Tanzania

Aziende italiane a Saba Saba 2017: Sordi Impianti, “Tanzania, alte potenzialità per l’industria lattiera”

TANZANIA -“La presenza alla Fiera Saba Saba di una quindicina di aziende medio-grandi giustifica anche la nostra”, esordisce Giuseppe Cuzzo, responsabile vendite di Sordi Impianti, gruppo specializzato nella realizzazione di macchinari per la lavorazione del latte con sede a Montanaso Lombardo, in provincia di Lodi, spiegando a InfoAfrica la scelta dell’azienda di partecipare alla 41° edizione della Fiera internazionale del commercio di Dar es-Salaam, in Tanzania, conclusa lo scorso sabato.

“Dopo aver effettuato ricerche di mercato, abbiamo individuato nella Tanzania buone potenzialità per l’industria lattiera”, continua Cuzzo, precisando che Sordi Impianti è già presente in Sudafrica e in Kenya per l’Africa subsahariana, ma anche in Algeria, Egitto e Tunisia per quanto riguardo l’area settentrionale del continente.

“Guardiamo anche ai mercati della Costa d’Avorio e del Senegal”, dice ancora il responsabile vendite del gruppo, che non è alla sua prima adesione ad un’iniziativa dell’Agenzia ICE.

“Con ICE abbiamo partecipato alla fiera di Yaoundé in Camerun, ad un’altra in Tunisia, e anche a quella di Djazagro, ad Algeri. E’ un buon operatore di sostegno alle aziende, alle quali propone ottimi pacchetti di ricerca partners/clienti e supporto logistico, oltre ad aver un buon rapporto qualità-prezzo”, confida Cuzzo che ritiene l’Agenzia governativa per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane “una soluzione adeguata nell’organizzazione di quelle fiere collettive in quanto primo approccio al mercato”.

In effetti, gli eventi organizzati da ICE sono per le aziende un’occasione di visibilità, di nuovi contatti commerciali ma anche di confronto con un visitatore specializzato.

“ICE è progressivamente diventata un valore aggiunto interessante per le aziende, anche se qualche miglioramento deve ancora essere fatto, ad esempio per la promozione e l’offerta proposta alle aziende piccole, per le quali alcuni pacchetti risultano troppo onerosi, anche perché non esiste mai una garanzia di risultato in questo ambito. Abbiamo peraltro sollecitato ICE di organizzare eventi simili per il Marocco e l’Angola”, indica a InfoAfrica il responsabile vendite di questa impresa nata nel 1881 e al centro dell’industria lattiero-casearia italiana, sia nella produzione e fornitura di caglio, sia nella realizzazione di macchinari per caseifici e nella realizzazione di grossi impianti per centrali del latte e istituti caseari, dopo essersi vista assegnare nel 1919 l’onorificenza di Cavaliere del Lavoro.

“L’Africa può rappresentare una valida alternativa al mercato attualmente bloccato del Medio Oriente per un’azienda il cui fatturato è interamente derivato dall’export”, prosegue Cuzzo alludendo all’interesse di Sordi Impianti per l’intero continente. [CN]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Sud Sudan Free

    Juba contrae un prestito in Cina per pagare i...

    SUD SUDAN – Il governo sud-sudanese ha preso in prestito 600 milioni di dollari dal governo cinese per poter pagare gli stipendi dei funzionari statali per sei mesi. Lo riferisce la South Sudan News Agency, dopo che il ministro dell’Informazione Micheal Makuey Lueth ha parlato alla stampa della transazione con un Paese estero, senza tuttavia precisare quale. Lo scorso giugno, alcuni parlamentari avevano annunciato di boicottare la presentazione della Finanziaria 2019-2020 se i pubblici dipendenti ed i militari non fossero pagati. Nonostante le sue ingenti riserve petrolifere, di cui la Cina è il primo cliente, il Sud-Sudan non riesce ad avere una stabilità economica a causa del conflitto civile scoppiato poco dopo l’indipendenza da Khartoum. [CC]
  • Kenya Free

    Mosquirix, primo vaccino contro la malaria testato in...

