R.D. Congo

Il Belgio sospende la collaborazione con Kinshasa fino ad elezioni credibili

RD CONGO – Il governo belga ha annunciato la sospensione del programma di collaborazione bilaterale con Kinshasa fino all’organizzazione di elezioni credibili e basate su principi di buon governo.

(177 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • R. Centrafricana Free

    Scontri fra milizie prendono di mira anche civili,...

    R CENTRAFRICANA – E’ di almeno 37 vittime il bilancio di scontri tra gruppi armati avvenuti nei giorni scorsi ad Alindao, nel Sud del Paese, sulla principale via che porta verso l’Est. Il bilancio è stato fornito da fonti delle Nazioni Unite, presenti nel Paese attraverso una missione di peacekeeping, la Minusca. Tra le vittime figura un sacerdote, mentre un altro risulta scomparso. Gli scontri hanno contrapposto elementi armati affiliati alla milizia anti-balaka, che giovedì scorso hanno ucciso persone della comunità musulmana. Per risposta, la milizia UPC (ex Seleka) ha attaccato un campo per sfollati, che in parte è stato incendiato, così come lo è stata la chiesa della località. La Minusca ha condannato con fermezza queste nuove violenze, esprimendo preoccupazione per il carattere ciclico di questi scontri tra fazioni, che non esitano a prendere di mira anche i civili. Pattugliamenti ed investigazioni sono in corso per determinare i gradi di responsabilità e arrestare mandanti ed esecutori. Scoppiato nel 2013, il conflitto tra milizie musulmane ex Seleka ed anti-balaka, più vicini alla comunità cristiana,   non è mai terminato nonostante i tentativi sia politici che militari. Secondo le Nazioni Unite, le violenze hanno costretto circa 700 mila persone ad abbandonare le loro abitazioni e altre 570 mila a cercare rifugio all’estero. [CC]
  • Gabon Free

    Primo consiglio dei ministri senza Bongo, opposizione...

    GABON - Venerdì in Gabon per la prima volta si è tenuto un consiglio dei ministri senza la presenza del presidente Ali Bongo Ondimba che è stato sostituito dal suo vice Pierre-Claver Maganga Moussavou. La cosa è stata resa possibile grazie a un intervento della Corte costituzionale gabonese, la quale mercoledì sera aveva sbloccato lo stallo istituzionale dovuto alla prolungata malattia del presidente Ali Bongo. I giudici hanno modificato la Costituzione aggiungendo un comma all’articolo 13 che riguarda il potere vacante per affrontare la situazione di “indisponibilità temporanea” del Capo dello Stato. Le speculazioni sullo stato di salute di Bongo sono aumentate dopo tre settimane di silenzio del presidente, ricoverato in ospedale nella capitale dell’Arabia Saudita Riyad dal 24 ottobre, probabilmente in seguito ad un ictus, secondo le indiscrezioni più credibili. La clausola inserita: “In caso di indisponibilità temporanea del presidente (…) certe funzioni (…) saranno eseguite dal vicepresidente o dal primo ministro di comune accordo, su autorizzazione della Corte costituzionale”. L’obiettivo è stato quello di evitare di aprire una procedura di “posto vacante” iniziando un periodo di transizione diretto dal presidente del Senato e l’organizzazione di elezioni entro 60 giorni. In questo modo, dunque, il massimo tribunale gabonese ha autorizzato Moussavou a presiedere la riunione di gabinetto. I ministri, infatti, non si sono più riuniti dopo l’incidente che ha colpito Bongo, e le decisioni chiave sono rimaste sospese a lungo. A chiedere l’intervento della Corte costituzionale era stato nei giorni scorsi il primo ministro Emmanuel Issoze Ngondet, anche in seguito alla pressione del partito d’opposizione Union Nationale (UN). La Coalition pour la nouvelle République guidata da Jean Ping e i gruppi della società civile hanno però reagito furiosamente alla decisione dei giudici, accusandoli di illegalità e assimilando a “un colpo di stato costituzionale” la mossa della presidente del tribunale, Marie-Madeleine Mborantsuo, stretta alleata di Bongo e, prima, di suo padre Omar, al potere per quasi 42 anni fino alla sua morte nel 2009. Intanto venerdì il portavoce del governo Guy-Bertrand Mapangou ha dato un aggiornamento sullo stato di salute del presidente gabonese in un’intervista su Jeune Afrique, affermando che “si sente sempre meglio”  e che il governo “ha ripreso a lavorare dando continuità allo Stato”. [Africa Rivista]
  • R.D. Congo Free

    Proteste e fuoco all’UNIKIN, due studenti uccisi...

