Rwanda

Accordo con federazione del settore privato, il Rwanda si presenta a Milano

RWANDA – Un accordo di collaborazione tra Confindustria Assafrica & Mediterraneo e la Federazione del settore privato del Rwanda, per instaurare un rapporto stabile e strutturato fra l’Italia e il Rwanda, in modo da favorire e supportare lo sviluppo di partnership, con un scambio reciproco di formazione, know how e, dove possibile, investimenti congiunti: la firma al protocollo è stata posta ieri durante una country presentation sul Rwanda, organizzata da Confindustria Assafrica & Mediterraneo in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia competente per il Rwanda ed il Consolato del Rwanda a Milano.

Pier Luigi d’Agata, direttore generale di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, spiega a InfoAfrica a margine dell’evento che l’accordo vuole essere un “punto di riferimento per le imprese italiane che vogliono investire in Rwanda”.

Una delle strade da percorrere, insomma, se si decide di sviluppare un business in quel Paese. Quali potrebbero essere i vantaggi?

“Il Rwanda è un paese ordinato e stabile, che può essere considerato anche come hub per i Paesi vicini – dice d’Agata – È importante considerarlo come base di partenza e non solo come punto d’arrivo, se si ha intenzione di avviare un business con tanti potenziali clienti”.

Il discorso cambia, invece, se si punta a investimenti regionali, come per esempio per lo sviluppo di software o per la costruzione di strade. In quel caso potrebbe essere anche il punto d’arrivo.

Che sia un Paese piccolo è fuori di dubbio, appena 11 milioni gli abitanti, ma è la nazione che sta crescendo di più fra quelle dell’Africa centrale. Resta però anche una di quelle meno conosciute, dice Enrico Lalia Morra, Console onorario della Repubblica del Rwanda a Milano.

“Il Rwanda è stata un po’ tenuto da parte dalla politica estera italiana – dice Lalia Morra – Ci siamo concentrati sulle nazioni africane che hanno dato soddisfazione per quanto riguarda l’ambito petrolifero”.

Eppure, aggiunge il console, “il suo sviluppo, le sue potenzialità, ma anche la sua modernità, non sono caratteristiche che hanno tutti i paesi africani e già offre la possibilità di business”.

Le sue dimensioni, che potrebbero essere considerate uno svantaggio per gli imprenditori che vogliono fare impresa in Africa, in realtà devono essere viste come un vantaggio.

“Forse è più facile in un Paese con 11 milioni di abitanti impiantare un’azienda o rischiare capitali, anche perché è un territorio sicuro”, spiega il console Lalia Morra.

In quali campi le aziende italiane potrebbero investire, attuando magari anche una cooperazione con altre imprese ruandesi?

“Dalle industrie conserviere alla trasformazione di alcuni prodotti, come i pomodori o i latticini”, per quanto riguarda il mondo del cibo. Ma, continua il console, anche l’ambito della trasformazione industriale è in evoluzione: “Hanno un pellame di ottima qualità, ma non ci sono ancora imprenditori italiani che hanno deciso di puntare su quel campo. E invece si potrebbe arrivare ad avere, se non il prodotto finito, almeno uno o due stadi di lavorazione di quel pellame. E poi ancora, “il settore idroelettrico”, perché è un Paese in crescita, che si sviluppa.

Resta il problema di come far conoscere quella realtà, che è all’avanguardia per le telecomunicazioni, da un punto di vista ecologico, innovatrice anche per quanto riguarda la distribuzione medica.

“Fino a un paio d’anni fa non c’era un’azione di promozione, che ora invece stiamo attuando – conclude il console – ma bisogna moltiplicare gli eventi per far conoscere il Rwanda, aumentando la promozione, possono aumentare i turisti e gli imprenditori che decidono di investire”. [MG]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Paese dichiarato libero da parassita verme della Guinea

    KENYA - L’Organizzazione mondiale della Sanità ha ufficialmente dichiarato il Kenya libero dal verme della Guinea, parassita dell’uomo diffuso in diverse Paesi africani. Il riconoscimento è stato celebrato nel corso di una cerimonia tenuta a Nairobi alla quale ha partecipato il ministro della Sanità, Sicily Kariuki. Il successo, ha detto il ministro, non deve però fermare il lavoro messo in campo per prevenire il ripetersi di casi di questo genere, prestando particolare attenzione alla possibilità che il parassita possa tornare attraverso alcuni Paesi confinanti dove ancora la battaglia sta continuando. Il Kenya sta compiendo diversi progressi in campo sanitario e prevede di eliminare entro quest’anno anche il tetano maternale e neonatale.Che le sfide siano tante lo dimostra però il riaprirsi della ferita di ebola nella non lontana Repubblica democratica del Congo. [MS]
  • Africa OrientaleR.D. Congo Free

    Emergenza ebola, rafforzate misure sanitarie in tutta...

