Mali

Crisi umanitaria nel nord, la denuncia di Lvia

MALI – Nel Nord del Mali la crisi umanitaria si aggrava. A denunciarlo, è un dossier pubblicato da “Lvia”, Ong italiana di ispirazione cristiana, pervenuto all’Agenzia Fides. “La gente continua a fuggire” spiega Ousmane Ag Hamatou, tuareg, coordinatore delle attività di “Lvia” in Mali. “Secondo i dati che abbiamo raccolto, attualmente 144mila maliani sono rifugiati in Niger, Mauritania e Burkina Faso. A questi si aggiungono 52mila sfollati che hanno cercato sicurezza nel Sud del Paese. Come Ong stiamo lavorando per creare le condizioni affinché queste persone possano tornare a casa”. La Ong è riuscita a far rientrare 200 famiglie garantendo loro aiuti per ricominciare un’attività economica.

Nella regione di Gao anche l’acqua è un problema. Il Niger è il corso d’acqua più grande che finora ha alimentato i pozzi dei quali si serviva la popolazione locale. I combattimenti hanno però distrutto molti di questi pozzi che sono stati così abbandonati. Così oggi solo il 28% della popolazione ha accesso a fonti idriche sicure, meno di una persona su tre. “Lvia – osserva Ousmane Ag Hamatou – ha creato una partnership con Echo (European Civil Protection and Humanitarian Aid Operations) e Minusma (la missione Onu in Mali) riuscendo così e ristrutturare 124 punti d’acqua. A quasi 85mila persone è stata data così la possibilità di avere accesso all’acqua di buona qualità”.

Oltre all’acqua manca anche il cibo. Attualmente sono 274 mila i bambini gravemente denutriti e 582 mila i bambini colpiti da malnutrizione moderata. Già ora il tasso di malnutrizione acuta severa è sopra il 10%, ben sopra i limiti di allerta. La carenza tenderà a peggiorare nei prossimi mesi. Secondo le previsioni, da giugno ad agosto più di 4,3 milioni di persone (una su quattro) dovranno fare i conti con carenze alimentari a causa di carenze dei raccolti. “Viviamo situazioni di grave emergenza”, conclude Ousmane Ag Hamatou. “Nella regione di Gao, così come in tutto il Sahel, le crisi più ricorrenti sono quelle dovute alla siccità e ad annate di scarsa produzione agricola. Per fronteggiare questa situazione, sosteniamo gli agricoltori e i pastori per evitare che si indebitino, siano costretti a vendere gli animali o a mandare i giovani a lavorare in città o all’estero”.

Dal 1986, Lvia è presente nella zona di Gao, regione da sempre instabile a causa delle rivendicazioni della popolazione tuareg. Tra il 2012 e il 2013, la Ong è stata costretta a lasciare l’area a causa dell’inasprirsi dei combattimenti tra esercito e ribelli. Nel 2014, però, i suoi progetti sono stati riattivati. Oggi è una delle pochissime Ong che lavorano ancora nel Nord, in condizioni difficilissime. [Agenzia Fides]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Costa Avorio Free

    Assegnati blocchi offshore ad Eni e Total

    COSTA D’AVORIO – Quattro contratti di condivisione di produzione petrolifera con l’italiana Eni e la francese Total sono al centro di una delle decisioni dell’ultimo consiglio dei ministri ivoriano, del 22 maggio.     I contratti prevedono l’assegnazione di due blocchi offshore  ad Eni  - i blocchi CI-501 e CI-504 - e di altri due, il 705 e 706, alla Total.     “ Questi contratti – si legge nel resoconto del consiglio trasmesso dal portavoce Sidi Touré Tiemoko – prevedono investimenti cumulati per un importo pari a 185 milioni di dollari nei vari peridi di esplorazione, di cui 90 milioni per Total e 95 milioni per Eni. Il consorzio su ognuno dei blocchi comprenderà la società Petroci Holding, titolare del 10%”. La Costa d’Avorio ha prodotto 32.287 barili al giorno nel 2018 ma ha fatto registrare un calo di produzione del 5.3%. Sono attualmente in produzione quattro campi, chiamati Leone e Pantera, Foxtrot,Speranza e Baobab.[CC]
  • Senegal Free

    Dakar importa turbine per il primo grande parco eolico...