    RD CONGO – Uno studente congolese dell’Università di Kinshasa (UNIKIN) è stato ucciso ieri pomeriggio in scontri con le forze dell’ordine, determinati dalla protesta contro il decesso di un altro studente, morto per le ferite riportate lunedì scorso nella repressione di una manifestazione contro lo sciopero in atto ei professori. Il generale Sylvano Kasongo della polizia di Kinshasa ha annunciato sanzioni contro gli agenti che hanno sparato mortalmente contro i ragazzi innocenti.  Ha precisato che anche 8 poliziotti sono rimasti gravemente feriti , e che 12 veicoli di cui 9 privati e 3 della polizia, sono stati danneggiati durante le proteste. I professori sono in sciopero per protesta contro quello che ritengono il non rispetto di accordi di natura economica, in particolare un aspetto legato al premio che devono sborsare gli studenti per i professori. Il ministero dell’Istruzione superiore ha definito lo sciopero illegale. [CC]
  • Gabon Free

    Il vicepresidente autorizzato ad assumere alcune...

    GABON – Il vicepresidente della Repubblica, Pierre-Claver Maganga Moussavou, è stato autorizzato ad assumere alcune funzioni del capo dello Stato, ricoverato da tre settimane in Arabia Saudita. Lo ha deciso la Corte Costituzionale dopo essere stata interpellata dal primo ministro sull’attuale vuoto di potere. In realtà, il caso di “indisponibilità temporanea” del presidente non era previsto nella Costituzione, alla quale la Corte ha aggiunto un coma. “In caso di indisponibilità temporanea del capo dello Stato, alcune delle sue funzioni possono essere assunte dal vicepresidente della Repubblica, o dal primo ministro, previa autorizzazione speciale della Corte Costituzionale interpellata dal primo ministro o da un decimo dei deputati o dei membri del governo” recita l'aggiunta. La Corte non si è espressa sulle condizioni di salute del presidente Ali Bongo Ondimba, colpito da un malore al suo arrivo in Arabia Saudita. Alcune fonti parlato di ictus e di un coma del presidente. Pochi giorni fa, il portavoce della Presidenza ha annunciato un “sensibile miglioramento”. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Anche Kamerhe rinnega l'accordo sul candidato unico...

    RD CONGO – Appena dopo Felix Tshisekedi, anche Vital Kamerhe ha rinnegato l’accordo su un candidato unico dell’opposizione per andare alle elezioni presidenziali del 23 dicembre, scelto domenica al termine di una riunione a Ginevra. La mossa non è sorprendente dopo che il primo ritiro, quello del candidato, quello dell’Unione per la democrazia e il progresso sociale, ha di fatto reso nullo l’accordo e riaperto la via alle candidature singole. Vitel Kamerhe, leader dell’UNC, è da molti anni uno dei politici presentiti per accedere alla presidenza, e nella lista dei dirigenti dell’opposizione in lizza questa volta, era favorito insieme a Thisejedi figlio per essere nominato candidato unico. Come Tshisekedi, Kamerhe ha comunicato che la base del suo partito non ha approvato la conclusione dell’accordo, ovvero la scelta di Martin Fayulu, deputato e presidente del partito “Engagement pour la Citoyenneté et le Développement (ECiDé)”, un nome che nessuno aspettava. I politici che hanno partecipato alle trattavive di Ginevra sono  Felix Tshisekedi dell’UDPS, Moise Katumbi Chapwe di “Insieme per il cambiamento”, Freddy Matungulu di Congo na biso, Adolphe Muzito del Nuovo Slancio, Jean-Pierre Bemba del Mlc e alleati, Martin Fayulu Madidi per la coalizione  Dinamica dell’opposizione, e Vital Kamerhe dell’Unc e alleati. Il candidato della maggioranza per la successione a Joseph Kabila è  Emmanuel Ramazani Shadary, segretario permanente del partito presidenziale PPRD. [CC]
  • R. Centrafricana Free

    Nasce il “Movimento cuori uniti”, partito del...

    R CENTRAFRICANA – Il presidente della Repubblica  Faustin Archange Touadera e i suoi alleati hanno fondato un nuovo partito politico, il “Movimento cuori uniti”, per accompagnare il capo dello Stato nella sua politica di ricostruzione del Paese dilaniato da anni di conflitti interni. Nel 2015, Touadera si era candidato alla Presidenza come candidato indipendente e l’assemblea costitutiva del partito, l’8 novembre a Bangui, ha colmato questo vuoto. Il primo ministro Simplice Mathieu Sarandji, ex direttore della campagna elettorale di Touadera, è stato designato coordinatore generale del Movimento cuori uniti. La stampa locale riferisce che in occasione dell’assemblea costitutiva, la vita amministrativa del Paese  è stata rallentata dall’elevata presenta dei rappresentanti radunati presso il Palazzo omnisport della capitale. [CC]