Rwanda

Accordo con federazione del settore privato, il Rwanda si presenta a Milano

RWANDA – Un accordo di collaborazione tra Confindustria Assafrica & Mediterraneo e la Federazione del settore privato del Rwanda, per instaurare un rapporto stabile e strutturato fra l’Italia e il Rwanda, in modo da favorire e supportare lo sviluppo di partnership, con un scambio reciproco di formazione, know how e, dove possibile, investimenti congiunti: la firma al protocollo è stata posta ieri durante una country presentation sul Rwanda, organizzata da Confindustria Assafrica & Mediterraneo in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia competente per il Rwanda ed il Consolato del Rwanda a Milano.

Pier Luigi d’Agata, direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, spiega a InfoAfrica a margine dell’evento che l’accordo vuole essere un “punto di riferimento per le imprese italiane che vogliono investire in Rwanda”.

Una delle strade da percorrere, insomma, se si decide di sviluppare un business in quel Paese. Quali potrebbero essere i vantaggi?

“Il Rwanda è un paese ordinato e stabile, che può essere considerato anche come hub per i Paesi vicini – dice d’Agata – È importante considerarlo come base di partenza e non solo come punto d’arrivo, se si ha intenzione di avviare un business con tanti potenziali clienti”.

Il discorso cambia, invece, se si punta a investimenti regionali, come per esempio per lo sviluppo di software o per la costruzione di strade. In quel caso potrebbe essere anche il punto d’arrivo.

Che sia un Paese piccolo è fuori di dubbio, appena 11 milioni gli abitanti, ma è la nazione che sta crescendo di più fra quelle dell’Africa centrale. Resta però anche una di quelle meno conosciute, dice Enrico Lalia Morra, Console onorario della Repubblica del Rwanda a Milano.

“Il Rwanda è stata un po’ tenuto da parte dalla politica estera italiana – dice Lalia Morra – Ci siamo concentrati sulle nazioni africane che hanno dato soddisfazione per quanto riguarda l’ambito petrolifero”.

Eppure, aggiunge il console, “il suo sviluppo, le sue potenzialità, ma anche la sua modernità, non sono caratteristiche che hanno tutti i paesi africani e già offre la possibilità di business”.

Le sue dimensioni, che potrebbero essere considerate uno svantaggio per gli imprenditori che vogliono fare impresa in Africa, in realtà devono essere viste come un vantaggio.

“Forse è più facile in un Paese con 11 milioni di abitanti impiantare un’azienda o rischiare capitali, anche perché è un territorio sicuro”, spiega il console Lalia Morra.

In quali campi le aziende italiane potrebbero investire, attuando magari anche una cooperazione con altre imprese ruandesi?

“Dalle industrie conserviere alla trasformazione di alcuni prodotti, come i pomodori o i latticini”, per quanto riguarda il mondo del cibo. Ma, continua il console, anche l’ambito della trasformazione industriale è in evoluzione: “Hanno un pellame di ottima qualità, ma non ci sono ancora imprenditori italiani che hanno deciso di puntare su quel campo. E invece si potrebbe arrivare ad avere, se non il prodotto finito, almeno uno o due stadi di lavorazione di quel pellame. E poi ancora, “il settore idroelettrico”, perché è un Paese in crescita, che si sviluppa.

Resta il problema di come far conoscere quella realtà, che è all’avanguardia per le telecomunicazioni, da un punto di vista ecologico, innovatrice anche per quanto riguarda la distribuzione medica.

“Fino a un paio d’anni fa non c’era un’azione di promozione, che ora invece stiamo attuando – conclude il console – ma bisogna moltiplicare gli eventi per far conoscere il Rwanda, aumentando la promozione, possono aumentare i turisti e gli imprenditori che decidono di investire”. [MG]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Etiopia Free

    Allo studio partenariati pubblico-privati per...

    ETIOPIA - Il ministero delle Finanze etiope sta valutando di impegnarsi in partenariati pubblico-privati con investitori locali e internazionali per sviluppare le infrastrutture ferroviarie.

