Kenya

Presentata a Nairobi l’accademia sulle micro-grid promossa da Res4Africa

KENYA – Si propone di diventare un centro di riferimento regionale per la formazione tecnica e professionale specializzata la Micro Grid Academy promossa da Res4Africa presso l’Istituto di studi e ricerca sull’energia di Kenya Power Lighting Company (KPLC) a Nairobi.

Presentata ufficialmente ieri alla presenza dell’ambasciatore d’Italia in Kenya, Mauro Massoni, l’iniziativa è stata sviluppata dai soci di Res4Africa con l’obiettivo di formare localmente tecnici esperti nella progettazione, la gestione e la manutenzione di piccole reti ibride alimentate da fonti rinnovabili.

Il progetto è frutto di un accordo siglato lo scorso maggio tra Res4Africa e KPLC a margine del G7 sull’energia svoltosi a Roma ed è entrato ora nella sua fase operativa: i primi 60 studenti hanno infatti seguito corsi teorici e pratici, oltre a diverse visite a progetti di mini-grid già realizzate, grazie anche al sostegno della onlus Tecnologie Solidali che ha favorito la partecipazione di corsisti da tutto il Kenya, dai vicini Rwanda, Tanzania e Uganda ma anche dall’Italia e dagli Stati Uniti.

L’iniziativa prevede ora la realizzazione di una mini-rete ibrida da 30 o 40 kW, inclusa l’installazione sui tetti delle strutture dell’Istituto di pannelli fotovoltaici per una capacità di generazione da 20 kW, e successivamente la connessione alla rete elettrica nazionale.

A contribuire alla realizzazione della Micro Grid Academy sono stati diversi associati a Res4Africa, che oggi e domani promuove proprio a Nairobi una conferenza sullo stato delle rinnovabili in Kenya.

In particolare, lo studio tecnico BFP di Bari svilupperà in collaborazione con la padovana SAET la progettazione dell’intero sistema; la catanese 3Sun fornirà i pannelli fotovoltaici che saranno montati sui tetti dell’istituto grazie alle strutture offerte dalla società Enertronica di Frosinone, mentre la lombarda Friem fornirà gli inverter per l’intero sistema. Sostegno legale e amministrativo sono invece garantiti dallo studio Bonelli Erede, mentre la Fondazione Enel contribuisce con un supporto economico alla realizzazione dell’intero impianto e alla parte formativa.

“E’ un sistema pensato proprio per gli studenti – ha detto il professore dell’Università Sapienza di Roma, Andrea Micangeli – dove loro possono montare e smontare l’impianto ogni giorno in modo da reinstallarlo ogni volta di nuovo e fare così veramente una formazione pratica”.

L’obiettivo è riuscire a formare nel primo anno di attività della neonata Micro Grid Academy tra 300 e 400 nuovi tecnici che lavoreranno per istituzioni e compagnie locali, piccole e medie imprese ma soprattutto anche per progetti comunitari di cooperazione allo sviluppo. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Uganda Free

    Annunciate date per Fruitexpo Africa 2022

    UGANDA - Si svolgerà dal 28 al 30 gennaio prossimi a Kampala l'edizione 2022 di Fruitexpo Africa, manifestazione fieristica dedicata al settore dell'agribusiness in Uganda.

    A darne notizia sono gli organizzatori, precisando che alla manifestazione è prevista la presenza in qualità di espositori di aziende provenienti da circa 16 Paesi della regione.

    Per maggiori informazioni, è possibile compilare il form disponibile cliccando qui.

  • MozambicoRwanda Free

    Acquistati droni da combattimento per le operazioni...

    RWANDA - Il Rwanda prevede di acquistare almeno una dozzina di droni da combattimento alla Turchia. La notizia è stata data in un recente articolo di Africa Intelligence, secondo il quale il governo intende utilizzare i velivoli senza pilota principalmente nelle operazioni militari che conduce nella provincia mozambicana di Cabo Delgado in alleanza con l’esercito del Mozambico. Secondo le informazioni raccolte dalla testata con sede a Parigi, il Rwanda farebbe parte dei clienti più importanti della Turchia per i droni del tipo di Stm Kargu Kamikaze, Aselsan, Otokar, Havelsan, Bayraktar Tb2 recentemente lanciati sul mercato, a un prezzo compreso tra i due e i dieci milioni di dollari ognuno. I soldati ruandesi sono coinvolti in violenti combattimenti contro i ribelli mozambicani, in particolare nelle foreste della provincia settentrionale del paese dell’Africa australe, dove sono disseminate numerose mine antiuomo e anticarro. L'uso di droni in queste foreste permetterebbe all'esercito ruandese di ridurre le perdite umane e di poter combattere i ribelli senza scontri diretti. Nei primi di settembre, il ministro degli Esteri del Rwanda, Vincent Biruta ha effettuato una visita di lavoro in Turchia per discutere di relazioni diplomatiche, militari e commerciali. [CN]
  • Sud Sudan Free

