Mali

Crisi umanitaria nel nord, la denuncia di Lvia

MALI – Nel Nord del Mali la crisi umanitaria si aggrava. A denunciarlo, è un dossier pubblicato da “Lvia”, Ong italiana di ispirazione cristiana, pervenuto all’Agenzia Fides. “La gente continua a fuggire” spiega Ousmane Ag Hamatou, tuareg, coordinatore delle attività di “Lvia” in Mali. “Secondo i dati che abbiamo raccolto, attualmente 144mila maliani sono rifugiati in Niger, Mauritania e Burkina Faso. A questi si aggiungono 52mila sfollati che hanno cercato sicurezza nel Sud del Paese. Come Ong stiamo lavorando per creare le condizioni affinché queste persone possano tornare a casa”. La Ong è riuscita a far rientrare 200 famiglie garantendo loro aiuti per ricominciare un’attività economica.

Nella regione di Gao anche l’acqua è un problema. Il Niger è il corso d’acqua più grande che finora ha alimentato i pozzi dei quali si serviva la popolazione locale. I combattimenti hanno però distrutto molti di questi pozzi che sono stati così abbandonati. Così oggi solo il 28% della popolazione ha accesso a fonti idriche sicure, meno di una persona su tre. “Lvia – osserva Ousmane Ag Hamatou – ha creato una partnership con Echo (European Civil Protection and Humanitarian Aid Operations) e Minusma (la missione Onu in Mali) riuscendo così e ristrutturare 124 punti d’acqua. A quasi 85mila persone è stata data così la possibilità di avere accesso all’acqua di buona qualità”.

Oltre all’acqua manca anche il cibo. Attualmente sono 274 mila i bambini gravemente denutriti e 582 mila i bambini colpiti da malnutrizione moderata. Già ora il tasso di malnutrizione acuta severa è sopra il 10%, ben sopra i limiti di allerta. La carenza tenderà a peggiorare nei prossimi mesi. Secondo le previsioni, da giugno ad agosto più di 4,3 milioni di persone (una su quattro) dovranno fare i conti con carenze alimentari a causa di carenze dei raccolti. “Viviamo situazioni di grave emergenza”, conclude Ousmane Ag Hamatou. “Nella regione di Gao, così come in tutto il Sahel, le crisi più ricorrenti sono quelle dovute alla siccità e ad annate di scarsa produzione agricola. Per fronteggiare questa situazione, sosteniamo gli agricoltori e i pastori per evitare che si indebitino, siano costretti a vendere gli animali o a mandare i giovani a lavorare in città o all’estero”.

Dal 1986, Lvia è presente nella zona di Gao, regione da sempre instabile a causa delle rivendicazioni della popolazione tuareg. Tra il 2012 e il 2013, la Ong è stata costretta a lasciare l’area a causa dell’inasprirsi dei combattimenti tra esercito e ribelli. Nel 2014, però, i suoi progetti sono stati riattivati. Oggi è una delle pochissime Ong che lavorano ancora nel Nord, in condizioni difficilissime. [Agenzia Fides]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    Esposto contro cooperazione militare con USA, Corte...

    GHANA - La Corte Suprema ha concesso sette giorni di tempo (che scadono questa settimana) al Procuratore generale e al Ministro della Giustizia per una risposta scritta a un esposto che chiama in causa l’accordo di cooperazione militare tra l’esercito ghanese e gli Stati Uniti. L’accordo prevede tra le altre cose la possibilità che personale militare e civile statunitense possa avere accesso ad alcune strutture ghanesi e garantisce inoltre una serie di privilegi, esenzioni e immunità; l’accordo prevede che il Ghana riceva invece aiuti economici, training e prestiti. L’esposto è stato presentato da Yaw Brogya Gyamfi, segretario dell’ala giovanile della National Democratic Alliance per la regione Ashanti; nel documento si chiede lo stralcio dell’accordo sostenendo l’incostituzionalità. Secondo Gyamfi, i due governi avrebbero violato diverse leggi nel tentativo di far ratificare la cooperazione militare. [MS]
  • Senegal Free

    Passa da “stabile” a “favorevole” la nota...

