Rwanda

Accordo con federazione del settore privato, il Rwanda si presenta a Milano

RWANDA – Un accordo di collaborazione tra Confindustria Assafrica & Mediterraneo e la Federazione del settore privato del Rwanda, per instaurare un rapporto stabile e strutturato fra l’Italia e il Rwanda, in modo da favorire e supportare lo sviluppo di partnership, con un scambio reciproco di formazione, know how e, dove possibile, investimenti congiunti: la firma al protocollo è stata posta ieri durante una country presentation sul Rwanda, organizzata da Confindustria Assafrica & Mediterraneo in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia competente per il Rwanda ed il Consolato del Rwanda a Milano.

Pier Luigi d’Agata, direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, spiega a InfoAfrica a margine dell’evento che l’accordo vuole essere un “punto di riferimento per le imprese italiane che vogliono investire in Rwanda”.

Una delle strade da percorrere, insomma, se si decide di sviluppare un business in quel Paese. Quali potrebbero essere i vantaggi?

“Il Rwanda è un paese ordinato e stabile, che può essere considerato anche come hub per i Paesi vicini – dice d’Agata – È importante considerarlo come base di partenza e non solo come punto d’arrivo, se si ha intenzione di avviare un business con tanti potenziali clienti”.

Il discorso cambia, invece, se si punta a investimenti regionali, come per esempio per lo sviluppo di software o per la costruzione di strade. In quel caso potrebbe essere anche il punto d’arrivo.

Che sia un Paese piccolo è fuori di dubbio, appena 11 milioni gli abitanti, ma è la nazione che sta crescendo di più fra quelle dell’Africa centrale. Resta però anche una di quelle meno conosciute, dice Enrico Lalia Morra, Console onorario della Repubblica del Rwanda a Milano.

“Il Rwanda è stata un po’ tenuto da parte dalla politica estera italiana – dice Lalia Morra – Ci siamo concentrati sulle nazioni africane che hanno dato soddisfazione per quanto riguarda l’ambito petrolifero”.

Eppure, aggiunge il console, “il suo sviluppo, le sue potenzialità, ma anche la sua modernità, non sono caratteristiche che hanno tutti i paesi africani e già offre la possibilità di business”.

Le sue dimensioni, che potrebbero essere considerate uno svantaggio per gli imprenditori che vogliono fare impresa in Africa, in realtà devono essere viste come un vantaggio.

“Forse è più facile in un Paese con 11 milioni di abitanti impiantare un’azienda o rischiare capitali, anche perché è un territorio sicuro”, spiega il console Lalia Morra.

In quali campi le aziende italiane potrebbero investire, attuando magari anche una cooperazione con altre imprese ruandesi?

“Dalle industrie conserviere alla trasformazione di alcuni prodotti, come i pomodori o i latticini”, per quanto riguarda il mondo del cibo. Ma, continua il console, anche l’ambito della trasformazione industriale è in evoluzione: “Hanno un pellame di ottima qualità, ma non ci sono ancora imprenditori italiani che hanno deciso di puntare su quel campo. E invece si potrebbe arrivare ad avere, se non il prodotto finito, almeno uno o due stadi di lavorazione di quel pellame. E poi ancora, “il settore idroelettrico”, perché è un Paese in crescita, che si sviluppa.

Resta il problema di come far conoscere quella realtà, che è all’avanguardia per le telecomunicazioni, da un punto di vista ecologico, innovatrice anche per quanto riguarda la distribuzione medica.

“Fino a un paio d’anni fa non c’era un’azione di promozione, che ora invece stiamo attuando – conclude il console – ma bisogna moltiplicare gli eventi per far conoscere il Rwanda, aumentando la promozione, possono aumentare i turisti e gli imprenditori che decidono di investire”. [MG]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Burundi Free

    Banca mondiale approva fondi per protezione sociale

    BURUNDI - Il gruppo della Banca mondiale ha approvato la concessione di finanziamento di 150 milioni di dollari per continuare a sostenere il settore della protezione sociale del Burundi attraverso un progetto denominato "Cash for Jobs" (Cash4Jobs) rivolto a cittadini estremamente vulnerabili.

    Secondo quel che è stato reso noto dalla stessa Banca mondiale, il progetto mira a rafforzare la capacità di gestione dei programmi di ammortizzatori sociali al fine di promuovere una copertura più efficace facilitando al contempo l'accesso al lavoro per le fasce più vulnerabili della popolazione burundese.

    Promuoverà anche opportunità economiche attraverso l'accesso a iniziative di inclusione produttiva e posti di lavoro.

    Il finanziamento della sovvenzione per il progetto Burundi Cash4Jobs, coprirà tutte le 18 province del Paese, è fornito dall'Associazione internazionale per lo sviluppo (IDA) della Banca mondiale e sarà attuato nell'arco di cinque anni. [MV]

  • Tanzania Free

    Autorità omanita sigla accordo per sviluppo e gestione...

    TANZANIA - L’Autorità per gli investimenti dell’Oman ha firmato un memorandum d’intesa con il governo regionale semi-autonomo di Zanzibar per studiare la fattibilità di un progetto di ristrutturazione, sviluppo e gestione del porto turistico di Malindi.

    “L'Autorità per gli investimenti dell’Oman ha firmato un memorandum d’intesa con il governo di Zanzibar, in base al quale l’autorità e le sue controllate studieranno la fattibilità di un progetto di riabilitazione, sviluppo e gestione del porto turistico di Malindi e lo sviluppo del waterfront, nonché per il trasferimento delle attività commerciali dall’attuale porto al nuovo porto di Mangga Pwani” rende noto l’agenzia di stampa dell’Oman, Ona.

