Africa

Italia primo investitore europeo in Africa nel 2016

AFRICA – L’Italia è il primo Paese europeo per valore degli investimenti diretti esteri (IDE/FDI) realizzati nel 2016 in Africa con un totale di 20 progetti per complessivi quattro miliardi di dollari.

E’ uno dei dati più significativi contenuti nell’ultimo rapporto della società internazionale di servizi di revisione e organizzazione contabile Ernst&Young sull’attrattività delle economie africane, da cui emerge che a livello mondiale per il valore degli investimenti l’Italia è dietro soltanto a Cina (36,1 miliardi di dollari in IDE nel 2016), Emirati Arabi Uniti (11 miliardi) e Marocco (4,8 miliardi).

Complessivamente, secondo l’elaborazione di EY su dati fDi Markets, gli investimenti italiani in Africa hanno rappresentato nel 2016 il 4,3% del totale degli IDE nel continente.

Rispetto allo scorso anno, il numero dei progetti d’investimento italiani è cresciuto da 16 a 20 mentre il valore degli IDE è sensibilmente diminuito rispetto ai 7,4 miliardi di dollari registrati nel 2015 grazie al progetto del gruppo ENI per lo sviluppo del gas naturale nel giacimento di Zohr in Egitto, il cui valore era pari a sei miliardi di dollari.

Per quel che riguarda il numero dei progetti realizzati nel continente africano da aziende estere, nel 2016 gli Stati Uniti continuano a fare la parte del leone con 91 iniziative di investimento (pur se in leggero calo rispetto ai 96 progetti del 2015) seguiti dalla Francia con 81 (58 nel 2015), dalla Cina con 66 (32 nel 2015) e dalla Gran Bretagna con 41 (rispetto ai 77 dello scorso anno). [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Verso creazione mercato unico per trasporti aerei

    AFRICA - Sono sei i Paesi membri del Mercato comune dell’Africa orientale e australe (COMESA) che hanno già firmato il proprio impegno a stabilire un mercato unico africano del traporto aereo.

    A renderlo noto è stata la stessa organizzazione regionale, precisando che a firmare lo strumento per sviluppare uno spazio aereo unificato regionale sono stati Egitto, Etiopia, Kenya, Rwanda, Swaziland e Zimbabwe.

    “A oggi, i documenti per facilitare la creazione di uno spazio aereo unificato sono già stati sviluppati in quadri normativi e studi di fattibilità”, ha detto il segretario generale della COMESA, Chileshe Kapwepwe, sottolineando i vantaggi che possono derivare a livello continentale dalla liberalizzazione del settore dei trasporti aerei.

    L'apertura dello spazio aereo della regione fa parte dell'agenda di sviluppo infrastrutturale della COMESA, che si concentra sui settori dei trasporti, dell'energia e delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. [MV]

  • Africa Free

    Le dinamiche di sviluppo dell’Africa, presentazione a...

    Avrà luogo giovedì 4 luglio a Milano, presso la sede di Assolombarda, la presentazione del rapporto sulle dinamiche dello sviluppo dell’Africa, realizzato dal Centro per lo sviluppo dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e dall’Unione Africana.

    L’evento - organizzato dalla Fondazione E4Impact insieme a Confindustria e Assolombarda Confindustria Milano Monza Brianza, Lodi - vuole essere un’occasione per approfondire le dinamiche della crescita in tutte le 54 nazioni che compongono il continente, offrendo approfondimenti e statistiche.

    Il rapporto, che ha come titolo “Politiche pubbliche per la trasformazione produttiva”, vuole evidenziare come la presenza attiva nelle politiche industriali dei paesi africani di imprenditori ed imprese ad alto potenziale possa aiutare il continente a raggiungere i propri obiettivi di mercato e portarli avanti fino al 2030.

    La presentazione del rapporto sarà arricchita dagli interventi di aziende e imprenditori italiani ed europei presenti in Africa. Per maggiori informazioni è possibile consultare qui il programma. Per partecipare clicca qui.

