Angola

Cremonini pronto ad aprire in Angola il maggiore centro agro-alimentare in Africa

ANGOLA – Luigi Cremonini, presidente e fondatore del gruppo alimentare italiano, ha annunciato che in tre anni sarà realizzato un centro nazionale agro-alimentare per realizzare, processare, preservare e distribuire cibo prodotto localmente, dato il potenziale agricolo e di allevamenti nel Paese.

Secondo quanto affermato dall’imprenditore italiano, presente al lancio del progetto nella capitale Luanda, si tratterà del maggiore centro agro-alimentare in Africa, realizzato su una superficie di 192mila metri quadrati nell’area metropolitana della capitale Luanda. A gestire il progetto sarà Inalca, controllata angolana della Cremonini e presente nell’ex colonia portoghese fin dagli anni’ 80. L’imprenditore italiano ha detto che oltre ad aumentare la produzione interna, il centro agro-alimentare avrà un ruolo cruciale nel ridurre  le importazioni. Saranno, infatti, processati presso il nuovo impianto prodotti come carne, pesce, farina, olio, frutta e verdura.

Cremonini ha detto che il successo dell’iniziativa dipenderà molto dal supporto istituzionale del Governo che dovrebbe creare incentivi per i produttori e per gli investitori per accelerare i processi di produzione. Il progetto risale allo scorso anno quando l’ex Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni aveva visitato l’Angola. La realizzazione del progetto prevede un investimento graduale fino a 150 milioni di euro – sulla base del livello di sviluppo della produzione agricola angolana – e il coinvolgimento di PMI italiane fornitrici di tecnologie e di specifico know how che avranno Inalca come riferimento del pool italiano per la realizzazione di impianti di avanguardia per sviluppare le varie filiere (carni, pesce, ortofrutta e cereali).

In tale ottica, CDP potrà sostenere l’iniziativa mediante il proprio intervento e quello delle Società del Gruppo, SACE e Simest, in qualità di co-finanziatore, garante o investitore, al fine di rafforzare l’attività delle imprese italiane in Angola. Con questo intervento, come dichiarato da Antonella Baldino, Chief Business Officer di CDP, il Gruppo intende promuovere le sfide legate alla agricoltura sostenibile e alla sicurezza alimentare nel continente africano, in linea con l’implementazione dell’Agenda 2030.

Il protocollo di intesa, ha dichiarato Luigi Scordamaglia, amministratore delegato Inalca presente a Luanda durante la visita, verrà sottoscritto nelle prossime settimane con la condivisione delle Amministrazioni Angolane competenti.

Il tema dello sviluppo dell’agroalimentare in Angola è stato al centro del dibattito tra il Presidente del Consiglio italiano e il Presidente della Repubblica di Angola. I rapporti tra Italia e Angola sono consolidati da tempo in vari settori economici e il ruolo del nostro Paese può rivelarsi strategico nella diversificazione dell’economia angolana, soprattutto in settori in cui il nostro Paese è leader mondiale di qualità e sostenibilità.

L’Angola è caratterizzata da una grande potenzialità di produzione agroalimentare grazie alla sua ampia disponibilità di terra fertile, alla elevata quantità di acqua disponibile ed all’ampia quota di popolazione impiegata nell’attività agricola. La recente politica di diversificazione dell’economia angolana ha posto al centro lo sviluppo della produzione agricola nazionale e la progressiva sostituzione dei prodotti agricoli oggi importati con quelli ottenuti sul territorio angolano,  aumentando il valore aggiunto dei propri prodotti agricoli attraverso la trasformazione degli stessi in prodotti alimentari a maggiore valore aggiunto pronti al consumo.

Per il raggiungimento di tali obiettivi è fondamentale garantire innanzitutto la catena del freddo che eviti lo spreco e la distruzione dei prodotti agricoli conseguente alle condizioni non ottimali di conservazione; altro elemento necessario è la realizzazione di investimenti nel settore della trasformazione alimentare ed in particolare della trasformazione dei cereali, della carne e del pesce, filiere a cui lo Stato Angolano ha dato priorità di sviluppo. Serve inoltre un’efficiente catena logistica che copra Luanda e le principali città per fornire tutti i canali (retailer, food service, amministrazioni, ospedali, ecc).

Inalca, azienda leader nel settore della carne bovina e della distribuzione alimentare, opera in Angola sin dagli anni 90 con attività di distribuzione di prodotti alimentari. A partire da inizio anni 2000, la società ha effettuato ingenti investimenti a Luanda ed in altre città (Lobito) nella catena del freddo e nella trasformazione attraverso la sua sussidiaria Inalca Angola Limitada.