    AFRICA ORIENTALE / RD CONGO - I Paesi della Comunità dell’Africa orientale (Eac) hanno rafforzato le misure di sicurezza sanitarie a fronte dell’emergenza ebola intanto dichiarata nella vicina Repubblica democratica del Congo. Secondo le ultime notizie fornite dall’Organizzazione mondiale della Sanità la situazione resta ancora a rischio dal momento che le condizioni minime di contenimento non sono state ancora raggiunte. A preoccupare è in particolare la situazione a Bikoro, l’area della provincia dell’Equateur dove sono stati registrati i primi casi e la situazione di Mbandaka, la città di 1,2 milioni di abitanti dove almeno un caso è stato confermato. Finora il bilancio certificato dall’Oms per il periodo 4 aprile - 17 maggio è di 45 casi e 25 morti; tre delle persone contagiate erano operatori sanitari. L’Oms ha messo in allerta nove Paesi confinanti, inclusi Congo-Brazzaville e Repubblica Centrafricana. [MS]
  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Diga del Rinascimento, primi passi su gestione acque...

    EGITTO / ETIOPIA / SUDAN - I ministri degli Esteri, delle risorse idriche e i responsabili dei servizi di sicurezza di Egitto, Etiopia e Sudan hanno raggiunto un primo accordo sulla gestione dei flussi della diga del Grande Rinascimento (GERD), la cui costruzione è iniziata sette anni fa sul Nilo Azzurro, in Etiopia al confine con il Sudan. A darne notizia con ampia evidenza sono i principali media locali, segnalando quello che è il primo sostanziale passo avanti sulla gestione delle acque del Nilo. L’Etiopia considera la diga idroelettrica uno strumento chiave nel suo sviluppo, l’Egitto però teme che possa ridurre  la quantità d’acqua trasportata dal Nilo dal quale il Paese dipende sia per le attività commerciali sia per le attività umane. Il Sudan da sempre è neutrale anche se, recentemente, si è avvicinato alle posizioni etiopi. Il dialogo tra i tre Paesi sembrava bloccato, ma mercoledì pare che i tre Paesi abbiano trovato un primo accordo  trovando la via d’uscita di una crisi che avrebbe potuto portare a un conflitto. Per maggiori informazioni è possibile consultare il testo dell’accordo qui in allegato. [MV]
  • Uganda Free

    Crescita del Pil al 6% l’anno prossimo, secondo la...

    UGANDA – Il prodotto interno lordo (Pil) dell’Uganda dovrebbe crescere del 5,5% durante l’anno in corso e del 6% nell’anno fiscale 2018/18, secondo nuove previsioni della Banca Mondiale pubblicate nell’ultimo rapporto sull’economia del Paese africano.   L’accelerazione dell’esecuzione di progetti di infrastrutture e condizioni meteorologiche favorevoli dovrebbero, in assenza di fattori negativi esterni, favorire la crescita in positivo, secondo gli analisti della BM.   Al governo ugandese, l’istituzione finanziaria mondiale chiede di allargare la base per la colletta delle tasse, proponendo allo stesso tempo un miglioramento dei servizi pubblici dati alla popolazione. L’Uganda   ha un livello di incasso delle tasse inferiore ai suoi vicini Kenya e Rwanda. Per quest’anno, il reddito fiscale dovrebbe addirittura diminuire, passando dal 14% del Pil al 12,9%, secondo la BM.   Secondo la Banca centrale ugandese, sarebbe necessario un tasso di crescita del Pil del 7% almeno per poter ridurre il debito pubblico. [CC]
  • Kenya Free

    A Bechtel Executive in PPP l’autostrada Nairobi...

    KENYA - Sarà alla fine la statunitense Bechtel Executive a costruire l’autostrada Nairobi-Mombasa che da tempo stava esercitando pressioni sulle autorità keniane perché si andasse avanti. Il Kenya ha quindi escluso un suo diretto coinvolgimento in questa infrastruttura adducendo tra le motivazioni l’impossibilità di indebitarsi ulteriormente.  L’impresa stata tende metterà dunque a disposizione i fondi e alo stesso tempo sarà titolare dei diritti sull’autostrada; quest’ultima si prevede sarà lunga 473 chilometri e sarà quindi soggetta al pagamento di un pedaggio da parte degli utenti.  La conferma degli ultimi sviluppi è stata data dal sottosegretario ai Trasporti James Macharia. “Non vogliamo creare nuovi debiti e il stentoreo privato può portare a compimento il lavoro”, ha detto Macharia. “Il gruppo di lavoro del ministero del Tesoro - ha aggiunto - ha fatto un po’ i conti e dato preferenza all’ opzione di realizzare il progetto in PPP”. [MS]
  • Kenya Free

    Appuntamento con le rinnovabili a Nairobi a novembre

    KENYA - Promosso in contemporanea alla fiera delle costruzioni ‘The Big Five”, si terrà quest’anno dal 7 al 9 novembre a Nairobi in Kenya l’edizione inaugurale di The Big Five - Renewable Energy Expo. L’evento intende offrire un approfondimento sul mercato delle energie rinnovabili in Africa orientale. Sono previste in particolare sessioni specifiche in cinque settori: solare, eolico, idroelettrico, geotermico e immagazzinamento dell’energia. Per informazioni sull’evento e su quando sarà possibile registrarsi per partecipare come visitatore o come espositore, si suggerisce di visitare il sito internet www.thebig5renewableenergyexpo.com. [MV]