Rwanda

Accordo con federazione del settore privato, il Rwanda si presenta a Milano

RWANDA – Un accordo di collaborazione tra Confindustria Assafrica & Mediterraneo e la Federazione del settore privato del Rwanda, per instaurare un rapporto stabile e strutturato fra l’Italia e il Rwanda, in modo da favorire e supportare lo sviluppo di partnership, con un scambio reciproco di formazione, know how e, dove possibile, investimenti congiunti: la firma al protocollo è stata posta ieri durante una country presentation sul Rwanda, organizzata da Confindustria Assafrica & Mediterraneo in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia competente per il Rwanda ed il Consolato del Rwanda a Milano.

Pier Luigi d’Agata, direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, spiega a InfoAfrica a margine dell’evento che l’accordo vuole essere un “punto di riferimento per le imprese italiane che vogliono investire in Rwanda”.

Una delle strade da percorrere, insomma, se si decide di sviluppare un business in quel Paese. Quali potrebbero essere i vantaggi?

“Il Rwanda è un paese ordinato e stabile, che può essere considerato anche come hub per i Paesi vicini – dice d’Agata – È importante considerarlo come base di partenza e non solo come punto d’arrivo, se si ha intenzione di avviare un business con tanti potenziali clienti”.

Il discorso cambia, invece, se si punta a investimenti regionali, come per esempio per lo sviluppo di software o per la costruzione di strade. In quel caso potrebbe essere anche il punto d’arrivo.

Che sia un Paese piccolo è fuori di dubbio, appena 11 milioni gli abitanti, ma è la nazione che sta crescendo di più fra quelle dell’Africa centrale. Resta però anche una di quelle meno conosciute, dice Enrico Lalia Morra, Console onorario della Repubblica del Rwanda a Milano.

“Il Rwanda è stata un po’ tenuto da parte dalla politica estera italiana – dice Lalia Morra – Ci siamo concentrati sulle nazioni africane che hanno dato soddisfazione per quanto riguarda l’ambito petrolifero”.

Eppure, aggiunge il console, “il suo sviluppo, le sue potenzialità, ma anche la sua modernità, non sono caratteristiche che hanno tutti i paesi africani e già offre la possibilità di business”.

Le sue dimensioni, che potrebbero essere considerate uno svantaggio per gli imprenditori che vogliono fare impresa in Africa, in realtà devono essere viste come un vantaggio.

“Forse è più facile in un Paese con 11 milioni di abitanti impiantare un’azienda o rischiare capitali, anche perché è un territorio sicuro”, spiega il console Lalia Morra.

In quali campi le aziende italiane potrebbero investire, attuando magari anche una cooperazione con altre imprese ruandesi?

“Dalle industrie conserviere alla trasformazione di alcuni prodotti, come i pomodori o i latticini”, per quanto riguarda il mondo del cibo. Ma, continua il console, anche l’ambito della trasformazione industriale è in evoluzione: “Hanno un pellame di ottima qualità, ma non ci sono ancora imprenditori italiani che hanno deciso di puntare su quel campo. E invece si potrebbe arrivare ad avere, se non il prodotto finito, almeno uno o due stadi di lavorazione di quel pellame. E poi ancora, “il settore idroelettrico”, perché è un Paese in crescita, che si sviluppa.

Resta il problema di come far conoscere quella realtà, che è all’avanguardia per le telecomunicazioni, da un punto di vista ecologico, innovatrice anche per quanto riguarda la distribuzione medica.

“Fino a un paio d’anni fa non c’era un’azione di promozione, che ora invece stiamo attuando – conclude il console – ma bisogna moltiplicare gli eventi per far conoscere il Rwanda, aumentando la promozione, possono aumentare i turisti e gli imprenditori che decidono di investire”. [MG]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Sudan Free