    Annunciata South Sudan Oil & Power 2022

    SUD SUDAN - La quinta edizione della South Sudan Oil & Power (Ssop) si terrà a Juba i prossimi 5 e 6 luglio 2022; lo ha annunciato la piattaforma di investimenti Energy capital and power (Ecp), che co-organizzerà l’evento, in un comunicato stampa. “Costruita sullo sfondo di conferenze sull’energia di successo tenutesi nel Paese negli ultimi cinque anni, Ssop 2022 rappresenta la piattaforma ideale per il networking e le partnership nell’energia e nei settori correlati” si legge nel comunicato, che specifica che l’iniziativa è uno “slancio per accelerare gli investimenti e lo sviluppo in Sud Sudan”. “Ssop ha il supporto di importanti aziende energetiche e leader in tutta la regione, che saranno una forza trainante del continuo successo dell’evento. SSOP 2022 sarà il più grande e migliore evento energetico in Sud Sudan nel 2022 e siamo entusiasti di far parte della trasformazione multisettoriale del paese” ha affermato Kelly-Ann Mealia, presidente di Ecp. Per approfondire, clicca qui. [ASB]
  • Etiopia Free

    Moody’s taglia il rating del credito sovrano

    ETIOPIA - Moody’s ha tagliato il rating del credito sovrano dell’Etiopia per la seconda volta da maggio. Secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg, il taglio è legato a un ritardo nella ristrutturazione del debito pianificata della nazione e all’escalation della guerra civile. La società ha abbassato il rating a un livello Caa2, è riportato in una nota di Moody’s e l’outlook è, complessivamente negativo. “Le prospettive negative riflettono l’accresciuta incertezza riguardo ai rischi politici” e il ritardo nella risoluzione del debito, ha affermato Moody’s nella nota. “Moody’s – conclude la dichiarazione – si aspetta che la decisione del comitato dei creditori su quale trattamento del debito applicare richieda del tempo, durante il quale l’Etiopia non avrà accesso a finanziamenti esterni ufficiali e basati sul mercato”. [EC]
  • Tanzania Free

    Piani per investire in nuovi settori turistici

    TANZANIA - Sei miliardi di dollari: questi i ricavi dal turismo che la Tanzania mira a raccogliere nei prossimi quattro anni. È quanto affermato dal ministro delle Risorse naturali e del Turismo, Damas Ndumbaro, durante un incontro con i delegati dell’European Union Business Group (Eupg) incentrato sul futuro turistico del paese dell’Africa orientale e mirato a riunire gli investitori dell’industria con funzionari del governo tanzaniano. “Miriamo a registrare almeno cinque milioni di arrivi di turisti internazionali entro il 2025 e questo può essere realizzato solo attraverso la diversificazione dei prodotti turistici”, ha affermato Ndumbaro, invitando gli investitori a considerare iniziative ad alto potenziale in altri settori del turismo ancora inesplorate, come i viaggi da crociera di lusso o il turismo balneare al di fuori delle isole di Zanzibar. Con una costa che si estende per oltre 1400 chilometri, senza contare il vasto numero di isole e isolotti che compongono il suo territorio all’interno delle acque dell'Oceano Indiano, la Tanzania potrebbe trarre vantaggio dall’istituzione di una rotta di crociera lungo il suo littorale, ha osservato in particolare il ministro. Prima dell’epidemia di covid-19, la Tanzania registrava un aumento costante del traffico turistico di 1,5 milioni di arrivi all’anno, prima di subire, dal 2019 in poi, un crollo massiccio. [CN]
  • Gibuti Free

    Djibouti Telecom costruirà stazione per cavi...

    GIBUTI - Negli ultimi dieci anni, Djibouti Telecom ha collegato il Paese a otto sistemi sottomarini in fibra ottica: la società pubblica – secondo la stampa nazionale – ha ora annunciato un nuovo investimento per sviluppare ulteriormente la connettività del Paese. Entro il 2022 Gibuti ospiterà infatti una nuova infrastruttura di telecomunicazioni, frutto di investimenti pubblici e privati. Lo storico operatore delle telecomunicazioni, ha informato i media dell’inizio dei lavori di costruzione di una nuova stazione di posizionamento per cavi sottomarini in fibra ottica a Gibuti City. “L’edificio sarà un porto digitale neutrale che fornirà un servizio di atterraggio via cavo ad accesso aperto agli operatori di cavi sottomarini. Sarà distribuito su tre piani: ogni piano con una sala apparecchiature di 250 metri quadrati progettata con le ultime tecnologie che offrono un’efficienza operativa e una sicurezza senza pari per ospitare più cavi ” ha spiegato Djibouti Telecom. La sua costruzione sarà completata nell’aprile 2022. [GT]