Camerun

Con Veronafiere missione imprenditoriale per settore costruzioni

CAMERUN – Dopo l’Africa orientale, Veronafiere, focalizza l’attenzione anche su uno dei mercati più interessanti dell’Africa centro-occidentale, il Camerun. Per il primo anno organizza Building West Africa, missione imprenditoriale rivolta alle aziende dei settori edilizia, costruzioni e infrastrutture.

L’evento, in programma dal 16 al 20 ottobre 2017, prevede due tappe, nelle due principali città del Paese, Yaoundé e Douala.

Grande stabilità, vivace settore privato, economia tra le più diversificate della regione e posizione strategica di piattaforma verso i vicini Paesi vicini privi di accesso al mare (Ciad e Repubblica Centrafricana) fanno del Camerun una meta di grande interesse, che dà accesso a un mercato di 300 milioni di potenziali consumatori. Il settore delle costruzioni, anche in vista della Coppa d’Africa 2019, è in pieno fermento: molti i progetti per edifici residenziali (il deficit di alloggi sociali è stimato in 1,2 milioni di unità), alberghi, stadi, uffici e centri commerciali.

Le aziende del settore verranno accompagnate alla scoperta delle molte opportunità con la formula di incontri b2b programmati con operatori selezionati e visite ad aziende e istituzioni.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • R.D. Congo Free

    Riflessioni sulle problematiche congolesi dei nostri...

    RD CONGO - E’ stato intitolato “Il gigante in ginocchio” il secondo convegno sulla Repubblica Democratica del Congo organizzato a Roma da una decina di associazioni e reti nazionali per confrontarsi e proporre idee e soluzioni alle problematiche congolesi di oggi.

    Il convegno si terrà il 25 novembre a Roma e prevede una serie di riflessioni sulla situazione politica, sociale e umanitaria, in un contesto teso a causa del rinvio delle elezioni generali, nonostante sia scaduto dal 19 dicembre 2016 il mandato del presidente Joseph Kabila.

    La situazione politica in Congo, traffico di armi, terre e minerali, land grabbing , tracciabilità dei minerali, sono alcuni dei temi che verranno discussi durante la giornata di convegno, che si terrà presso la sala congressi del Oly Hotel, Via Santuario Regina degli Apostoli, 36,  Roma.

    Per maggiori informazioni: congoweek2017@gmail.com  [CC]
  • Camerun Free

    Primo Salone dedicato al legname africano e all...

    CAMERUN – Una settimana dedicata al settore del legname e ai suoi utilizzi si terrà dal 17 al 26 novembre a Youndé, la capitale del Camerun. Si tratta della prima edizione del Salone africano del legname, dell’artigianato e della decorazione - SABADE, secondo l’acronimo – promosso dal ministero delle Piccole e medie imprese, dell’economia sociale e dell’artigianato.

    A questa  fiera commerciale sono attesi un centinaio di espositori dal Camerun e dal Paesi limitrofi. Sono previste conferenze, dibattiti, incontri B2B, escursioni e altre attività legato all’artigianato africano. E’ anche in programma la consegna del premio del migliore creatore nella trasformazione del legname e la decorazione.

    Il tema scelto per questa prima edizione è: "Il legno, fonte di ricchezza per le comunità".

    Il Camerun è uno dei più importanti produttori di legno al mondo. Negli ultimi anni, il governo sta cercando di promuovere la trasformazione in loco del legno tagliato grezzo, per spingere lo sviluppo dell’industria locale.  [CC]
  • R.D. Congo Free

    Incontro a Roma con il medico ed attivista congolese...

    RD CONGO - I diritti umani e i diritti delle donne in particolare saranno il tema dell’incontro a Roma con il dottor Denis Mukwege, medico ed attivista della Repubblica Democratica del Congo.

    Vincitore nel 2014 del Premio Sakharov, assegnato ogni anno dal parlamento europeo per la libertà di pensiero, Mukwege ha fondato nel 1999 a Bukavu, nel nordest del Congo, l’ospedale Panzi, dove cura le donne che hanno subito violenza sessuale o con gravi problemi ginecologici.

    Dalla stampa, il medico congolese è stato ribattezzato “l’uomo che ripara le donne”. Dal 1999, circa 50.000 donne sono state curate dal personale dell’ospedale Panzi.

    Nel 2012 il medico e la sua famiglia sono stati vittime di un attacco, a seguito del quale sono stati costretti all’esilio per alcuni mesi.

