Angola

Cremonini pronto ad aprire in Angola il maggiore centro agro-alimentare in Africa

ANGOLA – Luigi Cremonini, presidente e fondatore del gruppo alimentare italiano, ha annunciato che in tre anni sarà realizzato un centro nazionale agro-alimentare per realizzare, processare, preservare e distribuire cibo prodotto localmente, dato il potenziale agricolo e di allevamenti nel Paese.

Secondo quanto affermato dall’imprenditore italiano, presente al lancio del progetto nella capitale Luanda, si tratterà del maggiore centro agro-alimentare in Africa, realizzato su una superficie di 192mila metri quadrati nell’area metropolitana della capitale Luanda. A gestire il progetto sarà Inalca, controllata angolana della Cremonini e presente nell’ex colonia portoghese fin dagli anni’ 80. L’imprenditore italiano ha detto che oltre ad aumentare la produzione interna, il centro agro-alimentare avrà un ruolo cruciale nel ridurre  le importazioni. Saranno, infatti, processati presso il nuovo impianto prodotti come carne, pesce, farina, olio, frutta e verdura.

Cremonini ha detto che il successo dell’iniziativa dipenderà molto dal supporto istituzionale del Governo che dovrebbe creare incentivi per i produttori e per gli investitori per accelerare i processi di produzione. Il progetto risale allo scorso anno quando l’ex Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni aveva visitato l’Angola. La realizzazione del progetto prevede un investimento graduale fino a 150 milioni di euro – sulla base del livello di sviluppo della produzione agricola angolana – e il coinvolgimento di PMI italiane fornitrici di tecnologie e di specifico know how che avranno Inalca come riferimento del pool italiano per la realizzazione di impianti di avanguardia per sviluppare le varie filiere (carni, pesce, ortofrutta e cereali).

In tale ottica, CDP potrà sostenere l’iniziativa mediante il proprio intervento e quello delle Società del Gruppo, SACE e Simest, in qualità di co-finanziatore, garante o investitore, al fine di rafforzare l’attività delle imprese italiane in Angola. Con questo intervento, come dichiarato da Antonella Baldino, Chief Business Officer di CDP, il Gruppo intende promuovere le sfide legate alla agricoltura sostenibile e alla sicurezza alimentare nel continente africano, in linea con l’implementazione dell’Agenda 2030.

Il protocollo di intesa, ha dichiarato Luigi Scordamaglia, amministratore delegato Inalca presente a Luanda durante la visita, verrà sottoscritto nelle prossime settimane con la condivisione delle Amministrazioni Angolane competenti.

Il tema dello sviluppo dell’agroalimentare in Angola è stato al centro del dibattito tra il Presidente del Consiglio italiano e il Presidente della Repubblica di Angola. I rapporti tra Italia e Angola sono consolidati da tempo in vari settori economici e il ruolo del nostro Paese può rivelarsi strategico nella diversificazione dell’economia angolana, soprattutto in settori in cui il nostro Paese è leader mondiale di qualità e sostenibilità.

L’Angola è caratterizzata da una grande potenzialità di produzione agroalimentare grazie alla sua ampia disponibilità di terra fertile, alla elevata quantità di acqua disponibile ed all’ampia quota di popolazione impiegata nell’attività agricola. La recente politica di diversificazione dell’economia angolana ha posto al centro lo sviluppo della produzione agricola nazionale e la progressiva sostituzione dei prodotti agricoli oggi importati con quelli ottenuti sul territorio angolano,  aumentando il valore aggiunto dei propri prodotti agricoli attraverso la trasformazione degli stessi in prodotti alimentari a maggiore valore aggiunto pronti al consumo.

Per il raggiungimento di tali obiettivi è fondamentale garantire innanzitutto la catena del freddo che eviti lo spreco e la distruzione dei prodotti agricoli conseguente alle condizioni non ottimali di conservazione; altro elemento necessario è la realizzazione di investimenti nel settore della trasformazione alimentare ed in particolare della trasformazione dei cereali, della carne e del pesce, filiere a cui lo Stato Angolano ha dato priorità di sviluppo. Serve inoltre un’efficiente catena logistica che copra Luanda e le principali città per fornire tutti i canali (retailer, food service, amministrazioni, ospedali, ecc).

