Angola

Italia-Angola, 41 anni di relazioni in un convegno a Roma

ANGOLA – I quattro decenni di relazioni d’amicizia e di cooperazione tra l’Italia e l’Angola saranno al centro di un convegno in programma il 19 giugno a Roma presso la sala del Mappamondo nella Camera dei Deputati in Piazza di Montecitorio 1.

“ L’Italia fu il primo Paese europeo del blocco occidentale a riconoscere l’Angola come Paese indipendente e libero nel 1976, allorché l’Angola decise di improntare una politica radicalmente di sinistra. Di questa sfida, forte del sostegno dato all’epoca da una classe di intellettuali italiani, e della sua evoluzione fino ad oggi si parlerà durante il convegno” spiega a Infoafrica Matias Mesquita, presidente dell’Associazione Angolana Njinga Mbande, organizzatore dell’iniziativa “1976-2007 Italia e Angola – 41 anni di amicizia e di cooperazione” insieme all’Associazione Negrita – Antonio Manuel Ne Vunda, in partnership con Ginga Convention dell’associazione Kizomba Romana.

“Se è vero che l’avvio ufficiale delle relazioni Italia-Angola risale a 41 anni fa, la storia che unisce i due Paesi risale in realtà a circa 500 anni fa, con l’arrivo dei colonizzatori portoghesi ma anche dei primi missionari cattolici” ricorda ancora Mesquita. Fu inoltre un gruppo di intellettuali italiani a favorire l’udienza accordata da Papa Paolo VI ad Agostinho Neto (primo presidente dell’Angola indipendente), Amilcar Cabral (padre dell’indipendenza di Guinea Bissau e Capo Verde), e Marcelinho dos Santos (fondatore del Fronte per la liberazione del Mozambico) nel 1970.

“Aspetti accademici, scientifici, culturali, caratterizzano la relazione bilaterale tra i due Paesi: la prima facoltà di architettura in Angola fu strutturata da italiani, e si può anche ricordare che il noto scrittore angolano Manuel Luis Monteiro ha studiato in Italia” sottolinea ancora Mesquita.

Quanto alla diplomazia economica, ha fatto un balzo in avanti con la storica visita dell’ex premier italiano Matteo Renzi a Luanda, nel 2014. Numerose aziende italiane hanno un posizionamento forte in Angola, a partire da Eni, nel settore degli idrocarburi, Trevi e Cmc nelle costruzioni, Cremonini/Inalca nel settore alimentare, Iveco nei trasporti, e ben altre ancora, stabilmente impiantate sul territorio.

Di tutti questi aspetti della cooperazione parleranno al convegno Dulce Gomes, ministra consigliere dell’Ambasciata della Repubblica d’Angola, Khalid Chaouki, deputato PD/commissione Esteri, Giorgio de Marchis, docente di letteratura portoghese, il giornalista Filomeno Lopes, Valery Invanka Dante del VIS, e lo stesso Mesquita.

L’associazione Njinga Mbande (dal nome dell’omonima regina angolana, Ndr) ha sede a Firende, dove rappresenta un punto di riferimento culturale ed accademico per la comunità angolana e africana in generale. Impegnata in varie iniziative, come nell’organizzazione del Festival del film africano di Firenze, l’associazione ha inaugurato di recente la Casa d’Angola in Italia. Il progetto “Mukanda” (che significa lettera, messaggio”) ha permesso, con il sostegno delle ambasciate angolane (Quirinale e Santa Sede), la traduzione e la pubblicazione in italiano di un classico della letteratura angolana, un’opera di Uanhenga Xitu, « Voce della sanzala ».

Il convegno inizierà alle 9.30 ed è gradita la prenotazione: silvia.demarchi@camera.it. [CC]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Richiesta di offerte per progetto idroelettrico Mphanda...