    A riportarlo sono i media locali, citando il ministro delle Finanze Ahmed Shide che ha sottolineato come il governo di Addis Abeba stia lavorando con la Banca Mondiale per riformare le normative riguardanti l’implementazione di progetti infrastrutturali sulla base di modelli di partenariato pubblico-privati.

    "Abbiamo bisogno di rafforzare ulteriormente la nostra capacità di pianificazione, di implementazione e gestione dei progetti, oltre a migliorare i progetti esistenti e realizzare nuove partnership per portare avanti le nostre ambizioni", ha dichiarato il ministro intervenendo in Parlamento. [MV]

  • Africa OrientaleR.D. Congo Free

    Kinshasa domanda adesione a Comunità Africa orientale

    REP DEM CONGO - Il presidente congolese Felix Tshisekedi ha confermato che la Repubblica democratica del Congo ha presentato richiesta formale di adesione alla Comunità dell’Africa orientale (EAC).

    A riportarlo con ampia evidenza sono i media regionali, precisando che la richiesta di adesione è stata inviata lo scorso 8 giugno al presidente ruandese Paul Kagame in funzione del suo ruolo come presidente di turno dell’organismo economico regionale.

    "Questa richiesta segue l’aumento costante dei legami commerciali tra gli attori economici della Repubblica democratica del Congo e quelli degli Stati membri della Comunità", ha scritto Tshisekedi nella sua lettera a Kagame, aggiungendo che l’adesione all’EAC permetterà di eliminare le barriere doganali e aumentare esponenzialmente gli scambi tra gli Stati membri.

    La Repubblica democratica del Congo è già membro della Comunità per lo sviluppo dell'Africa australe (SADC). Gli Stati che fanno invece parte dell’EAC sono Burundi, Kenya, Rwanda, Tanzania, Uganda e dal 2016 anche il Sud Sudan.

    In base a quel che viene reso noto, la maggior parte degli Stati membri dell'EAC hanno manifestato il loro entusiasmo per la richiesta d’adesione della Repubblica democratica del Congo.

    La richiesta sarà discussa ufficialmente in occasione del prossimo vertice dei capi di Stato e di governo dell’EAC prevista per il prossimo mese di novembre. [MV]

  • Kenya Free

    Dal chicco alla tazza: due eventi dedicati al settore...

    KENYA - A Trieste il 24 giugno prossimo e a Milano il 25 giugno: sono queste le date durante le quali lo studio legale Rödl & Partner organizza due eventi dedicati al settore del caffè in Kenya.

    A segnalarlo è stato lo stesso egale Rödl & Partner, precisando che gli eventi intitolati “From bean to cup: insight on Kenyan coffee” sono organizzati con la collaborazione dell’Associazione per il Commercio Italo Keniana, l’Associazione Caffè

    Trieste e la Fondazione Eni Enrico Mattei.

    Obiettivo delle iniziative è affrontare, insieme alle istituzioni keniote del settore, le problematiche incontrate più spesso dai buyer e dai coltivatori e le soluzioni che il governo sta attivando per innovare e sviluppare la filiera.

    Per maggiori informazioni sui programmi e sulle modalità di partecipazione è possibile consultare la locandina qui in allegato.

  • Comore Free

    Finanziamenti extra per settore energetico

    COMORE - Il vicedirettore generale della Banca africana di Sviluppo (AfDB) responsabile per l’Africa orientale, Nwabufo Nnenna, e il ministro delle finanze e del bilancio delle Comore, Saïd-Ali-Saïd Chayhane, hanno firmato un accordo di finanziamento aggiuntivo di 8,63 milioni di euro a margine delle riunioni annuali della Banca a Malabo, in Guinea Equatoriale. Con questo finanziamento, il governo delle Comore sarà in grado di proseguire le riforme del settore energetico, avviate nel 2014, nell’ambito del progetto di sostegno del settore energetico (Pasec). “Questo finanziamento per il settore energetico consentirà al nostro Paese di risolvere le difficoltà connesse a questo settore” ha affermato Said-Ali-Said. Nel corso della firma è emerso come l’AfDB stia preparando altri tre progetti per le Comore, tra cui uno nel settore stradale e un altro per il sostegno all’amministrazione generale del Paese. [MS]
  • Kenya Free

    Finanziamenti a imprese agricole grazie a Unione...

