Rwanda

Accordo con federazione del settore privato, il Rwanda si presenta a Milano

RWANDA – Un accordo di collaborazione tra Confindustria Assafrica & Mediterraneo e la Federazione del settore privato del Rwanda, per instaurare un rapporto stabile e strutturato fra l’Italia e il Rwanda, in modo da favorire e supportare lo sviluppo di partnership, con un scambio reciproco di formazione, know how e, dove possibile, investimenti congiunti: la firma al protocollo è stata posta ieri durante una country presentation sul Rwanda, organizzata da Confindustria Assafrica & Mediterraneo in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia competente per il Rwanda ed il Consolato del Rwanda a Milano.

Pier Luigi d’Agata, direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, spiega a InfoAfrica a margine dell’evento che l’accordo vuole essere un “punto di riferimento per le imprese italiane che vogliono investire in Rwanda”.

Una delle strade da percorrere, insomma, se si decide di sviluppare un business in quel Paese. Quali potrebbero essere i vantaggi?

“Il Rwanda è un paese ordinato e stabile, che può essere considerato anche come hub per i Paesi vicini – dice d’Agata – È importante considerarlo come base di partenza e non solo come punto d’arrivo, se si ha intenzione di avviare un business con tanti potenziali clienti”.

Il discorso cambia, invece, se si punta a investimenti regionali, come per esempio per lo sviluppo di software o per la costruzione di strade. In quel caso potrebbe essere anche il punto d’arrivo.

Che sia un Paese piccolo è fuori di dubbio, appena 11 milioni gli abitanti, ma è la nazione che sta crescendo di più fra quelle dell’Africa centrale. Resta però anche una di quelle meno conosciute, dice Enrico Lalia Morra, Console onorario della Repubblica del Rwanda a Milano.

“Il Rwanda è stata un po’ tenuto da parte dalla politica estera italiana – dice Lalia Morra – Ci siamo concentrati sulle nazioni africane che hanno dato soddisfazione per quanto riguarda l’ambito petrolifero”.

Eppure, aggiunge il console, “il suo sviluppo, le sue potenzialità, ma anche la sua modernità, non sono caratteristiche che hanno tutti i paesi africani e già offre la possibilità di business”.

Le sue dimensioni, che potrebbero essere considerate uno svantaggio per gli imprenditori che vogliono fare impresa in Africa, in realtà devono essere viste come un vantaggio.

“Forse è più facile in un Paese con 11 milioni di abitanti impiantare un’azienda o rischiare capitali, anche perché è un territorio sicuro”, spiega il console Lalia Morra.

In quali campi le aziende italiane potrebbero investire, attuando magari anche una cooperazione con altre imprese ruandesi?

“Dalle industrie conserviere alla trasformazione di alcuni prodotti, come i pomodori o i latticini”, per quanto riguarda il mondo del cibo. Ma, continua il console, anche l’ambito della trasformazione industriale è in evoluzione: “Hanno un pellame di ottima qualità, ma non ci sono ancora imprenditori italiani che hanno deciso di puntare su quel campo. E invece si potrebbe arrivare ad avere, se non il prodotto finito, almeno uno o due stadi di lavorazione di quel pellame. E poi ancora, “il settore idroelettrico”, perché è un Paese in crescita, che si sviluppa.

Resta il problema di come far conoscere quella realtà, che è all’avanguardia per le telecomunicazioni, da un punto di vista ecologico, innovatrice anche per quanto riguarda la distribuzione medica.

“Fino a un paio d’anni fa non c’era un’azione di promozione, che ora invece stiamo attuando – conclude il console – ma bisogna moltiplicare gli eventi per far conoscere il Rwanda, aumentando la promozione, possono aumentare i turisti e gli imprenditori che decidono di investire”. [MG]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Progetto energetico per porto Mombasa

    KENYA - Un progetto innovativo per l’alimentazione di elettricità delle navi che attraccano al porto di Mombasa, in Kenya, è stato lanciato dall’Autorità portuale. Si tratterà di una centrale offshore alla quale collegare le navi per consentire a queste ultime di non utilizzare i motori ausiliari per generare elettricità necessaria ai vari sistemi di bordo (illuminazione, refrigerazione, riscaldamento).

    Il progetto è stato pensato per ridurre le emissioni inquinanti ma anche per ridurre i rumori nell’area portuale. Significativo che sia Mombasa ad applicare un tale sistema, dal momento che si tratta di uno dei principali porti della costa orientale africana.

    L’iniziativa condotta dalla Kenya Ports Authority si avvale del contributo della Jomo Kenyatta Agriculture and Technology University e della Kenya Maritime Authority. L’avvio del progetto è previsto già nel corso del 2018 e i lavori si dovrebbero concludere nel 2020: per l’operazione sono stati stanziati circa 66 milioni di dollari. [MS]
  • Etiopia Free

    Società tessili straniere nel parco industriale di...

