Kenya

Presentata a Nairobi l’accademia sulle micro-grid promossa da Res4Africa

KENYA – Si propone di diventare un centro di riferimento regionale per la formazione tecnica e professionale specializzata la Micro Grid Academy promossa da Res4Africa presso l’Istituto di studi e ricerca sull’energia di Kenya Power Lighting Company (KPLC) a Nairobi.

Presentata ufficialmente ieri alla presenza dell’ambasciatore d’Italia in Kenya, Mauro Massoni, l’iniziativa è stata sviluppata dai soci di Res4Africa con l’obiettivo di formare localmente tecnici esperti nella progettazione, la gestione e la manutenzione di piccole reti ibride alimentate da fonti rinnovabili.

Il progetto è frutto di un accordo siglato lo scorso maggio tra Res4Africa e KPLC a margine del G7 sull’energia svoltosi a Roma ed è entrato ora nella sua fase operativa: i primi 60 studenti hanno infatti seguito corsi teorici e pratici, oltre a diverse visite a progetti di mini-grid già realizzate, grazie anche al sostegno della onlus Tecnologie Solidali che ha favorito la partecipazione di corsisti da tutto il Kenya, dai vicini Rwanda, Tanzania e Uganda ma anche dall’Italia e dagli Stati Uniti.

L’iniziativa prevede ora la realizzazione di una mini-rete ibrida da 30 o 40 kW, inclusa l’installazione sui tetti delle strutture dell’Istituto di pannelli fotovoltaici per una capacità di generazione da 20 kW, e successivamente la connessione alla rete elettrica nazionale.

A contribuire alla realizzazione della Micro Grid Academy sono stati diversi associati a Res4Africa, che oggi e domani promuove proprio a Nairobi una conferenza sullo stato delle rinnovabili in Kenya.

In particolare, lo studio tecnico BFP di Bari svilupperà in collaborazione con la padovana SAET la progettazione dell’intero sistema; la catanese 3Sun fornirà i pannelli fotovoltaici che saranno montati sui tetti dell’istituto grazie alle strutture offerte dalla società Enertronica di Frosinone, mentre la lombarda Friem fornirà gli inverter per l’intero sistema. Sostegno legale e amministrativo sono invece garantiti dallo studio Bonelli Erede, mentre la Fondazione Enel contribuisce con un supporto economico alla realizzazione dell’intero impianto e alla parte formativa.

“E’ un sistema pensato proprio per gli studenti – ha detto il professore dell’Università Sapienza di Roma, Andrea Micangeli – dove loro possono montare e smontare l’impianto ogni giorno in modo da reinstallarlo ogni volta di nuovo e fare così veramente una formazione pratica”.

L’obiettivo è riuscire a formare nel primo anno di attività della neonata Micro Grid Academy tra 300 e 400 nuovi tecnici che lavoreranno per istituzioni e compagnie locali, piccole e medie imprese ma soprattutto anche per progetti comunitari di cooperazione allo sviluppo. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Uganda Free

    Benservito ad azienda indiana incaricata di progetto...

    UGANDA - Dovevano essere completati nel 2017, invece i lavori di costruzione del progetto idrico Kahengye, nel distretto occidentale di Rukungiri, sono ancora in fase di stallo. Questo è il motivo principale alla base della decisione del ministero dell’Acqua dell’Uganda di autorizzare la compagnia statale National Water and Sewerage Corporation (Nswc) a rilevare l’indiana Technofab Engineering Ltd nell’incarico da 12 milioni di dollari, affidatole nel luglio 2016 dal capo di Stato Yoweri Museveni, per completare il progetto in tempo. "Siamo veramente delusi per questo ritardo inaccettabile in un progetto che dovrebbe fornire acqua alla popolazione di Rukungiri", si è rammaricato l'amministratore delegato della Nswc, Silver Mugisha. Il progetto idrico Kahengye è stato cofinanziato dalla Banca Mondiale e dal governo ugandese per fornire acqua potabile nelle sotto-contee di Kebisoni e Buyanja, nelle municipalità di Rukungiri, Bugangari e Nyakagyeme, tutte nel distretto di Rukungiri e in alcune parti del distretto di Ntungamo. Secondo la Nswc, il progetto dovrebbe produrre 9,6 milioni di litri di acqua al giorno per risolvere i problemi idrici della regione, dove vengono prodotti attualmente solo 600.000 litri d'acqua al giorno, di fronte a un fabbisogno locale di 3 milioni di litri. [CN]
  • Rwanda Free