    SENEGAL – E’ progredita da « stabile » a « favorevole » la nota sovrana B+ assegnata al Senegal dall’agenzia di rating statunitense Standard & Poor's. . L’agenzia di rating ha apprezzato la stabilità economica e monetaria del Paese dell’Africa Occidentale.     La decisione riflette principalmente l’aspettativa di vedere mantenersi un forte tasso di crescita del Prodotto interno lordo, al 7% all’anno sul triennio 2018/2021, scrive S&P, che si aspetta anche uno sforzo da parte del governo nel ridurre il debito pubblico e controllare l’inflazione     L’agenzia pensa anche che nel periodo 2022/24, il Senegal potrebbe passare da un importatore netto di energia ad un esportatore netto, una situazione che porterebbe a miglioramenti della performance commerciale e dell’investimento estero.   Amadou Ba, ministro delle Finanze, ha commentato positivamente il progresso notato dalla S&P, sottolineando che si 16 Paesi valutati, solo tre Paesi africani hanno una nota superiore al Senegal: il Sudafrica, il Marocco e la Namibia. Il Senegal, ha aggiunto, ha ora la stessa nota sovrana della Costa d’Avorio, prima economia dell’Unione economica e monetaria dell’Africa Occidentale.   Il ministro delle Finanze ha assicurato che il tasso di crescita nei prossimi tre anni sarebbe superiore al 6%. [CC]
  • NigerNigeria Free

    Annunciata costruzione nuova raffineria ed oleodotto al...

    NIGERIA/NIGER – Un memorandum d’intesa sarà firmato il prossimo mese tra i governi di Nigeria e Niger per la realizzazione di una nuova raffineria di petrolio al confine tra i due paesi. Lo riferisce oggi la stampa locale nigeriana, citando una comunicazione diffusa ieri su internet dal ministro di Stato nigeriano per le risorse petrolifere, Ibe Kachikwu, secondo il quale un incontro tra i presidenti della Nigeria e della Repubblica del Niger è già in agenda per il prossimo mese e porterà alla firma di un Memorandum of Understanding per la costruzione di una nuova raffineria da 100.000 barili al giorno che sarà situata a Katsina, in Nigeria, città di confine tra i due paesi. Kachikwu ha rilevato che anche investitori privati ​​saranno coinvolti nel progetto, una volta che i due governi avranno raggiunto un’intesa politica. Secondo quanto reso noto dal ministro, il progetto della nuova raffineria sarà legato principalmente allo sfruttamento del petrolio del vicino Niger e infatti prevede anche la costruzione di un oleodotto interno al Niger che trasporti il greggio dai campi di produzione alla nuova raffineria. "Abbiamo già studi di settore e relazioni tecniche per costruire raffinerie da 100.000 barili al giorno. Entrambi i governi hanno in gran parte raggiunto un accordo sui punti dell’accordo. Più tardi, il mese prossimo, cioè a luglio, i due presidenti si recheranno in Nigeria per firmare la base negoziata di questo rapporto, e poi verrà chiesto al settore privato di inserire i fondi che hanno indicato di avere” ha concluso Kachikwu.
  • Gambia Free

    Si dimette capo della polizia dopo uccisione di...