    ETIOPIA - Stanno procedendo le applicazioni di società tessili per l’occupazione di aree del nuovo parco industriale di Kombolcha. Lo sostiene la Commissione etiopica per gli investimenti secondo cui diverse imprese straniere sono già pronte ad avviare la produzione all’interno dei 75 ettari attrezzati dal governo di Addis Abeba in questa zona a ridosso di Gibuti.

    Secondo quanto riferito dalla stessa Commissione, diverse imprese hanno già avviato corsi di formazione per il loro personale. Il parco industriale dovrebbe contribuire a creare 20.000 posti di lavoro e sarà un punto di accesso di tecnologie, in particolare per il settore tessile.

    La struttura è stata inaugurata lo scorso luglio dal primo ministro etiope Hailemariam Desalegn al termine di lavori condotti da società cinesi. Insieme al parco di Mekelle (nella regione del Tigrè), e a quello di Hawassa, il parco di Kombolcha (situato nella regione Amhara) è dedicato in particolare alla produzione tessile, di abbigliamento e della trasformazione dei prodotti agro-alimentari. Obiettivo del governo di Addis Abeba è realizzare almeno 15 parchi industriali in tutto il paese. [MS]
  • Rwanda Free

    Al via costruzione azienda farmaceutica marocchina

    RWANDA - Un’azienda marocchina di produzione di farmaci, la Cooper Pharma, lancer oggi stesso la costruzione di un laboratorio di antibiotici in Rwanda.

    Lo stabilimento – secondo il portale ruandese Kt Press - sorgerà nella Zona economica speciale di Kigali, nel distretto di Gasabo, su una superficie di 20.000 m2.

    L’investimento della Cooper Pharma è uno dei risultati degli accordi firmati nell’ottobre 2016 durante la visita del Re Mohammed VI in Rwanda.

    Il fabbricante marocchino, che esporta i suoi medicinali in 21 Paesi, ha detto di voler fare del Rwanda una riserva strategica per l’Africa Orientale.

    Lo scorso 17 ottobre il Rwanda Standards Board (RSB) ha lanciato un laboratorio farmaceutico in grado di effettuare un maggior numero di test su un maggior numero di farmaci, un centinaio, di 35 tipi, tra cui antibiotici, antimalarici e anti-retrovirali. [CC]
  • Tanzania Free

    Scania verso joint venture per assemblaggio autobus

    TANZANIA - Scania Tanzania Ltd, importatore di camion in Tanzania, sta valutando la creazione di una joint venture locale per l’assemblaggio di autobus.

    Scania già da un anno sta facendo degli sforzi per occupare una più consistente fetta di mercato in Africa orientale, ma finora non ha raggiunto i risultati sperati. L’assemblaggio dei mezzi sul posto è stato pensato proprio per favorire una penetrazione commerciale finora risultata più difficile del previsto.

    “Abbiamo già cominciato negoziati con una società locale - ha detto Lars Eklund, direttore della società, ai media locali - e al termine di questi colloqui sarà creata una joint venture per l’assemblaggio degli autobus. L’obiettivo è di generare profitti in questa area geografica”. [MS]
  • Kenya Free

    Fiera su sanità e farmaceutica a marzo a Nairobi

    KENYA - È giunto alla sua 11a edizione MedHealth Kenya, appuntamento dedicato al settore della sanità e dell’industria farmaceutica, che si svolge a Nairobi dal 3 al 5 marzo prossimi.

    L’evento è rivolto in particolare a produttori internazionali, in considerazione del fatto che visitatori della fiera sono soprattutto responsabili degli acquisti di società di distribuzione dei Paesi dell’Africa centrale e orientale.

    Secondo quel che viene reso noto dagli organizzatori, alla precedente edizione hanno partecipato circa 9100 visitatori professionali.

    Per maggiori informazioni sull’evento e sulle modalità di partecipazione sono disponibili sul sito internet della manifestazione. [MV]
  • Somalia Free

    Attentato in una caserma a Mogadiscio, 18 poliziotti...

    SOMALIA – La capitale somala Mogadiscio è nuovamente in lutto dopo un attacco suicida che oggi ha preso di mira un campo di addestramento riservato alle forze dell’ordine, concluso con la morte di 18 poliziotti e altri 15 feriti.

    Secondo il vicecomandante della polizia, Muktar Hussein Afrah, un uomo travestito da agente di polizia si è introdotto nella base dove un gruppo di uomini si stava allenando per una parata e si è fatto esplodere in aria. Gli Shebab hanno rivendicato la paternità dell’attentato, sostenendo di aver ucciso 27 agenti.

    Si tratta di un altro colpo duro per Mogadiscio dove il 14 ottobre scorso si è verificato il più grave attentato della storia del Paese, con un bilancio che con le indagini continua a salire e che ha raggiunto 512 vittime.

    Gli osservatori fanno notare che il gruppo armato degli Shebab, contrastato negli ultimi anni dalle truppe somale e dai soldati dell’Unione Africana in Somalia (Amisom) sembrano decisi a voler segnare il proprio ritorno nella capitale e mettere a segno l’intento di rovesciare il presidente Mohamed Abdullahi Mohamed, detto Farmajo. [CC]