Sudafrica

Export italiano in Sudafrica in forte crescita

SUDAFRICA – Il valore delle esportazioni italiane verso il Sudafrica a luglio di quest’anno ha raggiunto 1.240 milioni di dollari rispetto ai 1.071 milioni di luglio 2016, facendo in tal modo segnare un incremento del 15,8%. 

A segnalarlo è l’Ufficio di Johannesburg dell’Agenzia ICE citando dati di fonte sudafricana, da cui emerge che l’aumento supera l’andamento delle importazioni sudafricane dal mondo, che si è fermato a un +13% nei primi sette mesi dell’anno.

Dopo un 2016 caratterizzato da una forte svalutazione del rand, che era stata tra i fattori decisivi nel provocare una caduta delle importazioni a soli 41,7 miliardi di dollari da gennaio a luglio 2016, la ripresa dell’anno in corso ha riportato il valore dell’import sudafricano a 47 miliardi.

Dal momento che le condizioni economiche del paese non sono migliorate e che la crescita resta sostanzialmente appiattita intorno allo zero, la netta rivalutazione del rand nella prima parte dell’anno sembra aver svolto nuovamente un ruolo decisivo nella ripresa delle importazioni, anche se la divisa sudafricana si sta recentemente riposizionando attorno al valore di 16 a 1 sull’euro che faceva registrare a luglio 2016, quando è cominciata la sua fase di apprezzamento nei confronti della moneta unica.

Nel periodo considerato e tenendo conto dei soli concorrenti europei, la performance dell’export italiano ha nettamente superato quella tedesca (+9,2%) e britannica (+5,8%), ma si è rivelata inferiore al risultato francese (+20,7%) e, soprattutto, a quello spagnolo (+27%), tra i migliori in assoluto.

In generale, la Cina ha confermato la leadership di mercato con un aumento dell’export lievemente superiore alla media (+13,7%), ma tra i paesi di più recente industrializzazione è emersa l’India, che nei sette mesi considerati ha fatto registrare un incremento pari al 27,4%, che l’ha portata al 4° posto tra i fornitori del Sudafrica.

L’Italia si piazza momentaneamente al 9° posto, sopravanzando leggermente la Francia, con una quota del 2,64% che è sostanzialmente stabile da molti anni. La quota italiana è ora molto vicina a quella dei due paesi che la precedono, ossia Regno Unito (2,84%) e Tailandia (2,97%), mentre resta più lontano il Giappone (3,39%).

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Angola Free

    Petrolio: Sonangol annuncia vendita quote in alcuni...

    ANGOLA - La Società Nazionale di Combustibili Angola (Sonangol) intende vendere le attività e gli interessi che detiene in vari blocchi di petrolio nel paese, per concentrarsi su attività di ricerca, esplorazione e produzione di idrocarburi. A riferirlo è la stessa azienda di stato in una nota nella quale si precisa che la compagnia statale  "fortemente impegnata nel consolidamento delle strutture aziendali locali che dovranno sostenere tutto il processo di ristrutturazione della società” e aggiunge "sono state previste una serie di misure per guidare l'azienda in primo luogo verso la sua attività principale", ovvero l’esplorazione e “le altre operazioni nella catena del valore del petrolio e del gas, come la raffinazione, il trasporto, lo stoccaggio, la distribuzione e la vendita di derivati". Sonangol ha annunciato nel frattempo che ha prorogato il termine per la presentazione di offerte vincolanti per l'acquisizione di interessi partecipativi, nonché la posizione di Operatore, fino al 30 settembre per i blocchi 20/11 e 21/09, dove la società di proprietà statale detiene partecipazioni del 40%. Pertanto, le società che intendono presentare un'offerta devono presentare una lettera di interesse a Sonangol EP entro il 31 luglio 2018. La compagnia di stato angolana ha concluso il 29 giugno il conflitto che si opponeva alla compagnia statunitense Cobalt International Energy in relazione a questi due blocchi con il pagamento della parte mancante per un importo di 350 milioni di dollari. All'inizio di luglio il presidente angolano ha dichiarato in un'intervista al quotidiano francese L'Opinion che alcune delle compagnie pubbliche angolane operanti nel settore degli idrocarburi saranno incluse nel processo di privatizzazione in corso nel paese.
  • Angola Free

    In vendita unità industriali della zona economica...

