Africa

Inversione di rotta per le esportazioni italiane verso l’Africa, secondo rapporto SACE

AFRICA – Le esportazioni italiane verso l’Africa sono aumentate nel 2017 e continueranno a crescere significativamente anche quest’anno e nel triennio 2019-2021: è una delle osservazioni contenute nel rapporto 2018 sull’Export italiano “Keep calm & Made in Italy”, realizzato dall’Ufficio Studi di SACE che insieme a SIMEST rappresenta il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo Cassa depositi e prestiti.

Secondo il rapporto, nel 2017 i risultati delle esportazioni italiane verso la regione dell’Africa sub-sahariana (+5,5%) hanno sorpreso rispetto alle attese mentre più lenta, anche se sempre di segno positivo, è stata la dinamica delle vendite italiane in Nord Africa (+1,2%).

Per il 2018 l’export verso i Paesi dell’Africa Subsahariana manterrà un ritmo, in media, simile a quello osservato nell’anno precedente con un tasso atteso pari al 5,4%, mentre è previsto un deciso incremento delle vendite dei prodotti italiani in Nord Africa (che insieme all’export nella regione del Medio Oriente dovrebbe registrare un tasso integrato del 4,7%) con un leggero rallentamento atteso per il triennio 2019-2021 (+4,5% per l’Africa sub-sahariana e +4% per Nord Africa e Medio Oriente).

La positiva performance del 2017 (+9,3%) consolida la Tunisia tra i mercati dell’Africa Settentrionale (+3,4% previsto nel 2018; +2,8% in media nel periodo 2019-2021).

In Egitto, assorbiti gli effetti della correzione macroeconomica dell’ultimo biennio che hanno comportato nello scorso anno una contrazione dell’export Made in Italy del 5,5%, si assisterà a un nuovo incremento delle esportazioni italiane, trainate dagli investimenti locali ed esteri (+4,9% nel 2018; crescita superiore al 4% nel triennio 2019-2021).

Anche in Marocco si prevede il mantenimento del trend recente (+9,2% nel 2018; +6,8% medio nel periodo 2019-2021), mentre l’Algeria registrerà un tendenziale rallentamento a causa delle restrizioni all’acquisto di merci dall’estero, attuato attraverso un bando temporaneo all’import di beni non essenziali e l’aumento delle imposte doganali (+2% nel 2018; +2,8% medio nel triennio successivo 2019-2021).

Complessivamente le esportazioni italiane verso i mercati dell’Africa sub-sahariana si sono attestate nel 2017 a un valore pari a circa 5,2 miliardi di euro: un’inversione di rotta dopo il calo del 2015-2016 che getta le basi per un rilancio delle vendite italiane nella regione.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il rapporto integrale sul sito di SACE. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Dove investire in Africa nel 2019, secondo Rand...

    AFRICA - L’Egitto e il Sudafrica guidano la 'Top 10' dei migliori Paesi in cui investire nel 2019, secondo un rapporto della Rand Merchant Bank (RMB), una società finanziaria sudafricana. Prima nazione in classifica è quindi l’Egitto, considerata uno degli hub imprenditoriali con crescita più veloci al mondo, seguita dal Sudafrica, considerata una destinazione chiave per gli investitori. Sempre più importante nell’area Medio-Oriente-Africa è il Marocco, visto come una porta d’ingresso su entrambi i blocchi, e forte di una crescita media del 4,4% negli ultimi 15 anni. Seguono due economie emergenti dell’Africa Orientale, l’Etiopia e il Kenya, spinte da una forte crescita della classe media e dei bisogni di prodotti e beni ad alto valore. Al sesto posto gli analisti della RMB collocano il Rwanda, una delle nazioni dove è più facile “fare business”, e fanno seguire la Tanzania, dove consigliano i settori dell’agricoltura, delle risorse minerarie e del turismo. Chiudono la classifica delle 10 migliori destinazioni dove investire nel 2019 la Nigeria, il Ghana e la Costa d’Avorio. [CC]
  • AfricaEgitto Free

    L’Egitto vuole raddoppiare il commercio con l...

