Africa

Inversione di rotta per le esportazioni italiane verso l’Africa, secondo rapporto SACE

AFRICA – Le esportazioni italiane verso l’Africa sono aumentate nel 2017 e continueranno a crescere significativamente anche quest’anno e nel triennio 2019-2021: è una delle osservazioni contenute nel rapporto 2018 sull’Export italiano “Keep calm & Made in Italy”, realizzato dall’Ufficio Studi di SACE che insieme a SIMEST rappresenta il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo Cassa depositi e prestiti.

Secondo il rapporto, nel 2017 i risultati delle esportazioni italiane verso la regione dell’Africa sub-sahariana (+5,5%) hanno sorpreso rispetto alle attese mentre più lenta, anche se sempre di segno positivo, è stata la dinamica delle vendite italiane in Nord Africa (+1,2%).

Per il 2018 l’export verso i Paesi dell’Africa Subsahariana manterrà un ritmo, in media, simile a quello osservato nell’anno precedente con un tasso atteso pari al 5,4%, mentre è previsto un deciso incremento delle vendite dei prodotti italiani in Nord Africa (che insieme all’export nella regione del Medio Oriente dovrebbe registrare un tasso integrato del 4,7%) con un leggero rallentamento atteso per il triennio 2019-2021 (+4,5% per l’Africa sub-sahariana e +4% per Nord Africa e Medio Oriente).

La positiva performance del 2017 (+9,3%) consolida la Tunisia tra i mercati dell’Africa Settentrionale (+3,4% previsto nel 2018; +2,8% in media nel periodo 2019-2021).

In Egitto, assorbiti gli effetti della correzione macroeconomica dell’ultimo biennio che hanno comportato nello scorso anno una contrazione dell’export Made in Italy del 5,5%, si assisterà a un nuovo incremento delle esportazioni italiane, trainate dagli investimenti locali ed esteri (+4,9% nel 2018; crescita superiore al 4% nel triennio 2019-2021).

Anche in Marocco si prevede il mantenimento del trend recente (+9,2% nel 2018; +6,8% medio nel periodo 2019-2021), mentre l’Algeria registrerà un tendenziale rallentamento a causa delle restrizioni all’acquisto di merci dall’estero, attuato attraverso un bando temporaneo all’import di beni non essenziali e l’aumento delle imposte doganali (+2% nel 2018; +2,8% medio nel triennio successivo 2019-2021).

Complessivamente le esportazioni italiane verso i mercati dell’Africa sub-sahariana si sono attestate nel 2017 a un valore pari a circa 5,2 miliardi di euro: un’inversione di rotta dopo il calo del 2015-2016 che getta le basi per un rilancio delle vendite italiane nella regione.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il rapporto integrale sul sito di SACE. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Promuovere la generazione da fonti rinnovabili ed...

    AFRICA - “L’estensione delle reti per la trasmissione di elettricità è l’aspetto principale per garantire che chi oggi non ha ancora accesso all’energia possa averlo”: con queste parole Antonio Cammisecra, responsabile di Enel Green Power e presidente di RES4MED&Africa, ha aperto oggi a Roma i lavori della settima conferenza annuale dell’associazione che riunisce aziende, fornitori di tecnologie, mondo accademico e società di consulenza impegnate nella cooperazione energetica e nella promozione dello sviluppo delle rinnovabili nella regione del Mediterraneo e in Africa. Evidenziando come nel 2030, secondo le attuali proiezioni demografiche, si stima che almeno una persona su cinque al mondo vivrà in Africa Cammisecra ha spiegato che questo è il momento per investire nello sviluppo del settore energetico nel continente. Nonostante il potenziale esistente, in base ai dati a disposizione, la capacità di generazione elettrica da fonti rinnovabili in Africa è pari complessivamente a 42 Gigawatt: 31 GW dall’idroelettrico, 5 GW dall’eolico, 4 GW dal solare, 2 GW da bioenergia e 1 GW dal geotermico. L’80% di questa capacità di generazione è però concentrata in 10 Paesi: Sudafrica, Etiopia, Angola, Marocco, Kenya, Egitto, Zambia, Uganda, Malawi e Ghana. Cosa manca, ha concluso Cammisecra, è soprattutto la capacità di sviluppare progetti sostenibili e un adeguato sostegno finanziario, ma ancor di più il necessario supporto istituzionale da parte della comunità internazionale e dei Paesi del continente a sostenere la transizione verso le rinnovabili: “L’appuntamento di oggi fornirà senz’altro una spinta ulteriore verso questo traguardo”. [MV]
  • Africa Free

    Cooperazione Italiana promossa sulla trasparenza degli...