    Al via i lavori per il progetto idrico Nyagatare con un...

    RWANDA - Un prestito di 147,5 milioni di dollari è stato concesso dalla Banca africana di sviluppo (AfDB) al governo del Rwanda per l’attuazione del progetto idrico multifunzionale Nyagatare nel distretto di Nyagatare, nel Nordest del paese. Il prestito, approvato dal parlamento ruandese, servirà a finanziare l'iniziativa di sviluppo integrato sull'uso dell'acqua del fiume Muvumba, che dovrebbe fornire fino a 24.000 metri cubi di acqua al giorno. "Lo scopo dell'iniziativa è utilizzare Muvumba per fornire acqua ai residenti per soddisfare le esigenze domestiche, l'allevamento del bestiame, l'irrigazione delle colture per aumentare la produzione alimentare, nonché la generazione di energia", ha dichiarato davanti ai membri del parlamento il ministro delle Finanze e della Pianificazione economica, Uzziel Ndagijimana, aggiungendo che l'iniziativa è in linea con l'agenda di sviluppo governativo Vision 2050 e la prima fase della strategia nazionale per la trasformazione (Nst 1) che si estende dal 2017 al 2024.  Il progetto, che prevede la costruzione di una diga alta 30,5 metri, in grado di contenere 35 milioni di metri cubi di acqua, dovrebbe fornire acqua pulita a circa 300.000 persone e garantire l'irrigazione di 7380 ettari di aree agricole distribuite tra i settori di Tabagwe, Gatunda, Karama, Rukomo, Nyagatare, Rwempasha, Musheri e Rwimiyaga, in una regione del paese, quella orientale, esposta ai rischi di siccità. I lavori includono anche una centrale elettrica che dovrebbe generare 740 kW di elettricità. [CN]
  • Kenya Free

    Agricoltori citano in giudizio lo Stato su accordo...

    KENYA - Un mercato aperto con tariffe fortemente sovvenzionate per i prodotti agricoli dal Regno Unito: questo il motivo avanzato dagli agricoltori del Kenya, che hanno citato in giudizio lo Stato all’Alta Corte della capitale Nairobi nel tentativo di fermare l’accordo di libero scambio firmato a dicembre tra il Kenya e il Regno Unito che stabilisce tra le altre clausole l’esenzione dai dazi per alcuni prodotti in provenienza dal paese europeo. "L'accordo indica un mercato aperto con tariffe fortemente sovvenzionate per i prodotti agricoli del Regno Unito come pollo, maiali e mais che hanno il pericoloso potenziale di distruggere la produzione locale di questi stessi prodotti", hanno detto gli agricoltori in una dichiarazione, radunati sotto la bandiera del Kenya Small Scale Farmer Forum (Kssf), sostenendo peraltro che il processo di ratifica dell'accordo è viziato in quanto prima che il documento fosse proposto in parlamento la scorsa settimana, non è stato sottoposto alla partecipazione del pubblico né a “una valutazione del suo impatto normativo ed economico, come richiesto dalla legge sulla ratifica dei Trattati”. "L'accordo mette in discussione anche le normative sulla pesca che garantiranno l'accesso alle acque del Kenya da parte dei pescherecci britannici su larga scala”, proseguono gli agricoltori keniani, denunciando gli squilibri e scambi sleali stabiliti nell’accordo commerciale firmato a dicembre. [CN]  
  • Rwanda Free

    Motozappe per contribuire a meccanizzare agricoltura

    RWANDA - Un appello agli operatori del settore privato a importare più motozappe allo scopo di facilitare la coltivazione dei terreni agricoli e aiutare a raggiungere gli obiettivi di meccanizzazione: a lanciarlo è stato il ministero dell'Agricoltura del Rwanda.

