Africa

Milano#Dakar al Fuori Salone 2018: insieme per la bellezza dell’Africa

AFRICA – La creatività è il filo rosso che può legare italiani e africani. Quel comune denominatore è diventata l’esposizione d’arte e design Milano#Dakar, messa in piedi da Euroinnovators, società di pianificazione e organizzazione di progetti creativi.

Una cinquantina di oggetti a produzione limitata, ispirati dalla tradizionale artigianale e realizzate da 30 creativi italiani e africani, si possono ammirare fino a domenica nella Galleria MiFac, del Palazzo Siam (Società d’Incoraggiamento d’Arti e Mestieri): si tratta, più nel dettaglio, di complementi d’arredo, tessuti, accessori, mobili e oggetti del quotidiano creati con il legno, il metallo, la ceramica, il vetro.

L’esposizione, che è uno degli appuntamenti del Fuori Salone di Milano, in agenda fino a domenica, è curata da Michela Codutti e Rebecca Hoyes, con la direzione artistica di Vincent Insinga, e realizzata in collaborazione con Amref Health Africa e Italianway, coprodotta da Artemest con la consulenza artistica del Centre Culturel du Manoir e con Internationalia come media partner.

“L’obiettivo dell’esposizione è far vedere quanto la creatività possa essere un tratto d’unione fra le due realtà. Il design può essere anche un mezzo di collegamento, arrivando là dove altri sistemi non riescono ad arrivare”, spiega Codutti.

Le due curatrici hanno selezionato creazioni che usano tecniche simili, facendo in modo che quelle stesse tecniche diventassero un punto d’incontro fra Italia e Africa. Per quanto riguarda il continente nero gli artisti che espongono i loro oggetti sono tutti creativi legati al loro territorio, la cui impresa ha anche una missione sociale.

Binky Newman, ad esempio, sudafricana, ha coinvolto anche altre donne della sua terra, che hanno dato un apporto ai progetti che lei realizza e che poi commercializza.

I lavori selezionati arrivano dal Mali, dal Senegal, dalla Costa d’Avorio, dal Kenia e anche dal Sudafrica. “Abbiamo cercato di fare una selezione completa che tenesse conto delle diverse realtà del territorio”, spiega la curatrice.

Tra gli oggetti esposti un pouf grigio, realizzato in lana merinos lavorato a mano, opera di Ronel Jordan, designer sudafricano, uno lungo specchio, appoggiato sopra dei cassetti, entrambi inseriti in una struttura di legno di cocco laccato e incavato,
realizzato da Jean Servais Somian, che ha svolto la sua prima formazione nel centro artigianale di Gran-Bassam in Costa d’Avorio. Ma ci sono anche una culla realizzata in legno d’ebano e un tavolino in legno bianco d’acero, ponti verso l’Africa, fatti da Maria Elisabetta Cori, creativa italiana che lavora con materiali di riciclo.

Alcune delle opere realizzate dai protagonisti di Milano#Dakar saranno vendute all’asta durante la “Water Charity Dinner”. La cena a scopo benefico, finalizzata a supportare i progetti idrici di Amref Health Africa, si terrà venerdì, a Villa Necchi Campiglio a Milano. [MG]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Fondi dall’Italia per energia sostenibile nel Sahel e...

    AFRICA - Sono pari a cinque milioni di euro i fondi stanziati dall’Italia per sostenere ElectriFi, iniziativa lanciata dall’Unione Europea con l’obiettivo di ridurre i rischi degli investimenti in energia sostenibile nei paesi in via di sviluppo. A renderlo noto è stato il ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, riportando la notizia della firma a Bruxelles di un accordo in tal senso. “Apprezzo l’impegno del governo italiano - ha detto Stefano Manservisi, direttore generale per la cooperazione internazionale allo sviluppo della Commissione Europea - nell’appoggiare la mobilitazione del settore privato a investire nelle aree rurali e remote. Contano tutti gli sforzi nella direzione di raggiungere gli obiettivi dell’energia sostenibile”. La partecipazione italiana si concentrerà nel Sahel e nei paesi sub-sahariani. L’apporto bilaterale si aggiunge al contributo degli stati membri fornito al budget dell’Unione Europea. Secondo quel che viene riportatol l’Italia è insieme alla Svezia il secondo paese a stanziare un contributo aggiuntivo per finanziare ElectriFi, iniziativa gestita dall'Association of European Development Finance Institutions (EDFI), l’associazione che riunisce le finanziarie europee di sviluppo, volta a sostenere gli investimenti che promuovono l'accesso a servizi energetici moderni, economici e sostenibili nei Paesi in via di sviluppo. In particolare, l’iniziativa ha lo scopo di incrementare l’accesso a una energia affidabile, sostenibile, moderna e a prezzi contenuti nei paesi in via di sviluppo, mobilitando gli investimenti energetici, compresi quelli nelle aree rurali e remote. Gli investitori vengono sostenuti tramite vari modelli di business e finanziamenti, soprattutto tramite il capitale di rischio. ElectriFI incoraggia l’adozione dell’energia rinnovabile, con una particolare attenzione alle soluzioni energetiche decentrate.
  • Africa Free

    Annunciato impegno miliardario per finanziare progetti...

