Rwanda

Accordo con federazione del settore privato, il Rwanda si presenta a Milano

RWANDA – Un accordo di collaborazione tra Confindustria Assafrica & Mediterraneo e la Federazione del settore privato del Rwanda, per instaurare un rapporto stabile e strutturato fra l’Italia e il Rwanda, in modo da favorire e supportare lo sviluppo di partnership, con un scambio reciproco di formazione, know how e, dove possibile, investimenti congiunti: la firma al protocollo è stata posta ieri durante una country presentation sul Rwanda, organizzata da Confindustria Assafrica & Mediterraneo in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia competente per il Rwanda ed il Consolato del Rwanda a Milano.

Pier Luigi d’Agata, direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, spiega a InfoAfrica a margine dell’evento che l’accordo vuole essere un “punto di riferimento per le imprese italiane che vogliono investire in Rwanda”.

Una delle strade da percorrere, insomma, se si decide di sviluppare un business in quel Paese. Quali potrebbero essere i vantaggi?

“Il Rwanda è un paese ordinato e stabile, che può essere considerato anche come hub per i Paesi vicini – dice d’Agata – È importante considerarlo come base di partenza e non solo come punto d’arrivo, se si ha intenzione di avviare un business con tanti potenziali clienti”.

Il discorso cambia, invece, se si punta a investimenti regionali, come per esempio per lo sviluppo di software o per la costruzione di strade. In quel caso potrebbe essere anche il punto d’arrivo.

Che sia un Paese piccolo è fuori di dubbio, appena 11 milioni gli abitanti, ma è la nazione che sta crescendo di più fra quelle dell’Africa centrale. Resta però anche una di quelle meno conosciute, dice Enrico Lalia Morra, Console onorario della Repubblica del Rwanda a Milano.

“Il Rwanda è stata un po’ tenuto da parte dalla politica estera italiana – dice Lalia Morra – Ci siamo concentrati sulle nazioni africane che hanno dato soddisfazione per quanto riguarda l’ambito petrolifero”.

Eppure, aggiunge il console, “il suo sviluppo, le sue potenzialità, ma anche la sua modernità, non sono caratteristiche che hanno tutti i paesi africani e già offre la possibilità di business”.

Le sue dimensioni, che potrebbero essere considerate uno svantaggio per gli imprenditori che vogliono fare impresa in Africa, in realtà devono essere viste come un vantaggio.

“Forse è più facile in un Paese con 11 milioni di abitanti impiantare un’azienda o rischiare capitali, anche perché è un territorio sicuro”, spiega il console Lalia Morra.

In quali campi le aziende italiane potrebbero investire, attuando magari anche una cooperazione con altre imprese ruandesi?

“Dalle industrie conserviere alla trasformazione di alcuni prodotti, come i pomodori o i latticini”, per quanto riguarda il mondo del cibo. Ma, continua il console, anche l’ambito della trasformazione industriale è in evoluzione: “Hanno un pellame di ottima qualità, ma non ci sono ancora imprenditori italiani che hanno deciso di puntare su quel campo. E invece si potrebbe arrivare ad avere, se non il prodotto finito, almeno uno o due stadi di lavorazione di quel pellame. E poi ancora, “il settore idroelettrico”, perché è un Paese in crescita, che si sviluppa.

Resta il problema di come far conoscere quella realtà, che è all’avanguardia per le telecomunicazioni, da un punto di vista ecologico, innovatrice anche per quanto riguarda la distribuzione medica.

“Fino a un paio d’anni fa non c’era un’azione di promozione, che ora invece stiamo attuando – conclude il console – ma bisogna moltiplicare gli eventi per far conoscere il Rwanda, aumentando la promozione, possono aumentare i turisti e gli imprenditori che decidono di investire”. [MG]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Diga sul Nilo, passi in avanti dopo incontri a...

