Africa

Milano#Dakar al Fuori Salone 2018: insieme per la bellezza dell’Africa

AFRICA – La creatività è il filo rosso che può legare italiani e africani. Quel comune denominatore è diventata l’esposizione d’arte e design Milano#Dakar, messa in piedi da Euroinnovators, società di pianificazione e organizzazione di progetti creativi.

Una cinquantina di oggetti a produzione limitata, ispirati dalla tradizionale artigianale e realizzate da 30 creativi italiani e africani, si possono ammirare fino a domenica nella Galleria MiFac, del Palazzo Siam (Società d’Incoraggiamento d’Arti e Mestieri): si tratta, più nel dettaglio, di complementi d’arredo, tessuti, accessori, mobili e oggetti del quotidiano creati con il legno, il metallo, la ceramica, il vetro.

L’esposizione, che è uno degli appuntamenti del Fuori Salone di Milano, in agenda fino a domenica, è curata da Michela Codutti e Rebecca Hoyes, con la direzione artistica di Vincent Insinga, e realizzata in collaborazione con Amref Health Africa e Italianway, coprodotta da Artemest con la consulenza artistica del Centre Culturel du Manoir e con Internationalia come media partner.

“L’obiettivo dell’esposizione è far vedere quanto la creatività possa essere un tratto d’unione fra le due realtà. Il design può essere anche un mezzo di collegamento, arrivando là dove altri sistemi non riescono ad arrivare”, spiega Codutti.

Le due curatrici hanno selezionato creazioni che usano tecniche simili, facendo in modo che quelle stesse tecniche diventassero un punto d’incontro fra Italia e Africa. Per quanto riguarda il continente nero gli artisti che espongono i loro oggetti sono tutti creativi legati al loro territorio, la cui impresa ha anche una missione sociale.

Binky Newman, ad esempio, sudafricana, ha coinvolto anche altre donne della sua terra, che hanno dato un apporto ai progetti che lei realizza e che poi commercializza.

I lavori selezionati arrivano dal Mali, dal Senegal, dalla Costa d’Avorio, dal Kenia e anche dal Sudafrica. “Abbiamo cercato di fare una selezione completa che tenesse conto delle diverse realtà del territorio”, spiega la curatrice.

Tra gli oggetti esposti un pouf grigio, realizzato in lana merinos lavorato a mano, opera di Ronel Jordan, designer sudafricano, uno lungo specchio, appoggiato sopra dei cassetti, entrambi inseriti in una struttura di legno di cocco laccato e incavato,
realizzato da Jean Servais Somian, che ha svolto la sua prima formazione nel centro artigianale di Gran-Bassam in Costa d’Avorio. Ma ci sono anche una culla realizzata in legno d’ebano e un tavolino in legno bianco d’acero, ponti verso l’Africa, fatti da Maria Elisabetta Cori, creativa italiana che lavora con materiali di riciclo.

Alcune delle opere realizzate dai protagonisti di Milano#Dakar saranno vendute all’asta durante la “Water Charity Dinner”. La cena a scopo benefico, finalizzata a supportare i progetti idrici di Amref Health Africa, si terrà venerdì, a Villa Necchi Campiglio a Milano. [MG]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Covid, al via ai preordini 270 milioni dosi vaccini  