    AFRICA / ITALIA - Grande riconoscimento per l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), la giovane agenzia, nata nel 2016, incaricata dal Governo di promuovere sviluppo e crescita inclusiva in Stati e aree del mondo in difficoltà a causa di guerre, sottosviluppo, catastrofi naturali. Si tratta dell’oramai famoso “aiutare a casa loro” che l’Aics traduce in combattere la povertà, promuovere i diritti, creare posti e opportunità di lavoro. Ogni anno i severissimi inglesi di Publishwhatyoufund.com (in italiano suonerebbe “pubblica quello che finanzi”) confrontano le varie agenzie governative e stilano una classifica. Quest’anno, l’Italia scala oltre otto posizioni in classifica, abbandona il poco lusinghiero “very poor” degli scorsi anni e rientra nella categoria “FAIR”, superando la Norvegia, il Giappone e l’Irlanda. L’Aics ha gestito in questi primi due anni di vita progetti di sviluppo, intervento umanitari e investimento sostenibile per oltre un miliardo di euro, suddivisi nei Paesi in via di sviluppo come Africa, Asia e Sud America. Ecco quindi che il giudizio sulla trasparenza nell’uso delle risorse e nella comunicazione ai cittadini era un passaggio cruciale per il lavoro svolto dall’Agenzia. E’ giustamente sempre più forte, infatti, l’attenzione su che fine fanno i soldi dei contribuenti, quanto sono trasparenti i flussi finanziari e quanto rendicontabili ai cittadini. “L’Agenzia per la cooperazione ha dovuto lavorare sodo per migliorare il posizionamento dell’Italia nell“Aid Transparency Index - afferma Emilio Ciarlo che ha diretto l’Ufficio delle relazioni internazionali e della comunicazione dell’Aics che si è occupato del dossier - Ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo aderito allo IATI, l’organizzazione internazionale che pubblica lo standard riconosciuto di dati trasparenti sull’aiuto pubblico allo sviluppo; abbiamo chiesto alle nostre venti sedi in giro per il mondo di bonificare tutti i dati sui finanziamenti e i contratti; abbiamo rivisto il sito www.openaid.aics.gov.it per consentire ai cittadini di accedere facilmente alle informazioni sui nostri  progetti in giro per il mondo; abbiamo partecipato al piano pubblico sull’open government italiano, abbiamo spiegato a livello internazionale che il Parlamento italiano è tra i più trasparenti in tema di stanziamenti per la cooperazione. Tutti i nostri sforzi – conclude Ciarlo – sono stati ripagati da questo risultato che dimostra che con impegno e orgoglio possiamo sempre dire la nostra a livello internazionale. Guai però ad accontentarsi e da oggi continueremo a lavorare per raggiungere risultati ancora  migliori”.
  • Africa Free

    Annunciato programma di borse di studio su ingegneria...

    AFRICA - Il Centro d’eccellenza per le ferrovie africane (ARCE) ha lanciato un programma per offrire una serie di borse di studio a cittadini dei Paesi del continente per seguire corsi di specializzazione e dottorati di ricerca in ingegneria ferroviaria. A renderlo noto è lo stesso Centro d’eccellenza ARCE che ha sede presso l’Istituto di tecnologia dell’Università di Addis Abeba, specificando che il programma è sostenuto dalla Banca Mondiale. In base a quel che viene reso noto, il programma è aperto a potenziali candidati interessati a seguire curriculum in infrastrutture civili, materiale rotabile e trazione e controllo ferroviaria. Obiettivo del Centro d’eccellenza ARCE è rafforzare le capacità tecniche e professionali nel settore ferroviario attraverso la formazione a breve termine e la ricerca. Per maggiori informazioni sul programma di borse di studio è possibile visitare la pagina internet dedicata. [MV]
  • Africa Free

    Presentato progetto Open Africa per illustrare impatto...

