul Nilo). Negli ultimi anni è poi aumentata anche la cooperazione economica soprattutto in agricoltura e nella pesca. Negli ultimi anni è si è consolidata anche l'assistenza tecnica all'Eritrea da parte della Egyptian Agency of Partnership for Development. Il presidente eritreo, arrivato domenica nella capitale egiziana, rimarrà fino a mercoledì 8 luglio.
  • Marocco Free

    Calo del pil a doppia cifra nel secondo trimestre

    MAROCCO - Una contrazione a due cifre è quella registrata dall’economia del Marocco nel secondo trimestre di quest’anno secondo le ultime stime rese note dal governo. La pandemia di covid-19 non lascia immune Rabat che vede una contrazione del 13,8%. Questa fase di calo, riferisce la stessa fonte, continuerà anche nel terzo trimestre con una stima di -4,6% in parte attenuata dalle misure di rilassamento del lockdown.  A fissa il dato anno su anno è stata invece la Banca Centrale secondo cui il 2020 si dovrebbe chiudere con -5,2%. Lo scorso anno la crescita era stata invece del 2,5%. [MS]
  • AlgeriaLibia Free

    Algeri pronta a mediare un tavolo per pace

    ALGERIA - Il gigante che fino allo scorso anno era rimasto silenzioso sulle vicende libiche, ora comincia a dire la sua su quanto sta avvenendo nel Paese confinante. Parlando ai microfoni di France 24, dopo aver aperto a una normalizzazione dei rapporti con la Francia, il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune si è detto pronto a una mediazione che faccia ragionare e porti attorno a uno stesso tavolo i diversi attori libici. Secondo Tebboune, la Libia si trova in una situazione simile a quella della Siria ovvero con un certo numero di interferenze straniere. Il rischio ulteriore, ha aggiunto, è quello di una “somalizzazione” del Paese, con le tribù armate l’una contro l’altra, e con la creazione di un quadro favorevole alla presenza di gruppi terroristici.  Per questi motivi l’Algeria sarebbe favorevole a ospitare una mediazione del conflitto libico ritenendo che gli sforzi della cancelliera Angela Merkel siano falliti e ritenendo allo stesso tempo che molti attori libici siano favorevoli a una mediazione algerina. [MS]