Mali

Crisi umanitaria nel nord, la denuncia di Lvia

MALI – Nel Nord del Mali la crisi umanitaria si aggrava. A denunciarlo, è un dossier pubblicato da “Lvia”, Ong italiana di ispirazione cristiana, pervenuto all’Agenzia Fides. “La gente continua a fuggire” spiega Ousmane Ag Hamatou, tuareg, coordinatore delle attività di “Lvia” in Mali. “Secondo i dati che abbiamo raccolto, attualmente 144mila maliani sono rifugiati in Niger, Mauritania e Burkina Faso. A questi si aggiungono 52mila sfollati che hanno cercato sicurezza nel Sud del Paese. Come Ong stiamo lavorando per creare le condizioni affinché queste persone possano tornare a casa”. La Ong è riuscita a far rientrare 200 famiglie garantendo loro aiuti per ricominciare un’attività economica.

Nella regione di Gao anche l’acqua è un problema. Il Niger è il corso d’acqua più grande che finora ha alimentato i pozzi dei quali si serviva la popolazione locale. I combattimenti hanno però distrutto molti di questi pozzi che sono stati così abbandonati. Così oggi solo il 28% della popolazione ha accesso a fonti idriche sicure, meno di una persona su tre. “Lvia – osserva Ousmane Ag Hamatou – ha creato una partnership con Echo (European Civil Protection and Humanitarian Aid Operations) e Minusma (la missione Onu in Mali) riuscendo così e ristrutturare 124 punti d’acqua. A quasi 85mila persone è stata data così la possibilità di avere accesso all’acqua di buona qualità”.

Oltre all’acqua manca anche il cibo. Attualmente sono 274 mila i bambini gravemente denutriti e 582 mila i bambini colpiti da malnutrizione moderata. Già ora il tasso di malnutrizione acuta severa è sopra il 10%, ben sopra i limiti di allerta. La carenza tenderà a peggiorare nei prossimi mesi. Secondo le previsioni, da giugno ad agosto più di 4,3 milioni di persone (una su quattro) dovranno fare i conti con carenze alimentari a causa di carenze dei raccolti. “Viviamo situazioni di grave emergenza”, conclude Ousmane Ag Hamatou. “Nella regione di Gao, così come in tutto il Sahel, le crisi più ricorrenti sono quelle dovute alla siccità e ad annate di scarsa produzione agricola. Per fronteggiare questa situazione, sosteniamo gli agricoltori e i pastori per evitare che si indebitino, siano costretti a vendere gli animali o a mandare i giovani a lavorare in città o all’estero”.

Dal 1986, Lvia è presente nella zona di Gao, regione da sempre instabile a causa delle rivendicazioni della popolazione tuareg. Tra il 2012 e il 2013, la Ong è stata costretta a lasciare l’area a causa dell’inasprirsi dei combattimenti tra esercito e ribelli. Nel 2014, però, i suoi progetti sono stati riattivati. Oggi è una delle pochissime Ong che lavorano ancora nel Nord, in condizioni difficilissime. [Agenzia Fides]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Costa Avorio Free

    Gbagbo va liberato, Cpi respinge richiesta della...

    COSTA D’AVORIO – E’ stata respinta ieri pomeriggio dalla Corte Penale Internazionale (Cpi) la richiesta dei procuratori Fatou Bensouda ed Eric MacDonald di mantenere in detenzione, nonostante il verdetto di martedì, l'ex presidente ivoriano Laurent Gbagbo e il suo ex ministro della Gioventù, Charles Blé Goudé.   I giudici hanno ordinato la liberazione dei due, chiedendo però la garanzia del loro ritorno in caso di processo in appello.   Dalla famiglia e dai sostenitori dell’ex presidente continuano ad arrivare reazioni di gioia e di sollievo per l’esito giudiziario di questo processo che vedeva l’ex presidente e il suo collaboratore accusati di crimini contro l'umanità nelle violenze post-elettorali del 2010-2011. “Un esito che proviene dalla giustizia e non da trattative o compromessi. La verità è venuta fuori. Le nazioni avevano condannato mio padre e adesso mio padre è prosciolto agli occhi delle stesse nazioni” ha commentato Marie-Patrice Gbagbo, figlia del politico.   Gbagbo era detenuto presso la Cpi dalla fine del 2011, mentre Blé Goudé è stato arrestato nel 2013. Non è chiaro quando l’ex presidente sceglierà di tornare in patria, ma sembrerebbe che la sua prima destinazione, quando sarà libero, sarà il Belgio.   Per il collettivo di circa 8000 vittime delle violenze elettorali, che non hanno mai percepito indennizzi, il verdetto della Cpi è motivo di delusione e tristezza. [CC]  
  • Ghana Free