    SENEGAL - Il Senegal ha iniziato l'importazione di turbine per l realizzazione del suo primo parco eolico su larga scala, il più grande progetto dell'Africa occidentale che fornirà quasi un sesto dell’energia prodotta dal paese. Lo riferiscono i media locali e internazionali, precisando che giovedì scorso  le parti non assemblate delle 46 turbine eoliche bianche erano state scaricate sui moli del porto di Dakar, pronte per essere spedite nella fattoria di 40 ettari. L’impianto, il cui costo è di 200 miliardi di franchi CFA (342 milioni di dollari), sarà finanziato per metà circa dall’azienda privata inglese che la realizzerà, la Lekela,  e l'altra metà sarà divisa tra Overseas Private Investment Corp con sede negli Stati Uniti e la società di credito all'esportazione danese EKF. Lekela ha anche progetti rinnovabili in Egitto, Ghana e Sud Africa. La società britannica si aspetta che il parco eolico, situato a Taiba Ndiaye, a circa 100 km dalla capitale Dakar, raggiunga i 158,7 megawatt (MW) entro il 2020. Il presidente Macky Sall vuole rendere il Senegal un leader nelle rinnovabili in Africa, con un obiettivo del 30% per l'energia pulita nei prossimi anni, di cui questo progetto fornirà la metà. Un progetto solare più piccolo in corso mira a produrre 30 megawatt. "Sul piano ambientale, il Senegal non ha mai avuto un progetto su questa scala", ha detto Massaer Cisse, capo del Senegal di Lekela, citato dall’agenzia di stampa inglese Reuters. Le energie rinnovabili rappresentano attualmente una piccola parte della produzione di energia in Africa, ma diversi progetti mirano ad aumentare tale quota.
  • BeninNiger Free

    Petrolio: accordo per costruzione oleodotto tra Niger e...

    NIGER/BENIN - I governi di Niger e Benin hanno firmato un accordo per la realizzazione di un oleodotto che collegherà i giacimenti nigerini con il porto di Cotonou, in Benin. Lo riferiscono i media locali e internazionali, precisando che  un accordo in tal senso, con l'obiettivo di stabilire le condizioni generali per la costruzione e il funzionamento del sistema di trasporto di idrocarburi attraverso i territori dei due paesi, è stato adottato venerdì a Niamey dal governo nigerino nel Consiglio dei ministri. Secondo l'accordo, si legge nella dichiarazione del governo, "i due paesi si impegnano in particolare a utilizzare il sistema di trasporto con oleodotto”. Le informazioni disponibili forniscono pochi dettagli operativi e si limitano a precisare che l’oleodotto collegherà la zona petrolifera di Agadem (estremo nord-est del Niger) al porto di Cotonou (Benin), utilizzato per l'esportazione del suo petrolio greggio a scopi commerciali. Dal 2011, il Niger produce petrolio attraverso lo sfruttamento del deposito di Agadem. Ora ha un'industria petrolifera completa, producendo un petrolio di alta qualità lavorato dalla Zinder Refining Company (SORAZ). La produzione attuale è di 20.000 barili al giorno, per un fabbisogno nazionale stimato in 7.000 barili. Con il prossimo avvio della seconda fase operativa del blocco Agadem, il Niger punta a incrementare la sua attuale produzione giornaliera di greggio di cinque volte, fino a 110.000 barili entro il 2021.
  • Benin Free

    Approvato piano per rinnovo Porto di Cotonou, dietro c...

    BENIN - Le autorità del Benin hanno annunciato nel fine settimana un piano di rinnovamento ed estensione del Porto Autonomo di Cotonou (PAC). Lo riferiscono i media locali e internazionali, citando il bollettino “Port Info” distribuito nel fine settimana durante le giornate ‘porte aperte’ del Porto di Cotonou. Secondo il bollettino, il PAC ha recentemente adottato un piano di investimenti per il periodo 2019-2021, stimato in circa 511 milioni di dollari, o poco più di 300 miliardi di franchi CFA per la sua modernizzazione e il potenziamento della capacità produttiva. "Lo scopo di questo piano è: la trasformazione e la modernizzazione infrastrutturale del porto autonomo di Cotonou” si legge nel bollettino. In pratica, spiega la stessa fonte, si tratta dell'estensione dei moli Sud e Nord per aumentare la capacità di elaborazione; costruzione di una nuova stazione per aumentare la trasformazione dei prodotti petroliferi; ampliamento dell'ingresso al bacino del porto di Cotonou; maggiore capacità di stoccaggio e di lavorazione delle merci. Creato il 31 dicembre 1964, il porto di Cotonou gioca un ruolo centrale nell’economia del Benin. A questo proposito, fa notare lo stesso bollettino, per il PAC transita il 90% del commercio con l’esterno del paese, genera fino al 60% del prodotto interno lordo (PIL) e contribuisce tra l'80 al 85% alla riscossione delle entrate doganali e dal 45 al 50% delle entrate fiscali del paese. Anche per questo, scrive infine il bollettino, per aumentare la redditività e sfruttare l’enorme potenziale geostrategico nonché per raccogliere le enormi risorse necessarie per la sua modernizzazione, il governo del Benin ha optato per un partenariato pubblico-privato (PPP), delegando la gestione del porto di Cotonou ad  Antwerp International (PAI), una filiale del porto belga di Anversa, secondo porto europeo, dopo quello Rotterdam.
  • Senegal Free