    KENYA - Le piccole aziende agro-alimentari del Kenya potrebbero ottenere un accesso più agevole al credito dopo che l’Unione europea ha offerto 50 milioni di euro per un finanziamento attraverso una struttura nota come Kenya Agriculture Value Chain Facility. La struttura lanciata dalla Banca europea per gli investimenti a Nairobi significa che le società agricole potrebbero ottenere finanziamenti per far fronte ad alcune specifiche attività. Catherine Collin, rappresentante regionale della Banca europea per gli investimenti nell’Africa orientale, ha affermato che il programma coinvolgerà la Banca finanziaria locale Equity Bank per implementare il Kenya Agriculture Value Chain Facility e aiutare le imprese agricole ad espandere la propria attività adottando le tecnologie più recenti. L’amministratore delegato di Equity Bank Kenya, Polycarp Igathe, ha dichiarato che ci si concentrerà sulla crescita dell'agribusiness, dalla vendita al dettaglio alle grandi imprese. Con il nuovo programma di finanziamento, le aziende agricole di tutto il Kenya potranno accedere a prestiti con scadenze fino a 7 anni, più lunghe di quelle normalmente disponibili sul mercato, è stato sottolineato in una nota. [MS]
  • Etiopia Free

    Nasce Ente per le telecomunicazioni, primo passo per...

    ETIOPIA -  L'Etiopia ha approvato ieri un disegno di legge che istituisce e definisce i fini  di un nuovo Ente nazionale chiamato a regolare il settore delle telecomunicazioni, finora uno dei grandi monopoli statali che presto sarà aperto ai privati. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando il deputato Tesfaye Daba, il quale ha definito il provvedimento e la creazione di un ente regolatore per il settore della telefonia una pietra miliare fondamentale per attirare investimenti esterni. L'Etiopia è uno dei paesi a più rapida crescita in Africa e le società multinazionali di telefonia mobile sono in attesa che i poteri e le responsabilità dell'autorità di regolamentazione vengano codificati. Con una popolazione di 100 milioni di persone, l'Etiopia è uno degli ultimi mercati mondiali di telecomunicazioni chiusi ai privati. Secondo alcune fonti anonime che hanno parlato con la stampa internazionale, esisterebbe già un piano per l’emissione di nuove licenze per operatori privati di telefonia mobile il prossimo settembre, così da chiudere il processo di far e assegnare le licenze già a dicembre di quest’anno. Secondo questa ricostruzione, il governo si aspetta che le aziende che otterranno le licenze potranno cominciare ad operare nel 2020, inizialmente utilizzando la rete infrastrutturale di Ethio Telecom, l’operatore statale finora monopolista nei servizi voce e dati della telefonia. Tuttavia modernizzare il sovraccarico e instabile settore delle telecomunicazioni in Etiopia potrebbe richiedere fino a 2,2 miliardi di dollari, secondo quanto detto ieri dal sottosegretario delle Finanze Eyob Tekalign Tolina in un’intervista alla Reuters. "Il bisogno di investimenti nelle infrastrutture (delle telecomunicazioni) è enorme", ha detto Tekalign Tolina. "Abbiamo detto chiaramente che gli investimenti pubblici sono a corto di energia. Non faremo investimenti pubblici insostenibili “ confermando una volontà di coprire i costi necessari con capitali privati e un’inversione di rotta rispetto ai precedenti governi che ritenevano il settore delle telecomunicazioni strategico. Come la maggior parte delle imprese statali etiopiche, Ethio Telecom è alle prese con il debito. Ma Eyob ha detto che negli ultimi nove mesi le autorità hanno liquidato tre anni di arretrati. "La nostra visione è vedere Ethio Telecom iniziare a prendere prestiti senza necessariamente richiedere la garanzia governativa di sovranità ... (portando) Ethio Telecoms al livello di Ethiopian Airlines in termini di rating del credito", ha detto.