Angola

Cremonini pronto ad aprire in Angola il maggiore centro agro-alimentare in Africa

ANGOLA – Luigi Cremonini, presidente e fondatore del gruppo alimentare italiano, ha annunciato che in tre anni sarà realizzato un centro nazionale agro-alimentare per realizzare, processare, preservare e distribuire cibo prodotto localmente, dato il potenziale agricolo e di allevamenti nel Paese.

Secondo quanto affermato dall’imprenditore italiano, presente al lancio del progetto nella capitale Luanda, si tratterà del maggiore centro agro-alimentare in Africa, realizzato su una superficie di 192mila metri quadrati nell’area metropolitana della capitale Luanda. A gestire il progetto sarà Inalca, controllata angolana della Cremonini e presente nell’ex colonia portoghese fin dagli anni’ 80. L’imprenditore italiano ha detto che oltre ad aumentare la produzione interna, il centro agro-alimentare avrà un ruolo cruciale nel ridurre  le importazioni. Saranno, infatti, processati presso il nuovo impianto prodotti come carne, pesce, farina, olio, frutta e verdura.

Cremonini ha detto che il successo dell’iniziativa dipenderà molto dal supporto istituzionale del Governo che dovrebbe creare incentivi per i produttori e per gli investitori per accelerare i processi di produzione. Il progetto risale allo scorso anno quando l’ex Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni aveva visitato l’Angola. La realizzazione del progetto prevede un investimento graduale fino a 150 milioni di euro – sulla base del livello di sviluppo della produzione agricola angolana – e il coinvolgimento di PMI italiane fornitrici di tecnologie e di specifico know how che avranno Inalca come riferimento del pool italiano per la realizzazione di impianti di avanguardia per sviluppare le varie filiere (carni, pesce, ortofrutta e cereali).

In tale ottica, CDP potrà sostenere l’iniziativa mediante il proprio intervento e quello delle Società del Gruppo, SACE e Simest, in qualità di co-finanziatore, garante o investitore, al fine di rafforzare l’attività delle imprese italiane in Angola. Con questo intervento, come dichiarato da Antonella Baldino, Chief Business Officer di CDP, il Gruppo intende promuovere le sfide legate alla agricoltura sostenibile e alla sicurezza alimentare nel continente africano, in linea con l’implementazione dell’Agenda 2030.

Il protocollo di intesa, ha dichiarato Luigi Scordamaglia, amministratore delegato Inalca presente a Luanda durante la visita, verrà sottoscritto nelle prossime settimane con la condivisione delle Amministrazioni Angolane competenti.

Il tema dello sviluppo dell’agroalimentare in Angola è stato al centro del dibattito tra il Presidente del Consiglio italiano e il Presidente della Repubblica di Angola. I rapporti tra Italia e Angola sono consolidati da tempo in vari settori economici e il ruolo del nostro Paese può rivelarsi strategico nella diversificazione dell’economia angolana, soprattutto in settori in cui il nostro Paese è leader mondiale di qualità e sostenibilità.

L’Angola è caratterizzata da una grande potenzialità di produzione agroalimentare grazie alla sua ampia disponibilità di terra fertile, alla elevata quantità di acqua disponibile ed all’ampia quota di popolazione impiegata nell’attività agricola. La recente politica di diversificazione dell’economia angolana ha posto al centro lo sviluppo della produzione agricola nazionale e la progressiva sostituzione dei prodotti agricoli oggi importati con quelli ottenuti sul territorio angolano,  aumentando il valore aggiunto dei propri prodotti agricoli attraverso la trasformazione degli stessi in prodotti alimentari a maggiore valore aggiunto pronti al consumo.

Per il raggiungimento di tali obiettivi è fondamentale garantire innanzitutto la catena del freddo che eviti lo spreco e la distruzione dei prodotti agricoli conseguente alle condizioni non ottimali di conservazione; altro elemento necessario è la realizzazione di investimenti nel settore della trasformazione alimentare ed in particolare della trasformazione dei cereali, della carne e del pesce, filiere a cui lo Stato Angolano ha dato priorità di sviluppo. Serve inoltre un’efficiente catena logistica che copra Luanda e le principali città per fornire tutti i canali (retailer, food service, amministrazioni, ospedali, ecc).

