Africa Nord

Roma, seminario su dialogo sociale nel Sud Mediterraneo

A NORD – “Dialogo sociale: driver di democrazia, sicurezza, diritti e sviluppo” è il titolo del seminario in corso a Roma nell’ambito del progetto finanziato dall’Unione Europea “SOLID – South Med Social Dialogue” a favore del dialogo nel Sud Mediterraneo

Il seminario, in corso da ieri e fino a stasera, vuole essere un momento di confronto e di scambio di buone pratiche tra Tunisia, Giordania e Marocco, i paesi protagonisti del progetto, e al tempo stesso un momento di riflessione per i partner della sponda nordmediterranea sul dialogo sociale e i suoi strumenti, in un momento storico di grandi cambiamenti del mondo del lavoro e dei suoi protagonisti.

Il primo confronto è sulla sicurezza, intesa come asse portante delle azioni di dialogo sociale per le politiche condivise di sviluppo sostenibile e per sostenere i diritti civili, umani e la democrazia.

Aprirà i lavori odierni il direttore dell’ILO Italia, Gianni Rosas. Per maggiori informazioni; http://www.medsocialdialogue.org/

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Accordo con Banca Mondiale per ridurre inquinamento

    EGITTO - Il primo ministro egiziano Mostafa Madbouly ha partecipato ieri alla firma di un accordo ministeriale per l’attuazione di un progetto finanziato dalla Banca mondiale volto a sostenere gli sforzi dell’Egitto per ridurre l’inquinamento atmosferico nell’area del Grande Cairo. Alla cerimonia erano presenti anche rappresentanti dei ministeri dell’ambiente, dello sviluppo locale, dei trasporti, della salute, così come i governi locali dei governatorati del Cairo, Giza e Qalioubiya e l’Autorità dei trasporti del Cairo. L’accordo arriva un anno dopo che il consiglio di amministrazione della Banca mondiale ha approvato il progetto da 200 milioni di dollari. Il progetto finanziato dalla Banca mondiale mira principalmente a ridurre le emissioni dei veicoli, migliorare il processo decisionale in merito alle questioni relative all’aria e al clima, nonché migliorare la gestione dei rifiuti solidi. L’accordo firmato mira a realizzare il coordinamento tra le parti coinvolte e determinare i meccanismi e il quadro generale per l’attuazione del progetto.
  • Libia Free

    Banca centrale vuole sviluppare pagamenti elettronici

    LIBIA - Lo sviluppo del mercato dei pagamenti elettronici in Libia è stato al centro di un incontro tenutosi a Tripoli tra i direttori dei dipartimenti bancari e il governatore della Banca centrale della Libia Sadiq el Kebir. Lo riportano i media economici locali, dai quali si apprende che durante l’incontro sono state discusse le modalità per sviluppare il progetto di e-payment in valuta estera, che consente ai clienti di utilizzare i vari servizi di pagamento disponibili attraverso siti di e-commerce globali in valuta estera, come Paypal. [ASB]
  • Tunisia Free

    A Tunisi prossima edizione Congresso mondiale...

    TUNISIA - Tunisi è stata scelta per ospitare il prossimo Congresso mondiale dell’agricoltura biologica previsto per il 2024. Lo ha annunciato l’Unione professionale degli agricoltori, trasformatori e distributori di prodotti agricoli naturali o trasformati biologicamente UNObio. L’evento, organizzato dalla Federazione internazionale dei movimenti biologici (Ifoam), vedrà la partecipazione di 2.500 attori biologici, ricercatori, agricoltori e cittadini con l’obiettivo di affrontare questioni come la salute, la sovranità alimentare e la rigenerazione dell’ecosistema. Il Congresso mira a portare cambiamenti positivi nel settore e ad attuare soluzioni sostenibili. L’agenzia di stampa tunisina Tap precisa che la Tunisia ha raccolto un totale di 60 voti, il 32 per cento dei voti elettronici degli affiliati Ifoam, battendo così altri quattro Paesi, tra cui la Danimarca. [VGM]
  • Egitto Free

