Senegal

Foo Jem, così la Cooperazione Italiana parla ai giovani del Senegal

SENEGAL – Con la kefiah oppure in video con immagini di proteste e dimostrazioni, in ogni caso dando voce con le sue canzoni alle esigenze, ai sogni, alla rabbia dei giovani del suo Paese. Matador, nome d’arte di Babacar Diagne, è una delle figure più importanti del panorama musicale hip hop del Senegal, e dal 2005 ha deciso di avviare un progetto a Pikine, popoloso sobborgo di Dakar, per offrire uno spazio di formazione, di musica, di progettualità per i giovani.

Dal 2005, il centro di Africulturban – questo il nome dell’associazione sostenuta da Matador di cui dà notizia oggi Oltremare, il nuovo blog magazine dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – ha visto passare centinaia di ragazze e ragazzi: “L’idea iniziale – racconta il rapper incontrato nel suo ufficio di Pikine a margine di una iniziativa organizzata a Dakar dalla Cooperazione italiana – era di metter su un centro di aggregazione, un luogo dove si facesse cultura. Poi abbiamo cominciato a organizzare corsi di formazione”.

Entusiasmo e voglia di cambiamento sono stati il carburante iniziale su cui si è retta Africulturban. E i corsi organizzati, soprattutto nella fase di avvio, danno anche l’idea della spontaneità con cui tutto è partito. I corsi erano i più disparati: da quello dedicato ai graffiti, al corso di montaggio video, a sessioni di alfabetizzazione. L’esperienza oggi ha portato a puntare su specializzazioni molto amate dai più giovani come tecnico del suono e cameraman.

Tra Matador e i frequentatori di Africulturban si è instaurata una sorta di accordo: il rapper insegna ad aver fiducia in se stessi, a rispettare le regole, a puntare sulla qualità; in cambio, i ragazzi devono dimostrare di essere regolari, puntuali, di seguire in maniera seria e impegnata i corsi. Il risultato è significativo: centinaia di ragazzi formati, molte esperienze all’estero e una percentuale altissima di giovani che dopo la formazione ha deciso di mettere a frutto quanto appreso restando nel proprio Paese.

Questa linea richiama l’indirizzo seguito dalla Cooperazione italiana in Senegal (uno tra i Paesi prioritari per l’Italia) in seno al programma “Choisir en toute connaissance”, scegliere con consapevolezza, ovvero valutare bene ciò che si lascia e ciò che si trova prima di compiere una scelta. È così che la collaborazione tra Cooperazione italiana e Africulturban ha portato alla realizzazione di pillole radiofoniche che sono state trasmesse per diverse settimane su una delle principali emittenti senegalesi. Il format è molto semplice e diretto con un nome che rinvia subito al centro della questione: “Foo Jem”, cioè “Dove vai?” in lingua wolof, è un programma che racconta le storie di giovani senegalesi che hanno deciso di credere nelle potenzialità del proprio Paese, restandovi, investendo nel loro lavoro e impegnandosi per dimostrare che riuscire in Africa non è un’impresa impossibile.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Costa Avorio Free

    Al via programma sostegno a Pmi

    COSTA D'AVORIO - Il primo ministro ivoriano Patrick Achi ha dato il via ieri al Programma economico per l’innovazione e la trasformazione delle imprese (Pepite), considerato uno dei programmi chiave della strategia “Visione 2030” del presidente della Repubblica, Alassane Ouattara, per il rafforzamento delle catene del valore domestiche. Il programma Pepite mira a sostenere l’imprenditorialità e far emergere le piccolissime, piccole o medie imprese ivoriane e startup ad alto potenziale. L’obiettivo principale del programma è consolidare le catene del valore domestiche dei 15 poli strategici individuati nella “Visione 2030”. A tal fine, il sostegno pubblico consisterà nel rafforzare e razionalizzare gli ecosistemi di business dei settori definiti e nel contribuire a rendere le aziende selezionate leader nei loro segmenti di business. Secondo il comunicato ufficiale, Pepite mira, a medio e lungo termine, al progresso economico attraverso il consolidamento delle catene del valore, al rafforzamento della produttività, al progresso sociale, attraverso un migliore accesso a un’occupazione formale di qualità per i giovani, le donne e gli uomini. Così come punta al progresso ambientale, diffondendo norme per la protezione della natura. Mira inoltre a rafforzare il settore privato, al fine di promuovere la crescita di una classe media. Una volta selezionate, le aziende beneficeranno di un sostegno pubblico su misura per accelerare la loro crescita. Potranno così soddisfare le esigenze del mercato interno per poi conquistare i mercati internazionali e rafforzare la posizione competitiva della Costa d’Avorio. [CC]
  • CamerunNigeria Free

