Camerun

Con Veronafiere missione imprenditoriale per settore costruzioni

CAMERUN – Dopo l’Africa orientale, Veronafiere, focalizza l’attenzione anche su uno dei mercati più interessanti dell’Africa centro-occidentale, il Camerun. Per il primo anno organizza Building West Africa, missione imprenditoriale rivolta alle aziende dei settori edilizia, costruzioni e infrastrutture.

L’evento, in programma dal 16 al 20 ottobre 2017, prevede due tappe, nelle due principali città del Paese, Yaoundé e Douala.

Grande stabilità, vivace settore privato, economia tra le più diversificate della regione e posizione strategica di piattaforma verso i vicini Paesi vicini privi di accesso al mare (Ciad e Repubblica Centrafricana) fanno del Camerun una meta di grande interesse, che dà accesso a un mercato di 300 milioni di potenziali consumatori. Il settore delle costruzioni, anche in vista della Coppa d’Africa 2019, è in pieno fermento: molti i progetti per edifici residenziali (il deficit di alloggi sociali è stimato in 1,2 milioni di unità), alberghi, stadi, uffici e centri commerciali.

Le aziende del settore verranno accompagnate alla scoperta delle molte opportunità con la formula di incontri b2b programmati con operatori selezionati e visite ad aziende e istituzioni.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Repubblica Congo Free

    Annunciato nuovo progetto agricolo con fondi Banca...

    REP CONGO - Prevede uno stanziamento finanziario pari a circa 100 milioni di dollari il progetto agricolo annunciato dalla Banca Mondiale per contribuire allo sviluppo dell'agricoltura in Repubblica del Congo.

    A darne notizia sono i media locali, specificando che l'accordo è stato discusso dal direttore delle operazioni della Banca Mondiale in Congo, Ahamadou Moustapha Ndiaye, insieme al ministro congolese della Pianificazione, Ingrid Olga Ghislaine Ebouka-Babackas.

    "Abbiamo affrontato diversi temi legati alla diversificazione economia e allo sviluppo inclusivo", ha detto Ndiaye al termine dell'incontro con il ministro congolese.

    In base a quel che viene riportato, l'accordo di finanziamento sarà firmato a fine novembre e prevede il sostegno a sviluppare un'agricoltura commerciale, assicurare la sicurezza alimentare nazionale e ridurre le importazioni di prodotti agricoli. Parte dei fondi saranno utilizzati per la realizzazione di infrastrutture nelle campagne, in particolare strade di collegamento con i mercati regionali e provinciali, iniziative per l'elettrificazione rurale e supporto ai piccoli contadini.[MV]
  • CiadNiger Free

    Approvate iniziative umanitarie e di sviluppo in Ciad e...

    CIAD / NIGER - Hanno un valore economico pari a sette milioni di euro le iniziative della Cooperazione italiana approvate a beneficio di gruppi vulnerabili in Ciad e Niger: ad annunciarlo è stato il ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale, Angelino Alfano.

    “I paesi della frontiera al sud della Libia sono al centro della nostra azione di sviluppo", ha detto Alfano specificando che 4 milioni di euro sono destinati a finanziare le iniziative in Niger che prevedono interventi nei settori sanitario, idrico, della sicurezza alimentare, dell’istruzione e del sostegno economico in favore dei gruppi più vulnerabili.

    Le iniziative in Ciad prevedono uno stanziamento di 3 milioni di euro, che saranno impiegati per la prevenzione e il trattamento della malnutrizione acuta, per fornire assistenza alimentare e cure sanitarie in particolari ai minori.

    Comunicando l'approvazione delle iniziative della Cooperazione italiana, la Farnesina sottolinea che Ciad e Niger sono partner prioritari e strategici per l’azione dell’Italia in quanto Paesi di transito confinanti con la Libia.
  • Ciad Free

    Filiera allevamento strategica in Ciad, appello agli...

    CIAD - “La filiera dell’allevamento è importantissima in Ciad e rappresenta attualmente il 18% del Pil”: lo ha detto a InfoAfrica il ciadiano Abakar Souleymane, coordinatore della cellula permanente di monitoraggio dell’applicazione della circolazione dell’informazione del Piano nazionale di sviluppo (Pnd), in visita al Salone internazionale dell’allevamento e delle produzioni animali (SPACE) tenutosi a Rennes dal 12 al 15 settembre.