    Intesa con giapponesi per produzione ammoniaca blu

    EGITTO - Il ministero del Petrolio del Cairo ha firmato un memorandum d’intesa con la giapponese Toyota Tsusho per valutare le opportunità di produzione di ammoniaca blu in Egitto. E’ quanto riferisce il quotidiano Asharq, secondo cui saranno condotti studi di fattibilità economica per implementare progetti per l’estrazione e lo stoccaggio di anidride carbonica con l’obiettivo di produrre ammoniaca blu, utilizzando le ultime tecnologie giapponesi. Lo sviluppo dell’ammoniaca blu e dell’idrogeno è una parte fondamentale degli sforzi giapponesi per centrare l’obiettivo della decarbonizzazione entro il 2050, e per questo il ministro degli Esteri giapponese Toshimitsu Motegi è stato recentemente in Egitto come parte di un tour regionale dei Paesi che Tokyo considera vitali per la sua sicurezza energetica. L’ammoniaca blu è composta da idrogeno, un gas che è considerato la chiave per una transizione energetica globale, “blu” a sua volta (ottenuto cioè dal gas naturale, un idrocarburo, ma catturando la CO2 generata dal processo). Molte compagnie energetiche stanno investendo in tali combustibili, ma secondo diversi esperti i costi di produzione sono ancora molto più alti dei costi del petrolio e del gas. [GT]
  • Algeria Free

    Porto Djendjen, a fine anno pronto terminal minerario

    ALGERIA - Il terminal minerario AQS nel porto di  Djendjen  verrà consegnato a fine anno; grazie a questo terminal, lo stoccaggio aumenterà di 130 mila tonnellate all’anno determinando un guadagno di 40 milioni di dollari. Una delegazione del governo della provincia di Jijel, guidata da Abdelkader Kelkel, ha recentemente visitato il porto di Djendjen dove ha chiesto informazioni sui lavori del terminal minerario dedicato allo stoccaggio e transito di ferro destinati al complesso siderurgico di Bellara, nel comune di El Milia.  Questi impianti per la movimentazione della materia prima, della società Algerian-Qatar Steel (AQS) sono situati presso la banchina ovest del porto di Djendjen, dove AQS ha beneficiato di una concessione di 10 ettari per un periodo di 40 anni.  I lavori affidati alla società spagnola Duro Felguera ad aprile 2016 erano iniziati a giugno dell’anno successivo. Secondo le spiegazioni fornite dal vice amministratore delegato della società AQS, Sofiane Chaïb-Setti, la velocità di scarico sarà di 1500 tonnellate all’ora, mentre il periodo di occupazione della banchina sarà di 97 giorni all’anno, con una capacità di trattamento di 3,8 milioni di tonnellate all’anno. [GT]
  • Algeria Free

    Ministro Esteri saudita ad Algeri per discutere...

    ALGERIA - Il ministro degli Esteri saudita Faisal bin Farhan Al Saud, in visita ad Algeri, è stato ricevuto dal presidente Abdelmadjid Tebboune: in un comunicato alla stampa al termine dell’udienza, il ministro ha affermato che l’Arabia Saudita è impegnata a proseguire il coordinamento e la consultazione sugli interessi regionali e internazionali, compresa l’azione araba congiunta, nonché il coordinamento delle posizioni in merito all’Opec e alla promozione degli scambi tra i due Paesi. A questo proposito, bin Farhan ha detto che il commercio tra l’Algeria e l’Arabia Saudita “si è sviluppato notevolmente nell’ultimo anno, raggiungendo più di mezzo miliardo di dollari nel 2020”. L’emiro bin Farhan ha evocato “l’eccezionale evoluzione” delle relazioni bilaterali a vari livelli”, come testimonia la visita del principe ereditario saudita ad Algeri e quella effettuata dal presidente Tebboune nel Regno dell’Arabia Saudita nel 2020, su invito del re Salman Ben Abdelaziz. Il presidente algerino, dal canto suo, ha sottolineato “il radicamento delle relazioni bilaterali, la loro solidità e la volontà di rafforzarle ulteriormente a beneficio del supremo interesse dei due Paesi fratelli”, ha affermato la stessa fonte. Secondo il sito marocchino Yabiladi, bin Farhan potrebbe anche tentare di proporre una mediazione sulla crisi diplomatica che oppone l’Algeria al Marocco, culminata il 24 agosto con la rottura delle relazioni da parte di Algeri. Il portale d’informazione sottolinea che questo viaggio del capo della diplomazia del regno wahabita in Algeria arriva a meno di una settimana dalla sessione del consiglio esecutivo della Lega araba del 9 settembre al Cairo, inizialmente dedicata alla questione palestinese. Membri dell’organizzazione panaraba hanno chiesto di esaminare la crisi tra i due Paesi vicini, ma l’idea sarebbe stata bocciata dal ministro degli Esteri algerino, Ramtane Lamamra. Il ministro saudita aveva già discusso della questione con il suo omologo algerino, proprio il giorno dell’annuncio della rottura, il 24 agosto. “Ma questa visita ad Algeri indica che re Salman ha deciso di prendere in mano la situazione, seguendo così le orme di re Fahd, che era riuscito a riconciliare Marocco e Algeria, nel 1988, dopo cinque anni di sforzi”, ipotizza Yabiladi. [CC]