    EGITTO / AFRICA – Intende raddoppiare il volume degli scambi con il continente africano, attualmente dell’1%, il governo egiziano. Lo ha dichiarato il ministro del Commercio e dell’Industria Amr Nassar, intenzionato a spingere sull’acceleratore per portare il volume degli scambi al 2%. Un piano per incentivare il commercio con il resto dell’Africa è stato esaminato e discusso con un comitato parlamentare al Cairo, durante una riunione. Secondo Nassar, l’attuale volume degli scambi non corrisponde alle capacità egiziane, gigante africano nel comparto industriale, ed è di gran lunga inferiore al commercio che riescono a realizzare Paesi come Cina, India o Turchia. Il ministro ha anche fatto sapere di essere stato contattato dall’Unione Africana affinché si trovino modi di potenziare l’intervento egiziano in Africa in comparti come l’industria della trasformazione e il settore manifatturiero. La prima edizione della Fiera commerciale intra-africana organizzata dall’African Export–Import Bank (Afreximbank) al Cairo, in collaborazione con l’Unione Africana, a dicembre, è stato l’ultima di una serie di iniziative che nel 2018 hanno cercato di promuovere le relazioni commerciali tra l’Egitto e il resto del continente. [CC]
  • Africa Free

    African Economic Outlook, anticipazioni del rapporto...

    AFRICA - Sarà diffusa il 17 gennaio la nuova edizione dell’Africa Economic Outlook, la pubblicazione annuale della Banca africana di sviluppo che fa il punto sulle economie continentali. Una maggiore resilienza macroeconomica, investimenti in infrastrutture, un nuovo focus sulla creazione di posti di lavoro, ma anche un nuovo slancio per l’area di libero commercio africana: saranno questi alcuni dei punti chiave da un punto di vista economico per il 2019 in Africa secondo Akinwumi Adesina, presidente della Banca africana di sviluppo (AfDB), che ha rilasciato un’intervista esclusiva ad ‘Africa e Affari’ e pubblicata sul numero di gennaio della rivista realizzata dalla redazione di InfoAfrica. “Sono ottimista e sono molto eccitato sulla ripresa delle economie in Africa - ha spiegato nell’intervista Adesina - la ripresa dei prezzi del petrolio aiuterà molto i Paesi che basano le loro economie sugli idrocarburi e che sono in parte anche delle locomotive per le regioni in cui si trovano. Si tratta di Paesi che negli anni scorsi hanno sofferto molto, da un punto di vista macroeconomico, dei prezzi petroliferi e che potranno far ripartire politiche economiche importanti. In generale credo che il 2019 mostrerà una riduzione del deficit fiscale, una riduzione dell’inflazione e anche una riduzione nel deficit del bilancio di molti Paesi. Ritengo che la macroeconomia africana si stabilizzerà”. Secondo Adesina, un altro elemento positivo emerge dai dati di crescita, con una stima di crescita media del continente che nel 2018 ha fatto segnare il 3,9%. Un dato molto alto se comparato con la crescita di altre zone del mondo e comunque superiore alla media mondiale del 3,7% (n.d.r. secondo l’Fmi l’Africa nel 2018 farà segnare una crescita media del 3,4%, seconda solo a quella della regione Asia e Pacifico col 5,5%). “Questa tendenza - ha detto ancora Adesina - andrà migliorando anche per il 2019 e il 2020, dove prevediamo una crescita media del 4,1% annuo. In generale penso che l’economia africana si stia riprendendo più velocemente di quanto ci aspettavamo”. L’Africa Economic Outlook e i dati in esso contenuti saranno al centro di una iniziativa che sarà organizzata da Africa e Affari a Roma il prossimo 30 gennaio. I dettagli dell’iniziativa, che sarà organizzata insieme al Centro Relazioni per l’Africa della Società Geografica Italiana, saranno resi disponibili nei prossimi giorni sul sito di InfoAfrica e su quello di Africa e Affari. [MS]
  • Africa Free

    Fondi dalla regione Emilia-Romagna per la cooperazione...