  • Africa Free

    Il cinese Qu Dongyu alla guida della Fao

    AFRICA - Il prossimo direttore generale della Fao sarà il cinese Qu Dongyu, eletto con 108 voti su 191 espressi dai Paesi membri. La francese Catherine Geslain-Lanéelle ha ottenuto invece 71 preferenze. Terzo il georgiano Davit Kirvalidze. E’ bastato il primo scrutinio per eleggere  Qu Dongyu nuovo direttore generale dell’Organizzazione Mondiale per l’Alimentazione. La seconda candidata, la Francese Catherine Geslain, sostenuta da Parigi e da tutta l’Unione Europea ha ottenuto meno voti di quelli che si attendeva. Qu Dongyu è viceministro dell’Agricoltura di Pechino,  sostituisce il brasiliano José Graziano da Silva e occuperà la sua nuova posizione l'1 agosto per i prossimi quattro anni. Sarà il nono direttore generale della Fao, i precedenti sono stati: Sir John Boyd Orr, Regno Uniti, 1945-1948; Norris E. Dodd, Stati Uniti, 1948-1954; Philip Vincent Cardon, Stati Uniti, 1954-1956; Binay Ranjan Sen, India, 1956-1967; Addeke Hendrik Boerma, Paesi Bassi, 1968-1975; Edouard Saouma, Libano, 1976-1993;  Jacques Diouf, Senegal, 1994-2011; José Graziano da Silva, Brasile, 2011-2019.  
  • AfricaMozambico Free

    Washington prova a scalfire l'influenza cinese partendo...

    MOZAMBICO / AFRICA - Undici tra capi di Stato e di governo, un migliaio di business leader, rappresentanti di varie organizzazioni stanno partecipando allo Us-Africa Business Forum a Maputo, in Mozambico. A organizzare l’evento sono stati il governo mozambicano e la Corporate Council on Africa, organizzazione statunitense impegnata a favorire una maggiore presenza americana nel continente. Proprio questa, secondo alcuni osservatori, è la chiave di lettura per comprendere la portata di un evento, ovvero lo sforzo degli Stati Uniti di controbilanciare la crescente e ormai radicata presenza cinese in Africa. Nel corso dell’iniziativa, che si concluderà oggi, due sembrano essere gli elementi di spicco: uno è il lancio di un fondo da 60 miliardi di dollari da parte dell’International Development Finance Corporation (Dfc) che sarà dedicato alle economie a basso e medio reddito. Il secondo è il Prosper Africa, iniziativa inter-agenzia che intende aiutare a raddoppiare gli scambi commerciali tra Stati Uniti e Africa nell’arco dei prossimi cinque anni. Secondo notizie di varie fonti, Prosper Africa avrà un budget iniziale di 50 milioni di dollari per il periodo 2020-2022. Una cifra modesta che però potrebbe essere ampliata. [MS]
  • Africa Free

    Acqua, energia e cibo: una possibile chiave di sviluppo...

    AFRICA - Il Nexus, dunque, non implica semplicemente la messa in opera di infrastrutture, ma è qualcosa di più complesso che comporta inevitabilmente anche più ampie iniziative politiche e istituzionali. Il rapporto evidenzia pertanto, attraverso i due casi studio esaminati, le maggiori difficoltà che il Wef nexus incontra poi nella realizzazione pratica. Le problematiche più rilevanti possono essere ricondotte sotto il cappello dell’incapacità dei vari attori di interrelazionarsi e quindi l’incapacità di instaurare forme di dialogo costruttivo. Si ragiona, insomma, per compartimenti stagni e seguendo pianificazioni monolineari, non di ampio respiro, e questo atteggiamento può portare a soluzioni singole e inefficaci per problemi multipli e ad azioni a breve termine per esigenze o soluzioni che invece sono a lungo termine. Sulla base di tali considerazioni, a conclusione dello studio viene proposta una possibile road map (relativa ai due bacini in esame, il Lago Volta e il Lago Vittoria, ma indicata come applicabile anche ad altre realtà africane transfrontaliere) per illustrare i passi principali che seguendo un approccio di tipo Nexus potrebbero aiutare il superamento delle attuali difficoltà. Entrambe le regioni, si legge, stanno sperimentando insicurezza agricola ed energetica, benché in maniera diversa. Eppure in entrambi i casi esistono risorse idriche che potrebbero essere utilizzate su varia scala per affrontare e risolvere le problematiche emerse e che sono tipiche di bacini idrografici in zone transfrontaliere. La road map propone investimenti anche congiunti in attività specifiche, l’identificazione di soluzioni regionali per problematiche locali, lo stabilimento di protocolli condivisi a livello regionale, la formazione degli stakeholder chiave. Tutto questo porterebbe alla fine all’identificazione e alla mobilitazione di risorse per investimenti in infrastrutture Nexus, alla creazione di enti specifici incaricati della pianificazione, commissione e successivo monitoraggio delle infrastrutture e, infine, alla garanzia di una condivisione trasparente delle stesse infrastrutture da parte dei vari stakeholder. In maniera più semplice, si auspica una piena ed equa collaborazione per il benessere comune.
  • Africa Free

