Kenya

Presentata a Nairobi l’accademia sulle micro-grid promossa da Res4Africa

KENYA – Si propone di diventare un centro di riferimento regionale per la formazione tecnica e professionale specializzata la Micro Grid Academy promossa da Res4Africa presso l’Istituto di studi e ricerca sull’energia di Kenya Power Lighting Company (KPLC) a Nairobi.

Presentata ufficialmente ieri alla presenza dell’ambasciatore d’Italia in Kenya, Mauro Massoni, l’iniziativa è stata sviluppata dai soci di Res4Africa con l’obiettivo di formare localmente tecnici esperti nella progettazione, la gestione e la manutenzione di piccole reti ibride alimentate da fonti rinnovabili.

Il progetto è frutto di un accordo siglato lo scorso maggio tra Res4Africa e KPLC a margine del G7 sull’energia svoltosi a Roma ed è entrato ora nella sua fase operativa: i primi 60 studenti hanno infatti seguito corsi teorici e pratici, oltre a diverse visite a progetti di mini-grid già realizzate, grazie anche al sostegno della onlus Tecnologie Solidali che ha favorito la partecipazione di corsisti da tutto il Kenya, dai vicini Rwanda, Tanzania e Uganda ma anche dall’Italia e dagli Stati Uniti.

L’iniziativa prevede ora la realizzazione di una mini-rete ibrida da 30 o 40 kW, inclusa l’installazione sui tetti delle strutture dell’Istituto di pannelli fotovoltaici per una capacità di generazione da 20 kW, e successivamente la connessione alla rete elettrica nazionale.

A contribuire alla realizzazione della Micro Grid Academy sono stati diversi associati a Res4Africa, che oggi e domani promuove proprio a Nairobi una conferenza sullo stato delle rinnovabili in Kenya.

In particolare, lo studio tecnico BFP di Bari svilupperà in collaborazione con la padovana SAET la progettazione dell’intero sistema; la catanese 3Sun fornirà i pannelli fotovoltaici che saranno montati sui tetti dell’istituto grazie alle strutture offerte dalla società Enertronica di Frosinone, mentre la lombarda Friem fornirà gli inverter per l’intero sistema. Sostegno legale e amministrativo sono invece garantiti dallo studio Bonelli Erede, mentre la Fondazione Enel contribuisce con un supporto economico alla realizzazione dell’intero impianto e alla parte formativa.

“E’ un sistema pensato proprio per gli studenti – ha detto il professore dell’Università Sapienza di Roma, Andrea Micangeli – dove loro possono montare e smontare l’impianto ogni giorno in modo da reinstallarlo ogni volta di nuovo e fare così veramente una formazione pratica”.

L’obiettivo è riuscire a formare nel primo anno di attività della neonata Micro Grid Academy tra 300 e 400 nuovi tecnici che lavoreranno per istituzioni e compagnie locali, piccole e medie imprese ma soprattutto anche per progetti comunitari di cooperazione allo sviluppo. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Somalia Free

    Del Re a colloquio con ministra Salute: prioritaria l...

    SOMALIA - “In questo momento c’è in Europa grande sensibilità verso l’Africa e volontà di aiutare i Paesi più fragili in questa fase delicata della pandemia. Da parte italiana, rimane prioritaria l’attenzione della Cooperazione per accompagnare lo sviluppo del continente e in particolare verso la Somalia, a cui ci unisce un forte legame politico e umano”. E’ questo un passaggio di quanto detto dalla vice ministra degli Esteri italiana Emanuela Del Re in un colloquio telefonico con la ministra della Salute somala Fawziya Abikar Nur. La ministra Fawziya si è fatta portavoce dei ringraziamenti del governo somalo per l’operazione umanitaria in corso, cominciata il 5 luglio, con il primo di tre voli Brindisi-Mogadiscio che trasporteranno un totale di 42 tonnellate di aiuti, tra cui materiale sanitario per la risposta al covid-19.  L’operazione si inserisce nel meccanismo denominato “ponte aereo umanitario” istituito dalla Commissione Europea, per il trasporto di materiale umanitario da e verso i Paesi più vulnerabili, i cui collegamenti sono resi difficoltosi a causa della pandemia. Per i voli diretti in Somalia, l’Italia agisce da “sponsor State”, svolgendo un ruolo di coordinamento, di consolidamento del carico, di facilitazione delle procedure. Il primo volo ha portato un carico di 15 tonnellate, costituito interamente da materiale di provenienza italiana. Il secondo volo parte oggi da Brindisi, con un carico di beni messi a disposizione da Unicef, Unops, Ungsc; il terzo volo porterà ulteriore materiale italiano e dell’Oms.
  • Comore Free

    A Ntsudjini opposizione in trincea e polizia di guardia

    COMORE - Si respira tensione ormai da diversi giorni a Ntsudjini, città delle Comore, situata a sud-est della capitale e nei giorni scorsi luogo di ritrovo dell’opposizione. Proprio a Ntsudjini, in concomitanza con le celebrazioni ufficiali per i 45 anni dell’indipendenza, l’opposizione aveva deciso di organizzare una manifestazione, sfidando il divieto imposto dalle autorità.  La polizia nazionale, secondo varie fonti, ha circondato la città ed è intervenuta sostenendo di voler sedare degli scontri.  Cosa stia succedendo non è chiaro, la polizia ha riferito di una quindicina di individui armati di machete e bottiglie incendiarie. Sullo sfondo una situazione politica che resta incerta. [MS]
  • Tanzania Free

    Al via lavori per un porto sul lago Tanganica

    TANZANIA - Sono cominciati i lavori per le fondamenta di un nuovo porto sul lago Tanganica a Kabwe, nella regione di Rukwa.