    In calo deficit bilancia commerciale

    SUDAN - La Banca centrale del Sudan ha annunciato che il deficit annuale della bilancia commerciale del Paese, cioè la differenza tra esportazioni e importazioni, è stato ridotto del 25% a 1,6 miliardi di dollari. Il deficit della bilancia commerciale del Sudan è stato di 2,50 miliardi di dollari nel corrispondente periodo dello scorso anno. In una dichiarazione alla stampa, la Banca centrale ha affermato che il valore delle esportazioni sudanesi è aumentato del 25,1% su base annua a 2,53 miliardi di dollari, mentre le importazioni sono aumentate del 3,9% a 4,16 miliardi di dollari durante il periodo. Nell’ultimo anno, gli arretrati del debito internazionale del Sudan sono stati cancellati e la Banca Mondiale e il FMI hanno tagliato il debito del Paese di 50 miliardi di dollari. A luglio il gruppo dei creditori del Club di Parigi  ha accettato di cancellare 14,1 miliardi di debito sudanese. [GT]
  • Etiopia Free

    Autorità pronta a certificare per produzione energia...

    ETIOPIA - Qualsiasi entità che desideri produrre energia elettrica per il consumo privato potrà presto richiedere un permesso all'Autorità etiope per l'Energia (EEA), secondo quel che viene reso noto dai media locali.

    In base a quel che viene riportato dal settimanale economico Fortune, tutti i potenziali sviluppatori che soddisfano i requisiti stabiliti dall'Autorità e producono più di 200 kilowatt di energia per uso non commerciale potranno beneficiare di un permesso.

    Il servizio di certificazione è fornito a livello federale dall'Autorità, ma anche gli stati regionali hanno ottenuto il mandato per rilasciare i certificati.

    La decisione rientra tra le misure previste dal piano nazionale di elettrificazione per aumentare le famiglie con accesso all'elettricità al 100% in cinque anni. L'obiettivo dichiarato è fare in modo che il 65% delle famiglie sia connesso alla rete nazionale, mentre le soluzioni off-grid copriranno la restante area.

    "L'energia generata per il consumo privato è pensata per alimentare le imprese e le industrie, poiché la quantità è molto più grande di quella consumata dalle famiglie", ha detto Bahiru Oljira, direttore di una certificazione di competenza e regolamento tecnico presso l'EEA. [MV]

  • KenyaR.D. Congo Free

    La compagnia low cost Jambojet avvia due voli...

    KENYA/REP DEM CONGO - Prosegue il piano di espansione nel continente della prima compagnia aerea low cost del Kenya, Jambojet, che ha iniziato la scorsa settimana un servizio di volo bisettimanale per la città di Goma, in Repubblica Democratica del Congo. Lo riferiscono fonti del vettore aereo, lanciato nel 2014 ed è di proprietà della compagnia aerea nazionale Kenya Airways, che prevede che l'Africa diventerà una delle regioni in più rapida crescita nel mondo per l'aviazione nei prossimi due decenni, con un'espansione media annua di quasi il 5%.  "Vogliamo essere parte della crescita", ha affermato Vincent Rague, presidente di Jambojet, che prevede di aumentare presto i voli per Goma, capitale della provincia orientale del Nord Kivu, dal suo hub di Nairobi, a quattro volte a settimana. Jambojet gestisce una flotta di sei aerei De Havilland Dash 8-400 e serve attualmente sei destinazioni locali da Nairobi, tra cui località turistiche lungo la costa del Kenya. [CN]
  • Tanzania Free

    Crescita al 4,9 per cento nel primo semestre

    TANZANIA - La Banca centrale della Tanzania ha reso noto che il Paese dell'Africa orientale ha registrato una crescita economica del 4,9% nel primo trimestre del 2021.

    Secondo i dati resi noti attraverso un comunicato inviato alla stampa la crescita economica del 4,9% registrata nel primo trimestre del 2021 è stata però inferiore rispetto al 5,9% registrato nel corrispondente periodo del 2020.

    In base a quel che è stato dichiarato dalla Banca centrale, la crescita economica del 4,9% in Tanzania è stata trainata principalmente dalle attività di costruzione, trasporto, agricoltura, produzione, estrazione e estrazione.

