Camerun

Con Veronafiere missione imprenditoriale per settore costruzioni

CAMERUN – Dopo l’Africa orientale, Veronafiere, focalizza l’attenzione anche su uno dei mercati più interessanti dell’Africa centro-occidentale, il Camerun. Per il primo anno organizza Building West Africa, missione imprenditoriale rivolta alle aziende dei settori edilizia, costruzioni e infrastrutture.

L’evento, in programma dal 16 al 20 ottobre 2017, prevede due tappe, nelle due principali città del Paese, Yaoundé e Douala.

Grande stabilità, vivace settore privato, economia tra le più diversificate della regione e posizione strategica di piattaforma verso i vicini Paesi vicini privi di accesso al mare (Ciad e Repubblica Centrafricana) fanno del Camerun una meta di grande interesse, che dà accesso a un mercato di 300 milioni di potenziali consumatori. Il settore delle costruzioni, anche in vista della Coppa d’Africa 2019, è in pieno fermento: molti i progetti per edifici residenziali (il deficit di alloggi sociali è stimato in 1,2 milioni di unità), alberghi, stadi, uffici e centri commerciali.

Le aziende del settore verranno accompagnate alla scoperta delle molte opportunità con la formula di incontri b2b programmati con operatori selezionati e visite ad aziende e istituzioni.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Africa Centrale Free

    Fondi dall’AfDB per costruire dorsale in fibra ottica

    AFR CENTRALE - Servirà all’interconnessione tra le reti di Repubblica Centrafricana, Camerun e Repubblica del Congo il progetto di realizzazione di una dorsale in fibra ottica finanziato dalla Banca africana di sviluppo con 16,7 milioni di euro. A darne notizia è stato lo stesso istituto pan-africano, specificando che il progetto ha un costo totale pari a 33,3 milioni di euro, co-finanziati dall’Unione Europea. Il progetto prevede l'installazione di oltre 1000 chilometri di fibra ottica per consentire alla rete della Repubblica Centrafricana di collegarsi alle reti del Camerun e della Repubblica del Congo; l'istituzione di un centro dati nazionale (Datacenter) a Bangui da realizzare insieme a una piattaforma per l’amministrazione elettronica; l’apertura di ventina di centri digitali comunitari, di un centro di formazione digitale e di un incubatore di imprese presso l’Università di Bangui.  Il progetto si propone di contribuire a far uscire la Repubblica Centrafricana dall’isolamento digitale e contribuire agli obiettivi di integrazione regionale. [MV]
  • Repubblica Congo Free

    Brazzaville valuta adesione all’Opec

    REP CONGO - Il governo di Brazzaville sta valutando l’opportunità di aderire all’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC). A segnalarlo sono i media internazionali, evidenziando che se la richiesta d’adesione fosse accettata la Repubblica del Congo diventerebbe il terzo maggior produttore africano in seno all’organizzazione. “La richiesta d’adesione rappresenta la volontà di Sua Eccellenza il presidente della Repubblica del Congo Denis Sassou Nguesso di porre il Paese al rango dei leader mondiali”, si legge in una nota ufficiale diffusa da Brazzaville. Attualmente la produzione di idrocarburi in Repubblica del Congo è pari a circa 350.000 barili al giorno. [MV]
  • Africa CentraleAfrica Occidentale Free

    AFDB (7): AEO 2018, bene Africa Occidentale ferma...

    AFRICA OCCIDENTALE e CENTRALE – Sostenuta dall’aumento della produzione di petrolio e dalle prestazioni positive del settore agricolo, la Nigeria dovrebbe riuscire a consolidare i guadagni fatti nel 2017. Come risultato la crescita in Africa Occidentale dovrebbe aumentare al 3,6% nel 2018 e del 3,8% nel 2019. Altri grandi paesi della regione, Costa d’Avorio, Ghana e Senegal, hanno contribuito positivamente ai dati di crescita. Alcuni paesi più piccoli (Benin, Burkina Faso, Sierra Leone e Togo) cresceranno del 5%. La regione centrale del continente continua invece ad essere quella con le prestazioni economiche più opache, nonostante la ripresa dei prezzi petroliferi. La riduzione della produzione in paesi come Repubblica del Congo e Guinea Equatoriale ha contribuito ad abbassare le percentuali di crescita della regione ferme nel 2017 ad un modesto + 0,9%. Una lieve ripresa in Repubblica del Congo spingerà la crescita nella regione prevista del 2,6% nel 2018 e del 3,4% nel 2019.
  • Camerun Free

    A Milano una tavola rotonda del COE sulle carceri in...