    “Alla luce del nuovo Piano di sviluppo nazionale Visione 2030 presentato di recente ai partner internazionali a Parigi tale proporzione è destinata però ancora ad aumentare”, ha aggiunto Souleymane ricordando che il presidente del Ciad, Idriss Deby, sta cercando strategie di diversificazione dell’economia per poter colmare le perdite dovute al calo del prezzo del petrolio di cui il Ciad è produttore.

    Souleymane ha sottolineato che tra i progetti presentati alla tavola rotonda parigina, sono stati elencati alcuni grandi progetti sull’allevamento nel senso ampio.

    Sulla scia della visita che a luglio scorso il presidente Deby ha effettuato in Italia, Souleymane ha lanciato un appello ai diversi attori italiani - al governo, operatori economici e finanziari - affinché partecipino allo sviluppo economico del Ciad. [CC]
  • Gabon Free

    Annunciato progetto per portare internet nelle zone...

    GABON - Il governo di Libreville ha annunciato l'avvio di un progetto destinato alla realizzazione di infrastrutture per i servizi di telecomunicazione, mobile e internet, per permettere alla popolazione nelle zone rurali di beneficiare di un accesso diretto a tali servizi.

    A darne notizia sono i media locali, specificando che l'iniziativa prevede una fase pilota durante la quale saranno realizzate le infrastrutture necessarie a collegare 29 villaggi situati da Makokou nella provincia di Ogooue-Ivindo e Okondja nella provincia di Haut-Ogooue, nella parte orientale del paese a poca distanza dal confine con la Repubblica del Congo.

    Obiettivo del progetto, realizzato in collaborazione con la compagnia Gabon Télécom, è garantire l'accesso ai servizi di telefonia mobile e a internet in 2700 villaggi nelle nove province in cui è suddiviso amministrativamente il Gabon.

    Secondo i dati resi noti dall'Agenzia gabonese di regolamentazione delle comunicazioni elettroniche e della posta (ARCEP), l'accesso ai servizi di telefonia mobile e internet è attualmente disponibile soltanto sul 25% del territorio nazionale. [MV]
  • Gabon Free

    Libreville alla ricerca di investimenti per...

    GABON - Sono almeno 21 i miliardi di dollari che il governo di Libreville intende mobilitare nei prossimi anni per sostenere la crescita dell'economia non-petrolifera e sviluppare le infrastrutture.

    A renderlo noto è l'Ambasciata del Gabon a Rabat in vista di un forum d'affari mirato a promuovere gli scambi commerciali e le relazioni tra il paese dell'Africa centrale e il Marocco che si terrà il 14 e 15 settembre nella capitale marocchina.

    In base a quel che viene riportato dai media, i fondi serviranno per diversificare l'economia e promuovere quei settori ad alta intensità di lavoro, come per esempio quello immobiliare con la costruzione di alloggi sociali, lo sviluppo delle infrastrutture viarie, aeree e ferroviarie, il settore della generazione e della trasmissione di elettricità, le telecomunicazioni e l'estrazione mineraria.

    Tra le iniziative che il governo di Libreville ha messo a disposizione degli investitori internazionali figura inoltre la Zona economica speciale di Nkok, situata una ventina di chilometri a est della capitale.[MV]
  • R.D. Congo Free

    Epidemia di colera, più di 500 le vittime da luglio

    REP DEM CONGO - Sono in tutto 528 le vittime decedute in Repubblica democratica del Congo a causa di un'epidemia di colera dichiarata a fine luglio dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS/WHO).

    Secondo l'OMS, l'epidemia avrebbe raggiunto ormai proporzioni inquietanti avendo colpito 20 province su un totale di 26 in cui è suddiviso amministrativamente il paese.

    L'epidemia, che ha un'incidenza superiore a 1500 nuovi casi a settimana, ha già toccato importanti centri urbani come Bandundu-Ville, Bukavu, Goma, Manono, Malemba-Nkulu, Minova, Mokala, Kimpese, Uvira e anche alcuni distretti della capitale Kinshasa mentre è elevato il rischio di un'ulteriore propagazione verso la regione centrale del Grand Kasai, il cui territorio è sotto pressione a causa della presenza di un milione e mezzo di sfollati dalle violenze in corso dallo scorso anno tra forze governative e gruppi di ribelli locali. [MV]