    ETIOPIA / EGITTO / SUDAN - L’incontro tripartito per la gestione della Diga del Rinascimento svoltosi nei giorni scorsi a Washington tra i rappresentanti dei governi di Addis Abeba, il Cairo e Khartoum con la mediazione degli Stati Uniti e della Banca mondiale ha segnato una svolta importante in vista di un accordo.

    Ad affermarlo è stata la delegazione etiope, composta dal ministro degli Esteri Gedu Andargachew e dal ministro dell’Acqua Sileshi Bekele, al termine di tre giorni di riunioni nella capitale statunitense.

    Obiettivo degli incontri era isolvere le divergenze sul riempimento e sul funzionamento di GERD e, secondo le dichiarazioni del ministro degli Esteri Gedu, è stato fruttuoso.

    "Durante l'incontro, l'Etiopia non ha compromesso il suo interesse nazionale e non lo farà neanche in futuro", ha detto il ministro rivelando che si è raggiunta un’intesa di massima sulle tempistiche di riempimento, che dovrebbero durare tra i 4 e i 7 anni.

    L'Etiopia intende cominciare a riempire l’invaso della diga dall’inizio della prossima stagione delle piogge.

    I tre Paesi si incontreranno nuovamente a Washington dal 28 al 29 gennaio con l'obiettivo di raggiungere un accordo definitivo sul funzionamento della diga. [MV]

  • Tanzania Free

    Governo ribadisce impegni per rafforzamento rete idrica...

    TANZANIA - Il governo tanzaniano ha ribadito il proprio impegno a garantire che la disponibilità di acqua pulita e sicura raggiunga rispettivamente l’85 e il 95% di aree rurali e urbane entro dicembre di quest'’anno. Kitila Mkumbo, segretario permanente presso il ministero delle Risorse idriche, ha ribadito l’impegno dando dettagli sui fondi messi a disposizione dell’'Agenzia delle acque rurali (Ruwasa). Lo stesso Mkumbo ha sottolineato che per 86 distretti in 17 regioni sono stati stanziati fondi per progetti idrici. L’importo erogato, secondo la stessa fonte, sarà incanalato per migliorare i servizi idrici rurali costruendo nuove strutture e riabilitando vecchi pozzi, in modo da raggiungere l’obiettivo del governo entro la fine di quest’anno. [MS]
  • Uganda Free

    Apre il primo ipermercato Carrefour

    UGANDA - Carrefour Group, attraverso il suo franchising regionale Majid Al Futtain Group (Maf) ha aperto ufficialmente il suo primo ipermercato in Uganda: uno sviluppo che segue il successo del lancio del commercio al dettaglio in Kenya. Inaugurato nel centro commerciale Oasis nella capitale dell’Uganda, Kampala, il negozio si estende su una superficie di 2800 m² e ospita oltre 20.000 prodotti a marchio locale e internazionale. L’ingresso in Uganda ha comportato il reclutamento di 130 dipendenti, la contrattualizzazione di 60 società locali esterne e ha impegnato 230 fornitori ugandesi per i rifornimenti. Patrick Lasfargues, direttore esecutivo di Carrefour per le partnership internazionali, ha dichiarato: “L’arrivo di Carrefour in Uganda attraverso la nostra partnership con il gruppo Majid Al Futtaim, è un’altra pietra miliare a seguito del successo della creazione di Carrefour in Kenya con 7 negozi dal 2016”. [MS]
  • MaroccoRwanda Free