Inalca, azienda leader nel settore della carne bovina e della distribuzione alimentare, opera in Angola sin dagli anni 90 con attività di distribuzione di prodotti alimentari. A partire da inizio anni 2000, la società ha effettuato ingenti investimenti a Luanda ed in altre città (Lobito) nella catena del freddo e nella trasformazione attraverso la sua sussidiaria Inalca Angola Limitada.

Inalca è la società del Gruppo Cremonini leader europeo nella produzione di carni bovine, salumi e snack,  e  nella distribuzione di prodotti alimentari all’estero, è una delle poche aziende italiane a presidiare l’intera filiera produttiva. L’azienda, partecipata da Cdp Equity (Gruppo Cassa Depositi e Prestiti), nel 2016 ha realizzato ricavi per 1,76 miliardi di Euro, di cui il 50% realizzato all’estero. Vanta una presenza internazionale con 15 impianti produttivi (di cui 12 in Italia, 2 in Russia, 1 in Canada) e 26 piattaforme logistiche di distribuzione (6 in Russia, 1 in  Kazakistan, 4 in Angola, 3 in Algeria, 5 in Congo, 4 nella Repubblica Democratica del Congo, 2 in Mozambico, 1 in Costa d’Avorio). Inalca commercializza ogni anno oltre 500.000 ton di carne, produce 100.000 ton di  hamburger, 200 milioni di scatolette, con 7.200 referenze di prodotto (con i marchi Montana, Manzotin, Ibis e CorteBuona) e 5.050 collaboratori. [LS]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Malawi Free

    Ex capo di Stato Banda pronta a tornare dopo auto...

    MALAWI - Joyce Banda, ex capo di stato malawiano, rientrerà nel suo paese sabato prossimo dopo aver trascorso più di tre anni in esilio autoimposto a causa delle accuse di corruzione che si sono abbattute su di lei nello scandalo denominato ‘Cashgate’ esploso nel 2013. A dare l’annuncio è stato Ackson Kaliyile, portavoce del People’s Party, il suo schieramento politico. Il Cashgate risale al periodo in cui Banda era in carica e ha coinvolto numerose figure istituzionali locali che avrebbero sottratto milioni di dollari dalle casse statali.   Dopo le rivelazioni, numerosi donatori internazionali hanno tagliato gli aiuti al Paese provocando danni economici ingenti a una delle nazioni più povere del mondo e fortemente dipendente dai finanziamenti esteri. Nel 2014 Banda, la prima donna presidente del Malawi, ha perso le elezioni contro Peter Mutharika e poco dopo ha lasciato il Paese, proprio in seguito alle accuse di abuso d’ufficio e riciclaggio di denaro. Lo scorso luglio la polizia aveva emesso un mandato d’arresto per Banda - che si è sempre detta innocente - ma all’inizio di quest’anno l’Ufficio Anticorruzione l’ha di fatto scagionata affermando che non esisterebbero prove sufficienti. La polizia non ha però ancora dichiarato le accuse cadute.
  • Mozambico Free

    Annunciati investimenti nel turismo a Inhambane

    MOZAMBICO - Un gruppo di imprenditori sudafricani ha annunciato l’intenzione di investire una cifra pari a 160 milioni di dollari per costruire un villaggio turistico nella provincia meridionale di Inhambane. A darne notizia sono i media locali, specificando che il progetto prevede l’occupazione di un’area estesa su 42 ettari con oltre 500 metri di costa sull’oceano Indiano nel distretto di Vilanculo. In base a quel che viene riporto, il progetto immobiliare prevede la costruzione di almeno 240 villette destinate a clientela d’alto livello. “Il Mozambico offre grandi opportunità d’investimento - ha detto il responsabile del progetto denominato ‘Bazaruto Island View’, Etienne Erasmus - Molti investitori esprimono però delle riserve, specialmente nel settore del turismo, a causa dell’assenza di informazioni ufficiali sulla sostenibilità economica e sulle modalità di investire in Mozambico”. [MV]
  • Namibia Free

    Allo studio fine obbligo requisiti proprietà nera in...