    Cooperazione su produzione di banane

    CAMERUN / NIGERIA - I produttori camerunesi e nigeriani di banane e piantaggine hanno deciso di collaborare per incrementare la produzione di queste colture. Come riferisce la stampa locale, l’accordo è stato raggiunto martedì a Yaounde, capitale del Camerun, dopo che i produttori hanno incontrato il ministro dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale del Paese, Gabriel Mbairobe. “Siamo lieti che oggi gli attori del settore delle banane e della piantaggine stiano iniziando a trovare il modo di trasformare il settore”, ha dichiarato Mbairobe ai giornalisti dopo l’incontro. “La Nigeria è una grande economia africana con un’enorme popolazione e il Camerun, un grande Paese agricolo, può nutrire questa popolazione. Rinnoveremo l’economia locale e aumenteremo l’occupazione”, ha dichiarato da parte sua Albert Agha Ngwana, che ha guidato la delegazione nigeriana. La banana è il terzo prodotto d’esportazione del Camerun, dopo il petrolio e il legno, ma il Paese sta lavorando per far sì che diventi il primo prodotto d’esportazione entro il 2025, ha dichiarato Samuel Tony Obam Bikoue, rappresentante di una cooperativa agroforestale locale, che ha accolto la delegazione nigeriana in Camerun. Il Camerun ha esportato 13.203 tonnellate di banane a luglio, con un aumento di circa il 6% rispetto all’anno precedente, secondo le statistiche pubblicate dall’Associazione banane del Camerun. [VGM]
  • Capo Verde Free

    Primo contratto di concessione per la francese Vinci in...

    CAPO VERDE - Il gruppo francese Vinci ha firmato una concessione di 40 anni per gestire sette aeroporti nell'arcipelago di Capo Verde. Il contratto copre quattro aeroporti internazionali (nella capitale Praia, a Sal, a São Vicente e a Boa Vista) e tre aeroporti nazionali (São Nicolau, São Filipe e Maio). Vinci Airports e la sua controllata portoghese ANA (che possiedono rispettivamente il 70% e il 30% delle quote della società concessionaria) saranno responsabili del finanziamento, della gestione, della manutenzione, dell'ampliamento e del potenziamento degli aeroporti fino al 2063. Si tratta del primo contratto di concessione firmato da Vinci Airports in Africa. Gli accordi finanziari per il progetto dovrebbero essere finalizzati entro la metà del 2023, quando la nuova società di concessione inizierà a gestire gli aeroporti. Il piano di Vinci è aiutare a far crescere il turismo nelle isole e inserire l'energia solare ed eolica negli aeroporti. [CN]
  • Ghana Free

    A settembre Conferenza internazionale petrolio ad Accra

    GHANA - Si terrà ad Accra, in Ghana, dal 28 al 30 settembre, la Conferenza internazionale del petrolio del Ghana (GhipCon), presso il Kempinski Hotel Gold Coast City. Come riferisce la stampa locale, l’evento è organizzato dalla National petroleum authority (Npa) in collaborazione con l’African refiners and distributors association (Arda) sotto gli auspici del ministero dell’Energia e della Ghana chamber of bulk oil distributors (Cbod). La conferenza, intitolata “Energy transition in the african petroleum downstream context: prospects, challenges and the way forward” (La transizione energetica nel contesto del downstream petrolifero africano: Prospettive, sfide e prospettive), vedrà riuniti i leader dell’industria dell’Africa occidentale, gli esperti e i responsabili delle decisioni nel settore del downstream petrolifero. [GT]
  • Togo Free

    Fondi da Ifc a società di gas petrolio liquefatto

    TOGO - L’International finance corporation ha fornito a Zener, una società togolese di gas di petrolio liquefatto, un finanziamento di 16,2 milioni di euro per espandere il suo terminal nel porto di Lomé. L’investimento di 16,2 milioni di euro sostenuto da Ifc a beneficio  del settore del gas di petrolio liquefatto in Togo, comprende un prestito di 8,1 milioni di euro di fondi Ifc in conto proprio e un prestito parallelo di 8,1 milioni di euro attraverso la partecipazione di altri partner dell’Istituto finanziario” ha precisato Ifc in una dichiarazione rilasciata negli scorsi giorni.

    Oltre ad espandere il suo terminale gpl, Zener utilizzerà parte dei fondi per aumentare la disponibilità di bombole di gas per ulteriori 3.600 tonnellate in tutto il Paese e dotare cinque future stazioni di servizio di cambio bombole di gpl, di kit solari.

    In definitiva, l’obiettivo del braccio operativo del settore privato della Banca Mondiale è che il Togo riduca l’uso della biomassa (legna da ardere) come fonte di energia e “aumenti l’accesso al gpl come fonte di energia domestica, in risposta alle preoccupazioni sulla protezione dell’ambiente. In Togo, sottolineiamo che oltre il 90% della popolazione utilizza biomasse – carbone e legna da ardere in particolare – per cucinare”. [GT]

  • GabonTogo Free

    Presto abolizione roaming tra Gabon e Togo

    GABON / TOGO - L’abolizione delle tariffe di roaming tra Gabon e Togo sarà presto effettiva: lo ha annunciato l’Authority delle telecomunicazioni togolese. L’attuazione di questo accordo comporterà una drastica riduzione dei prezzi delle comunicazioni mobili (voce, dati e sms) in roaming, favorendo così la mobilità dei cittadini tra i due Paesi, ha affermato la stessa Authority. In concreto, sarà possibile utilizzare una carta sim togolese in Gabon e viceversa senza pagare le tariffe di roaming che rendono estremamente costose queste comunicazioni. La ricezione delle chiamate sarà gratuita e le chiamate effettuate nel Paese visitato saranno addebitate alle tariffe locali. I due operatori nazionali (Togocom e Moov Africa) sono associati a questa operazione. [MS]