Rwanda

Accordo con federazione del settore privato, il Rwanda si presenta a Milano

RWANDA – Un accordo di collaborazione tra Confindustria Assafrica & Mediterraneo e la Federazione del settore privato del Rwanda, per instaurare un rapporto stabile e strutturato fra l’Italia e il Rwanda, in modo da favorire e supportare lo sviluppo di partnership, con un scambio reciproco di formazione, know how e, dove possibile, investimenti congiunti: la firma al protocollo è stata posta ieri durante una country presentation sul Rwanda, organizzata da Confindustria Assafrica & Mediterraneo in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia competente per il Rwanda ed il Consolato del Rwanda a Milano.

Pier Luigi d’Agata, direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, spiega a InfoAfrica a margine dell’evento che l’accordo vuole essere un “punto di riferimento per le imprese italiane che vogliono investire in Rwanda”.

Una delle strade da percorrere, insomma, se si decide di sviluppare un business in quel Paese. Quali potrebbero essere i vantaggi?

“Il Rwanda è un paese ordinato e stabile, che può essere considerato anche come hub per i Paesi vicini – dice d’Agata – È importante considerarlo come base di partenza e non solo come punto d’arrivo, se si ha intenzione di avviare un business con tanti potenziali clienti”.

Il discorso cambia, invece, se si punta a investimenti regionali, come per esempio per lo sviluppo di software o per la costruzione di strade. In quel caso potrebbe essere anche il punto d’arrivo.

Che sia un Paese piccolo è fuori di dubbio, appena 11 milioni gli abitanti, ma è la nazione che sta crescendo di più fra quelle dell’Africa centrale. Resta però anche una di quelle meno conosciute, dice Enrico Lalia Morra, Console onorario della Repubblica del Rwanda a Milano.

“Il Rwanda è stata un po’ tenuto da parte dalla politica estera italiana – dice Lalia Morra – Ci siamo concentrati sulle nazioni africane che hanno dato soddisfazione per quanto riguarda l’ambito petrolifero”.

Eppure, aggiunge il console, “il suo sviluppo, le sue potenzialità, ma anche la sua modernità, non sono caratteristiche che hanno tutti i paesi africani e già offre la possibilità di business”.

Le sue dimensioni, che potrebbero essere considerate uno svantaggio per gli imprenditori che vogliono fare impresa in Africa, in realtà devono essere viste come un vantaggio.

“Forse è più facile in un Paese con 11 milioni di abitanti impiantare un’azienda o rischiare capitali, anche perché è un territorio sicuro”, spiega il console Lalia Morra.

In quali campi le aziende italiane potrebbero investire, attuando magari anche una cooperazione con altre imprese ruandesi?

“Dalle industrie conserviere alla trasformazione di alcuni prodotti, come i pomodori o i latticini”, per quanto riguarda il mondo del cibo. Ma, continua il console, anche l’ambito della trasformazione industriale è in evoluzione: “Hanno un pellame di ottima qualità, ma non ci sono ancora imprenditori italiani che hanno deciso di puntare su quel campo. E invece si potrebbe arrivare ad avere, se non il prodotto finito, almeno uno o due stadi di lavorazione di quel pellame. E poi ancora, “il settore idroelettrico”, perché è un Paese in crescita, che si sviluppa.

Resta il problema di come far conoscere quella realtà, che è all’avanguardia per le telecomunicazioni, da un punto di vista ecologico, innovatrice anche per quanto riguarda la distribuzione medica.

“Fino a un paio d’anni fa non c’era un’azione di promozione, che ora invece stiamo attuando – conclude il console – ma bisogna moltiplicare gli eventi per far conoscere il Rwanda, aumentando la promozione, possono aumentare i turisti e gli imprenditori che decidono di investire”. [MG]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Campagna di vaccinazione contro papilloma virus

    KENYA - A partire da venerdì il Kenya avvierà una campagna di vaccinazione che riguarderà tutte le studentesse di dieci anni di età. La campagna rientra nel contrasto la papilloma virus e secondo alcune stime a essere interessate saranno 800.000 bambine. Finanziata dalla Global Alliance for Vaccines and Immunisation, la campagna avrà un costo totale di circa 6,5 milioni di dollari in parte coperti anche dal governo di Nairobi. “La campagna avrà carattere nazionale e si affiancherà agli altri vaccini di routine somministrati ai bambini” ha detto Sicily Kariuki, cabine secretare al ministero della Salute. [MS]
  • Sudan Free

    Dichiarato cessate-il-fuoco generale

    SUDAN - Il presidente del Consiglio sovrano del Sudan, Abdel-Fattah al-Burhan, ha firmato un decreto sancendo il cessate-il-fuoco in tutte le regioni del Paese. La firma del decreto è giunta a poche ore da una presa di posizione dell’Splm-N di Abdelaziz al-Hilu che aveva sospeso i negoziati con il governo vincolandone la ripresa a un cessate-il-fuoco e alla liberazione di tutti i componenti del gruppo ora agli arresti. Il Sud Sudan sta attualmente ospitando colloqui di pace che vedono impegnati esponenti del governo di Khartoum e rappresentanti di vari gruppi armati attivi in Darfur, Sud Kordofan e Nilo Blu. [MS]
  • Etiopia Free

    Posticipato referendum su autonomia Sidama

    ETIOPIA - Il governo etiopico ha deciso di posticipare di una settimana il referendum sull’autodeterminazione della comunità di Sidama.