    GAMBIA – Il numero uno della polizia del Gambia, l’ispettore generale Landing Kinteh, ha presentato le proprie dimissioni al presidente della Repubblica Adama Barrow, in seguito ad un episodio che ha visto la polizia sparare con su manifestanti, causando tre  vittime. I fatti risalgono a lunedì, quando alcuni residenti dalla zona di Faraba Banta, a una cinquantina di km dalla capitale, Banjul, hanno dato vita ad una manifestazione di protesta contro l’attività estrattiva di sabbia, che secondo gli autoctoni causa inquinamento alle risaie della regione. Oltre alle tre vittime, si contano 5 feriti tra i civili e 16 tra gli agenti delle forze dell’ordine. Alcuni testimoni, in particolare il padre di una delle vittime – un giovane 17enne – accusano la polizia di aver sparato indiscriminatamente. Il presidente Barrow ha qualificato l’incidente di “inaccettabile” e ha promesso giustizia. Una commissione d’inchiesta è stata creata, con una scadenza di un mese per rendere le proprie conclusioni. L’episodio ha suscitato sgomento nel Paese  e timori di un ritorno al passato e all’epoca del regime autoritario di Yahya Jammeh. Condanne sono state espresse da organizzazioni per i diritti umani locali, come il West Africa Network for Peace Building (WANEP) - The Gambia , e internazionali, come Human Rights Watch. [CC]
  • Mauritania Free

    Elezioni parlamentari e locali convocate il 1°...

    MAURITANIA – Si terranno il 1° settembre le elezioni locali e parlamentari in Mauritania : il calendario elettorale è stato annunciato ieri attraverso un decreto governativo di convocazione del collegio elettorale. La campagna elettorale per il  rinnovo dei consiglieri regionali, municipali, e dei deputati all’Assemblea Nazionale si svolgerà dal 17 al 30 agosto. Un eventuale secondo turno è previsto il 15 settembre. L’opposizione radicale, unita nel Forum nazionale per la democrazia e l’unità, aveva annunciato che parteciperebbe al voto, dopo il boicottaggio del 2016. E’ tuttavia in corso una contestazione nei confronti della composizione della commissione nazionale elettorale indipendente (Ceni), formata lo scorso aprile. Con 11 membri, la Ceni annovera 5 esponenti dell’opposizione moderata, ma nessuno dell’opposizione radicale. Sempre ad aprile, l’Unione per la repubblica, il partito al potere, aveva ritenuto non necessaria la presenza di osservatori internazionali per monitorare le elezioni locali e parlamentari previste ad agosto, e per le presidenziali in programma nel 2019. “La Mauritania non inviterà osservatori internazionali perché ha pienamente fiducia nel proprio sistema elettorale. Se osservatori internazionali vorranno venire, potranno farlo, ma non saranno spesi fondi pubblici per invitarli ed ospitarli” aveva  precisato Mohamed Ould Maham, presidente dell’Unione per la repubblica. [CC]
  • Ghana Free

    Governo annuncia iniziative su fenomeno miniere...

    GHANA - Il governo ghanese sta elaborando un documento quadro per affrontare il fenomeno delle miniere illegali, anche noto nel Paese africano con il nome ‘galamsey’. A riferirlo in una nota è stato lo stesso esecutivo di Accra che ha annunciato allo stesso tempo la fine di un divieto per le attività minerarie di piccola scala, anche queste molto diffuse. Il documento, si legge, prevede inoltre la riforestazione delle aree interessate da attività minerarie e ora in disuso, il ripristino di infrastrutture idrauliche e invasi d’acqua, la supervisione del processo di conferimento delle licenze minerarie. Previsto anche lo stabilimento di progetti per l’abbattimento dell’uso di mercurio, per la creazione di alternative di reddito sostenibili, per il controllo di escavatori e altri mezzi impiegati nelle attività estrattive. “Abbiamo il dovere di dire no al galamsey per la nostra comune sopravvivenza e per la sopravvivenza dei nostri figli” ha detto lo stesso capo di Stato Nana Addo Dankwa Akufo-Addo. “Se consentiamo questa pratica - ha aggiunto - mettiamo a rischio il nostro presente e il nostro futuro”. Il governo ha inoltre ratificato la Convenzione di Minamata sul mercurio diventando il 40° Stato a farlo. Obiettivo della Convenzione è di proteggere la salute umana e l’ambiente dal rilascio di sostanze tossiche causate dall’uso del mercurio e dalla sua dispersione nell’ambiente. [MS]