Senegal

I bergamaschi di Chemtech Solar fanno centro con un progetto da 200 MW

SENEGAL – A seguito del recente Forum “Investire in Africa”, tenutosi a Dakar lo scorso settembre e organizzato da Work Bank Group e China Development Bank, Chemtech Solar ha siglato insieme al partner cinese CGN un importante protocollo di accordo con Senelec (ente statale fornitore di elettricità) e il governo senegalese per un investimento di oltre 200 MW da realizzarsi entro il 2020. L’obiettivo è quello di fare del Senegal la porta di ingresso ai Paesi del West Africa per quanto riguarda lo sviluppo di energia rinnovabile, sia solare che eolica, e di altre energie alternative, con un investimento complessivo di oltre 200 milioni di euro.

Chemtech non è nuova al Senegal. Lo scorso anno ha iniziato un progetto ambizioso realizzando il primo grande parco fotovoltaico del Senegal: un lotto iniziale di 11 MW è stato allacciato alla rete di Malicounda (vicino Dakar) nel novembre 2016 alla presenza del presidente della Repubblica Macky Sall. Questo impianto è stato subito accolto con entusiasmo dalle autorità politiche e istituzioni locali, tanto da suscitare l’interesse di altri Stati africani limitrofi per collaborazioni e progetti futuri: dalla Nigeria al Burkina Faso, dalla Costa d’Avorio alla Guinea Conakry, per arrivare fino al Kenya. Nel frattempo il parco fotovoltaico di Malicounda è già stato esteso ad oltre 20 MW, con altri 40 in arrivo entro la fine del 2018. Tutto questo è reso possibile grazie all’aiuto di tre prestigiosi partners a livello internazionale: Risen Energy per i pannelli solari, Huawei Technology per gli inverter e China General Nuclear per l’investimento finanziario.

“Con la recente saturazione del mercato fotovoltaico in Europa – detto Piergiorgio Balicco, Presidente di Chemtech Solar – l’Africa è stata per noi una scelta quasi obbligata: sia per il forte fabbisogno energetico di queste nazioni, sia per le favorevoli condizioni climatiche e di irraggiamento che ovviamente favoriscono la produzione di energia solare. L’investimento iniziale in Senegal si è rivelato un prestigioso biglietto da visita per la nostra azienda: l’impianto di Malicounda è già stato visitato da numerosi ministri e autorità africane”.
Nel prossimo futuro Chemtech continuerà concentrarsi sull’Africa occidentale, per consolidare la presenza sul territorio, e per acquisire allo stesso tempo maggiore esperienza operativa a livello locale.
“Al proposito – ha aggiunto Balicco – abbiamo creato una società di diritto senegalese che si occuperà dello sviluppo di questi progetti, oltre che della gestione di tutte le attività di public relations con le autorità governative e con le società di distribuzione dell’energia”.

Chemtech promuove inoltre un approccio etico e socialmente responsabile durante la realizzazione dei suoi progetti: ha creato posti di lavori per gli abitanti del luogo e si è occupata direttamente della formazione del personale locale che dovrà curare l’esercizio e la manutenzione degli impianti per i prossimi 20 anni. L’azienda bergamasca si è inoltre impegnata a realizzare numerosi interventi a beneficio della popolazione residente nella zona, tra cui la costruzione di un nuovo centro di maternità e pronto soccorso (la posa della prima pietra è avvenuta con una cerimonia ufficiale lo scorso 26 settembre), l’ammodernamento di due scuole e l’estensione della rete di illuminazione del comune con l’installazione di lampade solari a tecnologia led.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Mali Free

    Risultati primo turno elezioni parlamentati, bassa...

    MALI - Solo il 35,73% degli elettori del Mali è andato alle urne e, dei 147 seggi in palio, solo 17 sono stati assegnati al primo turno. Lo ha reso noto il governo del Mali annunciando i risultati provvisori del primo turno delle elezioni legislative che si sono tenute il 29 marzo.   Poco più di un terzo degli elettori registrati ha votato durante il primo turno delle legislative. Dato da sottolineare è che si è votato meno nella capitale rispetto all’interno del Paese. Nell’annunciare i risultati provvisori, il governo ha riconosciuto che l’affluenza alle urne rimane «una sfida per la democrazia maliana».   Al primo turno sono stati eletti diciassette deputati. Il partito al potere, il Raggruppamento per il Mali (Rpm), ha ottenuto otto seggi, di cui quattro nella regione di Kidal (nelle mani degli ex ribelli). Il principale partito di opposizione, l’Unione per la democrazia e la repubblica (Urd), ​​ha vinto tre seggi. Tra i suoi eletti al primo turno, il suo leader Soumaïla Cissé, rapito la settimana scorsa poco prima del voto. [Africa Rivista]
  • Ghana Free

    Nuovo obiettivo per accesso a energia

    GHANA - Il governo di Accra si è posto l’obiettivo di aumentare il tasso di accesso all’elettricità fino a raggiungere almeno il 90% dell’intera popolazione nazionale entro la fine del 2020.

    A renderlo noto è stato il presidente della Commissione parlamentare sulle Miniere e l’energia, Emmanuel Akwasi Gyamfi, attualmente il tasso medio di accesso all’elettricità a livello nazionale è di poco inferiore all’85%.