Inalca, azienda leader nel settore della carne bovina e della distribuzione alimentare, opera in Angola sin dagli anni 90 con attività di distribuzione di prodotti alimentari. A partire da inizio anni 2000, la società ha effettuato ingenti investimenti a Luanda ed in altre città (Lobito) nella catena del freddo e nella trasformazione attraverso la sua sussidiaria Inalca Angola Limitada.

Inalca è la società del Gruppo Cremonini leader europeo nella produzione di carni bovine, salumi e snack,  e  nella distribuzione di prodotti alimentari all’estero, è una delle poche aziende italiane a presidiare l’intera filiera produttiva. L’azienda, partecipata da Cdp Equity (Gruppo Cassa Depositi e Prestiti), nel 2016 ha realizzato ricavi per 1,76 miliardi di Euro, di cui il 50% realizzato all’estero. Vanta una presenza internazionale con 15 impianti produttivi (di cui 12 in Italia, 2 in Russia, 1 in Canada) e 26 piattaforme logistiche di distribuzione (6 in Russia, 1 in  Kazakistan, 4 in Angola, 3 in Algeria, 5 in Congo, 4 nella Repubblica Democratica del Congo, 2 in Mozambico, 1 in Costa d’Avorio). Inalca commercializza ogni anno oltre 500.000 ton di carne, produce 100.000 ton di  hamburger, 200 milioni di scatolette, con 7.200 referenze di prodotto (con i marchi Montana, Manzotin, Ibis e CorteBuona) e 5.050 collaboratori. [LS]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Madagascar Free

    Preparativi per l’investitura di Rajoelina alla...

    MADAGASCAR – Avrà luogo venerdì 18 gennaio il trasferimento di potere tra il presidente della Repubblica ad interim Rivo Rakotovao e il vincitore delle elezioni Andry Rajoelina. La cerimonia, che si terrà presso il palazzo di Iavoloha, sarà riservata ad un piccolo comitato, mentre l’investitura ufficiale, con risonanza nazionale, si farà l’indomani, sabato, allo stadio di Mahamasina. In quell’occasione si assisterà ad un avvicendamento simbolico tra Hery Rajaonarimampianina, che aveva lasciato la poltrona presidenziale per candidarsi alle elezioni, e il giovane capo dello Stato per la seconda volta alla guida del Paese. Il governo di  Christian Ntsay  darà le dimissioni tra pochi giorni, non appena Rajoelina avrà designato il suo primo ministro. Lo stesso Ntasy è considerato favorito, insieme a Richard Fienena, per ottenere la guida dell’esecutivo. Molte sfide attendono il neo presidente e il futuro governo: la sicurezza nelle grandi città, lo sviluppo economico, la lotta alla povertà, l’istruzione, la sanità, la necessità di alloggi per i più bisognosi, la svalutazione della moneta nazionale. Il Paese non si è ancora risollevato dalla crisi del 2009 e del lungo periodo di instabilità che ha seguito alla guida dell’isola. [CC]
  • Zimbabwe Free

    Presidente Mnangagwa in visita a Mosca, accordi di...

    ZIMBABWE – Allorché le proteste antigovernative si fanno sempre più accese in Zimbabwe, il capo dello Stato Emmerson Mnangagwa si trova in Russia alla ricerca di sostegni economici e di investimenti da portare nel Paese dell’Africa australe. La firma di cinque accordi di cooperazione economica, in particolare nel settore delle materie prime e dei minerali, è uno degli eventi significativi di questa visita, che ieri è stata anche segnata dall’incontro tra il presidente africano e il suo omologo Vladimir Putin. La visita di Mnangagwa era stata preceduta dall’annuncio che la  compagnia estrattiva diamantifera Alrosa svilupperà nuove operazioni in Zimbabwe. L’azienda si era ritirata dallo Zimbabwe nel 2016. La visita a Mosca del presidente africano era stata programmata prima dell’esplosione di malcontento in Zimbabwe, scoppiata dopo l’annuncio del rincaro del prezzo del carburante. [CC]
  • Zimbabwe Free

    Proteste, opposizione denuncia prime vittime in seguito...