    Sami bin Abdullah Al Sinani, senior director of logistics and infrastructure services presso l’Autorità per gli investimenti dell’Oman, ha dichiarato all’Ona che il memorandum d’intesa “mira a massimizzare i benefici del Sultanato dell’Oman dalla Belt and road initiative, che passa attraverso un gruppo di porti in Asia e in Africa, per costruire relazioni con l’Africa orientale”. [GT]

  • Kenya Free

    Allo studio piattaforma online per l'export agricolo in...

    KENYA – Il Kenya sta mettendo a punto una piattaforma online per vendere sul mercato cinese i propri prodotti agricoli, come tè e caffè, dopo la firma dei memorandum di intesa con Pechino avvenuta in occasione della visita del ministro degli Esteri Wang Yi a inizio mese. Lo ha annunciato Julius Opio, presidente della Camera di commercio e dell'industria del Kenya, spiegando che la piattaforma faciliterà l'accesso ai mercati cinesi, anche alla luce dei problemi logistici creati dalla pandemia di Covid-19. “Abbiamo visto l'impatto del Covid-19 e ci sono molte sfide logistiche che le aziende devono affrontare, come non riuscire a spedire o a ricevere in tempo le merci. Stiamo cercando di capire se possiamo operare online e aumentare l'efficienza", ha detto Opio al Business Daily, aggiungendo che aziende quali Huawei Technologies, China Mobile Technology e Xingyun Group hanno espresso disponibilità a collaborare per definire la piattaforma. Durante la visita di Wang sono stati firmati sei memorandum d'intesa su iniziative agricole, riduzione della povertà, innovazione digitale, salute e formazione del personale. [SS]
  • Uganda Free

    Inaugurato impianto militare per manutenzione...

    UGANDA – Il presidente Yoweri Museveni ha annunciato l’apertura di un impianto per la manutenzione, riparazione e revisione di elicotteri presso la base dell'aeronautica di Nakasongola, nel centro del Paese. In un comunicato diffuso dal governo si precisa che il sito, “il primo del suo genere in Africa subsahariana, è una joint venture tra il braccio commerciale delle forze armate, la National Enterprise Corporation (Nec), e Pro-heli International, un’azienda russa”. Obiettivo di Kampala è di farne “un hub non solo per l'intera regione dell'Africa orientale, comprese le missioni delle Nazioni Unite che utilizzano elicotteri russi, ma per l'intero continente”. Il sito consentirà “un enorme risparmio sui costi attualmente sostenuti dal ministero della Difesa” per il trasferimento degli elicotteri all’estero, ha sottolineato il generale Sabiiti Muzeyi, direttore di Luwero Industries, sussidiaria della Nec, aggiungendo che la nuova struttura, “con attrezzature all'avanguardia è già ora pienamente operativa”. [SS]
  • Kenya Free

    Prestito Ue a sostegno dei piccoli agricoltori di...

    KENYA - Kentaste Products, azienda keniota di prodotti a base di noce di cocco, ha ottenuto un prestito di 1,5 milioni di dollari da EDFI AgriFI (AgriFI), la struttura di investimento dell'Unione europea rivolta alle piccole e medie imprese agricole dei Paesi in via di sviluppo. Stando a quanto precisato in un comunicato, il finanziamento mira a rafforzare la capacità produttiva dell'azienda e a fornire capitale necessario per sostenerne la crescita. Fondata nel 2011, l'azienda lavora con una rete di 2.700 piccoli agricoltori, il 30% dei quali sono donne, mentre un terzo vive al di sotto della soglia di povertà. Con questo prestito, si sottolinea nella nota, EDFI AgriFI punta a migliorare i mezzi di sussistenza dei piccoli agricoltori, per cui le noci di cocco rappresentano la principale fonte di reddito. L’azienda, che possiede la certificazione Fairtrade, conta di raddoppiare il volume delle noci di cocco lavorate e a portare a 4.000 il numero degli agricoltori con cui collabora. “Per anni la coltivazione della noce di cocco in Kenya è stata trascurata a causa della mancanza di valore aggiunto. Kentaste è stata in grado di accedere ai mercati a livello globale con i nostri prodotti, e gli investimenti di EDFI e di altri partner ci consentono di aumentare le nostre capacità di approvvigionamento e produzione, acquistando più noci di cocco da più agricoltori", ha sottolineato Kyle Denning, amministratore delegato dell’azienda. Con sede a Ukunda, lungo la costa del Kenya, l'azienda produce olio di cocco vergine di alta qualità, latte di cocco, crema di cocco, farina di cocco e cocco essiccato, venduti attraverso canali di vendita al dettaglio e all'ingrosso in tutta l'Africa orientale, nonché negli Stati Uniti, in Medio Oriente e in Europa. [SS]
  • Etiopia Free

    Prezzi alimentari in crescita, impennata inflazione

    ETIOPIA - L’inflazione ha toccato a dicembre il livello più alto dell’ultimo decennio; secondo l’Agenzia centrale di statistica, il tasso annuo è salito al 35,1%, dal 33% di novembre, soprattutto per effetto dell’incremento dei prezzi dei generi alimentari. I costi dei beni alimentari sono infatti cresciuti del 41,6% su base annua, rispetto a un aumento del 28,9% di novembre. A lievitare, i prezzi di verdure, carne, latte, formaggio, uova e spezie. In aumento anche quelli dei chicchi di caffè e delle bevande analcoliche. Le pressioni sui prezzi sono state esacerbate dalla guerra civile in corso dal 2020 nelle regioni settentrionali che ha interrotto la produzione e l’offerta agricola. Ciò ha portato anche a un indebolimento del birr etiope, la valuta locale che, secondo l’agenzia di stampa Bloomberg, ha perso oltre il 20% rispetto al dollaro nell’ultimo anno. [EC]