Rwanda

Accordo con federazione del settore privato, il Rwanda si presenta a Milano

RWANDA – Un accordo di collaborazione tra Confindustria Assafrica & Mediterraneo e la Federazione del settore privato del Rwanda, per instaurare un rapporto stabile e strutturato fra l’Italia e il Rwanda, in modo da favorire e supportare lo sviluppo di partnership, con un scambio reciproco di formazione, know how e, dove possibile, investimenti congiunti: la firma al protocollo è stata posta ieri durante una country presentation sul Rwanda, organizzata da Confindustria Assafrica & Mediterraneo in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia competente per il Rwanda ed il Consolato del Rwanda a Milano.

Pier Luigi d’Agata, direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, spiega a InfoAfrica a margine dell’evento che l’accordo vuole essere un “punto di riferimento per le imprese italiane che vogliono investire in Rwanda”.

Una delle strade da percorrere, insomma, se si decide di sviluppare un business in quel Paese. Quali potrebbero essere i vantaggi?

“Il Rwanda è un paese ordinato e stabile, che può essere considerato anche come hub per i Paesi vicini – dice d’Agata – È importante considerarlo come base di partenza e non solo come punto d’arrivo, se si ha intenzione di avviare un business con tanti potenziali clienti”.

Il discorso cambia, invece, se si punta a investimenti regionali, come per esempio per lo sviluppo di software o per la costruzione di strade. In quel caso potrebbe essere anche il punto d’arrivo.

Che sia un Paese piccolo è fuori di dubbio, appena 11 milioni gli abitanti, ma è la nazione che sta crescendo di più fra quelle dell’Africa centrale. Resta però anche una di quelle meno conosciute, dice Enrico Lalia Morra, Console onorario della Repubblica del Rwanda a Milano.

“Il Rwanda è stata un po’ tenuto da parte dalla politica estera italiana – dice Lalia Morra – Ci siamo concentrati sulle nazioni africane che hanno dato soddisfazione per quanto riguarda l’ambito petrolifero”.

Eppure, aggiunge il console, “il suo sviluppo, le sue potenzialità, ma anche la sua modernità, non sono caratteristiche che hanno tutti i paesi africani e già offre la possibilità di business”.

Le sue dimensioni, che potrebbero essere considerate uno svantaggio per gli imprenditori che vogliono fare impresa in Africa, in realtà devono essere viste come un vantaggio.

“Forse è più facile in un Paese con 11 milioni di abitanti impiantare un’azienda o rischiare capitali, anche perché è un territorio sicuro”, spiega il console Lalia Morra.

In quali campi le aziende italiane potrebbero investire, attuando magari anche una cooperazione con altre imprese ruandesi?

“Dalle industrie conserviere alla trasformazione di alcuni prodotti, come i pomodori o i latticini”, per quanto riguarda il mondo del cibo. Ma, continua il console, anche l’ambito della trasformazione industriale è in evoluzione: “Hanno un pellame di ottima qualità, ma non ci sono ancora imprenditori italiani che hanno deciso di puntare su quel campo. E invece si potrebbe arrivare ad avere, se non il prodotto finito, almeno uno o due stadi di lavorazione di quel pellame. E poi ancora, “il settore idroelettrico”, perché è un Paese in crescita, che si sviluppa.

Resta il problema di come far conoscere quella realtà, che è all’avanguardia per le telecomunicazioni, da un punto di vista ecologico, innovatrice anche per quanto riguarda la distribuzione medica.

“Fino a un paio d’anni fa non c’era un’azione di promozione, che ora invece stiamo attuando – conclude il console – ma bisogna moltiplicare gli eventi per far conoscere il Rwanda, aumentando la promozione, possono aumentare i turisti e gli imprenditori che decidono di investire”. [MG]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Africa OrientaleTanzaniaUganda Free

    Macron sostiene oleodotto in Africa orientale ma le...

    UGANDA/TANZANIA - Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, ha espresso il suo sostegno all'East African Crude Oil Pipeline (Eacop) da 3,5 miliardi di dollari, il cui progetto verrà sviluppato dal gruppo francese Total. “Il progetto sarà una grande opportunità per intensificare il commercio tra la Francia e l’Uganda e per espandere ulteriormente la nostra cooperazione", si legge in una lettera del capo di Stato francese al presidente rieletto ugandese, Yoweri Museveni, protagonista insieme alla sua omologa tanzaniana Samia Suluhu Hassan della recente firma degli accordi che apriranno la strada alla costruzione dell’oleodotto dell'Africa orientale. Le dichiarazioni di Macron sembrano andare contro i piani dell’amministrazione francese, che interromperà del tutto i sostegni statali a progetti di petrolio a partire dal 2025 e di gas a partire dal 2035. Inoltre, le tre maggiori banche dell’Esagono, Bnp Paribas, Crédit Agricole - la cui sussidiaria Amundi è il secondo maggiore azionista di Total, dopo BlackRock - e Société Générale hanno già annunciato che non forniranno finanziamenti per il progetto dell’Eacop che si estenderà su 1445 km da Hoima, in Uganda, fino al porto di Tanga, in Tanzania. Anche le banche internazionali Barclays, Credit Suisse e Australia and New Zealand Banking Group (Anz) hanno escluso il proprio coinvolgimento nel progetto dell’oleodotto, così come l'Agenzia britannica per il credito all'esportazione (Ukef) e la Banca africana di Sviluppo (AfDB), quest’ultima “fortemente impegnata nello sviluppo delle energie rinnovabili”. Il mese scorso, Total ha firmato accordi con i governi dell'Uganda e della Tanzania e i suoi partner - China National Offshore Oil Corporation, Uganda National Oil Company e Tanzania Petroleum Development Corporation - per lo sviluppo delle esplorazioni nel Lago Albert, che includono i progetti petroliferi upstream di Tilenga e Kingfisher, in Uganda, e l’Eacop. Secondo Total, la prima esportazione di petrolio è prevista per l'inizio del 2025. "Le prospettive si stanno spostando verso le energie rinnovabili - osserva un’analisi della società di intelligence di settore Pangea-Risk - e dato quello che è successo di recente in Mozambico, l’Eacop potrebbe davvero essere l'ultimo grande progetto africano per i combustibili fossili". [CN]
  • EtiopiaKenya Free

