Kenya

Fondi per trasformare rifiuti in energia nello slum di Kibera

KENYA – La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha stanziato attraverso il Fondo per l’energia sostenibile per l’Africa (SEFA) un finanziamento pari a poco meno di un milione di dollari per costruire nello slum di Kibera, a Nairobi, un impianto da 10 megawatt per trasformare i rifiuti in energia elettrica.

(129 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Etiopia Free

    Calzedonia inaugura prima fabbrica nel Tigray

    ETIOPIA – Il gruppo Calzedonia ha ufficialmente inaugurato nel fine settimana il primo di una serie di impianti per la produzione di filati e confezioni in Etiopia. Lo riferiscono i media locali, precisando che venerdì si è tenuta la cerimonia ufficiale di inaugurazione dell’impianto di Ashegoda, nella regione settentrionale del Tigray, a cui ha partecipato anche il ministro per il Commercio etiopico, Meles Mebrahtu. Lo stabilimento tessile lanciato è frutto di un investimento di 15 milioni ad opera del gruppo Calzedonia, a cui fa riferimento la società etiopica che gestisce l’impianto la ITACA Textile Plc Secondo Haftom Fantahunegn, direttore degli investimenti presso Tigray Trade, Industry and Urban Development Bureau, la fabbrica occupa al momento 1000 persone. Lo stesso Fantahunegn ha aggiunto che altre due fabbriche tessili inizieranno presto la produzione. Federico Fraboni del gruppo Calzedonia e general manager della Itaca Textile Plc ha sottolineato che la fabbrica è già attiva ed ha già iniziato ad esportare i primi prodotti verso l’Europa. E’ lo stesso Fraboni a precisare che complessivamente l’investimento del Gruppo Calzedonia in Etiopia per costruire e avviare nuovi impianti produttivi supera i 26 milioni di euro.
  • Uganda Free

    Accordo con la Cina per sostenere elettrificazione...

    UGANDA - Il governo di Kampala ha siglato un accordo quadro con la Cina per la concessione di un prestito pari a circa 210 milioni di dollari per sostenere l’elettrificazione rurale. A darne notizia sono i media cinesi, segnalando che l’intesa è stata firmata dal ministro delle Finanze ugandese Matia Kasaija e dall’ambasciatore della Cina a Kampala, Zheng Zhuqiang. Secondo quel che ha dichiarato Kasaija, attualmente l’Uganda produce già più elettricità di quanta ne consuma e il prestito sarà quindi fondamentale per estendere le forniture energetiche alle aree rurali non servite. In base a quel che che viene reso noto, il finanziamento consentirà di estendere la rete elettrica a 287 sotto-contee attraverso un programma infrastrutturale che è previsto sarà avviato all’inizio del prossimo anno. Obiettivo del governo ugandese è aumentare la copertura della rete elettrica nelle aree rurali dall’attuale 10,6% al 26% entro il 2022 fino al 51% entro il 2030 e ottenere entro il 2040 l’accesso universale. [MV]
  • R. CentrafricanaSudan Free

    Khartoum medierà per soluzione conflitto in...

    SUDAN / CENTRAFRICA - Il Sudan ospiterà un incontro tra il governo centrafricano e diverse fazioni armate a lui opposte nel tentativo di arrivare a una ricomposizione del conflitto. A riferirlo sono state fonte ufficiali sudanesi secondo cui i negoziati si svolgeranno sotto gli auspici dello stesso presidente sudanese Omar Bashir. Il ministro degli Esteri sudanese, Dirdiri Mohamed Ahmed, che di recente ha visitato Ciad e Centrafrica, ha detto che il capo di Stato centrafricano Faustin-Archange Touadéra ha accettato la mediazione di Khartoum tra il suo governo e le formazioni di Seleka e Anti-balaka. Nel comunicato letto alla radio, è stato aggiunto che anche il presidente ciadiano Idriss Deby Itno prenderà parte ai negoziati. Bashir ha inoltre inviato suoi rappresentanti in Kenya e Uganda per ottenere ulteriore supporto alla propria azione diplomatica. Di recente, il Sudan si è prodigato per mediare una pace tra le fazioni in lotta per il controllo del Sud Sudan. [MS]
  • Tanzania Free

    A processo decine di presunti jihadisti

    TANZANIA - Alcune decine di sospetti jihadisti tanzaniani sono stati accusati di avere stabilito una base in Mozambico da cui hanno lanciato attacchi armati nella provincia settentrionale di Capo Delgado. La notizia è stata diffusa dalle autorità della Tanzania. I sospettati facevano parte di un gruppo già responsabile di numerosi omicidi di agenti di polizia e funzionari amministrativi nella provincia orientale di Pwani, in Tanzania, nel 2016 e nel 2017. Nelle ultime settimane quasi 200 persone sono andate a processo in Mozambico con l’accusa di appartenere al gruppo jihadista al Shabaab, responsabile dell’uccisione di oltre 200 persone nell’ultimo anno nel nord del paese. [Africa Rivista]
  • Somalia Free

    I pagamenti via telefonino battono anche guerra e...

    SOMALIA - Nonostante gli anni di incertezze, caos, conflitti e anarchia, la Somalia ha trovato una sua strada di sviluppo commerciale e grazie alla penetrazione delle telefonia mobile e alla diffusione dei sistemi di pagamento elettronici via telefonino il PAese si è trasformato in un laboratorio per il commercio online. Secondo stime recenti, ogni mese in Somalia vengono effettuate 155 milioni di transazioni via telefono per un ammontare medio di 2,7 miliardi di dollari. Non c’è ancora Amazon ma esistono piattaforme somale come Soomar che opera direttamente da Mogadiscio. Soomar accetta il mobile money come forma di pagamento e questo consente di superare la mancanza di carte di credito e bancomat. Secondo un rapporto della Banca mondiale, in Somalia i pagamenti via telefonino hanno superato l’uso della valuta locale e realtà come Soomar sono in grado di consegnare gli acquisti con un tempo medio di tre ore nonostante l’assenza di un indirizzario. [MS]
  • Comore Free

    Dopo focolai ribellione, esercito riprende controllo di...

    COMORE - Un’operazione militare ha messo apparentemente fine ieri a una ribellione a Mutsamudu, capoluogo dell’isola di Anjouan. I militari ha ripreso in particolare il controllo della medina dove da sei giorni aveva trovato rifugio un gruppo di ribelli accusati di aver ucciso tre persone. L’operazione militare si è svolta senza spargimenti di sangue, i ribelli sono riusciti comunque a fuggire. Accusato di aver armato i ribelli, è invece finito agli arresti il governatore di Anjouan, Abdou Salami Abdou. Secondo dichiarazioni del ministero dell’Istruzione, Mahamoud Salim Hafi (che è originario di Anjouan e rappresenta il governo dall’inizio della crisi), il governatore ha negoziato la resa e al momento si trova sotto custodia della gendarmeria. Raggiunto poco prima dell’arresto dall’Afp, il governatore ha negato legami con i ribelli e ha parlato di una montatura. Abdou Salami si era duramente opposto al referendum costituzionale dello scorso 30 luglio, promosso invece dal presidente Azali Assoumani. Le Autorità accusano il partito Juwa, dell’ex capo di Stato Abdallah Sambi (originario di Anjouan) di essere all’origine delle violenze. L’opposizione accusa a sua volta l’attuale presidente Assoumani di comportarsi alla stregua di un dittatore e di aver stravolto la Costituzione per poter restare al potere almeno fino al 2029. [MS]