    Opportunità Senegal per aziende italiane, un evento e...

    SENEGAL - Un evento a Milano il 31 maggio e tre missioni imprenditoriali nel mese di luglio per conoscere tutte le opportunità economiche che oggi il Senegal può offrire alle aziende italiane. Venerdì 31 maggio a Milano, presso la sede di Assolombarda, l’Ufficio economico dell’Ambasciata del Senegal in Italia (BESI) in collaborazione con la società UP2gether organizza una conferenza dal titolo “Il Senegal, stabilità e crescita: un business per le aziende italiane”. L’evento si propone di far conoscere le opportunità e la reale situazione di continua crescita e di ammodernamento che il Paese ha raggiunto negli ultimi anni mettendo a disposizione di investitori e imprenditori gli strumenti per offrire una visione corretta delle importanti potenzialità del Senegal. Nel corso della giornata di lavori saranno approfonditi in particolare i settori delle energie tradizionali e rinnovabili, della salute e dell’ambiente, dell’agro-alimentare e delle costruzioni. All’evento è prevista inoltre la partecipazione di una delegazione di rappresentanti del governo senegalese e la presentazione di casi pratici di imprenditori italiani che operano nel Paese. Per iscriversi è possibile registrarsi a questo link. Per dare seguito ai contenuti della conferenza, la stessa società UP2gether di Barbara de Siena in collaborazione con Associazione Vicina (www.associazionevicina.com) che rappresenta in Senegal e nei paesi dell’Africa sub-sahariana occidentale e PMI Lombarde, portale delle PMI Lombarde (www.pmilombarde.it) organizza per il mese di luglio 3 missioni tematiche multiaziendali: 1-4 luglio 2019 - Industria, Impianti industriali, Attrezzature 8-11 luglio 2019 - Costruzioni, Edilizia, Illuminazione, Arredamento & Design, Acqua, Energia 15-18 luglio 2019 - Filiera Agro-alimentare “Il Senegal sta vivendo una crescita stabile che promette un futuro molto positivo. I progetti del PSE Piano Senegal Emergente continuano a cambiarne il volto. Il Paese ha appena confermato S.E. M. Macky Sall per un secondo mandato presidenziale e svariati altri progetti stanno cambiando il volto di questo pacifico paese” commenta Barbara de Siena, che è convinta che il Senegal possa offrire molte opportunità di affari alle aziende italiane.
  • Ghana Free

    Sostegno dalla cooperazione coreana per promuovere...

    GHANA -Il Programma della cooperazione coreana sull’agricoltura coreana (KOPIA) ha firmato un accordo con il Consiglio per la ricerca scientifica e industriale (CSIR) per sostenere la commercializzazione dei prodotti agricoli coltivati in Ghana.

    A riportarlo sono i media locali, dai quali si apprende che l’intesa prevede il sostegno della cooperazione coreana all’Istituto per la ricerca sugli animali (ARI) e all’Istituto per la ricerca sulle colture (CRI) del CSIR per sostenere la produzione a fini commerciale di razze di pollame e varietà di riso.

    L’accordo è destinato a rafforzare la produzione avicola e risicola ghanese, attualmente insufficiente a garantire i consumi nazionali.

    Alla cerimonia della firma presso la sede centrale del CSIR ad Accra era presenti, tra gli altri, il direttore del KOPIA Cho Gyoungrae, il direttore dell’ARI Emmanuel Adu e il direttore del CRI Moses B. Mochiah. [MV]