    Acqua, energia e cibo: una possibile chiave di sviluppo

    AFRICA - Il Water, Energy and Food Nexus (Wef Nexus), ovvero il nesso acqua-energia-cibo, è la formula che riassume il legame indissolubile fra i tre ambiti della sicurezza idrica, della sicurezza energetica e della sicurezza alimentare, per cui ogni azione intrapresa in uno di questi campi si ripercuote inevitabilmente in uno o in entrambi gli altri settori. Un approccio ispirato al Wef Nexus implica dunque il passaggio da un approccio settoriale a un approccio trasversale che preveda soluzioni integrate e di più ampia visione, anche per evitare ‘competizioni’ nell’utilizzo delle risorse a disposizione (per esempio, impiantare colture per biocarburanti permette di avere energia ma sottrae terra e acqua per le colture alimentari). Operare secondo le linee guida del Nexus significa ascoltare tutte le parti in causa e condurre azioni congiunte, anche ‘sacrificando’ parte dei propri interessi per un fine comune, in modo da risolvere un problema nella maniera più soddisfacente mantenendo intatto l’ecosistema di riferimento. Significa bilanciare gli obiettivi dei diversi fruitori delle risorse alla luce di una strategia di lungo termine. Per fare un esempio, parlare di agricoltura sostenibile vuol dire elaborare un sistema che possa poggiare su un aumento delle rese utilizzando però le risorse d’acqua in maniera più sostenibile e sfruttando tecnologie legate anche a fonti di energia rinnovabile. Si tratta di un concetto che ha suscitato negli ultimi anni una consapevolezza crescente e su cui la comunità internazionale - e in particolare l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) - ha elaborato diversi studi per rispondere alle grandi sfide che l’umanità ha di fronte da qui ai prossimi decenni. Tra le riflessioni che il Nexus ha generato, ci sono anche atteggiamenti più cauti. Una critica generale che viene mossa all’approccio Nexus, come sottolinea la Fao, riguarda le similitudini che a prima vista questo sembra mostrare con altri tipi di approcci integrati per la gestione delle risorse, in particolare l’Integrated Water Resources Management (Iwrm). Anche quest’ultimo, infatti, punta a un utilizzo coordinato delle acque e della terra per favorire lo sviluppo economico nel rispetto del benessere delle popolazioni e dell’ambiente. L’approccio Iwrm, tuttavia, è fortemente centrato sulle risorse idriche e tende a rendere le questioni relative al settore idrico prioritarie rispetto ad altre. Il Nexus è invece ‘multicentrico’ e pone sullo stesso livello interessi e obiettivi dei tre settori acqua, terra, energia, riconoscendo la loro piena interdipendenza e puntando su questa visione collettiva come base per uno sviluppo sostenibile. Parte proprio da questo quadro di fondo uno studio del dicembre 2015 intitolato ‘Nexus Trade-Offs and Strategies for Addressing the Water, Agriculture and Energy Security Nexus in Africa’ e realizzato da International Water Association (Iwa), International Union for Conservation of Nature (Iucn) e The Infrastructure Consortium for Africa (Ica). Scopo del rapporto è evidenziare, attraverso i risultati delle ricerche effettuate sui due casi studio del Lago Volta e del Lago Vittoria in Africa, alcune difficoltà nella gestione delle risorse del territorio, con particolare riferimento alle infrastrutture idriche, e delineare quindi alcune indicazioni su come ridurre i conflitti di interesse fra le tre componenti del Nexus. Secondo il rapporto, sono quattro le parti (gli stakeholder) che devono essere coinvolte nell’approccio Wef nexus: le entità statali, tra i cui compiti c’è lo sforzo di mantenere la crescita economica e, nel caso dell’Africa, realizzare la trasformazione socioeconomica e assicurare la pace e la stabilità per evitare scontri militari; le popolazioni, il cui interesse è quello di migliorare le condizioni di vita a livello familiare, di avere accesso ai servizi idrici e a quelli igienico-sanitari, di disporre di un reddito sostenibile, di avere accesso ai mezzi di produzione; il settore privato, per il quale è fondamentale affrontare il problema della sicurezza idrica, energetica e alimentare per avere garantiti l’accesso ai fattori di produzione ovvero mercati e opportunità sicuri; l’ambiente, i cui ‘gestori’ lavorano per garantire la biodiversità come risultato di habitat e servizi ecosistemici sostenibili. [SEGUE]