    MOZAMBICO - Il governo di Maputo, attraverso il suo ministero delle Risorse minerarie e dell'energia, ha inviato una richiesta di proposte a sette aziende e consorzi per lo sviluppo del progetto idroelettrico di Mphanda Nkuwa Hydropower da 1500 megawatt.

    A darne notizia sono i media specializzati, precisando che la richiesta è stata inviata a quelle aziende che si erano già pre-qualificate per il progetto. In particolare, si tratta di un consorzio costituito dalle francesi EDF e TotalEnergies, di un altro consorzio tra CHN Energy ed Energy China, un altro tra Powerchina Resources e Powerchina International Group, uno tra ETC Holdings e la compagnia zibabuana ZESCO, e delle aziende SN Power Invest (filiale della norvegese Scatec), delle giapponesi Kansai Electric Power Company e Sumitomo Corporation.

    L'obiettivo della richiesta è l'individuazione di un partner strategico per lo sviluppo del progetto, che sarà situato sul fiume Zambesi, a 60 km dalla diga di Cahora Bassa. Secondo la struttura proposta, il partner strategico dovrebbe essere l'azionista di maggioranza che sviluppa il progetto, con gli enti governativi Electricidade de Mozambique (EDM) e Hidoelectrica de Cahora Bassa (HCB) che detengono le quote rimanenti.

    La società del progetto firmerà un accordo di prelievo nell'ambito di un accordo di acquisto di energia a lungo termine (PPA) con EDM, insieme ad accordi di prelievo diretti e indiretti con altri potenziali acquirenti nella regione. [MV]

  • Malawi Free

    Verso creazione mega-fattorie per promuovere...

    MALAWI - Il ministero malawiano dell'Agricoltura ha pubblicato una richiesta di manifestazioni di interesse da parte di attori idonei del settore privato per partecipare alla creazione di mega-fattorie nel Paese.

    A segnalarlo sono i media locali, dai quali si apprende che la pubblicazione della richiesta segue una direttiva in tal senso emessa dal presidente della repubblica, Lazarus Chakwera.

    "Durante il periodo della campagna elettorale, uno dei messaggi che ho predicato riguardava la creazione di Mega Farms, ma dopo due anni sembra che non ci siano stati progressi nella creazione di Mega Farms - ha detto Chakwera nei giorni scorsi -. Ordino quindi al ministero dell'Agricoltura di presentarmi entro 6 mesi una relazione sui progressi compiuti nella costituzione dei mega allevamenti".

    Secondo quel che viene reso noto, l'avviso di manifestazione di interesse è sato pubblicato sui quotidiani locali e riguarda in particolare la creazione mega fattorie in due distretti: Nkhotakota e Mchinji.

    Per Mchinji, il governo ha messo a disposizione 5000 ettari di terreno agricolo nella tenuta di Chimwamkango per un periodo di cinque anni. Mentre a Nkhotakota il ministero dell'Agricoltura offre altri 5000 ettari di terreno nella tenuta di Dwambazi da utilizzare per l'allevamento di bovini da carne per un periodo di cinque anni.

    A conferma dello sviluppo, il portavoce del ministero dell'Agricoltura, Gracian Lungu, ha affermato che, per cominciare, il governo sta offrendo terreni nei due distretti.

    "E' vero che abbiamo chiesto una manifestazione di interesse per i terreni disponibili nei due distretti - ha affermato Lungu -. Il ministero ha finalizzato i suoi documenti sulle due proprietà e una volta presentate le offerte, andremo direttamente alla normale procedura di gara per identificare gli investitori idonei a cui aggiudicarsi i contratti per la gestione di queste due fattorie". [MV]

  • AngolaNamibia Free

    Legami più stretti tra Banca di Namibia e Banco...