    AFRICA - Sono pari in tutto a 1,7 milioni di euro i fondi stanziati dalla Regione Emilia Romagna per finanziare 48 progetti di cooperazione internazionale da realizzare in particolare in Paesi dell'Africa: Algeria, Burundi, Burkina Faso, Camerun, Costa D’Avorio, Egitto, Etiopia, Kenya, Senegal, Mozambico e Tunisia. A renderlo noto è la stessa Regione, evidenzianodo come l'Africa sia dunque al centro degli interventi che rientrano nell’ambito delle politiche di cooperazione allo sviluppo dell’Emilia-Romagna, entrati nella graduatoria del bando del maggio scorso, recentemente approvata dalla Giunta regionale. Altri interventi sono previsti in Palestina, Bielorussia, Ucraina e Brasile. In tutto sono 48 progetti, finanziati con oltre un milione e settecentomila euro. Di questi, 41 progetti - selezionati attraverso il bando annuale sulla cooperazione-hanno come obiettivo generale quello di migliorare in quei Paesi le condizioni di vita e quelle igienico-sanitarie, favorire l’accesso all'istruzione e promuovere lo sviluppo agricolo; 3 sono progetti destinati ad affrontare particolari situazioni di emergenza dovute a carestie alimentari o problemi umanitari legati ai flussi migratori. Obiettivi e contenuti dei progetti ammessi al finanziamento regionale sono stati illustrati alla Consulta della cooperazione internazionale (organismo rappresentativo che riunisce organizzazioni umanitarie, enti locali, associazioni del Terzo settore e università) dalla vicepresidente con delega alla cooperazione allo sviluppo, Elisabetta Gualmini. Scendendo nel dettaglio dei singoli Paesi, i progetti approvati interessano il Burkina Faso (3 progetti); Burundi (2 progetti); Camerun (2 progetti); Campi profughi Saharawi (4 progetti); Costa d'Avorio (2 progetti); Egitto (1 progetto); Etiopia (4 progetti): Kenya (2 progetti); Marocco (1 progetto); Mozambico (4 progetti); Senegal (6 progetti); Territori dell'autonomia palestinese (3 progetti); Tunisia (2 progetti); Ucraina (2 progetti) e Bielorussia (3 progetti).
  • Africa Free

    I paperoni del continente secondo Forbes

    AFRICA - Secondo la classifica pubblicata venerdì dal magazine Forbes, il 61enne Alhaji Aliko Dangote resta l’uomo più ricco del continente africano con un patrimonio di quasi dieci miliardi di dollari. Il ricco nigeriano originario dello stato di Kano è in testa alla classifica dei paperoni d’Africa ormai da diversi anni. Dangote rientra nella classifica dei 100 uomini più ricchi al mondo del 2018 e si trova in 66esima posizione nella classifica dei personaggi più potenti, stilate sempre da Forbes. Il magazine si concentra in particolare sul gruppo industriale Dangote che varrebbe 40 miliardi di dollari ovvero un decimo dei 404.653 miliardi di dollari del Pil nigeriano (dati Banca Mondiale del 2016). Una ricchezza che poggia su una serie di pilastri che vanno dai cementifici, all’oil & gas, all’agribusiness, alle costruzioni. La classifica di Forbes continua con altri ricchi del continente. Dopo di Dangote c’è un altro nigeriano, il magnate del petrolio, Mike Adenuga, che avrebbe un patrimonio di 9,2 miliardi di dollari USD. Successivamente compaiono in successione il sudafricano Nicky Oppenheimer, l’egiziano Nassef Sawiris e poi Johan Rupert con rispettivamente $7.3, $6.3 e $5.3 miliardi. Molto lontana dalle prime posizioni, nell’ottava casella, compare Isabel dos Santos, figlia dell’ex-Presidente angolano Jose Eduardo dos Santos, con un patrimonio stimato di 2,3 miliardi di dollari USD. Era a capo della compagnia petrolifera nazionale angolana, ma è stata licenziata dal nuovo Capo di Stato Joao Lourenco e accusata di scorrettezze finanziarie. [Africa Rivista]
  • Africa Free

    Caffè, in Africa attesa la crescita più alta di...

    AFRICA – Sarà in Africa che si farà sentire la più forte crescita della domanda di caffè nell’anno corrente. Lo prevede l’Organizzazione internazionale per il caffè, che ha appena reso note le ultime statistiche relative alla produzione e al consumo di caffè nel mondo. Sebbene l’Africa sia a livello mondiale il continente con il consumo più basso – stimato per il 2018/19 a 12,2 milioni di sacchi da 60 chili – il consumo di caffè dovrebbe crescere sul continente del 4,1% nello stesso periodo. In linea generale, la tendenza mondiale è quella di un aumento del consumo di caffè, più elevato nei Paesi importatori. Guardando alla produzione mondiale, l’OIC ha registrato un volume superiore alle previsioni, di 164,99 milioni di sacchi contro 163,51 milioni di sacchi. L’Africa produce tra i migliori caffè del mondo, ma limitazioni di tipo economico, organizzativo ed infrastrutturale ostacolano il vero boom del settore. L’Etiopia – primo produttore africano - l’Uganda, la Costa d’Avorio, la Tanzania, il Kenya, sono tra i maggiori produttori di caffè del continente. I produttori negli ultimi tempi hanno tuttavia subito le conseguenze del calo del prezzo del caffè sul mercato. [CC]