    Attualmente solo sei su un totale di 16 regioni hanno tassi di accesso superiori all’85%, con la regione di Savannah in fondo alla classifica con il 54,5%.

    Per garantire il raggiungimento dell’obiettivo del 90% il governo ghanese ha chiesto al Parlamento l’approvazione di una richiesta per ottenere un prestito del valore pari a 100 milioni di dollari che saranno utilizzati per acquistare e installare tutte le attrezzature necessarie in particolare nelle regioni di Ashanti, Centrale, Orientale, di Bono, Bono East e Ahafo. [MV]

  • Guinea Free

    Elezioni parlamentari, confermata la vittoria del...

    GUINEA – Confermano una netta vittoria del Raggruppamento del Popolo Guineano (Rpg), la formazione del presidente Alpha Condé, i risultati delle elezioni parlamentari pubblicati dalla commissione elettorale nazionale indipendente (Ceni). Secondo i dati completi provvisori, l’Rpg ha vinto 79 seggi parlamentari su 114. In seconda posizione arriva l’Unione democratica di Guinea (Udg) di Mamadou Sylla, che nei mesi scorsi si era staccata dal Fronte nazionale per la difesa della costituzione, la piattaforma di opposizione e società civile in contrasto con le elezioni e il referendum costituzionale. Diversi partiti d’opposizione, tra cui  l’Unione delle forze democratiche di Guinea (Ufdg) del leader della minoranza  Cellou Dalein Diallo, hanno boicottato le elezioni. I risultati elettorali delle parlamentari e la vittoria del “sì” al referendum costituzionale sono aspramente contestati. La Corte costituzionale deve ancora approvare o meno i risultati. [CC]
  • Senegal Free

    Fondi USA per elettrificazione rurale

    SENEGAL - Sono pari a 91 milioni di dollari i fondi stanziati dalla Export-Import Bank statunitense sotto forma di garanzia di finanziamento per facilitare gli investimenti nell’elettrificazione rurale in Senegal.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che i fondi saranno utilizzati per sostenere l’esportazione di servizi d’ingegneria e costruzioni da parte di aziende statunitensi nel settore dell’elettrificazione rurale in Senegal.

    In particolare i fondi saranno destinati a garantire le esportazioni della Weldy Lamont, specializzata nella produzione di apparecchiature elettriche e nella loro installazione.

    La società era stata selezione lo scorso dicembre dal ministero dell’Energia senegalese per realizzare un progetto volto a collegare alla rete elettrica nazionale circa 440.000 cittadini senegalesi residenti nelle aree rurali del Paese e attualmente privi di accesso all’elettricità. [MV]

  • Costa Avorio Free

    Gruppo ivoriano Plastica salva Pmi francese

    COSTA D’AVORIO  - La salvezza arriva dall’Africa per una piccola azienda francese, produttrice di sacchi per il trasporto di campioni biologici e di sacchi solubili per il lavaggio sicuro di panni contaminati, la cui domanda sta esplodendo negli ospedali in questo momento di emergenza da coronavirus. Costretta a un procedimento di amministrazione controllata, la SES doveva trovare un acquirente per non chiudere i battenti. E’ la proposta di un gruppo ivoriano, Plastica, ad avere ottenuto non solo i favori del personale, ma anche l’avallo della giustizia. La vicenda era finita davanti alla Corte d’appello dopo che i dipendenti della SES si erano messi in sciopero per contestare la proposta d’acquisizione di un’azienda francese, la Leygatech, che avrebbe ridotto il personale e costretto a un trasferimento di sede. Il sindico si era schierato a fianco dei dipendenti, spingendo per una procedura d'appello nella quale Leygatech ha finalmente gettato la spugna. L’ivoriana Plastica promette invece di mantenere i 36 dipendenti e di investire per il futuro dell’azienda. In Costa d’Avorio, il gruppo fabbrica imballaggi e altri prodotti dell’industria plastica, li commercializza e si occupa di riciclaggio. Plastica esiste da 17 anni ed è guidata dall’uomo d’affari di origine libanese, Abbas Badreddine. [CC]
  • Nigeria Free

    Jumia implementa la modalità di consegna 'contactless'

    NIGERIA - La piattaforma di e-commerce Jumia ha annunciato l’implementazione della modalità di consegna contactless per gli acquisti prepagati. L’innovazione è stata introdotta come misura a salvaguardia della salute di consumatori e fattorini alla luce della diffusione a livello globale del coronavirus.  L’opzione di consegna sicura senza contatto è stata già implementata su JumiaPay, la piattaforma di pagamento. Ciò consente ai consumatori di effettuare pagamenti prepagati per i prodotti online e di avere la consegna senza un contatto diretto o uno scambio di denaro con l'agente incaricato della consegna. Annunciando l’iniziativa, il vice presidente di Jumia, Apoorva Kumar, ha dichiarato che la salute e la sicurezza dei nostri clienti e agenti è la priorità assoluta. Siamo in una posizione unica per intensificare e far parte della strategia di risposta dell’Africa in questa sfida”. [MS]