Zimbabwe

“Buy Zimbabwe Summit”, atteso il capo dello Stato

ZIMBABWE – Verrà inaugurato dal presidente della Repubblica Emmerson Mnangagwa il “Buy Zimbabwe Summit” in programma domani e dopodomani a Gweru, presso il Village Lodge.

(134 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Approvato ‘piano regolatore’ dell’energia, vale...

    MOZAMBICO - Il governo del Mozambico ha approvato il Master Plan integrato delle infrastrutture elettriche che avrà un valore totale di oltre 34 miliardi di dollari statunitensi, 18 miliardi dei quali saranno investiti solo in nuove infrastrutture di generazione di energia. Lo riferisce la stampa locale, precisando che il piano prevede inoltre che 9 miliardi saranno utilizzati per finanziare la costruzione di infrastrutture di trasmissione di energia, con la spina dorsale del sistema di trasmissione elettrico che sarà nella dorsale Tete-Maputo principale, e 7 miliardi di dollari saranno invece investiti nella distribuzione di energia elettrica. Con questo piano, secondo le previsioni del governo, nel 2043 il Mozambico avrà la capacità di produrre 17720 MW di energia. Il Mozambico al momento ha bisogno di 8000 MW per il consumo interno. La domanda di energia per l'esportazione dovrebbe inoltre raggiungere circa 7000 MW, contro gli attuali 1500 MW. Secondo il giornale O País, la produzione di energia in Mozambico dovrebbe crescere in due momenti diversi. Il primo sarà dal 2018 al 2028 (con un aggiunta di produzione di 3400 MW) e il secondo dal 2028 al 2043 (consentendo la produzione di altri 12000 MW). Il governo intende fornire accesso universale all’elettricità ai proprio abitanti entro il 2030. Per raggiungere questi obiettivi entro il 2020 dovranno essere attivate oltre due milioni di nuove connessioni domestiche, che dovranno diventare 7,6 milioni nel 2030 e oltre 9,4 milioni nel 2040.
  • Angola Free

    Luanda pagherà in petrolio nuovo finanziamento dal...

    ANGOLA – Un accordo per il pagamento ‘in natura’ o meglio con barili di petrolio di una nuova linea di credito è stato raggiunto tra Angola e Brasile. Lo scrive il principale quotidiano nazionale angolano, Jornal de Angola, precisando che il governo dell'Angola consegnerà al Brasile l'equivalente di 20.000 barili di petrolio, come contropartita per la negoziazione di una nuova linea di credito e di assicurazione al credito per l'esportazione per un totale di 2 miliardi di dollari. Secondo il quotidiano, Angola e Brasile hanno firmato un memorandum d'intesa che stabilisce i "criteri per la concessione della copertura dell’Assicurazione al credito per l’esportazione (SCE) nell'ambito del Fondo di garanzia Export (FGE) con i fondi del Programma di finanziamento Esportazioni (Proex)", che è il principale strumento pubblico a sostegno delle esportazioni brasiliane di beni e servizi. Il nuovo accordo garantisce il finanziamento delle esportazioni di beni e servizi dal Brasile all'Angola. "Spetterà al governo angolano indicare le operazioni da coinvolgere e che saranno analizzate dal governo brasiliano", recita il protocollo, aggiungendo che il finanziamento bancario per queste esportazioni sarà garantito anche "in specifiche condizioni finanziarie". Secondo l'accordo, l'Angola "si impegna a mantenere il flusso finanziario relativo alla fornitura annuale di 20.000 barili / giorno di greggio, distribuiti in un carico, preferibilmente ogni 45 giorni, che costituiscono due spedizioni trimestrali". Banco do Brasil gestirà la restituzione di queste consegne che saranno utilizzate per "rimborsare" il debito angolano dovuto, la costituzione di depositi per l'ammortamento del debito in scadenza, e il bilancio finale sarà restituito all'Angola". Secondo l'ultimo rapporto mensile dell'OPEC, l'Angola ha raggiunto una produzione giornaliera di 1,5 milioni di barili di greggio a settembre, rispetto a 1.4 milioni di barili del mese precedente
  • Mozambico Free

    Idrocarburi, Eni acquisisce nuovi diritti esplorativi...

    MOZAMBICO - Il gruppo italiano Eni ha firmato un nuovo contratto con il ministero mozambicano delle Risorse minerarie e dell’energia per diritti esclusivi di esplorazione e sviluppo del blocco offshore A5-A, nelle acque profonde del bacino settentrionale dello Zambesi, a circa 1500 chilometri a nord est di Maputo. A renderlo noto è stata la stessa Eni, specificando che grazie a questa nuova acquisizione il gruppo rafforza ulteriormente la sua presenza in Mozambico, un paese ritenuto di importanza strategica per la società.   In base a quel che viene reso noto, il blocco è stato assegnato a Eni a seguito della partecipazione al “5° Licensing Round” competitivo indetto dal governo del Mozambico e si estende su un’area complessiva di 5133 chilometri quadrati ad una profondità d’acqua compresa tra 300 e 1800 metri, in una zona completamente inesplorata di fronte alla località di Angoche. Eni, attraverso la sua controllata Eni Mozambico, è l’operatore del Consorzio per il Blocco A5-A con una quota di partecipazione del 59,5%. Gli altri partner sono Sasol con il 25,5% e la compagnia statale mozambicana Empresa Nacional de Hidrocarbonetos (ENH) con il 15%. Il gruppo italiano è presente in Mozambico dal 2006 a seguito dell’acquisizione di una partecipazione nel Contratto Petrolifero dell’Area 4 ubicata nel bacino offshore di Rovuma, nell’area settentrionale del Paese, dove a seguito di una intensa campagna esplorativa nell’arco di soli 3 anni, dal 2011 al 2014, sono state scoperte risorse supergiantdi gas naturale nei giacimenti di Coral, Mamba e Agulha, stimate in 2.407 miliardi di metri cubi di gas in posto. Il Consorzio dell’Area 4 è composto da Eni (25%), ExxonMobil (25%) e CNPC (20%), partecipanti attraverso la società Mozambique Rovuma Venture, e da Empresa Nacional de Hidrocarbonetos (10%), Kogas (10%) e Galp (10%).   Il progetto di sviluppo iniziale delle risorse di Coral prevede la realizzazione di un impianto galleggiante (FLNG), per il trattamento, la liquefazione, lo stoccaggio e l’offloading del GNL con una capacità di liquefazione annua pari a circa 3,4 milioni di tonnellate. La fase realizzativa è stata avviata nel giugno 2017 e prevede l’avvio della produzione nel 2022.   Per i giacimenti di Mamba Complex il programma di sviluppo iniziale prevede la realizzazione di un impianto onshore composto da 2 treni per il trattamento e la liquefazione del gas e dalle relative facilities la cui capacità annua è pari a circa 15,2 milioni di tonnellate di GNL. L’avvio della produzione è atteso nel 2024 con il sanzionamento del progetto previsto nel 2019.
  • Angola Free

