Africa

Milano#Dakar al Fuori Salone 2018: insieme per la bellezza dell’Africa

AFRICA – La creatività è il filo rosso che può legare italiani e africani. Quel comune denominatore è diventata l’esposizione d’arte e design Milano#Dakar, messa in piedi da Euroinnovators, società di pianificazione e organizzazione di progetti creativi.

Una cinquantina di oggetti a produzione limitata, ispirati dalla tradizionale artigianale e realizzate da 30 creativi italiani e africani, si possono ammirare fino a domenica nella Galleria MiFac, del Palazzo Siam (Società d’Incoraggiamento d’Arti e Mestieri): si tratta, più nel dettaglio, di complementi d’arredo, tessuti, accessori, mobili e oggetti del quotidiano creati con il legno, il metallo, la ceramica, il vetro.

L’esposizione, che è uno degli appuntamenti del Fuori Salone di Milano, in agenda fino a domenica, è curata da Michela Codutti e Rebecca Hoyes, con la direzione artistica di Vincent Insinga, e realizzata in collaborazione con Amref Health Africa e Italianway, coprodotta da Artemest con la consulenza artistica del Centre Culturel du Manoir e con Internationalia come media partner.

“L’obiettivo dell’esposizione è far vedere quanto la creatività possa essere un tratto d’unione fra le due realtà. Il design può essere anche un mezzo di collegamento, arrivando là dove altri sistemi non riescono ad arrivare”, spiega Codutti.

Le due curatrici hanno selezionato creazioni che usano tecniche simili, facendo in modo che quelle stesse tecniche diventassero un punto d’incontro fra Italia e Africa. Per quanto riguarda il continente nero gli artisti che espongono i loro oggetti sono tutti creativi legati al loro territorio, la cui impresa ha anche una missione sociale.

Binky Newman, ad esempio, sudafricana, ha coinvolto anche altre donne della sua terra, che hanno dato un apporto ai progetti che lei realizza e che poi commercializza.

I lavori selezionati arrivano dal Mali, dal Senegal, dalla Costa d’Avorio, dal Kenia e anche dal Sudafrica. “Abbiamo cercato di fare una selezione completa che tenesse conto delle diverse realtà del territorio”, spiega la curatrice.

Tra gli oggetti esposti un pouf grigio, realizzato in lana merinos lavorato a mano, opera di Ronel Jordan, designer sudafricano, uno lungo specchio, appoggiato sopra dei cassetti, entrambi inseriti in una struttura di legno di cocco laccato e incavato,
realizzato da Jean Servais Somian, che ha svolto la sua prima formazione nel centro artigianale di Gran-Bassam in Costa d’Avorio. Ma ci sono anche una culla realizzata in legno d’ebano e un tavolino in legno bianco d’acero, ponti verso l’Africa, fatti da Maria Elisabetta Cori, creativa italiana che lavora con materiali di riciclo.

Alcune delle opere realizzate dai protagonisti di Milano#Dakar saranno vendute all’asta durante la “Water Charity Dinner”. La cena a scopo benefico, finalizzata a supportare i progetti idrici di Amref Health Africa, si terrà venerdì, a Villa Necchi Campiglio a Milano. [MG]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • AfricaEtiopia Free

    A febbraio ad Addis Abeba forum sul settore sanitario

    AFRICA - Si terrà ad Addis Abeba in Etiopia il prossimo 12 febbraio la prima edizione di ‘Africa Business: Healh Forum’, un evento che si propone di rafforzare la cooperazione tra settore pubblico e privato in ambito sanitario in Africa. A segnalarlo sono i promotori dell’iniziativa tra cui spiccano la Fondazione Aliko Dangote, la coalizione GBCHealth e la Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Africa (UNECA). Obiettivo dell’evento è in particolare aumentare la partecipazione del settore privato allo scopo di migliorare la fornitura di servizi sanitari nel continente. Allo stato attuale non sono disponibili maggiori informazioni sull’evento, ma è possibile segnalare il proprio interesse registrandosi qui.
  • Africa Free

    Riforme dell'UA, adottati una serie di provvedimenti

    AFRICA – L’adozione di riforme chiave hanno segnato la conclusione dell’XI Vertice straordinario dell’Unione Africana (UA) ad Addis Abeba, svoltosi questo fine settimana nella capitale sede dell’organizzazione continentale. I dirigenti africani riflettono dal 2016 alla maniera di rendere l’istituzione più efficiente, più attiva, e di migliorarne l’influenza nella scacchiera mondiale. Il presidente ruandese Paul Kagame, attuale presidente di turno dell’UA, è stato incaricato di stilare un progetto di ristrutturazione che sta cercando di fare adottare prima della fine del suo mandato alla presidenza, che scadrà a gennaio. Il progetto elaborato è stato discusso e dibattuto, fino all’adozione di alcune proposte, mentre altre sono state respinte o modificate. Da questo vertice di novembre, sono state prese decisioni che cambieranno la struttura e il funzionamento del corpo istituzionale: cambia la maniera di selezionare i dirigenti dell’organizzazione, che saranno scelti in base alle competenze reali e ad un processo di selezione, piuttosto che ad incastri politico-diplomatici. La Commissione dell’UA, organo esecutivo, passerà da 10 a 8 membri, per diventare più snella e più indipendente. Il presidente della Commissione sarà ancora eletto dai capi di Stato, ma i commissari saranno eletti dai ministri degli Esteri. Verranno rafforzate le sanzioni contro gli Stati membri che non versano le quote dovute, a partire da subito. Tale provvedimento ha come scopo la riduzione della dipendenza dai donatori esterni, che contribuiscono per oltre la metà del budget continentale. I leader africani hanno anche adottato la creazione di un fondo per la promozione di pace e sicurezza (vedi qui) da 100 milioni di dollari, finanziato al 60% dagli stessi Stati africani. La nuova squadra dirigente, eletta in base alle nuove procedure, entrerà in carica nel 2021. [CC]
  • Africa Free