    Inaugurati a Tema tre nuovi stabilimenti di Unilever

    GHANA - Il presidente Nana Addo Dankwa Akufo-Addo ha inaugurato tre stabilimenti, un impianto a biomassa, un essiccatore per la produzione di prodotti per la cura personale e una fabbrica per prodotti per l’igiene orale. Gli stabilimenti sono stati realizzati da Unilever Ghana a Tema. Nel suo discorso, Akufo-Addo ha sottolineato l’importanza dei progressi realizzati dal Paese e il contributo che le nuove opere daranno in termini di sviluppo e di posti di lavoro. “Unilever - ha detto - è diventato un nome familiare in Ghana, con milioni e milioni di ghanesi che su base giornaliera utilizzano prodotti che l'azienda realizza in Ghana. Sottolineando poi il valore del contributo che il settore privato può dare il capo dello Stato ha detto che scopo del suo govcerno è "liberare gli istinti innovativi e imprenditoriali del settore privato del Ghana per guidare la rapida crescita e la creazione di posti di lavoro”. [MS]
  • Ghana Free

    Operativa entro fine mese ferrovia tra Accra e Nsawam

    GHANA - Il servizio di trasporto ferroviario lungo la tratta tra Accra e Nsawam tornerà a essere operativo entro la fine di questo mese di gennaio. A dirlo è stato l'amministratore delegato dell'Autorità per lo sviluppo delle ferrovie del Ghana (GRDA), Richard Dombo, commentando lo stato di avanzamento dei lavori di riabilitazione della ferrovia a scartamento ridotto lunga 24 chilometri. "Siamo quasi arrivati in termini di lavori sull'infrastruttura - ha detto Dombo - Ora bisogna i test di collaudo". In base a quel che viene ricordato dai media che riportano la notizia, il servizio ferroviario era stato sospeso a ottobre 2017 in seguito a un incidente nei pressi della località di Tesano. Sono inoltre in corso lavori di riabilitazione ferroviaria anche lungo la tratta tra Accra e Tema (la cui conclusione è attesa nelle prossime settimen) e sulla linea a scartamento ridotto lunga 56 chilometri tra Kojokrom e Tarkwa attraverso Nsuta, che una volta terminati consentirà il ripristino del servizio di trasporto passeggeri tra Tarkwa e Takoradi per la prima volta dal 2007.
  • Senegal Free

    Inaugurato il primo tratto del Treno espresso regionale

    SENEGAL - Una cerimonia ufficiale alla quale erano invitati Akinwumi Adesina, presidente della Banca africana per lo sviluppo, e il presidente della Banca islamica per lo sviluppo, Bandar Al Hajjar, ha fatto da cornice alla ricezione ieri del Treno regionale espresso (TER), un treno moderno che collega Dakar alla nuova municipalità di Diamniadio, dov'è situato il nuovo aeroporto internazionale Blaise-Diagne. “Siamo in presenza del primo progetto ferroviario indipendente dal 1883, data della costruzione della linea Dakar-Rufisque” ha detto il presidente della Repubblica Macky Sall. “Abbiamo scelto di proiettarci alla punta del progresso sin dall’appalto per il TER, in cui tutte le carrozze sono climatizzate e hanno la wi-fi. I senegalesi meritano di viaggiare nel confort e la sicurezza, risparmiando tempo e denaro” ha sottolineato il capo dello Stato. La Banca africana e la Banca islamica sono tra i principali finanziatori di questo progetto, inserito nel Paino Senegal emergente. Contribuiscono anche l’agenzia francese per lo sviluppo, il fisco francese, il comune di Dakar, quello di Diamniadio. Il treno funziona con un’alimentazione doppia, sia elettrica che diesel. Il treno porta l’insegna del gruppo francese Alstom. La cerimonia di ieri ha segnato il completamento della prima fase, il tratto fra i due poli urbani, e dovrebbe segnare l’avvio della seconda fase, il proseguimento della ferrovia verso l’aeroporto. Il costo complessivo del progetto è di circa 1 miliardo di dollari e il suo completamento è previsto per il 2019. Il trasporto vero e proprio dei passeggeri inizierà tra circa sei mesi, alla fine della fase di test. [CC]
  • Niger Free