    AFRICA - È iniziato il programma di preordine provvisorio di 270 milioni di dosi di vaccini contro il covid-19 per gli Stati membri dell’Unione Africana (Ua). Lo ha annunciato ieri il Centro africano per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa Cdc), che sulla questione vaccinale ha attivato la African Vaccine Acquisition Task Team (Avatt), una squadra nominata dal presidente di turno dell’Unione Africana, il presidente Cyril Ramaphosa. Il programma di preordine è stato avviato ieri  dalla piattaforma per le forniture mediche (Amsp). Sarà la African Export-Import Bank (Afreximbank) a facilitare i pagamenti fornendo garanzie anticipate sugli impegni di approvvigionamento fino a 2 miliardi di dollari ai produttori per conto degli Stati membri. “Mentre Avatt si è assicurata una dose provvisoria di 270 milioni di vaccini covid-19 da Pfizer, Johnson & Johnson e AstraZeneca, l’Amsp - la piattaforma online nata da un’iniziativa no profit -  ha aperto oggi i preordini, offrendo un accesso equo alle dosi di vaccini per i 55 Stati membri dell'Unione africana”, si legge nel comunicato dell’Africa Cdc. “Questi sono tempi storici. Per la prima volta nella storia, l'Africa si è assicurata l'accesso a milioni di dosi di vaccino nel mezzo di una pandemia come la maggior parte dei paesi occidentali ", ha detto l'inviato speciale dell'Ua Strive Masiyiwa. "C'è ancora un'enorme carenza di dosi di vaccino ed è per questo che questa collaborazione continentale ha progettato un'allocazione equa unita a un accesso tempestivo ed equo dei vaccini covid-19 in tutto il continente". Dal canto suo, Afreximbank si è detta “orgogliosa di espandere il proprio sostegno alle economie africane nel tentativo di contenere la pandemia”. Ha spiegato che la struttura di finanziamento dei vaccini si basa sul successo della Pandemic Trade Impact Mitigation Facility (Patimfa) per aprire l'accesso ai vaccini covid agli Stati africani sulla base di un approccio per tutta l'Africa favorito dall'Unione Africana. "Fornendo garanzie di impegno di approvvigionamento anticipato fino a 2 miliardi di dollari ai produttori di vaccini candidati, Afreximbank garantirà che gli Stati africani siano in grado di accedere rapidamente ai vaccini COVID-19, a prezzi competitivi e in modo tempestivo, contribuendo così a salvare vite e mezzi di sussistenza”, ha precisato Benedict Oramah, presidente dell’Afreximbank, un'istituzione finanziaria multilaterale panafricana con il mandato di finanziare e promuovere il commercio intra ed extra-africano. “Le maggiori sfide all'accesso al vaccino COVID-19 in Africa sono state il finanziamento dei vaccini e la logistica della vaccinazione su larga scala, ma siamo lieti che questa lacuna sia stata colmata dalla struttura di finanziamento Afreximbank. La decisione cruciale ora è come iniziare in modo che una volta avviato non ci siano interruzioni, ed è qui che Amsp giocherà un ruolo molto importante ", ha sottolineato  John Nkengasong, direttore dell'Africa Cdc. Secondo i numeri aggiornati al 21 gennaio, nei 55 Stati membri dell'Unione Africana, sono stati registrati 3.365.095 casi di covid-19, 82.891 decessi e 2.822.123 guarigioni. [CC]
  • Africa Free

    Traffico aereo ai livelli pre-covid non prima del 2023

    AFRICA - L'Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) prevede che i volumi di traffico nel continente torneranno ai livelli del 2019 non prima del 2023. 

    "I volumi di traffico registrati in Africa nel 2019 non torneranno prima del 2023, quando si prevede che il continente sperimenterà una ripresa tardiva dei suoi risultati finanziari",si legge in una nota riportata dai media specializzati.

    Secondo un rapporto dell'International Civil Aviation Organization (Icao), le compagnie aeree africane hanno registrato mancate entrate per 14 miliardi di dollari nel 2020 a causa della pandemia da covid-19. Le compagnie hanno registrato un calo di 78 milioni di passeggeri e una riduzione del 58% della loro capacità complessiva rispetto al 2019, spingendo quattro vettori a sospendere le loro operazioni e altri due ad andare in amministrazione controllata. [SR]

  • Africa Free

    Borse di studio e formazione per imprenditrici

    AFRICA - L'African Women Entrepreneurship Cooperative (Awec) ha lanciato uno specifico programma di formazione rivolto a donne imprenditrici.

    Nel continente africano le donne imprenditrici sono infatti numericamente superiori agli uomini, ma i profitti che realizzano sono mediamente più bassi. La Banca mondiale spiega questo dato collegandolo al livello più basso di competenze riscontrabile tra le donne.

    Obiettivo dell'iniziativa di Awec è selezionare 200 donne che beneficeranno di una borsa di studio nell'ambito di questo programma. Il requisito per concorrere all'assegnazione è essere donna, africana (anche della diaspora) e avere fondato un'impresa da almeno due anni in qualsiasi settore e con almeno due dipendenti. [SR]

