R.D. Congo

Kofi Annan e 9 ex Presidenti africani temono grave crisi e lanciano l’allarme

RD CONGO – L’ex Segretario generale dell’Onu, Kofi Annan, insieme a nove ex presidenti della Repubblica africani hanno lanciato un appello urgente per una transizione pacifica in Repubblica Democratica del Congo, dove la mancata tenuta delle elezioni fa temere una crisi interna con ripercussioni gravi nella regione e per il continente africano.

(256 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • CamerunTunisia Free

    Missione di operatori economici tunisini a Yaoundé

    CAMERUN/TUNISIA – Una quarantina di operatori economici tunisini si recheranno in Camerun a fine mese per una missione d’affari tesa a reperire opportunità d’investimenti e di relazioni commerciali.

    La missione degli operatori economici tunisini è pianificata a margine della riunione del comitato di monitoraggio della 10° edizione della Commissione mista Tunisia-Camerun, in programma dal 28 al 29 giugno nella capitale del Camerun, Yaoundé. Per l’occasione, sarà anche organizzato un business forum.

    I soggetti tunisini che visiteranno il Camerun in cerca di partnership operano in vari settori: agro-industria, energie rinnovabili, Ict, industria, ingegneria, energia, acqua, costruzioni, turismo, industria farmaceutica. Nel 2016 una missione di una trentina di uomini d’affari aveva già visitato Yaoundé e Douala per valutare opportunità di partnership. [CC]
  • Camerun Free

    Attentato nell’Estremo Nord, almeno sei civili uccisi

    CAMERUN - Un nuovo attentato ha scosso ieri l’estremo Nord del Camerun, causando la morte di sei civili e di due attentatori kamikaze.

    Secondo alcune fonti, un uomo imbottito di esplosivi si sarebbe fatto saltare in aria in mezzo a un gruppo di fedeli musulmani sedute in attesa della preghiera di fine digiuno, a pochi metri dal domicilio del vice primo ministro Amadou Ali. Altre fonti parlano di una duplice esplosione.

    A metà giugno, due civili erano stati uccisi in un attentato a Limani, vicino alla frontiera con la Nigeria, a 10 km da Kolofata. Nella notte dal 9 al 10 giugno, un militare era stato ucciso in un altro attentato a Kolofata. Il 2 giugno, sempre a Kolofata, nove civili erano rimasti uccisi in un duplice attentato.

    Il governatore della regione, Midjiyawa Bakari, attribuisce la responsabilità dell’attentato al gruppo armato nigeriano Boko Haram, che dalla Nigeria dov’è confrontato al contrattacco dei militari, ha allargato le proprie azioni nei Paesi vicini. [CC]
  • Repubblica Congo Free

    Inaugurato centro congressi internazionale di alto...

    REP CONGO – Un centro congressi di alto livello in grado di accogliere importanti eventi di rilevanza internazionale è stato inaugurato ieri dal presidente della Repubblica, Denis Sassou Nguesso a Kintélé, alla periferia Nord di Brazzaville. <p></p> Ubicato nei pressi del complesso sportivo di La Concorde, il centro congressi si estende su una superficie di 8 ettari ed è dotato di un auditorium in grado di accogliere 1500 persone, oltre a una sala riunione presidenziale in grado di accogliere 75 capi di Stato. Il centro possiede anche un albergo a 4 stelle con 200 camere. <p></p> La realizzazione dei lavori è stata fatta dalla ditta turca Summa, insieme con lo studio locale GeoConsult. Costato 200 milioni di euro, il cantiere è stato finanziato da EximBank Turchia e dal governo congolese. <p></p> “A volte i problemi africani si discutono in altre sedi. Era importante offrire la possibilità di parlare dell’Africa in Africa, e soprattutto in una posizione centrale” ha detto il ministro della Pianificazione del territorio e delle Grandi Opere, Jean-Jacques Bouya. [CC]
  • R. Centrafricana Free

    Decine di vittime in scontri all’indomani dell...

    R.CENTRAFRICA – All’indomani dell’accordo per una pacificazione in Centrafrica firmato a Roma sotto la mediazione della comunità di Sant’Egidio, almeno 40 persone sono state uccise ieri a Bria, ne centro del Paese, in scontri tra gruppi armati. <p></p> Ad affrontarsi, secondo varie fonti, sono stati miliziani assimilati agli anti-balaka e membri del Fronte popolare per la rinascita del Centrafrica (Fprc), nato dall’ex ribellione Seleka. “Abbiamo firmato l’accordo ma se siamo attaccati dobbiamo rispondere” ha detto alla stampa internazionale il portavoce del Fprc, precisando che la località è stata presa d’assalto. Oltre alla quarantina di morti si contano altrettanti feriti. L’episodio getta un’ombra sulla roadmap per la pace firmata a Roma da quasi tutti i gruppi armati e dai rappresentati del governo. Il deterioramento della sicurezza è stato anche al centro di una riunione dei finanziatori internazionali (FMI, BM, UE…), riunitisi ieri a Bangui, sette mesi dopo aver promesso 2,2 miliardi di dollari in tre anni per il piano di ripresa e di consolidamento della pace. [CC]
  • R. Centrafricana Free

    Dopo la tregua firmata a Roma, prime violazioni sul...

    R CENTRAFRICANA - Almeno 40 persone sono state uccise in Centrafrica all’indomani della firma di un cessate-il-fuoco mediato a Roma dalla Comunità di Sant’Egidio. L’intesa è stata firmata da rappresentanti di governo e ribelli, ma la tregua almeno nella città di Bria, a nord-est di Bangui non è stata rispettata. Quello firmato a Roma è un “accordo politico” che dovrebbe aprire la strada del ritorno alla pace attraverso il coinvolgimento delle parti in un processo di dialogo che deve nel frattempo fare perno sulla tregua delle armi. L’accordo è stato firmato dai rappresentanti dei numerosi gruppi politico-militari presenti in Centrafrica e dagli inviati del presidente Touadéra. Tre sono i punti principali del documento: il piano politico, quello della sicurezza e quello economico, umanitario e sociale. Nel primo punto, oltre al cessate il fuoco sotto il controllo della comunità internazionale, si riaffermano la volontà di rispettare l’integrità del territorio nazionale, la rappresentatività e il riconoscimento di tutti i gruppi politico-militari per la ricostruzione del Paese, il rispetto dei risultati delle elezioni presidenziali e legislative del 2016 e, più in generale, il lavoro per costruire “una dinamica di riconciliazione”. Sul piano della sicurezza si garantisce la libera circolazione delle persone e dei beni, il ristabilimento dell’autorità dello Stato su tutto il territorio nazionale mentre a livello economico, umanitario e sociale ci si impegna, tra l’altro, nell’opera di ricostruzione e nella protezione delle Ong nazionali e internazionali presenti nel Paese.