    ANGOLA – E’ ripartito il processo di vendita di unità industriali presenti all’interno della zona economica speciale di Luanda (ZEELB) attraverso una nuova commissione capeggiata dal ministero delle Finanze. La commissione, coordinata dal ministro Archer Mangueira, ha 90 giorni per stilare un inventario di tutte le unità industriali della ZEELB e definire la metodologia e la cronologia di privatizzazione delle aree. Il processo era stato lanciato nel 2016 dal precedente governo, con l’obiettivo di privatizzare 53 unità. L’area, situata a 30 chilometri dal centro di Luanda, è per ora amministrata dallo Stato, che investi circa 80 milioni di dollari per la sua realizzazione. La Zona economica speciale è estesa su più di otto ettari e comprende sette ‘riserve industriali’, sette ‘riserve agricole’ e otto ‘riserve’ minerarie. Nella zona sono già installate diverse imprese, che lavorano nella produzione di cavi elettrici, di accessori in plastica, nella lavorazione del ferro, negli imballaggi metallici, l’alluminio, e altro ancora. [CC]
  • Zimbabwe Free

    Arrestato ex ministro, sotto inchiesta Grace Mugabe

    ZIMBABWE - Accusato di corruzione, un ex ministro di Robert Mugabe è stato condannato a due anni e mezzo di prigione. Si tratta di Samuel Undenge, ex ministro dell’Energia. Lo stesso tribunale che ha condannato Undenge ha deciso di mettere sotto inchiesta Grace Mugabe, moglie dell’ex dittatore, per esportazioni di avorio contrabbando illegali che le avrebbero fatto guadagnare milioni di dollari, secondo la stampa governativa. La condanna di Samuel Undenge arriva dieci giorni prima delle elezioni generali del 30 luglio, in cui Emmerson Mnangagwa, attuale presidente, è un candidato alla presidenza. [Africa Rivista]
  • Malawi Free

    Appropriazione indebita, vicepresidente ed ex First...

    MALAWI - Il vice presidente del Malawi, Saulos Chilima, e l’ex First Lady Callista Mutharika, attualmente consigliere presidenziale, sono nel mirino di un’organizzazione della società civile, il Forum per lo sviluppo nazionale (FND), che li accusa di appropriazione indebita  risorse pubbliche. “Vorremmo ricordare alla Signora Callista che percepire uno stipendio e usufruire di benefici senza lavorare equivale ad un furto ai danni del popolo del Malawi” ha detto Fryson Chodzi, il coordinatore del FND, secondo il quale la vedova del defunto presidente Bingu Wa Mutharika  percepisce una retribuzione per una consulenza fittizia nell’ambito del programma Safe Motherhood del ministero della Sanità. Quanto al vicepresidente, gli viene rimproverato un atteggiamento ipocrita, che per molto tempo ha criticato i politici che sfruttano le proprie posizioni di potere a fini personali, e ora si ritrova a fare  lo stesso, secondo l’FND. “Se queste  due personalità vorranno continuare a percepire il denaro pubblico senza fare nulla, dovranno agire in maniera responsabile” scrive il Forum della società civile in  una dichiarazione pubblica che invita i due leader a dimettersi. [CC]
  • AfricaAfrica AustraleAfrica Orientale Free