    NAMIBIA - Il governo di Windhoek sta valutando l’opportunità di rimuovere l’obbligo della “proprietà nera” nel settore minerario al fine di attirare investitori internazionali in un momento positivo dell’industria estrattiva grazie alla ripresa del ciclo delle materie prime. A segnalarlo sono i media locali, ricordando come anche i vicini Angola e Zimbabwe stanno allentando i regolamenti internazionali sugli investimenti nel settore minerario. “Non vogliamo ritirare unilateralmente i requisiti della ‘black ownership’ - ha detto il ministro delle Miniere namibiano, Tom Alweendo - Dobbiamo prima valutare se stanno servendo per lo scopo per cui erano stati introdotti, cioè favorire una maggiore partecipazione della popolazione locale all’economia: se così non fosse, allora è giunto il momento di cambiare”. Nell'ambito dell'attuale politica, è previsto un obbligo per le aziende che richiedono una licenza esplorativa o estrattiva di una rappresentanza minima del 20% di namibiani storicamente svantaggiati (o neri) nella struttura di gestione. Inoltre, almeno il 5% della società deve essere di proprietà di cittadini namibiani o di una società interamente posseduta dai namibiani. [MV]
  • Angola Free

    Prorogata scadenza per aderire a collettiva ICE alla...

    ANGOLA - ICE-Agenzia ha prorogato fino al 10 maggio prossimo la scadenza per aderire alla collettiva di aziende italiane che partecipano alla 34ª edizione della Fiera  FILDA - Fiera Internazionale di Luanda.  Ad annunciarlo è stata la stessa Agenzia, ricordando che la FILDA si svolge quest’anno dal 10 al 14 luglio ed è la principale manifestazione fieristica, a carattere plurisettoriale, in Angola. Dopo due anni di rallentamento, l'economia angolana sta vivendo una fase di ripresa accompagnata dalla rinnovata volontà, del nuovo governo, di diversificare la struttura produttiva, riducendo la dipendenza dalle esportazioni di petrolio e diamanti. La manifestazione, rinnovata nella  gestione,  si terrà presso il parco esposizioni situato nella zona economica speciale del Parque de Exposição de Luanda.   Per maggiori dettagli sulle modalità di partecipazione ed offerta dei servizi di ICE Agenzia consultare la circolare informativa e scheda di adesione sul sito di ICE-Agenzia. [MV]
  • Mozambico Free

    Un progetto con Undp per salvaguardia biodiversità

    MOZAMBICO - Un progetto destinato a rafforzare la protezione delle specie a rischio è stata ufficialmente presentato a Maputo dal ministero dell’Ambiente, dall’Undp e dalla Global Environment Facility (Gef). Il progetto sarà completato nel 2024 e potrà contare su finanziamenti per 16,5 milioni di dollari.; grazie ad esso sarà aumentata la superficie delle aree di conservazione. “Con questo progetto - ha detto il vice ministro dell’Ambiente mozambicano, Celmiro da Silva - il governo intende rafforzare i programmi a difesa della biodiversità, sarà prestata particolare attenzione al bracconaggio e ai traffici illeciti”. Secondo il ministro, il progetto servirà anche a sviluppare dei programmi di sviluppo rurale destinate alle popolazioni che vivono nella riserva nazionale di Niassa, nel parco nazionale di Gorongosa; sostegno sarà inoltre garantito all’Amministrazionennazionale delle aree di conservazione (Anac). La rappresentante locale di Undp, Marcia Castro, per sottolineare la portata del progetto ha ricordato come tra il 2010 e il 2014, nella riserva di Niassa più di 2600 elefanti siano stati uccisi dai bracconieri. [MS]
  • Zambia Free

    A giugno a Lusaka forum sugli investimenti nell’off...

    ZAMBIA - Un Forum per gli investitori nelle soluzioni off-grid in Zambia si terrà il 12 e il 13 giugno prossimi a Lusaka con l’obiettivo di presentare le opportunità esistenti nel mercato locale. Ad annunciarlo è stata l’Associazione per l’elettrificazione rurale (ARE) che è tra gli organizzatori dell’evento insieme all’Associazione Global off-grid lighting (Gogla), promossa con il supporto dell’Autorità per l’elettrificazione rurale dello Zambia, del Programma di cooperazione Unione Europea-Africa sull’energia rinnovabile (RECP) e dell’Unione Europea. Obiettivo dell’evento è promuovere gli investimenti del settore privato nell’ambito delle soluzioni decentralizzate per l’accesso all’energia. Maggiori informazioni sull’evento e sulle modalità di partecipazione sono disponibili consultando il sito internet dedicato. [MV]