Africa Centrale

Interconnessione in fibra ottica tra il Gabon e il Congo

A CENTRALE – L’Interconnessione in fibra ottica tra la Repubblica del Congo Congo e il Gabon sarà ufficialmente inaugurata il 23 marzo prossimo. L’infrastruttura di telecomunicazioni fa parte del progetto di Central african backbone (CAB), o dorsale in Africa centrale, in corso dal 2015.

(123 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Gabon Free

    Petrolio, al via la produzione sulla licenza Dussafu...

    GABON – E’ cominciata la produzione commerciale di petrolio dal campo offshore di Dussafu-Tortue, nelle acque meridionali del Gabon. Lo ha annunciato l’operatore principale sulla licenza, la BW Offshore (Singapore), che ha impegnato nell’area la sua unità Fpso BW Adolo, capace di estrarre 40.000 barili al giorno. Il campo du Tortue dà un nuovo dinamismo al settore petrolifero gabonese, dove le principali sedi estrattive sono arrivate a maturità. La BW offshore ha investito nel petrolio del Gabon circa un anno e mezzo fa, comprando le quote del precedente operatore, la Harvest Natural Resources. Un’altra, minima, partecipazione nella licenza appartiene alla Panoro Energy, una multinazionale con sedi in Norvegia, in Inghilterra e in Brasile. La licenza è circondata da altri giacimenti già in produzione a nord-ovest (Etame), a nord-est (Lucina), a est (M'Bya) e a sud (Yombo). Il Gabon è attualmente l’ottavo produttore di petrolio in Africa e 37° nel mondo. Questo risultato dimostra un declino della produzione rispetto agli anni precedenti. [CC]
  • Repubblica Congo Free

    Da Niamey a Brazzaville, l’ambasciatore Paula ...

    REP CONGO – Ha terminato il suo mandato in Niger ed è stato nominato in Congo Brazzaville l’ambasciatore dell’Unione Europea Raul Mateus Paula. Il diplomatico portoghese ha presentato le sue credenziali al ministro degli Esteri, della Cooperazione e dei congolesi all’estero del paese africano, Jean-Claude Gakosso, con il quale si è parlato di questioni di cooperazione da considerare prioritarie e di relazioni economiche tra la Repubblica del Congo e l’UE. Intervistato da Infoafrica lo sorso febbraio nel deserto del Ténéré, durante il festival tuareg di Iferouane, Paula aveva espresso autentico apprezzamento per il popolo nigerino e la qualità delle relazioni, lasciando trasparire un vero affetto per questo Paese dove ha lavorato cinque anni. [CC]
  • Africa Centrale Free

    Il finanziamento dell’industrializzazione al centro...

    A CENTRALE  – Inizia oggi a N’Djamena una riunione di dirigenti ed esperti dall’Africa centrale una riunione focalizzata sulla questione del finanziamento dell’industrializzazione dell’Africa. L’appuntamento è patrocinato dalla Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Africa (Uneca), dal governo ciadiano, e si fonde nella 34° sessione del Comitato intergovernativo d’esperti per l’Africa Centrale. L’obiettivo dell’incontro, che durerà tre giorni, è la creazione di una piattaforma di dibattiti e proposte per adottare una strategia armonizzata di erogazione e accettazione di finanziamenti per l’industrializzazione delle economie dell’Africa centrale. Grazie ad un’economia più industrializzata – sottolineano gli esperti – alcuni Paesi della regione, come in Gabon, il Ciad, il Camerun, potrebbero uscire dallo schema di soli ‘Paesi esportatori di materie prime’ e trasformarsi in altri modelli economici più benefici. La precedente sessione del Comitato sull’Africa centrale si era svolta in ottobre 2017 a Douala, in Camerun, dove si era preso l’impegno a stimolare la diversificazione dell’economia della regione grazie all’industrializzazione. [CC]
  • Camerun Free

    Sostegno dall’AfDB per allevamento e produzione...

    CAMERUN - La Banca di sviluppo africana (AfDB) ha concesso un prestito del valore pari a 84 milioni di dollari a favore del Camerun per sostenere il settore dell’allevamento e la produzione ittica nel Paese dell’Africa centrale. A renderlo noto è stata la stessa AfDB, specificando che il prestito servirà per finanziare la modernizzazione delle attività di allevamento di bovini e suini, nonché la produzione di pesce, per migliorare la sicurezza alimentare nazionale. In particolare, il progetto prevede di migliorare gli standard e la competitività delle catene del valore in aree quali il miglioramento genetico, i mangimi, la macellazione, la conservazione e il trasporto. Per la produzione ittica, l'attenzione sarà rivolta invece all’acquacoltura, alla conservazione, lo stoccaggio e la lavorazione. [MV]
  • Repubblica Congo Free

    Pool, in progresso il disarmo degli ex ribelli

    REPUBBLICA DEL CONGO - Nella Repubblica del Congo, è a buon punto l’operazione di disarmo degli ex combattenti nella regione del Pool. Le autorità dicono di aver già raccolto più di 1800 su circa 3.000 armi che si stima circolino ancora nella regione. I guerriglieri, di etnia Laris e Bakongo, lamentavano l’esclusione dall’attività politica che si rifletteva, anche e soprattutto, nell’accesso al lavoro e alla produttività e, per la vocazione sociale della loro missione, si fanno chiamare «Ninja», dal nome delle spie combattenti giapponesi del medioevo che osservavano regole di massima segretezza. Per questi caratteri della loro missione i guerriglieri Ninja del sud congolese, ispirati dal clero protestante Frédéric Bintsamou (detto anche Pastore Ntumi) che li aveva già guidati durante la precedente guerra civile, si sono rafforzati e hanno potuto mettere a segno, a partire dal 2016, una serie di azioni terroristiche di rilievo, facendo saltare i ponti che collegano Brazzaville al porto di Pointe Noire e conducendo numerosi attacchi a convogli commerciali e militari. Il governo ha reagito con forza dando vita ad una repressione feroce e sanguinaria. Il 23 dicembre tra governo e ex leader ribelle Frederic Bintsamou, noto come Pastore Ntumi, è stato siglato un accordo di pace. L’intesa aprirà anche la strada ai civili per il ritorno nella regione. [Africa Rivista]
  • Africa CentraleAfrica Occidentale Free

    Lanciata iniziativa per mobilitare investimenti su...

    AFR CENTRALE E OCCIDENTALE - Sei Paesi dell’Africa centrale e occidentale (Benin, Burkina Faso, Gabon, Mali, Niger e Togo) hanno lanciato un’iniziativa per mobilitare investimenti e promuovere le rinnovabili nel quadro dell’Alleanza solare internazionale (ASI). A segnalarlo sono i governi dei sei Paesi coinvolti, evidenziando come l’iniziativa si propone di contribuire a finanziare la realizzazione di progetti legati alle tecnologie solari su larga scala. In base a quel che viene reso noto, l’iniziativa sarà presentata in un primo tempo agli altri Paesi membri dell’ASI, una coalizione intergovernativa lanciata da India e Francia per promuovere l’impiego dell’energia solare nei Paesi in via di sviluppo. Tra gli obiettivi figurano in particolare la riduzione dei costi per impianti solari, la ricerca di soluzioni rispetto alla domanda dei mercati in termini di energia rinnovabile e il contributo alla lotta ai cambiamenti climatici. [MV]