Inalca è la società del Gruppo Cremonini leader europeo nella produzione di carni bovine, salumi e snack,  e  nella distribuzione di prodotti alimentari all’estero, è una delle poche aziende italiane a presidiare l’intera filiera produttiva. L’azienda, partecipata da Cdp Equity (Gruppo Cassa Depositi e Prestiti), nel 2016 ha realizzato ricavi per 1,76 miliardi di Euro, di cui il 50% realizzato all’estero. Vanta una presenza internazionale con 15 impianti produttivi (di cui 12 in Italia, 2 in Russia, 1 in Canada) e 26 piattaforme logistiche di distribuzione (6 in Russia, 1 in  Kazakistan, 4 in Angola, 3 in Algeria, 5 in Congo, 4 nella Repubblica Democratica del Congo, 2 in Mozambico, 1 in Costa d’Avorio). Inalca commercializza ogni anno oltre 500.000 ton di carne, produce 100.000 ton di  hamburger, 200 milioni di scatolette, con 7.200 referenze di prodotto (con i marchi Montana, Manzotin, Ibis e CorteBuona) e 5.050 collaboratori. [LS]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Transnet, rimosso Amministratore Delegato

    SUDAFRICA – E’ stato rimosso per una presunta condotta non appropriata in un appalto milionario l’Amministratore Delegato di Transnet, la più grande azienda pubblica sudafricana che si occupa di logistica e ferrovie. Lo riferiscono i media locali, precisando che il consiglio di amministrazione della Transnet ha detto di aver rimosso l'amministratore delegato Siyabonga Gama, dopo aver “perso la fiducia” nel suo operato. Transnet, che gestisce quasi i tre quarti della rete ferroviaria africana, la maggior parte del quale si trova in Sud Africa, ha avviato un’indagine sulle accuse di presunti episodi di corruzione nell’acquisto di alcune nuove locomotive diesel ed elettriche. Gama, che dovrà lasciare oggi il suo ufficio, non ha finora fornito alcun commento. "Apprezziamo e richiediamo trasparenza, responsabilità e spese che siano economicamente convenienti ... Ma abbiamo trovato la condotta di Gama - in particolare durante le indagini sulla gara per nuove locomotive, con un aumento inspiegabile di oltre 9 miliardi di rand ($ 627 milioni) in costi - essere incompatibile con quella cultura ", ha detto il consiglio di Transnet in una nota che accompagna la notizia. Transnet è una delle poche società statali sudafricane che è stata coinvolta in scandali di corruzione sotto l'ex presidente Jacob Zuma. Tuttavia, Zuma ha negato qualsiasi azione illecita e afferma di essere vittima di una caccia alle streghe motivata politicamente, ma il nuovo presidente Cyril Ramaphosa ha avviato un'indagine.
  • Mozambico Free

    Turchia primo investitore nel paese nel 2018

    MOZAMBICO – E’ la Turchia il primo investitore in Mozambico dopo l’analisi dei dati ufficiali relativi al primo semestre del 2018. Lo riferisce l’Agenzia per la promozione degli investimenti e delle esportazioni (Apiex) fornendo gli ultimi dati aggiornati. L’Apiex precisa che il Mozambico ha ricevuto 193,1 milioni di dollari in investimenti diretti esteri nella prima metà del 2018, con la Turchia, con oltre 70 milioni di dollari, che guida la lista dei 10 maggiori investitori, secondo i dati ufficiali. I trasporti, le comunicazioni, l'industria e l'edilizia sono state le aree di indirizzo degli investimenti turchi nei primi sei mesi del 2018, e va notato che tale importo è relativo solo a progetti nella città e nella provincia di Maputo. I dati di Apiex, citati dal giornale mozambicano O País, indicano che la Cina, principale partner economico del paese, figura al secondo posto, seguita da Mauritius. Il Portogallo, l'unico paese di lingua portoghese nell'elenco di Apiex, arriva quinto. La provincia e la città di Maputo sono stati i principali destinatari di investimenti diretti esteri nel periodo in esame, con 148,5 milioni di dollari, che hanno finanziato un totale di 62 progetti. Aggiungendo a quelli stranieri anche gli investimenti diretti nazionali si raggiunge un totale di investimenti per la prima metà del 2018 pari a 550 milioni di dollari.
  • Mozambico Free

    Storie di cooperazione, un seminario a Piacenza

    MOZAMBICO - Si tiene domani all’Università Cattolica di Piacenza il seminario “Ong e Università nella cooperazione allo sviluppo: prospettive di sinergie e multidisciplinarietà in Mozambico”. L’appuntamento è stato promosso dall’ong Auci che gestisce un progetto di sviluppo rurale e sanitario a Mafuiane, nel sud del Mozambico, a una cinquantina di chilometri da Maputo. La giornata sarà un’occasione per avvicinarsi al Mozambico anche grazie alla presenza di una delegazione proveniente dal Paese dell’Africa australe. L’appuntamento è in programma alle 9.00, presso il Fienile della Residenza Universitaria Gasparini. Il programma è visionabile cliccando qui.
  • Namibia Free

    Energia: governo si dice “pronto per rivoluzione...