    Una donna nominata alla guida della COMESA

    AFRICA ORIENTALE/ AUSTRALE – E’ Chileshe Kapwepwe, ex direttore supplente del Fondo monetario internazionale (FMI), il nuovo Segretario Generale del Common Market for Eastern and Southern Africa (COMESA), l’organismo sovraregionale che raccoglie circa 500 milioni di africani e uno dei mercati più vibranti del continente. La 59enne sig.ra Kapwepwe è originaria dello Zambia ed è la prima donna a ricoprire l’incarico, rilevandolo da Sindiso Ngwenya, che ha lavorato per 34 anni presso l'ente regionale a vario titolo. Al momento della sua nomina, Kapwepwe era presidente della Zambia Revenue Authority (ZRA) e, nel governo del presidente zambiano Edgar Lungu, ha ricoperto anche il ruolo di vice ministro delle finanze. "La sig.ra Kapwwepwe sta assumendo la responsabilità di leadership con COMESA nel momento in cui l'organismo regionale ha fatto passi da gigante verso l'integrazione del mercato e l'armonizzazione dei programmi", si legge in una nota diffusa del Presidente Lungu. Comesa è la più grande organizzazione economica regionale in Africa, che si va estendendo con la recente ammissione di due nuovi membri: Tunisia e Somalia. La nomina della signora Kapwpwe è stata decisa durante il ventesimo vertice dei capi di Stato della Comesa, conclusosi ieri nella capitale dello Zambia, Lusaka.
  • Namibia Free

    AfDB: oltre 200 milioni a sostegno della finanziaria

    NAMIBIA – Supera i 200 milioni di dollari il prestito concesso dalla Banca Africana di Sviluppo (AfDB) al governo della Namibia per sostenerne il bilancio. Lo riferisce una nota della stessa Banca, nella quale si precisa che il 18 luglio il Consiglio di amministrazione della African Development Bank ha approvato un prestito di 217,8 milioni di dollari USA (3 miliardi di ZAR) per finanziare la seconda fase del programma di sostegno alla governance economica e alla competitività della Namibia (EGCSP II). La linea di prestito, la seconda di una serie programmatica di due anni, supporterà il budget per l'anno fiscale 2018/19. Mira a rafforzare la gestione della finanza pubblica e a migliorare la qualità e l'efficienza della spesa del settore pubblico, ponendo al contempo solide fondamenta per l'industrializzazione attraverso il sostegno a riforme critiche per l'ambiente imprenditoriale. Il programma si basa sulla Fase 1 approvata lo scorso anno, che ha raggiunto risultati positivi. Tra questi, la riduzione del disavanzo di bilancio dall'8,2% del PIL nel 2015/16 al 5,4% nel 2017/18. “Ha anche contribuito a migliorare la situazione di liquidità del paese in un momento in cui la liquidità del mercato interno era bassa, causata da un flusso di cassa limitato; e finanziamenti per coprire le fatture in sospeso di ministeri critici, tra cui istruzione e sanità, che hanno contribuito a evitare una crisi incombente della stretta creditizia privata” si legge nella nota della Banca. Il primo sostegno al bilancio ha anche aiutato a rendere operative alcune politiche e quadri legali di trasformazione, tra cui la legge sul partenariato pubblico privato, la legge sull'agenzia delle entrate della Namibia e i regolamenti sugli appalti pubblici. Guidati dalla Vision 2030, dal 5 ° piano di sviluppo nazionale, dal piano di prosperità di Harambee e da altre politiche e strategie settoriali, il governo ha avviato il consolidamento fiscale e un'ampia riforma della gestione finanziaria pubblica e dell'ambiente imprenditoriale per affrontare le sfide emergenti. La Banca si è quindi dichiarata soddisfatta dei progressi compiuti dal governo namibiano nell'ambito della prima fase del programma, nonostante le notevoli sfide economiche dovute al calo dei prezzi delle materie prime, alla siccità persistente e all'attività economica sommessa di Sudafrica e Angola. L'intervento della Banca sosterrà misure per migliorare la riscossione delle entrate, migliorare l'efficienza della spesa pubblica e migliorare la gestione del debito. Migliorerà inoltre gli appalti pubblici, le funzioni di audit interno ed esterno e il quadro di governance per le imprese di proprietà statale; nonché migliorare il quadro di facilitazione degli investimenti per lo sviluppo industriale e MSME.