Africa

Agricoltura, popolazioni rurali al centro dell’azione dell’Ifad

Investire nella creazione di condizioni di vita sostenibili nelle aree rurali per garantire pace, consolidamento istituzionale e stabilità sociale nel mondo: partono da qui le riflessioni e i panel d’esperti che si confronteranno nella 41esima sessione del Consiglio dei Governatori del Fondo Internazionale per lo sviluppo agricolo (Ifad), oggi e domani a Roma, alla presenza di capi di Stato e personalità internazionali di spicco.

Ad aprire la due-giorni sarà Sheikh Hasina, primo ministro del Bangladesh, al cui discorso seguirà un video-intervento di Antonio Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite. Tra gli altri interventi, è previsto anche quello del ministro dell’Agricoltura, dei beni forestali e della sicurezza alimentare della Sierra Leone, che analizzerà come situazioni di fragilità, compresa l’instabilità economica, possano causare migrazioni e conflitti, portando a un ulteriore aumento di fame e povertà.

Olusegun Obasanjo, ex presidente della Nigeria, e Ibrahim Assane Mayaki, amministratore delegato dell’agenzia del Nuovo Partenariato per lo sviluppo dell’Africa (Nepad), condivideranno le loro opinioni sulle opportunità e le sfide che si presentano a chi si occupa di riduzione della povertà rurale.

Secondo quel che viene reso noto, i 176 Paesi membri del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (Ifad) riuniti a Roma hanno intanto annunciato il loro sostegno a un programma di prestiti e donazioni per 3,5 miliardi di dollari con “l’obiettivo di migliorare le condizioni di decine di milioni di abitanti delle zone rurali nei paesi in via di sviluppo”.

La decisione, annunciata durante le consultazioni finali dell’undicesima ricostruzione delle risorse Ifad alla vigilia del Consiglio dei Governatori che comincia oggi, permetterà al Fondo di ampliare il programma di prestiti e donazioni del 10% e contemporaneamente di implementare gli interventi sul campo per il periodo che va dal 2019 al 2021. 

Secondo le stime Ifad, durante tale triennio i progetti e i programmi sostenuti dal Fondo permetteranno a 47 milioni di piccoli agricoltori di accrescere la loro capacita’ produttiva rendendo per loro più agevole l’accesso alle tecnologie, ai servizi finanziari inclusivi e alla conoscenza. Quarantasei milioni di persone godranno, grazie a tali programmi e progetti, di un’entrata facilitata sui mercati. Inoltre, 24 milioni di persone saranno messe in condizione di sviluppare una maggiore resilienza ai cambiamenti climatici e ai fenomeni atmosferici estremi, in 12 milioni miglioreranno le loro condizioni di alimentazione e 44 milioni di persone miglioreranno il loro status economico.

“Per raggiungere tali obiettivi, l’Ifad intensificherà il suo lavoro nei settori relativi ai cambiamenti climatici, all’alimentazione e alla parità di genere, aree centrali che saranno parte integrante di tutti i nostri interventi”, ha detto il presidente dell’Ifad Gilbert F. Houngbo che ha inoltre aggiunto: “Focalizzeremo la nostra attenzione anche sull’occupazione giovanile in modo da fronteggiare una delle più grandi sfide mondiali”. 

Il presidente dell’Ifad Houngbo ha poi sottolineato come l’impegno degli Stati membri arrivi in un momento cruciale: secondo le stime rese note lo scorso settembre, per la prima volta negli ultimi dieci anni il numero di quanti soffrono la fame e’ in aumento. Nel 2016 è infatti cresciuto di ben 38 milioni rispetto all’anno precedente. E il fatto che 815 milioni di persone soffrano la fame è da attribuirsi principalmente ai conflitti e ai cambiamenti climatici. 

Secondo Houngbo, poiché i leader mondiali si sono posti come obiettivo quello di sradicare la fame nel mondo e la povertà per il 2030, oggi più che mai è importante aumentare gli sforzi e gli investimenti a supporto di uno sviluppo di lungo termine. “Siamo convinti che l’Ifad abbia un ruolo unico nel condividere le proprie conoscenze e competenze – ha spiegato – non solo come investitore ma anche come intermediario fidato, soggetto che raccoglie i finanziamenti allo sviluppo e innovatore di lungo corso”. 
   