    Allo studio ripresa collegamenti treni merci verso...

    KENYA - Le autorità keniane stanno valutando di utilizzare la ferrovia tra Nairobi e Nanyuki, recentemente ristrutturata, per il trasporto di merci dal porto di Mombasa verso l'Etiopia.

    A dirlo è stato il presidente dell'Autorità portuale del Kenya (KPA), Joseph Kibwana, precisando che sono in corso piani per predisporre un servizio di trasporto  merci da Mombasa attraverso la ferrovia a scartamento normale (SGR) che arriva fino a Nairobi e poi da qui utilizzare la linea a scartamento metrico recentemente ristrutturata che arriva fino a Nanyuki per trasportare le merci in Etiopia.

    Kibwana ha aggiunto che la Kenya Railways Corporation costruirà uno scalo merci a Nanyuki dove le merci verranno scaricate per essere trasportate su strada fino a Moyale, al confine tra Kenya ed Etiopia.

    “Kenya Transport and Logistics Network ha condotto lo studio di fattibilità sulla rotta che ne è rivelato la praticabilità - ha aggiunto ancora Kibwana - Vogliamo sfruttare il potenziale esistente per rafforzare i legami commerciali tra Etiopia e Kenya".

    L'Etiopia, priva di sbocco sul mare, fa affidamento principalmente sul porto di Gibuti come corridoio per le merci provenienti dall'estero, ma tale corridoio serve principalmente la parte superiore del paese. La rotta Nanyuki-Moyale, che gode di una buona rete stradale, accorcerà invece tempi e distanze per quelle merci destinate alla regione inferiore dell'Etiopia.

    Le Ferrovie kenyane hanno ripreso il servizio passeggeri commerciale sulla linea Nairobi-Nanyuki lo scorso dicembre dopo più di due decenni di fermo. [MV]

  • Kenya Free

    Approvati standard per sviluppo smart-cities

    KENYA - Il governo di Nairobi ha approvato sei nuove linee guida per gli standard che dovranno guidare lo sviluppo eco-compatibile dei progetti per la realizzazione di smart-cities in Kenya.

    Ad annunciarlo è stato Bernard Njiraini, amministratore delegato del Kenya Bureau of Standards (KEBS), precisando che gli standard approvati faciliteranno la trasformazione delle infrastrutture urbane in modo intelligente e sostenibile.

    "Poiché il Kenya continua a urbanizzarsi a un ritmo molto elevato, facciamo sempre più affidamento su soluzioni tecnologiche per creare modelli di vita sostenibili, gestire il consumo delle risorse idriche ed energetiche, migliorare lo sviluppo di infrastrutture intelligenti e affrontare le sfide ambientali come lo smaltimento dei rifiuti e il riciclaggio", ha affermato Njiraini.

    Secondo le informazioni rese note, gli standard approvati riguardano questioni quali lo scambio di dati informatici in tempo reale, i trasporti intelligenti e le infrastrutture per l'energia elettrica. Attualmente sono due le smart-cities in fase di sviluppo in Kenya: Tatu e Konza. [MV]