    CAMERUN / ITALIA - ‘Impegno per la giustizia e rispetto della dignità della persona: Uno scambio Italia-Camerun sul significato della pena e sulla funzione del carcere nella riabilitazione sociale della persona detenuta’: questo il titolo di una tavola rotonda, organizzata dall’Associazione Centro Orientamento Educativo (COE) e promossa da Ingegneria Senza Frontiere e COE CAM. L’iniziativa avrà luogo domani a Milano, presso la Cripta Aula Magna dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. L’evento, che gode del patrocinio dell'Università Cattolica e del Comune di Milano, rappresenta un momento di scambio e riflessione tra attori italiani e camerunesi sul progetto di cooperazione e sviluppo che si è appena concluso 'SCATENIAMOCI! Promozione dei diritti e miglioramento delle condizioni di vita e delle opportunità di reinserimento socioprofessionale dei detenuti nelle carceri di Garoua, Mbalmayo e Douala'. Modererà l'incontro Ornella Favero, direttore della rivista 'Ristretti Orizzonti' e presidente della Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia, e interverranno importanti personalità e professionisti del settore. “Il progetto, come esplicitato da diversi detenuti, ha portato, tra i suoi maggiori cambiamenti, la consapevolezza della persona detenuta in quanto essere umano che merita di essere considerato con dignità, permettendo così di fare breccia in una cultura dominante che concepisce il carcere in un'ottica punitiva”, ha detto Clara Carluzzo, responsabile dell'Ufficio Progetti COE, sottolineando che “effettivamente comprendere che ci sono adesso direttori di carceri che hanno a cuore la ‘riabilitazione’, il ‘reinserimento nella vita’ dei detenuti è tra le maggiori soddisfazioni che come COE oggi possiamo avere”. Il progetto, di durata triennale e cofinanziato dal Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale e dalla Conferenza Episcopale italiana, è intervenuto in diversi ambiti, tra cui nel risanamento degli ambienti carcerari, nell'assistenza sanitario-nutrizionale, nell'educazione civica, nell'assistenza giudiziaria e psico-sociale e nell'accompagnamento all'inserimento socio-professionale dei detenuti, con particolare attenzione alle categorie più vulnerabili, donne e bambini. “La sinergia di tutti gli attori sociali che intervengono nelle carceri ha dato vita a un'azione di forte impatto sociale che ha avuto una delle sue massime espressioni nella creazione, all'interno delle tre carceri di intervento, di imprese sociali che, con le loro attività produttive, offrono opportunità di reinserimento sociale e lavorativo per i detenuti e gli ex-detenuti” ha affermato a sua volta Georges Alex Mbarga, giurista e coordinatore del progetto 'SCATENIAMOCI!'. [GP] Per conoscere il programma della tavola rotonda cliccare qui.
  • Camerun Free

    “Sì” della Presidenza a studio su mega centrale...

    CAMERUN – Una centrale idroelettrica in grado di generale 940 megawatt di energia potrebbe essere realizzata dall’azienda cinese Sinomach nel centro del Camerun, sul fiume Sanaga.   Lo riferisce il giornale locale Essingan, secondo il quale un accordo tra la Presidenza della Repubblica e la Sinomach è stato firmato lo scorso 20 dicembre. L’accordo – secondo Ferdinand Ngoh Ngoh, segretario generale presso la Presidenza – autorizza lo svolgimento di studi sul sito di Lebanga, sul fiume Sanaga, per un periodo di 12 mesi.   Il progetto prevede una capacità di produzione elettrica elevatissima, al di sopra della media delle altre centrali idroelettriche del Paese.   Lo studio della Sinomach, con sede a Pechino, dovrà coprire le caratteristiche tecniche, ma anche l’impatto ambientale di una tale opera. Non è ancora stabilito il processo di  compravendita dell’elettricità prodotta né è stato rivelato il lato finanziario dell’operazione.   Il deficit energetico in Camerun è particolarmente acceso nella   parte settentrionale del Paese, spesso soggetto a black-out. Il ministro dell’Energia Basile Atangana Kouna ha promesso progetti per rafforzare la capacità energetica nazionale. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Il Belgio sospende la collaborazione con Kinshasa fino...

    RD CONGO – Il governo belga ha annunciato la sospensione del programma di collaborazione bilaterale con Kinshasa fino all’organizzazione di elezioni credibili e basate su principi di buon governo. Il provvedimento è un serio monito alle autorità congolesi dopo la repressione delle manifestazioni organizzate il 31 dicembre scorso dal movimento laico cristiano in segno di protesta contro l’attuale gestione del potere. Da Bruxelles, i ministri degli Esteri e della Cooperazione allo sviluppo, Didier Reynders e Alexander De Croo, hanno decretato la fine di interventi previsti, del valore di 25 milioni di euro. I ministri hanno tuttavia precisato che il Belgio intende rafforzare la solidarietà nei confronti della popolazione congolese, e che il denaro liberato sarà devoluto ad iniziative destinate all’aiuto umanitario. Il governo belga cercherà anche una maggiore collaborazione con le Ong e con la società civile, a favore dei diritti umani e delle libertà politiche. I due ministri dell’ex potenza coloniale hanno anche chiesto l’apertura di un’inchiesta indipendente sulle violenze del 31 dicembre, alimentate dall’intervento delle forze dell’ordine contro i dimostranti pacifici. [CC]