    ZIMBABWE - Tre persone sono rimaste uccise e diverse ferite in seguito a incidenti che hanno fatto da contorno a una manifestazione dell’opposizione contro il governo e contro i rincari del carburante decisi da quest’ultimo. Secondo fonti del Movimento democratico per il cambiamento (Mdc) due persone sono state uccise a Chitungwiza (periferia di Harare) e un’altra ha perso la vita a Kadoma. Ancora ieri, la polizia ha fatto uso di gas lacrimogeni per disperdere folle di dimostranti a Bulawayo, la seconda città del Paese, che chiedevano le dimissioni del capo dello Stato Emmerson Mnangagwa. Nel frattempo, la rete di telefonia mobile e quella per internet sono state parzialmente chiuse. Gli aumenti decisi dal governo hanno portato il costo della benzina da 1,24 dollari per litro a 3,31 dollari per litro; stesso discorso per il diesel passato da 1,36 a 3,11 dollari per litro. [MS]
  • Mozambico Free

    Insicurezza e attacchi nel nord, proteste a Palma

    MOZAMBICO - Sono stati sparati anche colpi d’arma da fuoco a Palma, nel nord del Mozambico, a margine di una protesta indetta per chiedere la sospensione dei progetti per lo sfruttamento del gas naturale. La dimostrazione risale ad alcuni giorni fa e da un punto di vista numerico non sarebbe stata particolarmente significativa avendo raccolto non più di 200 persone. Le dimostrazioni erano in realtà state indette per lo stato di insicurezza in cui si trovano alcune zone della provincia di Cabo Delgado dove da oltre un anno un gruppo armato semina il terrore attaccando villaggi in aree rurali. Secondo i manifestanti, i progetti di sfruttamento di gas naturale dovrebbero essere sospesi fino alla normalizzazione della situazione. Secondo la stampa locale la protesta era rivolta in particolare all’attenzione del nuovo amministratore del distretto di Palma, Valigy Tuaubo. A scatenare la protesta sarebbe stato un attacco avvenuto domenica ai danni di un minibus che stava percorrendo la strada fra Olumbi e Muti: nell’attacco i terroristi hanno ucciso 15 persone, per lo più persone residenti a Palma. [MS]
  • Angola Free

    A Luanda, prima asta diamanti di qualità eccezionale

    ANGOLA - La prima asta di diamanti di qualità estratti all’interno della concessione di Lulo in Angola si terrà il 31 gennaio a Luanda. A riferirlo è stata la società australiana Lucapa Diamond Company. I diamanti saranno venduti all'asta sotto la nuova politica di vendita dei diamanti approvata dal governo angolano guidato dal presidente João Lourenço. L’asta comprenderà sette diamanti di qualità, tra cui una pietra rosa da 46 carati e sei pietre bianche con pesi compresi tra 43 e 114 carati. La Lucapa Diamond Company è nota per aver scoperto nel 2016 un diamante da 404 carati nella miniera alluvionale di Lulo, la più grande pietra preziosa mai trovata nel Paese; nel febbraio dell'anno successivo la stessa società aveva scoperto il secondo più grande diamante, da 277 carati. L’asta è organizzata dalla società commerciale angolana di diamanti Sodiam, i diamanti sono stati messi in vendita dalla Sociedade Mineira do Lulo di cui la società australiana detiene il 40% delle quote. [MS]
  • Mozambico Free

    Renamo a congresso per eleggere successore di Dhlakama

    MOZAMBICO - Il principale partito di opposizione, la Resistenza nazionale del Mozambico (RENAMO), si riunisce da oggi in congresso per decidere chi succederà al suo leader storico, Afonso Dhlakama, scomparso lo scorso maggio. A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che il congresso durerà fino a giovedì nel distretto di Gorongosa. Tre sono i candidati attualmente noti come possibili successori alla presidenza del partito. Tra questi il fratello minore di Afonso, Elias Dhlakama, che fino a ottobre 2018 prestava regolare servizio nell'esercito. Gli altri possibili candidati sono Ossufo Momade, che gestisce il partito a titolo provvisorio, e Manuel Bissopo, attuale segretario generale della RENAMO. Il congresso sarà inoltre occasione per elaborare le strategie politiche del partito in vista delle elezioni generali previste in Mozambico il prossimo ottobre. [MV]