    I lettori interessati dall’incontro possono iscriversi mandando una mail a mukweroma17@gmail.com o contattando il numero +39.3483.557.332. L’evento è promosso da diverse associazioni e attivisti, in particolare Peace Walking Man, Evolution // Neema, Comitato perla protezione e promozione dei diritti umani, TamTam D'Afrique, African Summer School Italy, Donne Panafricane Nella Diaspora. [CC]
  • Guinea Equatoriale Free

    Elezioni parlamentari e municipali, nessun incidente ma...

    GUINEA EQUATORIALE - E’ in corso lo spoglio delle schede elettorali all’indomani delle elezioni parlamentari e municipali in Guinea Equatoriale. Il Partito democratico di Guinea Equatoriale (PDGE), al potere da decenni, è sicuro di vincere e ha già annunciato che la sua coalizione è in grande vantaggio sulla coalizione dell’opposizione.

    La vittoria del PDGE del controverso presidente Theodoro Obiang Nguema è scontata, ma l’opposizione spera di poter guadagnare qualche seggio nelle istituzioni di rappresentanza.

    Dai leader dei partiti di opposizione – Unione di centro-destro, convergenza per la democrazia sociale, Cittadini per l’innovazione – sono giunte accuse di brogli ed irregolarità, ma nel complesso il voto si è svolto senza particolari incidenti.

    Nell’ex colonia portoghese di 1,2 milioni di abitanti, sono registrati solo 300.000 aventi diritto. Il PDGE nella legislatura uscente occupa 99 dei 100 seggi dall’attuale Parlamento e Theodoro Obiang Nguema occupa la poltrona presidenziale dal 1979.

    Nel 2017 la Guinea Equatoriale è diventata il 14° Stato membro, il sesto africano, dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC). Il Paese è il terzo maggiore Paese produttore di petrolio nel continente africano con una media di 240.000 barili estratti ogni giorno. [CC]
  • Camerun Free

    Il Carlson Rezidor Hotel Group entra in Camerun con un...

    CAMERUN - Il gruppo alberghiero statunitense Carlson Rezidor Hotel Group entra in Camerun con un investimento che porterà all’apertura di un Radisson Blu a Douala, la capitale economica.

    “Siamo davvero felici di entrare nel nostro 30° Paese in Africa” ha commentato Andrew McLachlan, senior vicepresidente, riferendosi all83° albergo del gruppo nel continente africano.

    Il Radisson Blu Hotel & Apartments Douala dovrebbe aprire i battenti nel 2019 nella zona che collega il porto alla Nazionale 3, la strada principale. La struttura, dotata di 150 camere, sarà anche a una quindicina di minuti soltanto dall’aeroporto internazionale di Douala.

    Nel 2019 aprirà anche i battenti il Radisson Blu di Capo Verde, nell’isola di Sal sotto forma di resort a cinque stelle con 240 camere a disposizione, nella zona della spiaggia turistica di Santa Maria.

    Tra il 2000 e il 2016, il numero di turisti internazionali in arrivo in Africa è passato da 26 milioni a 58 milioni. Il settore contribuisce all’8,5% del Pil del continente e partecipa alla sua costruzione, anche in termini di infrastrutture. Secondo le previsioni dell’Unwto, il numero dei turisti dovrebbe raddoppiare entro il 2030, per arrivare a 134 milioni. [CC]
  • R.D. Congo Free

    UA e ONU accolgono il calendario elettorale

    RD CONGO - L’Unione Africana e le Nazioni Unite hanno accolto positivamente la pubblicazione del calendario elettorale in Repubblica Democratica del Congo, calendario che porterà gli elettori alle urne il 23 dicembre del 2018 per le elezioni presidenziali, parlamentari e provinciali. <p></p> In un comunicato di cui Infoafrica ha ricevuto una copia, le due organizzazioni internazionali chiedono a tutti i protagonisti del processo politico congolese di trovare un consenso per andare alle elezioni in un clima pacifico e organizzare un voto credibile e trasparente, nei tempi previsti. <p></p> Alle autorità congolese in particolare è chiesto di adottare le leggi elettorali necessarie e di garantire le risorse economiche e la sicurezza. <p></p> L’UA e l’ONU chiedono infine alla comunità internazionale di sostenere il processo elettorale congolese. <p></p> La Repubblica Democratica del Congo sta attraversando una crisi da quando sono state rinviate le elezioni previste per la fine del 2016. L’opposizione accusa la maggioranza di fare pressione per mantenersi al potere oltre il tempo consentito. Joseph Kabila è presidente da 17 anni, dal gennaio del 2001, data dell’assassinio di suo padre, il presidente Laurent-Désiré Kabila. [CC]