    Nella nota si ottolineano gli studi realizzati dal Rwanda Agriculture and Animal Resources Development Board (RAB), secondo i quali considerando il terreno collinare del Paese ad aumentare il livello di meccanizzazione nel Paese saranno appunto le motozappe, pur sottolineando che sarà il settore privato a guidare la spinta.

    I dati mostrano infatti che oltre il 60% dei piccoli agricoltori in Rwanda ha meno di mezzo ettaro, la maggior parte dei quali è su terreni collinari e quindi necessita di tecnologie di meccanizzazione a prezzi accessibili come le motozappe.

    Obiettivo del governo di Kigali è aumentare il tasso di meccanizzazione agricola dal 27% attuale ad almeno il 50% entro il 2024. [MV]

  • Kenya Free

    Fondi europei per Equity Bank

    KENYA - L'Unione Europea e la Banca europea per gli investimenti (BEI) hanno stanziato una cifra pari a 120 milioni di euro a favore di Equity Bank per consentirle aumentare i finanziamenti alle aziende keniane colpite dall'impatto economico causato dall'emergenza sanitaria legata alla pandemia di covid-19.

    A renderlo noto è stata la stessa BEI, precisando che il pacchetto di finanziamenti sosterrà l'accesso ai finanziamenti a condizioni adeguate per le PMI keniane, anche nel settore agricolo, attraverso un prestito di 100 milioni di euro offerto dalla BEI e una sovvenzione di 20 milioni di euro dall'UE.

    In base a quel che viene reso noto, il sostegno rafforzerà ulteriormente la capacità di Equity Bank di valutare, eseguire e monitorare progetti di investimento a più lungo termine nelle catene del valore agricole e sviluppare ulteriormente la fornitura di finanziamenti a lungo termine per l'agricoltura.

    Secondo le informazioni a disposizione, l'agricoltura contribuisce per circa il 51% al PIL del Kenya (26% direttamente e un ulteriore 25% indirettamente), occupando il 60% della forza lavoro e rappresentando il 65% del totale delle esportazioni. [MV]

  • Tanzania Free

    Elettricità per i treni tra Dar es-Salaam e Morogoro

    TANZANIA - La compagnia statale Tanzania Electric Supply Company Limited (Tanesco) produrrà 70 MW di elettricità per alimentare la prima fase della ferrovia a scartamento standard (Sgr) in Tanzania. Lo ha annunciato il ministro dell'Energia, Medard Kalemani, che ha precisato che la costruzione delle linee elettriche tra Kinyerezi, nella regione di Dar es Salaam, e Kingorwira, a Morogoro, è ora completata. “Abbiamo investito 30,7 milioni di dollari nella realizzazione dell'infrastruttura elettrica necessaria per la prima fase della Sgr. Il progetto è realizzato al 100%”, ha assicurato il ministro, precisando che i 70MW saranno immediatamente utilizzati nella Sgr dalla Tanzania Railways Corporation (Trc) per i suoi treni alimentati da elettricità. Kalemani ha peraltro dissipato i timori sul funzionamento dei treni Sgr in caso di interruzione di corrente, affermando che le locomotive importate saranno dotate di sistemi di risparmio energetico integrati per mantenerle cariche per non meno di un'ora: "In primo luogo, le interruzioni di corrente saranno ridotte, ma in secondo luogo, le locomotive funzioneranno in modo tale da essere in grado di mantenersi alimentate per un'ora o due dal momento in cui si verifica un'interruzione di corrente", ha garantito il ministro. [CN]