    Inaugurata a Rabat l’ambasciata del Rwanda

    RWANDA / MAROCCO – L’ambasciata del Rwanda in Marocco è stata inaugurata questa settimana nella capitale, Rabat. L’evento si inserisce nella scia del consolidamento delle relazioni fra i due Paesi, successivo alla visita del Re del Marocco Mohammed VI a Kigali nell’ottobre del 2016. L’ambasciata del Marocco in Rwanda era stata inaugurata nell’aprile del 2017. La rappresentazione diplomatica del Rwanda a Rabat permette di promuovere lo scambio di visite fra i popoli di entrambi i Paesi. Contribuirà anche a promuovere le visite d’affari, e a fornire informazioni agli investitori marocchini interessati alle opportunità nel “Paese delle mille colline”. Sin dalla visita detta “storica” del monarca a Kigali, 34 accordi di cooperazione bilaterale sono stati firmati fra i due governi africani. Presente all’inaugurazione, il ministro degli Esteri, della Cooperazione internazionale e dei marocchini residenti all’estero, Nasser Bourita, ha sottolineato che Rabat sta diventando una “piazza diplomatica internazionale di primo rango”, con 106 ambasciate di Paesi esteri e alcune sedi di organizzazioni regionali e internazionali. [CC]
  • Kenya Free

    Annunciate riforme nel settore del tè, del caffè e...

    KENYA - Il presidente Uhuru Kenyatta ha annunciato una serie di misure per rilanciare il settore agricolo, attuando in particolare misure immediate per affrontare le sfide esistenti nei sotto-settori del tè, del caffè e del latte.

    A darne notizia sono i media locali, sottolineando come la mossa sia interpretata come una misura volta ad affrontare le lamentele dei leader delle regioni agricole che avevano criticato Kenyatta per aver trascurato il settore, considerato la spina dorsale economica del Paese.

    Le misure includono lo smantellamento dei cartelli che assorbono gran parte dei guadagni degli agricoltori, la ristrutturazione dell'Agenzia per lo sviluppo del tè del Kenya (KTDA), l'introduzione di prezzi minimi di acquisto, il taglio di intermediari e mediatori, il blocco delle importazioni a basso costo e lo stanziamento di fondi nel settore per promuovere la ‘creazione di valore aggiunto e finanziare l'acquisto degli eccessi di produzione.

    Kenyatta ha incaricato i ministeri del Tesoro, del Commercio e dell'industri e dell’Agricoltura di mettere a punto e pubblicare entro le prossime due settimane nuovi regolamenti sulla produzione del tè per promuovere la creazione di valore aggiunto.

    Per rilanciare il settore del caffè, il presidente ha incaricato il ministero dell'Agricoltura di attuare immediatamente il rapporto della task force sul caffè, le cui raccomandazioni elaborate nel 2018 sono rimaste inattuate.

    Kenyatta ha inoltre imposto l'IVA del 16% sui prodotti lattiero-caseari che hanno avuto origine al di fuori dei Paesi membri della Comunità dell’Africa orientale (EAC), per attutire le conseguenze sui produttori locali di latte dalle importazioni illegali a seguito delle proteste per le inondazioni del mercato domestico con materie prime economiche che hanno causato un drastico calo dei prezzi dei prodotti locali. [MV]

  • Sudan Free

    Dopo ammutinamento represso, si dimette il capo dell...

    SUDAN - Si è dimesso ieri il capo dell’intelligence Sudanese, Abu Bakr Damplab. Le dimissioni di Damplab seguono lo scontro avvenuto tra uomini dell’ex braccio militare dell’intelligence (Niss) e le forze armate, conclusosi con un bilancio di 6 morti, di cui 4 militari e 2 civili. Le forze di sicurezza erano intervenute in due basi a Khartoum ed El Obeid, dove si era verificato un ammutinamento in segno di protesta contro la somma di denaro proposta per la pensione di questo ex braccio armato. Le dimissioni del numero uno dell’Intelligence sono state annunciate dal presidente del Consiglio sovrano, Abdel Fattah al-Burhan, durante un’intervista alla TV nazionale a proposito dell’ammutinamento. Il dirigente ha detto che un’indagine è in corso per determinare le origini della ribellione all’interno del Niss, che ebbe un ruolo di primo piano nella repressione delle proteste anti Bashir. Damplb era stato nominato alla guida dei Servizi due giorni dopo la caduta di Omar Hassan Al Bashir e delle dimissioni del precedessore, Salah Gosh. [CC]