    La Banca centrale ha inoltre affermato che l'economia tanzaniana dovrebbe continuare a migliorare, grazie agli investimenti pubblici in corso e alla normalizzazione dell'economia globale, che contribuiranno ad aumentare ulteriormente gli investimenti e il commercio del settore privato. [MV]

  • Somalia Free

    Economia in ripresa, secondo Banca mondiale

    SOMALIA - L’economia somala si sta riprendendo dal ‘triplo shock’ che ha devastato il Paese nel 2020: la pandemia da covid-19, le inondazioni e l’infestazione di locuste. Lo si apprende dall’ultimo aggiornamento della Banca mondiale nel quale viene precisato che la crescita reale del Pil nel Paese è prevista al 2,4 per cento nel 2021. Questo slancio di crescita fino al 3,2 per cento dovrebbe continuare nel medio termine e raggiungere i livelli pre-covid nel 2023, secondo le previsioni della Banca mondiale. Il report ricorda che l’economia somala si è contratta dello 0,4 per cento nel 2020, un calo – precisa Banca mondiale – meno grave della contrazione dell’1,5 per cento prevista all’inizio della pandemia globale. Flussi di aiuti più alti del previsto, misure di politica fiscale messe in atto dal governo federale della Somalia per aiutare le imprese, misure di protezione sociale per ammortizzare le famiglie vulnerabili, e afflussi di rimesse più alti del previsto hanno mitigato gli effetti negativi del triplo shock, si legge nel documento. Il rapporto nota che le interruzioni derivanti dalle misure di contenimento del covid hanno ridotto la raccolta delle entrate federali e statali, aumentando al contempo la pressione a spendere di più per la salute e i soccorsi in caso di disastri. I grandi aumenti delle sovvenzioni esterne hanno permesso al governo federale di iniziare a riequilibrare la spesa pubblica verso i servizi economici e sociali e di fornire fondi per nuovi programmi sociali e progetti di risposta alle emergenze per aumentare la resilienza. “Mentre la Somalia intraprende la strada della ripresa dal triplice shock, gli interventi politici che aumentano la produttività e che creano posti di lavoro ed espandono i programmi a favore dei poveri sono fondamentali”, ha detto Kristina Svensson, direttrice della Banca mondiale per la Somalia. “Creare posti di lavoro e assicurare che i più vulnerabili siano sostenuti durante la crisi devono essere al centro dell’azione politica e della risposta del settore privato”, ha aggiunto. Gli interventi per migliorare il clima degli investimenti e incoraggiare la formalizzazione delle imprese per attrarre più investimenti privati includono – precisa la Banca mondiale – riforme incentrate sulla riduzione del costo dell’elettricità e sul miglioramento della sua affidabilità, livellando il campo di gioco tra le imprese private, riducendo la burocrazia e ampliando l’inclusione finanziaria. [VGM]
  • Africa OrientaleTanzania Free

    Ad Arusha la prima fiera regionale del turismo dell...

    TANZANIA - Si terrà dal 9 al 16 ottobre la prima edizione dell’Expo del turismo regionale dell'Africa orientale (Earte) che sarà ospitata dalla città turistica di Arusha, nel nord della Tanzania: lo si legge in una dichiarazione della Comunità dell'Africa orientale (Eac), che precisa che l’evento, il primo del suo genere, mira ad attrarre investimenti e a promuovere il turismo in Tanzania, Kenya, Uganda, Rwanda, Burundi e Sud Sudan. Secondo il documento, l'Earte, la cui edizione 2021 si articolerà attorno al tema "promuovere il turismo resiliente per uno sviluppo socio-economico inclusivo", si svolgerà a rotazione tra gli Stati membri dell'Eac. "La conservazione della fauna selvatica nella regione ha subito un duro colpo dalla pandemia a causa della perdita di entrate per la conservazione, la maggior parte delle quali è generata dai turisti che visitano le aree protette e le riserve naturali in tutta la regione", ha affermato in una nota il segretario generale dell'Eac, Peter Mathuki, precisando che la regione, a causa della pandemia, ha perso quasi il 70% degli arrivi di turisti internazionali nel 2020, insieme a massicce perdite di guadagni e posti di lavoro legati al turismo. Il settore del turismo è una delle aree di cooperazione più importanti per l'Eac grazie al suo contributo alle economie degli Stati partner in termini di Pil (circa il 10 %), proventi delle esportazioni (17 %) e posti di lavoro (circa il 7 %) nonché ai suoi legami con altri settori come l'agricoltura, i trasporti e la produzione. [CN]