  • AfricaNigeria Free

    Access Bank vuole entrare in altri 8 paesi africani

    NIGERIA - Access Bank, la principale banca nigeriana, vuole rafforzare la sua dimensione panafricana e sta valutando la possibilità di espandersi in otto paesi del continente. Si tratta di Marocco, Algeria, Egitto, Costa d'Avorio, Senegal, Angola, Namibia ed Etiopia. L'informazione si trova in una presentazione inviata per e-mail da Herbert Wigwe, amministratore delegato di Access Bank agli investitori, ed è stata rivelata dall'agenzia Bloomberg. Access Bank è già presente in 12 Paesi africani. Il progetto di espandersi è correlato al desiderio di sfruttare al meglio le possibilità determinate dall'avvio dell'African Continental Free Trade Area (Afcfta), ufficialmente operativa dal 1 ° gennaio. La banca nigeriana intende "attutire le sfide in alcuni mercati, diversificare i profitti e sfruttare le opportunità di crescita nella regione", si legge nella presentazione. Nominata 29a banca più sicura al mondo da Global Finance nel dicembre 2020 per i suoi sforzi per garantire la protezione dei fondi e dei dati dei clienti, Access Bank ha già fatto acquisizioni importanti in tempi recenti. L'acquisizione di Transnational Bank in Kenya nel luglio 2020 e quella di Cavmont Bank in Zambia, conclusa all'inizio di gennaio, confermano l'ambizione del gruppo a investire in tutte le sub-regioni del continente. [SR]
  • Africa Free

    Legale: Baker McKenzie nomina nuovo Direttore...

    AFRICA - Sarà Bruce Schubach il nuovo direttore delle operazioni per l’Africa dello studio legale internazionale Baker McKenzie.

    A riferirlo è lo stesso studio legale con sede a Chicago (Usa) precisando che Schubach, basato in Sudafrica, avrà il compito di espandere le attività in un mercato, quello africano, definito “sempre più competitivo” per il lavoro commerciale in tutto il continente.

    Schubach ricopre già la posizione di Chief Operating Officer per l'Africa e per il momento combinerà i due ruoli, con il supporto dell'ufficio di Johannesburg. Succede a Robin Simmons, che ha lasciato l'azienda.

    Schubach è stato in precedenza amministratore delegato di Tgr Attorneys , prima del quale ha trascorso quasi un decennio con ENSafrica e la sua società legacy Edward Nathan & Friedland, ricoprendo una varietà di ruoli tra cui direttore delle operazioni finanziarie, amministratore delegato e direttore operativo.

    In una dichiarazione, il capo dell’Africa a Baker e McKenzie, Wildu du Plessis, ha sottolineato la crescente domanda dei clienti di avvocati africani da coinvolgere nel loro lavoro nel continente, evidenziando che i tre uffici dello studio nel Continente (Sudafrica, Egitto e Marocco) hanno "fornito consulenza su alcuni dei le transazioni africane più importanti degli ultimi anni”.

  • AfricaEgittoEtiopiaKenyaNigeria Free

    Cdc investirà un miliardo nel continente

    AFRICA - Il gruppo Cdc, istituto britannico per lo sviluppo, sta pianificando investimenti per un miliardo di dollari in Africa nei settori delle infrastrutture e della finanza. Sta inoltre valutando un'offerta per acquisire una licenza di telecomunicazioni in Etiopia. Cdc ha investito 3,7 miliardi di dollari in Africa negli ultimi tre anni, più della metà del capitale dell'istituzione. L’investimento previsto per il 2021 è pari a quello effettuato nel 2020, ha dichiarato in un'intervista l'amministratore delegato Nick O'Donohoe, e si concentrerà prevalentemente in Egitto, Etiopia, Kenya e Nigeria. “Concentreremo i fondi su iniziative legate al contenimento degli effetti dei cambiamenti climatici e sulla tecnologie - ha affermato il ceo - In aggiunta a ciò, continueremo a investire in infrastrutture”. L’impegno di 1 miliardo di dollari rappresenta un segnale di interesse notevole verso l’Africa, che, secondo le stime, dovrebbe aver subito un calo compreso dal 25 al 40 per cento degli investimenti diretti esteri lo scorso anno, secondo un rapporto della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo, a causa della pandemia e dei prezzi più bassi di petrolio e materie prime. Cdc ha creato una partnership con Vodafone Group Plc e Sumitomo Group per presentare un'offerta per una licenza di telefonia mobile in Etiopia nell’ambito del piano di privatizzazione dell'economia del Paese, ha affermato l’amministratore delegato, confermando un rapporto di Bloomberg News a giugno. Il processo è stato ritardato, ma ora sembra andare avanti, ha detto. La nazione del Corno d'Africa prevede di vendere due nuove licenze e una quota di minoranza dell’azienda di Stato Ethio Telecom, sebbene il processo sia stato rallentato da complessità normative e turbolenze politiche, incluso un conflitto nella regione settentrionale del Tigray. [EC]