  • EtiopiaKenyaSomaliaSudan Free

    Contributo Ue per lotta alle locuste

    AFRICA ORIENTALE - La Commissione europea ha annunciato un finanziamento di 8 milioni di euro da parte dell’Unione Europea (Ue) che permetterà ai Paesi del Corno d’Africa di mantenere uno stato di prontezza di fronte ad una possibile recrudescenza delle locuste del deserto. Il Direttore Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (Fao), Qu Dongyu, ha accolto con favore il contributo da parte dalla Protezione civile europea e le operazioni di aiuto umanitario (Echo). Lo rende noto la stessa Fao tramite un comunicato. “Voglio ringraziare l’Unione Europea e tutti gli altri sostenitori per il loro generoso contributo e la loro continua assistenza nella battaglia per il controllo della recrudescenza delle locuste del deserto, consentendo attività critiche per la salvaguardia dei mezzi di sussistenza”, ha fatto notare il Direttore Generale, aggiungendo che”i governi nazionali, in collaborazione con la Fao e i partner, hanno ottenuto importanti progressi nel controllo di questo parassita in Africa orientale, ma le operazioni devono continuare e non possiamo permetterci di abbassare la guardia”. Come precisa la nota, mentre la recrudescenza continua a diminuire nel Corno d’Africa grazie alle operazioni di controllo, le recenti piogge hanno permesso agli sciami nell’Etiopia orientale e nella Somalia settentrionale di maturare e deporre le uova. Un’ulteriore riproduzione del vorace parassita potrebbe avvenire anche nel nord del Kenya, ma su una scala molto più piccola. Il nuovo finanziamento sarà usato per colmare le lacune critiche e sensibili al tempo nelle operazioni di approvvigionamento, indagine e controllo nei due Paesi rimanenti più a rischio, Etiopia e Somalia. Permetterà anche una risposta rapida nel caso la situazione precipiti in Kenya e in Sudan. L’obiettivo è infatti quello – si legge nel comunicato -di assicurare la continuità delle attività svolte dalla Fao a sostegno dei governi nazionali, in modo che la  lotta contro le locuste in Africa orientale rimanga vigile e pronta a contenere qualsiasi nuova minaccia ai mezzi di sussistenza delle comunità agricole. L’ultimo contributo di Echo sosterrà anche l’acquisto di ulteriori biopesticidi per aiutare a sostenere le attività di controllo oltre il secondo trimestre del 2021. Con il sostegno dell’Ue e di numerosi altri donatori, la Fao e i governi hanno ottenuto importanti successi nel contenere la peggiore recrudescenza di locuste registrata in Etiopia e Somalia da 25 anni a questa parte e la peggiore infestazione che il Kenya abbia sperimentato in 70 anni. La locusta del deserto è considerata il parassita migratorio più distruttivo del mondo e un piccolo sciame che copre un chilometro quadrato può mangiare in un giorno la stessa quantità di cibo di 35.000 persone, fa sapere la Fao. Secondo lo scenario tratteggiato dalla Fao, la diffusione del flagello nell’Africa orientale è stata considerevole, ma le operazioni di controllo delle locuste hanno evitato la perdita di quattro milioni di tonnellate di cereali e 800 milioni di litri di produzione di latte, proteggendo la sicurezza alimentare di 36,6 milioni di persone ed evitando 1,57 miliardi di dollari di perdite di cereali e latte. L’azione di controllo delle locuste in Africa orientale ha anche contribuito ad evitare un’ulteriore loro diffusione verso ovest, nella vulnerabile regione africana del Sahel. La Fao ha anche aiutato gli agricoltori che hanno subito i danni delle locuste con pacchetti di sostegno all’agricoltura, fornendo cure veterinarie per il bestiame affamato di vegetazione, ed effettuando trasferimenti di denaro alle famiglie che hanno perso i loro raccolti in modo che possano acquistare cibo. [VGM]
  • Somalia Free

    No di Mogadiscio a Mahama, mediatore Ua

    SOMALIA - No del governo di Mogadiscio a John Mahama, nominato dall’Unione africana per mediare i colloqui sulla crisi politica nel Paese: in una lettera al responsabile della commissione dell’Unione africana, Moussa Faki Mahamat, il ministro degli Esteri della Somalia ha giustificato il rifiuto della mediazione guidata da Mahama perché l’ex presidente ghanese avrebbe “ampi legami” con il Kenya e quindi non sarebbe imparziale. “È sorprendente che un candidato con ampi legami con la leadership del Kenya sia stato scelto dall’Ua per mediare i colloqui elettorali. Colloqui che si trovano in un vicolo cieco politico proprio a causa delle influenze keniane sulla politica somala”, è scritto nella lettera. Moussa Faki Mahamat ha citato “la natura sensibile” di tale compito e ha affermato che è importante che il mediatore sia “considerato imparziale e senza alcun legame con la regione”. Secondo il governo somalo, la decisione di nominare un inviato speciale è comunque superata dagli eventi, poiché il primo ministro Hussein Roble ha già negoziato un accordo per far riprendere le discussioni tra le parti. [EC]
  • Rwanda Free

    Visita del ministro degli Esteri in Polonia, firmati...

    RWANDA - I governi di Kigali e Varsavia hanno firmato diversi accordi di cooperazione tecnica circa l'istruzione superiore, le consultazioni politiche e la sicurezza informatica. Gli accordi sono stati siglati nella capitale polacca durante una visita di lavoro del ministro degli Affari esteri e della Cooperazione del Rwanda, Vincent Biruta. Interessata al buon clima imprenditoriale registrato nel paese africano, la Polonia cerca attraverso questi accordi di stimolare il commercio bilaterale e la cooperazione in materia di investimenti tra i due paesi. Il governo polacco ha peraltro avviato un programma di investimenti detto “Go Africa”, con l’obiettivo di creare partnership commerciali tra investitori polacchi e imprenditori africani al fine di promuovere la crescita del continente. È stato creato un fondo da 500 milioni di dollari per sostenere questa iniziativa in tutto il continente. [CN]