    AFRICA - Si propone di illustrare visivamente i modi in cui l’accesso a forme sostenibili di energia possano avere un impatto positivo sulle condizioni di vita della popolazione in Africa: il progetto Open Africa, consistente in un libro fotografico e un web-doc, è stato presentato ieri a Roma. Prodotto con Res4Africa ed Enel Foundation, Open Africa racconta così attraverso le fotografie di Riccardo Venturi e i testi di Lorenzo Colantoni l’evoluzione della società africana alla luce della crescente elettrificazione e le soluzioni tecnologiche innovative che la stanno rendendo possibile, in particolare grazie l’esperienza sul campo ottenuta tramite una serie di viaggi in Etiopia, Kenya, Uganda e Sudafrica. “Attraverso Open Africa - ha detto il segretario generale di Res4Africa, Roberto Vigotti - ci auguriamo di aumentare la consapevolezza e l’impegno degli attori politici, dei portatori d’interesse e degli investitori nel contribuire a raggiungere l’accesso universale all’energia e innescare così importanti benefici socio-economici”. Associazione sostenuta da Enel Green Power che riunisce aziende, fornitori di tecnologie, mondo accademico e società di consulenza impegnate nella cooperazione energetica e nella promozione dello sviluppo delle rinnovabili in Africa, Res4Africa promuove inoltre venerdì 22 giugno la propria conferenza annuale che per questa edizione ha come titolo “A Call for Africa: enabling sustainable projects”. Per maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione e sul programma della conferenza è possibile cliccare qui. [MV]
  • Africa Free

    In Italia un Centro africano per clima e sviluppo...

    AFRICA - L’Italia, in collaborazione con Fao e Undp, il programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, darà vita a un Centro africano per il clima e lo sviluppo sostenibile, che sarà inaugurato a ottobre. Lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, da Berlino, dove ha partecipato al al 9° Dialogo di Petersberg sul cambiamento climatico. “Inaugureremo il Centro ai primi di ottobre - scrive Costa in un comunicato - e approfitteremo dell’invito ricevuto dal collega ruandese per presentare il Centro in una delle loro prossime iniziative di presidenza dell’Unione africana. L’Italia ormai ha avviato percorsi di cooperazione con circa 60 Paesi, tra le piccole isole del Pacifico, i Caraibi e l’Africa”. Secondo il ministro, a Berlino è emersa una comunione di intenti per arrivare a una piena applicazione dell’Accordo di Parigi sul clima. “L’Italia ci crede - ha detto ancora Costa - e vuole essere un partner affidabile, concreto e appassionato. Il prossimo appuntamento di Katowice in Polonia, previsto per dicembre, sarà un momento fondamentale per definire concretamente l’impegno di ciascun Paese al fine di salvaguardare il nostro Pianeta. Noi ci siamo e gli obiettivi che ci siamo dati sono ampiamente superati con le misure che abbiamo pianificato e progettato”.
  • Africa Free

    Accordo tra AfDB e Banca Mondiale per Global...

    AFRICA - La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha sottoscritto un accordo con il Gruppo Banca Mondiale come partner tecnico della Global infrastructure Facility (GIF). Lanciata nel 2015, la GIF è una piattaforma di partenariato tra governi, banche multilaterali, investitori privati e istituzioni finanziarie che ha l’obiettivo di sostenere i mercati emergenti nello sviluppo di infrastrutture economiche. In una nota, la stessa AfDB sostiene che la collaborazione con GIF aiuterà a fornire al continente africano maggiori opportunità di leverage e di amplificare le capacità imprenditoriali dei progetti sostenuti dalla banca africana. Da un punto di vista operativo sarà la Divisione Infrastructure and Partnership a implementare l’accordo con la GIF. [MS]