Houngbo ha sottolineato che gli Stati membri impegnati nell’ambito dell’assistenza ufficiale allo sviluppo (ODA) restano la base finanziaria dell’IFAD e che per ogni dollaro investito il Fondo mobilizza di gran lunga di più in cofinanziamento, generando un impatto anche più importante. Ciò nonostante, ha aggiunto, il ritmo di sviluppo attuale potrebbe non essere sufficiente per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile. [InfoAfrica/AGI]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • AfricaEtiopia Free

    A febbraio ad Addis Abeba forum sul settore sanitario

    AFRICA - Si terrà ad Addis Abeba in Etiopia il prossimo 12 febbraio la prima edizione di ‘Africa Business: Healh Forum’, un evento che si propone di rafforzare la cooperazione tra settore pubblico e privato in ambito sanitario in Africa. A segnalarlo sono i promotori dell’iniziativa tra cui spiccano la Fondazione Aliko Dangote, la coalizione GBCHealth e la Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Africa (UNECA). Obiettivo dell’evento è in particolare aumentare la partecipazione del settore privato allo scopo di migliorare la fornitura di servizi sanitari nel continente. Allo stato attuale non sono disponibili maggiori informazioni sull’evento, ma è possibile segnalare il proprio interesse registrandosi qui.
  • Africa Free

    Riforme dell'UA, adottati una serie di provvedimenti

    AFRICA – L’adozione di riforme chiave hanno segnato la conclusione dell’XI Vertice straordinario dell’Unione Africana (UA) ad Addis Abeba, svoltosi questo fine settimana nella capitale sede dell’organizzazione continentale. I dirigenti africani riflettono dal 2016 alla maniera di rendere l’istituzione più efficiente, più attiva, e di migliorarne l’influenza nella scacchiera mondiale. Il presidente ruandese Paul Kagame, attuale presidente di turno dell’UA, è stato incaricato di stilare un progetto di ristrutturazione che sta cercando di fare adottare prima della fine del suo mandato alla presidenza, che scadrà a gennaio. Il progetto elaborato è stato discusso e dibattuto, fino all’adozione di alcune proposte, mentre altre sono state respinte o modificate. Da questo vertice di novembre, sono state prese decisioni che cambieranno la struttura e il funzionamento del corpo istituzionale: cambia la maniera di selezionare i dirigenti dell’organizzazione, che saranno scelti in base alle competenze reali e ad un processo di selezione, piuttosto che ad incastri politico-diplomatici. La Commissione dell’UA, organo esecutivo, passerà da 10 a 8 membri, per diventare più snella e più indipendente. Il presidente della Commissione sarà ancora eletto dai capi di Stato, ma i commissari saranno eletti dai ministri degli Esteri. Verranno rafforzate le sanzioni contro gli Stati membri che non versano le quote dovute, a partire da subito. Tale provvedimento ha come scopo la riduzione della dipendenza dai donatori esterni, che contribuiscono per oltre la metà del budget continentale. I leader africani hanno anche adottato la creazione di un fondo per la promozione di pace e sicurezza (vedi qui) da 100 milioni di dollari, finanziato al 60% dagli stessi Stati africani. La nuova squadra dirigente, eletta in base alle nuove procedure, entrerà in carica nel 2021. [CC]
  • Africa Free

    Un fondo Ua per promozione pace e sicurezza

    AFRICA - Un fondo per la promozione di pace e sicurezza è stato creato dall’Unione Africana. Del fondo, per un ammontare di 100 milioni di dollari, ha parlato il presidente di turno della massima istituzione continentale, il capo di Stato ruandese Paul Kagame, in apertura dell’11° Vertice straordinario dell’Ua ad Addis Abeba. Secondo lo stesso Kagame, il fondo è stato finanziato al 60% dagli stessi Stati africani; ad aver contribuito sono state finora 42 nazioni, Kagame ha invitato le ultime 12 ad accelerare i tempi per il loro contributo. Nel corso della cerimonia di apertura del vertice, il presidente della Commissione Ua, Moussa Faki Mahamat, ha detto che il fondo sarà monitorato da una speciale commissione di cui faranno parte cinque personalità africane e rappresentanti dell’Unione Europea e delle Nazioni Unite. [MS]
  • Africa Free