    KENYA - Il Kenya ha lanciato una grande campagna di vaccinazione contro la malaria testando il “Mosquirix”, il vaccino sperimentale più avanzato al mondo contro la malattia che uccide ogni anno centinaia di migliaia di persone in Africa, principalmente bambini. Frutto di oltre 30 anni di lavoro, la campagna lanciata in tre paesi, oltre al Kenya il Ghana e il Malawi, mira a confermare l’efficacia del vaccino sui bambini di età inferiore a 2 anni, i più vulnerabili alla malaria. L’Organizzazione mondiale della Sanità, che coordina questi programmi, spera di vaccinare 120.000 bambini in ciascuno di questi paesi entro il 2020. Il lancio della campagna di vaccinazione keniota è partito in un centro sanitario della contea Homa Bay, nella zona del Lago Vittoria, una delle più colpite al mondo dalla malaria. Chiamato “Mosquirix”, questo vaccino è stato sviluppato dal colosso farmaceutico britannico GlaxoSmithKline e dalla ong Path e finanziato dall’Alleanza del Vaccino (Gavi), dal Fondo globale per la lotta contro l’Aids e la malaria, e dall’Unicef. La malaria è una malattia trasmessa dalle zanzare e caratterizzata da episodi ciclici più o meno gravi di febbre che possono essere accompagnati da diarrea, nel 2017 ha ucciso 435.000 persone in tutto il mondo, il 90% delle quali in Africa. I bambini sotto i 5 anni rappresentano oltre i due terzi di questi decessi. Il Mosquirix è attivo contro il Plasmodium falciparum, la variante più letale e comune del parassita responsabile della malaria. Sulla base di studi preliminari condotti dal 2009 al 2015, questo vaccino sperimentale ha ridotto del 39% il numero di episodi di malaria nei bambini di età compresa tra 17 mesi e 5 anni. La sua efficacia è quindi relativa, ma i ricercatori e le autorità sanitarie ritengono che il numero di persone salvate potrebbe essere significativo, anche associando il vaccino ad altri metodi di prevenzione come le zanzariere impregnate di repellente. Il principale ostacolo per la diffusione di questo vaccino è una questione logistica. Per essere efficace c’è bisogno di quattro somministrazioni, ciò significa che il farmaco deve essere conservato refrigerato e i bambini sottoposti alla prima vaccinazione devono essere recuperati in tempo utile per le ulteriori somministrazioni. In Africa, in particolare in alcune regioni remote magari prive di elettricità, è difficile mantenere il ciclo del freddo ed è difficile vaccinare per quattro volte i bambini che, spesso, si spostano con le loro famiglie oppure non riescono a rispettare appuntamenti in regioni dove spesso bisogna percorrere lunghe distanze a piedi. [Raffaele Masto – Buongiorno Africa – Africa Rivista]
  • Uganda Free

    A caccia di investitori privati per rete trasmissione...

    UGANDA - Il governo ugandese è a caccia di investimenti privati per 3,5 miliardi di dollari da destinare alla rete di trasmissione elettrica.  La liberalizzazione della rete di trasmissione fornirà ulteriori risorse necessarie per trasmettere energia da progetti di nuova generazione, tra cui la centrale idroelettrica Karuma da 600 MW che avvierà la propria produzione a dicembre.  L’iniezione di capitale, al di sopra delle attuali riserve estere della nazione pari a 3,3 miliardi, si sposerebbe con l’aspirazione del presidente Yoweri Museveni di trasformare il l’Uganda in un Paese a reddito medio-alto entro il 2040. Il governo prevede un aumento della domanda di energia legato ai nuovi parchi industriali e a un aumento dell’utenza nell’ordine di 300.000 nuovi clienti all’anno per i prossimi 10 anni. [MS]
  • Etiopia Free

    A gruppo saudita incarico per impianto fotovoltaico

    ETIOPIA - Sarà il gruppo saudita ACWA Power la prima azienda privata a realizzare un impianto fotovoltaico in Etiopia sulla base di un partenariato pubblico-privato (PPP).