    AFRICA - Banca Mondiale e Banca africana di sviluppo (AfDB) si sono impegnate a mobilitare congiuntamente più di 47 miliardi di dollari per sostenere gli sforzi dei Paesi africani a contrastare gli effetti negativi dei cambiamenti climatici. A renderlo noto sono stati i due istituti finanziari, ricordando come siano i Paesi del continente africano siano tra i più vulnerabili a tali effetti negativi. In particolare, la Banca Mondiale si è impegnata a mobilitare 22,5 miliardi di dollari nel periodo compreso tra il 2021 e il 2025, mentre l’AfDB ha annunciato finanziamenti per un valore pari a 25 miliardi tra il 2020 e il 2025. I fondi annunciati dall’AfDb saranno destinati per aumentare gli investimenti nella realizzazione di progetti legati alle energie rinnovabili. “La quota del nostro portafoglio per la realizzazione di progetti di generazione di energia da fonti rinnovabili tra il 2013 e il 2015 era pari al 59% della spesa destinata all’energia, ma è salita al 95% tra il 2015 e il 2018”, ha detto il presidente dell’AfDB Akinwumi Adesina a margine del vertice sul clima in corso a Nairobi. [MV]
  • Africa Free

    Outlook AfDB disponibile anche in sette lingue africane

    AFRICA - La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha pubblicato i punti salienti della sua pubblicazione di punta, l’African Economic Outlook, in sette lingue africane, ripetendo e ampliando un esperimento condotto con successo anche lo scorso anno. Il rapporto - che nella sua edizione integrale rilasciata a gennaio è disponibile in inglese, francese e portoghese - sarà ora disponibile (benché in formato ridotto) anche in amarico, arabo, hausa, kiswahili, inglese pidgin, yoruba e zulu. Il rapporto di quest’anno si concentra sul tema dell’integrazione regionale - una delle cinque aree prioritarie della Banca - ed esplora le vie possibili per stimolare la prosperità economica in Africa. Per raggiungere questo obiettivo, la relazione evidenzia alcune azioni che dovrebbero essere intraprese e che includono: riduzione delle tariffe e barriere non tariffarie, aumento della mobilità della manodopera, integrazione dei mercati finanziari; miglioramento della cooperazione. [MS]
  • Africa Free

    L’UA lancia la certificazione EcoMark Africa

    AFRICA – L’Unione Africana, attraverso l’African Organisation for Standardisation (Arso), ha lanciato ufficialmente l’“EcoMark Africa” (EMA) il sistema di certificazione di prodotti e beni panafricani ecologici e adatti per essere venduti sul mercato internazionale. L’EMA è la prima certificazione comune valida sull’intero continente africano. Qualunque tipo di prodotto, di azienda o si servizio, anche ad esempio i servizi alberghieri, potranno cercare di ottenere la certificazione EMA. Secondo la presidente dell’Arso, Eve Gadzikwa, il label EcoMark Africa rafforzerà la posizione dell’Africa e della sua nuova zona di libero scambio continentale, sulla scacchiera internazionale. La certificazione dovrebbe migliorare la trasparenza sull’origine dei prodotti e promuovere la divulgazione delle condizioni ambientali e sociali della produzione in Africa. Il nuovo sistema permetterà inoltre di controllare e di certificare i prodotti e servizi in entrata in Africa, per ridurre il rischio di commercializzazione di merci non sicure o contraffatte. [CC]
  • Africa Free

    Incontro di approfondimento sui mercati africani a...

    AFRICA - Avrà luogo lunedì 25 marzo a Torino un incontro dal titolo “Africa: un continente in crescita”, dedicato all’approfondimento sui mercati africani e sulle opportunità d’affari esistenti per le aziende piemontesi. A segnalarlo è stato il Centro Piemontese Studi Africani (CSA), precisando che l’incontro è organizzato dall’Associazione Piemonte Africa in collaborazione con l’Unione Industriale di Torino. Saranno presenti Giuseppe Mistretta, direttore centrale per l'Africa sub-sahariana del ministero degli Affari esteri, e Mario Deaglio, professore emerito di Economia internazionale.  L’incontro si terrà dalle ore 17.00 alle 19.00 presso la sede dell’Unione Industriale di Torino. Maggiori informazioni sul programma e sulle modalità di partecipazione sono disponibili qui.
  • Africa Free

    Thales Alenia Space scelta per uno studio per l...

    AFRICA – L’agenzia per la sicurezza della navigazione aerea in Africa e Magagascar (Asecna) ha affidato a Thales Alenia Space, la joint venture tra il gruppo francese Thales e l’italiana Leonardo, la realizzazione di uno studio preliminare (fase B) per il suo programma di sviluppo di un sistema satellitare di incremento della precisione – Satellite – Based Augumentation System (SBAS). Lo scrive il gruppo Thales in un comunicato. L’obiettivo del programma è di potenziare le operazioni di navigazione e sorveglianza durante tutte le fasi di volo, migliorare la sicurezza e l’efficienza dei voli. I servizi miglioreranno le performance dei sistemi di navigazione satellitare già esistenti, come GPS e Galileo. Lo studio è finanziato da una borsa del fondo UE-Africa er le infrastrutture (EU-AITF) attraverso un accordo di finanziamento con l’Agenzia francese per lo sviluppo (Afd). La Commissione europea e la GSA (European GNSS Agency) forniranno un’assistenza tecnica nell’ambito di un accord tra l’Asecna e l’Unione Europea. Lo studio che deve condurre Thales Alenia durerà 18 mesi. [CC]