    Un fondo Ua per promozione pace e sicurezza

    AFRICA - Un fondo per la promozione di pace e sicurezza è stato creato dall’Unione Africana. Del fondo, per un ammontare di 100 milioni di dollari, ha parlato il presidente di turno della massima istituzione continentale, il capo di Stato ruandese Paul Kagame, in apertura dell’11° Vertice straordinario dell’Ua ad Addis Abeba. Secondo lo stesso Kagame, il fondo è stato finanziato al 60% dagli stessi Stati africani; ad aver contribuito sono state finora 42 nazioni, Kagame ha invitato le ultime 12 ad accelerare i tempi per il loro contributo. Nel corso della cerimonia di apertura del vertice, il presidente della Commissione Ua, Moussa Faki Mahamat, ha detto che il fondo sarà monitorato da una speciale commissione di cui faranno parte cinque personalità africane e rappresentanti dell’Unione Europea e delle Nazioni Unite. [MS]
  • Africa Free

    Unesco e Huawei insieme per la formazione alle Ict

    AFRICA – L’Unesco – Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura - ha firmato con la compagnia cinese Huawei un accordo di partenariato per un programma di certificazione tecnologica per studenti in Africa. L’iniziativa, che si farà in collaborazione con diversi atenei africani, si è concretizzata a Cape Town durante la prima giornata del Salone delle telecomunicazioni AfricaCom18. “I giovani talenti dell’Africa sub-sahariana hanno il potenziale per diventare esperti di calibro mondiale. Rafforzando la cooperazione industria-università, noi, in qualità di società informatica internazionale, speriamo di portare il nostro contributo alla realizzazione degli obiettivi per lo sviluppo del continente” ha sottolineato Michael Meng, direttore dei servizi presso la Huawei Enterprise Business Group, per la regione Africa Australe. L’iniziativa si chiama “ICT Talent Ecosystem Program for Sub-Sahara Africa” ed è uno dei numerosi programmi di certificazione formativa che il colosso cinese sta diffondendo in vari Paesi africani. [CC]
  • Africa Free

    Due città su tre in Africa minacciate dagli effetti...

    AFRICA - Due terzi delle città africane potrebbero essere minacciate da qui al 2035 dagli effetti dei cambiamenti climatici. A sostenerlo è uno studio della società di consulenza britannica Verisk Maplecroft, secondo il quale il rischio è ritenuto elevato e l’Africa è semplicemente il continente più minacciato dagli effetti dei cambiamenti climatici globali. Per valutare la capacità di resilienza delle città agli choc climatici, il rapporto ha esaminato due fattori principali: le proiezioni demografiche e i dati economici. I risultati farebbero emergere che gli agglomerati urbani africani sembrano essere i più vulnerabili: Secondo le Nazioni Unite, infatti, 86 delle 120 città in più rapida crescita nel mondo si trovano nel continente; tuttavia, queste aree molto densamente popolate stanno già vivendo grandi difficoltà nella fornitura di acqua potabile o a causa di inondazioni violente. Il riscaldamento globale esacerberebbe ulteriormente queste tensioni, creando al contempo un circolo vizioso, poiché allo stesso tempo ridurrebbe la crescita economica dell'Africa, impedendole di costruire nuove infrastrutture per proteggersi meglio e aumentare la resilienza. In totale, otto città africane sono tra le dieci più a rischio al mondo: tra queste in particolare Abuja, Addis Abeba, Dar es Salaam, Lagos, Luanda, Kampala e Kinshasa. [MV]
  • Africa Free

    Verso vertice Ua di Addis, Kagame proverà a far...

    AFRICA - E’ in programma il 17 e il 18 novembre ad Addis Abeba un vertice di capi di Stato e di governo dell’Unione Africana per discutere di un progetto di riforma della stessa istituzione. A spingere per una riforma è da due anni il presidente ruandese Paul Kagame, attuale presidente di turno dell’UA, secondo cui è necessario svecchiare e rendere meno burocratica la massima istituzione continentale. Oltre alle riforme, i dirigenti africani discuteranno del processo di integrazione nel quadro della zona di libero scambio continentale; ma anche di promozione della pace e sicurezza regionale. Delle riforme ha fatto quasi un punto d’onore lo stesso Kagame a cui restano poco più di due mesi prima di cedere la presidenza di turno all’egiziano al-Sisi, secondo diversi analisti meno sensibile ai temi della riforma. La riforma a cui ha lavorato Kagame prevede che l’Unione Africana circoscriva le sue priorità ad alcuni temi di fondo: sicurezza, politica e integrazione economica. [MS]