    A segnalarlo sono i media locali, dando conto dell’assegnazione ad ACWA Power dell’incarico per sviluppare gli impianti di Gad nella regione dei Somali e di Dicheto nella regione di Afar per un valore complessivo pari a 300 milioni di dollari.

    Nei due siti dovranno essere sviluppati progetti fotovoltaici per una capacità di generazione pari in tutto a 250 megawatt.

    L’assegnazione rientra nell’ambito di una gara internazionale alla quale si erano pre-qualificate 12 aziende.

    In base alle informazioni messe a disposizione dal ministero delle Finanze etiope, ACWA Power ha offerto una tariffa di 2,5260 centesimi di dollaro statunitense per chilowattora.

    Critiche all’assegnazione ad ACWA Power sono tuttavia giunte dagli altri partecipanti alla gara - tra cui figura anche l’italiana Enel Green Power - perché la procedura era stata avviata inizialmente grazie al sostegno della Società finanziaria internazionale (IFC) del gruppo della Banca mondiale attraverso il programma Scaling Solar che garantiva termini finanziari certi per la realizzazione del progetto. A sole due settimane dall’assegnazione delle gara, però, l’IFC si è ritirata in seguito alla decisione della Banca nazionale d’Etiopia di non offrire più la convertibilità delle garanzie finanziarie costringendo le aziende partecipanti a individuare in un lasso di tempo considerato troppo breve nuovi termini per le proprie offerte. [MV]

  • Somalia Free

    Imboscata contro Amisom, attacchi e contrattacchi con...

    SOMALIA – Diversi soldati burundesi – 12 secondo una fonte militare, 14 secondo i ribelli shebab  - sono stati uccisi sabato 14 settembre in un’imboscata tesa ad un convoglio dell’Amisom, la missione dell’Unione africana in Somalia. Avvenuto sulla strada che il convoglio percorreva da Jowhar a Mogadiscio, un tratto lungo 90 km, l’attacco è attribuito alla milizia islamista tuttora attiva, dal 2006. Dall’altra parte, anche le forze armate somale affermano di aver ucciso 10 miliziani shebab nella regione del Lower Shabelle dopo attacchi registrati in 4 distretti. Un di questi attacchi era stato contro una base a  Qoryooley. In questa occasione il contrattacco delle forze di sicurezza avrebbe avuto la meglio sugli shebab. La missione dell'UA in Somalia, Amisom, esiste dal 2007 con l’obiettivo di garantire la sicurezza. [CC]
  • Somalia Free

    Un aeroporto civile al posto della base militare...

    SOMALIA - Il presidente della regione semi-autonoma del Somaliland, Muse Bihi Abdi, ha reso noto che gli Emirati Arabi Uniti non hanno più intenzione di costruire un aeroporto militare nella regione settentrionale della Somalia e che la struttura attualmente in costruzione sarà trasformata in un aeroporto civile.

    A darne notizia sono i media internazionali, ricordando che era stato lo stesso governo del Somaliland ad annunciare lo scorso anno che gli Emirati Arabi Uniti avrebbero realizzato una propria base militare nella regione.

    Secondo i termini dell’accordo, gli Emirati Arabi Uniti sarebbero dovuti essere presenti nella regione per 30 anni.

    “L’aeroporto di Berbera è stato costruito dagli Emirati Arabi Uniti e progettato per essere una base militare, ma diventerà un aeroporto pubblico per i civili”, ha dichiarato Muse Bihi Abdi.

    La decisione, secondo i commentatori, potrebbe essere legata alle crescenti tensioni con l'Iran e le critiche occidentali per la guerra in corso in Yemen. [MV]