    NAMIBIA / ANGOLA -  La Banca di Namibia (BoN) e il Banco Nacional de Angola (BNA) hanno concordato di collaborare su vari fronti, per promuovere i rispettivi mandati in materia di stabilità dei prezzi e finanziaria, nonché l'esecuzione delle strategie di modernizzazione dei sistemi finanziari nazionali. I legami bilaterali tra i due Paesi confinanti hanno favorito un'alleanza di lunga data tra le due banche centrali, che ha portato a una maggiore cooperazione. A questo proposito, le due banche centrali stanno seguendo l'esempio dei rispettivi governi nel promuovere la libera circolazione di persone, beni e servizi, oltre alla normale cooperazione tra pari. Il governatore della Banca di Namibia, Johannes Gawaxab, ha accolto il governatore del Banco National de Angola, Jose de Lima Massano, e i membri della sua delegazione. La visita ha avuto lo scopo di perseguire una collaborazione che possa aiutare i due Paesi a raggiungere una crescita economica equilibrata e sostenibile e la prosperità di entrambe le nazioni. A seguito dei colloqui, le due banche centrali hanno deciso di cooperare per promuovere metodi di pagamento efficaci, modernizzati e digitali tra i due Paesi, migliorare i regimi di controllo dei cambi favorevoli al commercio e proteggere la stabilità e l'integrità dei rispettivi sistemi finanziari. In questo contesto, le due banche centrali hanno concordato di migliorare ulteriormente la facilitazione degli scambi commerciali utilizzando gli accordi sui sistemi di pagamento transfrontalieri attuali e regionali per garantire rimesse transfrontaliere più rapide, abilitate alla digitalizzazione e più efficienti in termini di costi. [MS]
  • Mozambico Free

    Sostegno di Banca mondiale per la ricerca...

    MOZAMBICO - La Banca Mondiale ha annunciato un finanziamento di 30 milioni di dollari a favore del governo di Maputo per creare un centro di eccellenza nei sistemi agroalimentari e nell'innovazione per gli studenti post-universitari in Mozambico.

    A segnalarlo sono i media locali, dai quali si apprende che il centro dovrebbe facilitare la costruzione di capacità tecniche e di ricerca di alta qualità nel settore agroalimentare.

    "Rafforzando la ricerca e la formazione nei sistemi agroalimentari e ampliando la produzione di conoscenza e la sua scala, il progetto aiuterà ad ampliare la base di conoscenze e a supportare i sistemi innovativi necessari per un maggiore sviluppo economico sostenibile in Mozambico", ha affermato Emre Ozaltin, responsabile per il Programma di sviluppo umano in Mozambico della Banca Mondiale.

    Secondo quel che è stato reso noto, i fondi contribuiranno a rafforzare la capacità degli istituti di istruzione superiore, fornendo corsi post-laurea di qualità superiore e conducendo ricerche in aree prioritarie del settore agroalimentare.

    I 30 milioni di dollari sborsati dalla Banca Mondiale al Mozambico, ha precisato ancora l'istituzione finanziaria multilaterale, fanno parte di una dotazione complessiva di 70 milioni di dollari che l'istituto ha messo a disposizione per la creazione di centri di eccellenza nei paesi dell'Africa meridionale e orientale. [MV]

  • Angola Free

    Stanziati fondi per il settore agricolo e della pesca

    ANGOLA - Il governo di Luanda ha stanziato una cifra pari a circa 33 milioni di euro per l'operatività di un Programma nazionale di approvvigionamento tecnico e materiale con l'obiettivo di rilanciare i settori della pesca e dell'agricoltura in Angola.

    A darne notizia sono i media locali, citando il direttore esecutivo del Fondo per il sostegno allo sviluppo agricolo (FADA), Manuel Pedro, secondo il quale i fondi consentiranno di assistere 325 cooperative e associazioni agricole, 50 operatori della pesca artigianale e 25 cooperative di pesca artigianale.

    Il programma, ha aggiunto Pedro, è rivolto a produttori organizzati in cooperative, associazioni, scuole rurali, comprese le donne nelle aree rurali, personale smobilitato, forze armate e polizia nazionale.