    Lo ha riferito l’agenzia di stampa Fana ricordando come se il referendum dovesse passare, quella di Sidama diventerebbe la decima regione autonoma del Paese.

    La nuova data del voto è adesso il 20 novembre (invece del 13); la decisione è stata presa a causa dei ritardi nella preparazione del voto.

    Le regioni autonome dell’Etiopia godono di un maggiore livello di autonomia, possono scegliere la loro lingua ufficiale e hanno margini di manovra in campo fiscale, oltre che nei settori dell’istruzione, della Sanità e dell’amministrazione della terra.

    Oltre a Sidama ci sono attualmente almeno altri otto gruppi etnici che in Etiopia stanno cercando di ottenere il riconoscimento di regione autonoma. [MS]

  • Sudan Free

    L'economia subisce la crisi, Fmi prevede ulteriore...

    SUDAN  - L’anno difficile trascorso dal Sudan in ambito politico, sociale e di sicurezza si riflette sul andamento dell’economia: secondo le previsioni del Fondo monetario internazionale (Fmi), ci si deve aspettare per il 2019 ad una contrazione del Pil del -2,6%, ancora più forte che nel 2018.   Nell’ultimo World Economic Outlook dell’istituto finanziario, appena pubblicato, gli analisti prevedono che la diminuzione del tasso di crescita del Pil scenda ulteriormente rispetto al -2,2% dell’anno scorso.   Il tasso d’inflazione, che inizialmente si prevedeva in calo al 50,4% rispetto al 63,3% del 2018, dovrebbe in realtà arrivare al 62,1%.   I lunghi mesi di proteste e braccio di ferro prima e dopo la caduta di Omar Hassan al Bashir sono stati segnati da difficoltà bancarie, carenze di cibo e carburante.   Il nuovo governo di transizione attualmente guidato da Abdallah Hamdok ha presentato il mese scorso un piano per il salvataggio economico.   La presenza del Sudan nella lista degli Stati che sostengono il terrorismo impedisce qualsiasi tipo di accordo possibile per finanziamenti da parte delle istituzioni di credito basate negli USA, come Fmi e Banca Mondiale. [CC]
  • R. CentrafricanaRwanda Free

    Accordi tra Kigali e Bangui, nella prima visita di Paul...

    REP CENTRAFRICANA/RWANDA - Cinque accordi di cooperazione, in ambiti diversi, sono stati firmati tra i governi del Rwanda e della Repubblica Centrafricana, in occasione della prima visita del presidente ruandese Paul Kagame a Bangui.     Ieri per la prima volta il presidente Faustin Archange Touadera ha ricevuto l’omologo Kagame in una capitale ripulita per l’occasione.   Presso il Palazzo della Rinascita sono stati firmati accordi in ambito economico, militare, minierario e petrolifero.   “Auspico che le nostre relazioni bilaterali siano un modello di cooperazione Sud-Sud, fondato sui valori della solidarietà, della condivisione, e dell’integrazione africana, capaci di resistere agli azzardi del tempo e di durare a lungo nella storia. La Repubblica Centrafricana vuole ispirarsi all’esperienza, all’esempio e al modello ruandese per  costruire una nazione forte, unita e prospera” ha detto il presidente Touadera.   Tra i due Stati si prevede a breve la creazione di una commissione mista, che prevede incontri regolari fra delegati.   All’interno della Minusca, la Missione di peacekeeping delle Nazioni Unite, c’è un folto contingente ruandese. [CC]
  • Etiopia Free

    Allo studio ridimensionamento diga sul Nilo

    ETIOPIA - Nel contesto della contesa con l’Egitto sulla portata del fiume Nilo, il governo di Addis Abeba sta valutando di ridurre la capacità di generazione idroelettrica della Grand Ethiopian Renaissance Dam (Gerd), la grande diga in costruzione lungo il corso del Nilo blu, a pochi chilometri dal confine con il Sudan.

    A riportarlo sono i media etiopi, ricordando che il progetto in costruzione dal 2011 prevede una una capacità installata di 6450 MW di potenza.

    Tuttavia, secondo quel che viene reso noto, i responsabili del progetto hanno proposto di ridimensionare la capacità di 1300 MW riducendo il numero di turbine da installare per produrre l’energia.

    Inizialmente infatti, la diga era progettata per avere 16 unità turbina, ma è stato proposto di tagliare tre unità per ridurre i costi.

    Riducendo il numero di turbine, non ci sarà alcun cambiamento nello scarico medio dell'acqua, che rappresenta il tema centrale di scontro con i governi di Egitto e Sudan che si trovano a valle dell’impianto. [MV]