    Unesco e Huawei insieme per la formazione alle Ict

    AFRICA – L’Unesco – Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura - ha firmato con la compagnia cinese Huawei un accordo di partenariato per un programma di certificazione tecnologica per studenti in Africa. L’iniziativa, che si farà in collaborazione con diversi atenei africani, si è concretizzata a Cape Town durante la prima giornata del Salone delle telecomunicazioni AfricaCom18. “I giovani talenti dell’Africa sub-sahariana hanno il potenziale per diventare esperti di calibro mondiale. Rafforzando la cooperazione industria-università, noi, in qualità di società informatica internazionale, speriamo di portare il nostro contributo alla realizzazione degli obiettivi per lo sviluppo del continente” ha sottolineato Michael Meng, direttore dei servizi presso la Huawei Enterprise Business Group, per la regione Africa Australe. L’iniziativa si chiama “ICT Talent Ecosystem Program for Sub-Sahara Africa” ed è uno dei numerosi programmi di certificazione formativa che il colosso cinese sta diffondendo in vari Paesi africani. [CC]
  • Africa Free

    Due città su tre in Africa minacciate dagli effetti...

    AFRICA - Due terzi delle città africane potrebbero essere minacciate da qui al 2035 dagli effetti dei cambiamenti climatici. A sostenerlo è uno studio della società di consulenza britannica Verisk Maplecroft, secondo il quale il rischio è ritenuto elevato e l’Africa è semplicemente il continente più minacciato dagli effetti dei cambiamenti climatici globali. Per valutare la capacità di resilienza delle città agli choc climatici, il rapporto ha esaminato due fattori principali: le proiezioni demografiche e i dati economici. I risultati farebbero emergere che gli agglomerati urbani africani sembrano essere i più vulnerabili: Secondo le Nazioni Unite, infatti, 86 delle 120 città in più rapida crescita nel mondo si trovano nel continente; tuttavia, queste aree molto densamente popolate stanno già vivendo grandi difficoltà nella fornitura di acqua potabile o a causa di inondazioni violente. Il riscaldamento globale esacerberebbe ulteriormente queste tensioni, creando al contempo un circolo vizioso, poiché allo stesso tempo ridurrebbe la crescita economica dell'Africa, impedendole di costruire nuove infrastrutture per proteggersi meglio e aumentare la resilienza. In totale, otto città africane sono tra le dieci più a rischio al mondo: tra queste in particolare Abuja, Addis Abeba, Dar es Salaam, Lagos, Luanda, Kampala e Kinshasa. [MV]
  • Africa Free

    Verso vertice Ua di Addis, Kagame proverà a far...

    AFRICA - E’ in programma il 17 e il 18 novembre ad Addis Abeba un vertice di capi di Stato e di governo dell’Unione Africana per discutere di un progetto di riforma della stessa istituzione. A spingere per una riforma è da due anni il presidente ruandese Paul Kagame, attuale presidente di turno dell’UA, secondo cui è necessario svecchiare e rendere meno burocratica la massima istituzione continentale. Oltre alle riforme, i dirigenti africani discuteranno del processo di integrazione nel quadro della zona di libero scambio continentale; ma anche di promozione della pace e sicurezza regionale. Delle riforme ha fatto quasi un punto d’onore lo stesso Kagame a cui restano poco più di due mesi prima di cedere la presidenza di turno all’egiziano al-Sisi, secondo diversi analisti meno sensibile ai temi della riforma. La riforma a cui ha lavorato Kagame prevede che l’Unione Africana circoscriva le sue priorità ad alcuni temi di fondo: sicurezza, politica e integrazione economica. [MS]