Africa Nord

Roma, seminario su dialogo sociale nel Sud Mediterraneo

A NORD – “Dialogo sociale: driver di democrazia, sicurezza, diritti e sviluppo” è il titolo del seminario in corso a Roma nell’ambito del progetto finanziato dall’Unione Europea “SOLID – South Med Social Dialogue” a favore del dialogo nel Sud Mediterraneo

Il seminario, in corso da ieri e fino a stasera, vuole essere un momento di confronto e di scambio di buone pratiche tra Tunisia, Giordania e Marocco, i paesi protagonisti del progetto, e al tempo stesso un momento di riflessione per i partner della sponda nordmediterranea sul dialogo sociale e i suoi strumenti, in un momento storico di grandi cambiamenti del mondo del lavoro e dei suoi protagonisti.

Il primo confronto è sulla sicurezza, intesa come asse portante delle azioni di dialogo sociale per le politiche condivise di sviluppo sostenibile e per sostenere i diritti civili, umani e la democrazia.

Aprirà i lavori odierni il direttore dell’ILO Italia, Gianni Rosas. Per maggiori informazioni; http://www.medsocialdialogue.org/

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • LibiaTunisia Free

    Linea di collegamento marittimo tra Sfax e Tripoli

    LIBIA / TUNISIA - Una linea di collegamento marittima per trasporto merci tra Libia e Tunisia sarà inaugurata entro questo mese. A riferirlo è stato il ministero dei Trasporti tunisino precisando che la linea servirà a trasferire prodotti tunisini destinati al mercato libico; il collegamento sarebbe dovuto essere attivato già da alcune settimane ma l’attuale situazione legata al covid-19 ha causato dei ritardi.  Più in particolare il collegamento riguarderà il porto di Sfax, in Tunisia, e quello di Tripoli in Libia, e avrà una cadenza settimanale.  Il ministero ha aggiunto che l’iniziativa rientra fra quelle “a sostegno degli esportatori tunisini per entrare in nuovi mercati, facilitare i trasferimenti internazionali e sviluppare relazioni commerciali, in questo caso tra Tunisia e Libia”. [MS]
  • Egitto Free

    Al via lavori per costruire impianto desalinizzazione

    EGITTO - Sono cominciati ad al-Arish, nel governatorato del Sinai settentrionale, i lavori per costruire quello che viene presentato come il più grande impianto di desalinizzazione a essere costruito in Africa e Medio Oriente.

    Ad annunciare l’avvio dei lavori è stato il governatore del Sinai settentrionale, Mohamed Shousha, precisando che in una prima fase l’impianto avrà la capacità di potabilizzare 100.000 metri cubici di acqua al giorno.

    Saranno poi realizzate anche una seconda e una terza fase dei lavori, per aumentare la capacità di potabilizzazione fino a 300.000 metri cubici di acqua al giorno. [MV]

  • Algeria Free

    Completato gasdotto GR7

    ALGERIA - La compagnia petrolifera Sonatrach, società algerina di proprietà statale - ha completato la costruzione del gasdotto GR7. Estensione del gasdotto GR5, il GR7 corre per 344 chilometri e collega Hassi Mouina Sud & Nord e Hassi Ba Hamou, i nuovi giacimenti petroliferi situati nel sud-ovest del Paese a Hassi R’Mel.  Lo sviluppo di nuovi campi nel sud-ovest del Paese e il collegamento con il resto della rete del gas nazionale è stata una priorità per l’azienda negli ultimi anni. Fondata nel 1963, oggi Sonatrach, considerata la maggiore azienda petrolifera africana, è il dodicesimo consorzio petrolifero più grande del mondo, con 154 filiali che operano lungo l’intera filiera. [MS]
  • Egitto Free

    Annunciato progetto per gestione rifiuti sanitari...

    EGITTO - Il ministero dell’Ambiente egiziano sta lavorando a un progetto per la gestione dei rifiuti sanitari ed elettronici insieme al Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) e il Global Environment Facility (GEF).

    A segnalarlo sono i media locali, precisando che il progetto prevede la realizzazione di un sito internet per coordinare con il ministero della Sanità e con il Consiglio supremo degli ospedali universitari le attività relative alla raccolta dei rifiuti sanitari.

    Secondo il direttore del progetto Medical and Electronic Waste Management (MEWM), Tarek el Araby, il sito internet sarà sviluppato su una piattaforma già utilizzata per ottimizzare il sistema di raccolta dei rifiuti elettronici.

    Il progetto si inserisce nell’ambito degli sforzi del ministero dell’Ambiente per partecipare alle misure promosse dal governo egiziano per contribuire a contenere la diffusione dell’epidemia da coronavirus. Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito internet www.mewm-egypt.net. [MV]

  • EgittoSudan Free

    Operativa interconnessione elettrica

    EGITTO / SUDAN - Le reti elettriche di Egitto e Sudan sono ufficialmente interconnesse con una capacità iniziale di 60 megawatt.

    A renderlo noto è stato il ministero sudanese dell’Energia e delle miniere, precisando che i lavori di estensione della rete elettrica nazionale nelle regioni settentrionali del Paese sono terminati la settimana scorsa.

    La linea di interconnessione copre una distanza di circa 1000 chilometri e ha una tensione di 220 kilovolts.

    Secondo le informazioni a disposizione, la prima fase del progetto mira a fornire al Sudan una capacità fino a 70 megawatt, che potrà essere aumentata fino a 300 megawatt in un secondo tempo dopo l’espansione di alcune centrali elettriche sudanesi. [MV]

  • Egitto Free

    Rinviato trasloco nella nuova capitale

    EGITTO - Il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi ha deciso di rinviare all’anno prossimo il trasloco delle sedi ministeriali e delle altre istituzioni governative nella nuova capitale amministrativa in costruzione a est del Cairo.

    A darne notizia sono i media locali, citando a ragione del rinvio la diffusione della pandemia di covid-19 in corso nel Paese.

    E’ stato inoltre deciso, sempre per lo stesso motivo, anche il rinvio dell’inaugurazione del Gran Museo Egizio (GEM) in costruzione a Giza, che una volta terminato sarà il museo archeologico più grande del mondo.

    Secondo quel che ha dichiarato el-Sisi, i lavori per il proseguimento dei cantieri dei due mega-progetti infrastrutturali proseguiranno, garantendo ai lavoratori impegnati i “più alti standard” di sicurezza e protezione. [MV]