    "Il governo ha approvato questo programma per garantire che le famiglie, in particolare quelle nelle zone rurali, potessero contare sugli input o sui finanziamenti, con criteri accessibili e tassi di interesse competitivi", ha ribadito precisando che il prodotto finanziario ha un tasso di interesse fisso del 3 per cento, con un periodo di grazia di 12 mesi, e il rimborso avverrà in rate semestrali.

    Il Programma nazionale di sostegno all'approvvigionamento tecnico e materiale per la produzione vegetale e animale mira a garantire i risultati attesi per l'attuale campagna agricola 2021/2022 e inizialmente andrà a beneficio dei beneficiari nelle province di Luanda, Huíla, Benguela, Huambo, Bié, Kwanza- Sul, Uíge, Cuando-Cubango, Namibe, Moxico, Lunda-Norte, Cabinda e Malanje.

    I dati disponibili indicano che in Angola oltre 3 milioni di famiglie sono coinvolte nell'agricoltura e nella pesca, costituendo oltre 5,1 milioni di posti di lavoro, che rappresentano circa il 51,29 per cento della popolazione economicamente attiva.

    Il programma nazionale per il sostegno all'approvvigionamento tecnico e dei materiali mira ad aumentare la produttività, l'occupazione, il reddito e la produzione agricola, forestale, ittica e acquicola, al fine di garantire la diversificazione alimentare e sostenibile delle esportazioni e la sostituzione delle importazioni. [MV]

  • Namibia Free

    Enfasi su strategia politica per far crescere settore...

    NAMIBIA - Il governo di Windhoek intende porre maggiore enfasi su modalità di agricoltura intensiva in Namibia con l'obiettivo di compiere reali progressi verso l'autosufficienza alimentare e garantire maggiore sicuramente alimentare alla popolazione.

    A dirlo è stato il ministro namibiano dell'Agricoltura, Calle Schlettwein, precisando che per ridurre i rischi associati all'eccessiva dipendenza dalla pioggia o all'esposizione a condizioni climatiche eccessivamente variabili è necessario promuovere la meccanizzazione e la modernizzazione del settore agricolo.

    Secondo Schlettwein, l'obiettivo è aumentare il contributo del settore agricolo al prodotto interno lordo.

    "Ma soprattutto riconosciamo che, in quanto fonte diretta e indiretta di sostentamento per circa il 70% dei namibiani, il settore agricolo rappresenta la migliore opportunità per indurre una crescita economica inclusiva e di qualità e raggiungere la sicurezza alimentare e nutrizionale nazionale, nonché l'autosufficienza della produzione nazionale", ha affermato.

    Inoltre, Schlettwein ha rimarcato come questo cambiamento strategico sottolinei la criticità degli investimenti e di un'efficace gestione delle risorse idriche come indispensabili per consentire l'espansione del settore agricolo e dell'economia in generale.

    "Il nesso tra acqua e sicurezza alimentare è significativo per raggiungere la sicurezza alimentare e l'autosufficienza - ha aggiunto ancora Schlettwein -. Tutto inizia con la sicurezza dell'approvvigionamento idrico senza la quale lo sviluppo socioeconomico è impossibile e la garanzia della sicurezza alimentare è inesistente. A livello nazionale, gli investimenti in approvvigionamento e distribuzione di acqua  a prezzi accessibili e affidabili sono fondamentali per l'industria, le famiglie e una migliore igiene per tutti".

    Secondo Schlettwein, l'agricoltura urbana è un'altra dimensione che viene perseguita per rafforzare la sicurezza alimentare e nutrizionale nei centri urbani e ottenere una grande libertà di inclusione attraverso opportunità di generazione di reddito per i giovani e le donne.

    Il settore agricolo della Namibia, secondo i dati messi a disposizione dalla Namibia Statistics Agency, è cresciuto del 4% nel terzo trimestre del 2021 e del 2% per il sotto-settore dell'orticoltura e dell'allevamento. [MV]