    Conte a Niamey: investire di più in cooperazione per...

    NIGER - “Il Niger ha un ruolo centrale e strategico per la sicurezza e la stabilità del Sahel e per gli interessi dell'area del Centro e del Nord Africa e di conseguenza dell'Europa. La mia presenza qui è anche un atto di omaggio alla leadership del presidente Issoufou e agli sforzi e risultati che il suo governo sta conseguendo nel campo della lotta al terrorismo e altresì nel campo del contrasto ai gruppi criminali che si dedicano ai campi più disparati che non trascurano di trafficare in vite umane, all’alimentazione del traffico di migranti irregolari, di flussi migratori che vedono tante persone cadere nelle loro mani spesso perdere la vita nel deserto o anche perdere la vita nel Mediterraneo: non è questo che vogliamo”. Così il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa congiunta con il presidente del Niger, Mahamadou Issoufou. “Su questo abbiamo un obiettivo comune: dobbiamo contrastare questi traffici”, ha aggiunto il premier. “Dobbiamo investire di più nel Trust Fund per l’Africa, nei progetti di cooperazione. Inutile pensare di contrastare i flussi migratori semplicemente intervenendo là dove si accendono i riflettori delle tv, sulle situazioni emergenziali. Bisogna intervenire nei Paesi dove il fenomeno si origina e dove si sviluppa il transito ed è quello che stiamo facendo con il Niger”. “L’Italia sta dando il suo contributo ed è pronta a incrementare gli sforzi per addestrare le forze armate, anche alle forze speciali”. ha detto ancora Conte che oggi incontrerà invece a N'Djamena il presidente del Ciad Idriss Deby.
  • Costa Avorio Free

    CPI, ex presidente Gbagbo prosciolto da tutte le accuse

    COSTA D'AVORIO - La prima Camera giudicante della Corte penale internazionale (CPI/ICC) dell'Aja ha prosciolto l'ex presidente ivorio Charles Gbagbo e l'ex ministro della Gioventù nonché suo stretto alleato, Charles Blé Goudé, da tutte le accuse di crimini contro l'umanità commessi in Costa d'Avorio durante la crisi elettorale del 2010-2011. A renderlo noto è stata la stessa CPI in una nota diffusa oggi, in cui viene precisato che la decisione di prosciogliere i due uomini politici ivoriani è stata presa a maggioranza. In base a quel che viene ulteriormente reso noto, le motivazioni della sentenza saranno pubblicate nelle prossime settimane. Conseguenza del proscioglimento è stata un ordine di immediata liberazione per Gbagbo e Blé Goudé, anche se il procuratore della CPI può comunque chiedere che i due restino in detenzione per motivi eccezionalie presentare ricorso contro la sentenza. Secondo quel che viene comunicato dalla CPI, dopo aver analizzato a fondo le prove, la Camera ha ritenuto che il Procuratore non abbia presentato prove sufficienti a dimostrare la responsabilità di Gbagbo e Blé Goudé per gli incidenti oggetto dell'indagine. In particolare, il Procuratore non avrebbe dimostrato alcuni elementi costitutivi fondamentali dei crimini al centro dell'accusa, inclusa l'esistenza di un "piano comune" per mantenere al potere Gbagbo, che comprendeva la commissione di reati violenti contro i civili e l'esistenza di modelli di violenza da cui fosse possibile dedurre che sia esistita una "politica per attaccare una popolazione civile". Gbagbo era detenuto presso la Cpi dalla fine del 2011, mentre Blé Goudé è stato arrestato nel 2013.