    A darne notizia è stato l’ufficio del primo ministro tanzaniano Kassim Majaliwa, che ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione dei lavori.

    Secondo quel che viene riportato dai media che ne danno notizia, i lavori hanno un costo stimato pari a circa 20 milioni di dollari e una durata prevista di 24 mesi.

    L’infrastruttura prevede la costruzione di un molo passeggeri e uno riservato per il traffico merci, favorendo in questo modo favorirà il commercio tra Tanzania e i tre Paesi affacciati sul lago Tanganica, vale a dire Burundi, Repubblica democratica del Congo e Zambia. [MV]

  • Rwanda Free

    Fondi per sviluppare competenze professionali in ambito...

    RWANDA - Due distinti accordi sono stati siglati dal governo di Kigali con la Banca mondiale e l’Unione europea per promuovere lo sviluppo di competenze professionali in ambito lavorativo in Rwanda.

    A darne notizia è stato il ministero delle Finanze e della pianificazione economica ruandese, precisando che l’accordo con la Banca mondiale ha un valore pari a 150 milioni di dollari mentre quello con l’UE vale 10 milioni di euro.

    Secondo quel che viene reso noto, l’accordo con la Banca mondiale è destinato a promuovere l’istruzione tecnica e professionale, nonché ad altri programmi di istruzione superiore necessari per sviluppare il mercato del lavoro e lo sviluppo sociale ed economico del Paese.

    L’intesa con l’UE rientra invece nell’ambito del pacchetto di sostegno da 460 milioni di euro al Rwanda valido per il periodo che va fino alla fine del 2020 ed è destinato a supportare lo sviluppo del settore privato ruandese per la creazione di nuovi posti di lavoro.

    I due progetti dovrebbero contribuire all'obiettivo del governo di creare 1,5 milioni di posti di lavoro dignitosi entro il 2024, stabilendo una solida base per le competenze necessarie nel settore produttivo e dotando i giovani di rilevanti competenze pratiche e tecniche per aumentare le loro competenze professionali. [MV]

  • Sud Sudan Free

    Oro e gomma per rilanciare l'economia

    SUD SUDAN - Il petrolio non basta più, serve un “Piano B”, che faccia leva sulle risorse minerali e naturali, per rilanciare l'economia sud-sudanese: lo ha affermato Gamal Abdalla Wani, il governatore della Banca centrale di Juba, secondo il quale, con il crollo del prezzo del petrolio dovuto alla pandemia di coronavirus, le casse rischiano di rimanere vuote. Il petrolio è la principale voce dell'export sudsudanese. Nel 2013, prima dello scoppio della guerra civile, il Paese ne produceva 350.000 barili. Nel febbraio di quest'anno, il ministero del Petrolio ha dichiarato che, quest'anno, la produzione non avrebbe superato i 200.000 barili al giorno. La pandemia ha portato a un calo dei consumi e a un crollo dei prezzi. Secondo il governatore, nei prossimi mesi l'economia del Paese ne risentirà in modo significativo. Da qui la necessità di trovare, al più presto nuove entrate per sostenere un bilancio pubblico in difficoltà. Ma come? Il governatore si è detto disposto a varare un piano di acquisto e di raffinazione dell'oro. Ma ha suggerito anche un aumento della produzione di gomma arabica - che si estrae dagli alberi di acacia e viene utilizzata in molte bevande gassate. Basterà? Al momento l'istituto centrale ha iniziato a stanziare fondi per sostenere i due settori, nella speranza che l'economia mondiale riprenda la sua corsa. [EC]
  • Sudan Free

    Un solar lab per testare tecnologie fotovoltaiche

    SUDAN - Uno speciale laboratorio per testare e certificare servizi per tecnologie a energia solare è stato aperto a Khartoum. Il laboratorio, denominato ‘Solar Lab’ è stato creato nell’ambito di una collaborazione tra il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (Undp) e la Sudanese Standards and Metrology Organization (Ssmo).  La funzione principale del laboratorio è garantire la qualità e la longevità dei sistemi solari importati e supportare la rivoluzione solare del Sudan, ha riferito in una nota l’Undp. I test del laboratorio garantiranno la qualità, l’autenticità e l’affidabilità di prodotti destinati a fornire energia rinnovabile agli utenti sudanesi per almeno 20 anni.  Il laboratorio testerà fra i 20 e i 30 pannelli solari, sistemi, pompe idrauliche al giorno. [MS]