    NAMIBIA - La Namibia si sta preparando per “una rivoluzione delle energie rinnovabili” e progetta di continuare a realizzare moderni sistemi di energia rinnovabile per alimentare la propria rete nazionale. Lo ha detto il Comitato per il controllo dell'elettricità (Electricity Control Board, ECB), il quale in una nota diffusa ieri ha precisato che il governo namibiano ha approvato alcune nuove normative – “la politica energetica nazionale, la politica energetica rinnovabile e la politica di produzione di energia indipendente (IPP)” che delineano gli obiettivi specifici per guidare il settore elettrico e promuovere lo sviluppo di energia rinnovabile sia in sistemi connessi alla rete che off-grid. "Queste politiche riconoscono lo stoccaggio di energia come parte della soluzione verso la sicurezza energetica: la natura intermittente dell'energia rinnovabile (eolica e solare fotovoltaica) ha impedito per molto tempo un maggiore utilizzo delle energie rinnovabili in Namibia e nella regione" si legge nella nota. La BCE ha anche affermato: "La capacità di immagazzinare energia nei momenti in cui l'offerta supera la domanda, sarà fondamentale per l'utilizzo efficace dell'energia rinnovabile. Le nuove soluzioni di stoccaggio dell'energia rappresentano una grande opportunità a riguardo" Il regolatore dell'elettricità della Namibia ha aggiunto che i costi di stoccaggio dell'energia dovrebbero diminuire rapidamente nei prossimi anni, diventando così sempre più rilevanti ed economicamente redditizi.
  • Sudafrica Free

    Ramaphosa nomina commissione d’inchiesta sul primo...

    SUDAFRICA - Il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa ha di aver istituito una commissione d'inchiesta sulle accuse di “scorrettezza” nei confronti della Public Investment Corporation (PIC), il principale fondo di investimento del paese. Lo riferisce la stampa locale, precisando che l’annuncio della creazione della commissione, che avrà sei mesi di tempo per completare l'inchiesta, è stato pubblicato mercoledì sulla Gazzetta ufficiale. Il PIC, il più grande gestore di patrimoni in Africa con quasi 2 miliardi di dollari in pensioni pubbliche e altri fondi nel suo portafoglio, è da tempo impantanato in controversie con accuse di scorrettezza e in alcuni casi di corruzione nei confronti dei suoi amministratori riguardo ad alcune delle scelte di investimento. A guidare la commissione sarà l’ex presidente della Corte Suprema, Lex Mpati, assistito dall'ex governatore della Reserve Bank Gill Marcus e dal finanziare di lungo corso, Emmanuel Lediga. Tra le 16 presunte irregolarità che la Commissione è chiamata a verificare, vi sono eventuali presunte scorrettezze o violazioni di leggi in merito alle decisioni di investimento del PIC nel 2017 e nel 2018. La Commissione deve inoltre verificare se le scelte o gli obblighi contrattuali del PIC abbiano comportato un indebito vantaggio per qualsiasi direttore PIC, dipendente o associato o familiare di qualsiasi direttore o dipendente PIC al momento. Ramaphosa desidera inoltre che la Commissione verifichi se le decisioni di investimento in seno al PIC siano il risultato di una governance inefficace e / o di un non efficace funzionamento del consiglio di amministrazione, o se un direttore o dipendente del PIC abbia utilizzato la propria posizione, i propri privilegi o le informazioni riservate di cui era in possesso per guadagno personale o per trarne un beneficio improprio. Ramaphosa ha dichiarato che la Commissione deve, nella sua indagine ai fini delle sue conclusioni, relazioni e raccomandazioni, considerare il periodo dal 1 gennaio 2015 al 31 agosto 2018. La Commissione ha anche avuto margine di manovra per indagare e formulare conclusioni e raccomandazioni su qualsiasi altra questione riguardante il PIC, indipendentemente da quando si presume che si sia verificata nelle date applicabili tra il 2015 e il 2017. Ramaphosa ha dato alla Commissione scadenze brevi e rigorose, chiedendo una relazione intermedia entro il 15 febbraio 2019 e una relazione finale entro il 15 aprile 2019.  
  • Angola Free

    Ministero Finanze pubblica dettagli sul debito pubblico...

    ANGOLA - Il debito pubblico dell'Angola è attualmente stimato in circa 70 miliardi di dollari, con 30 miliardi di debito estero. Lo  ha detto il ministero delle Finanze in una dichiarazione pubblicata sul suo sito web, nella quale si precisa che il debito pubblico contratto con entità commerciali, in particolare istituzioni finanziarie, è valutato in 22 miliardi di dollari, un importo assegnato essenzialmente per finanziare progetti relativi a energia e acqua, costruzioni e trasporti. A questo proposito, il principale creditore dell'Angola è la Cina, che attraverso la Banca di sviluppo cinese ha autorizzato prestiti per circa 15,3 miliardi di dollari. La dichiarazione aggiunge che il governo ha contratto anche debiti con agenzie multilaterali, come la Banca mondiale e la Banca africana di sviluppo (Afdb), nonché con l'emissione di eurobond e con fornitori. Il governo angolano ha recentemente approvato la nuova emissione di un Eurobond, il secondo realizzato dall'Angola per un importo di 500 milioni di dollari. Questo titolo si somma a quello che ha raccolto 1 miliardo e 250 milioni di dollari emesso a inizio anno. In una audizione sulla proposta del Bilancio generale dello Stato per il 2019, il Ministero delle finanze ha definito gli attuali livelli di indebitamento come “sostenibili”.