    Presidente annuncia il sorpasso dell’idroelettrico...

    ANGOLA – Per la prima volta nella sua storia recente nel 2017 la gran parte dell’energia elettrica prodotta in Angola è stata generata dal settore idroelettrico e non da centrali alimentate con combustibili fossili. Lo ha detto il presidente dell’Angola, , João Lourenço nel suo discorso a Luanda sullo stato di nazione, precisando che l'entrata in esercizio di nuovi impianti idroelettrici  ha permesso al paese di risparmiare un totale di 669.000 litri di gasolio / giorno "L'Angola ha attualmente una capacità installata di quattromila e 409 Megawatt (MW)", ha affermato, il capo di Stato, precisando che il 78% di questa energia è stata prodotta da impianti idroelettrici. "Questo è il risultato degli investimenti utilizzati per la costruzione della diga Lauca e Cambambe Center" ha sottolineato Lourenço, aggiungendo che l'avvio di nuove centrali idroelettriche ha permesso il rafforzamento della capacità di alimentazione in province quali Luanda, Huambo e Namibe. Con gli investimenti in corso, il governo prevede anche di migliorare l'approvvigionamento energetico nelle province di Moxico, Lunda Norte e Lunda Sul. Per quanto riguarda il sottosettore idrico, il Capo dello Stato ha sottolineato che si stanno compiendo sforzi per rivitalizzare i progetti di costruzione di reti idriche e per ridurre il divario di approvvigionamento esistente tra Luanda e le altre città dell'interno del paese. Il presidente João Lourenço ha anche affermato che la legislazione recentemente approvata contribuirà ad attrarre maggiori investimenti nel settore petrolifero e ad arrestare il declino della produzione petrolifera, in particolare grazie alla Legge sull'industria del gas e della produzione non associata. Al fine di sviluppare la raffinazione del greggio João Lourenço ha ricordato che sono state lanciate gare d'appalto per la costruzione di una grande raffineria a Lobito, con capitale misto, una raffineria a Cabinda, con capitale privato, e un’altra per aumentare la capacità della raffineria di Luanda.
  • Mozambico Free

    Amministrative: vince il Frelimo, opposizioni...

    MOZAMBICO - Il Frelimo si è imposto alle elezioni amministrative tenute in 53 municipalità aggiudicandosi la vittoria in 44 di queste. Rispetto alle precedenti consultazioni del 2013 - che però erano state boicottate dalla Renamo, principale partito di opposizione - la quota del Frelimo (al governo) si è ridotta di cinque municipalità. Il Frelimo ha mantenuto in particolare il controllo della capitale Maputo, mentre la Renamo ha conquistato sette municipalità tra cui i due capoluoghi provinciali di Quelimane e Nampula. Il Movimento democratico del Mozambico, secondo partito di opposizione, ha a sua volta mantenuto la sua tradizionale roccaforte di Beira, capoluogo della provincia di Sofala. I risultati sono stata convalidati dalla Commissione nazionale elettorale; alcuni esponenti della Renamo hanno minacciato ricorsi per presunte frodi e Ossufo Momade, coordinatore della commissione politica della Renamo, ha minacciato di abbandonare il processo di pace in corso. In risposta, il portavoce del Frelimo ha invitato ad abbassare i toni e a non legare i risultati elettorali ai negoziati. [MS]
  • Zimbabwe Free

    Stanziati fondi per laboratori scolastici e...

    ZIMBABWE - Il governo di Harare ha stanziato una cifra pari a 4,2 milioni di dollari per realizzare nelle scuole e negli istituti superiori del Paese laboratori con l’obiettivo mi rafforzare le competenze tecniche e professionali degli studenti. Ad annunciarlo è stata la segreteria permanente uscente dell’Istruzione primaria e secondaria, Sylvia Utete-Masango, aggiungendo che altri nove milioni di dollari sono stati già spesi per acquistare materiali atti all’insegnamento. “Stiamo dando priorità alle infrastrutture, nel senso di ristrutturare alcuni degli edifici scolastici che più ne hanno bisogno - ha detto Utete-Masango - Per ogni edificio oggetto di ristrutturazione, stiamo realizzando anche nuove aule, laboratori per la formazione tecnica ed edifici per l’ospitalità degli insegnanti”. [MV]