Mali

Crisi umanitaria nel nord, la denuncia di Lvia

MALI – Nel Nord del Mali la crisi umanitaria si aggrava. A denunciarlo, è un dossier pubblicato da “Lvia”, Ong italiana di ispirazione cristiana, pervenuto all’Agenzia Fides. “La gente continua a fuggire” spiega Ousmane Ag Hamatou, tuareg, coordinatore delle attività di “Lvia” in Mali. “Secondo i dati che abbiamo raccolto, attualmente 144mila maliani sono rifugiati in Niger, Mauritania e Burkina Faso. A questi si aggiungono 52mila sfollati che hanno cercato sicurezza nel Sud del Paese. Come Ong stiamo lavorando per creare le condizioni affinché queste persone possano tornare a casa”. La Ong è riuscita a far rientrare 200 famiglie garantendo loro aiuti per ricominciare un’attività economica.

Nella regione di Gao anche l’acqua è un problema. Il Niger è il corso d’acqua più grande che finora ha alimentato i pozzi dei quali si serviva la popolazione locale. I combattimenti hanno però distrutto molti di questi pozzi che sono stati così abbandonati. Così oggi solo il 28% della popolazione ha accesso a fonti idriche sicure, meno di una persona su tre. “Lvia – osserva Ousmane Ag Hamatou – ha creato una partnership con Echo (European Civil Protection and Humanitarian Aid Operations) e Minusma (la missione Onu in Mali) riuscendo così e ristrutturare 124 punti d’acqua. A quasi 85mila persone è stata data così la possibilità di avere accesso all’acqua di buona qualità”.

Oltre all’acqua manca anche il cibo. Attualmente sono 274 mila i bambini gravemente denutriti e 582 mila i bambini colpiti da malnutrizione moderata. Già ora il tasso di malnutrizione acuta severa è sopra il 10%, ben sopra i limiti di allerta. La carenza tenderà a peggiorare nei prossimi mesi. Secondo le previsioni, da giugno ad agosto più di 4,3 milioni di persone (una su quattro) dovranno fare i conti con carenze alimentari a causa di carenze dei raccolti. “Viviamo situazioni di grave emergenza”, conclude Ousmane Ag Hamatou. “Nella regione di Gao, così come in tutto il Sahel, le crisi più ricorrenti sono quelle dovute alla siccità e ad annate di scarsa produzione agricola. Per fronteggiare questa situazione, sosteniamo gli agricoltori e i pastori per evitare che si indebitino, siano costretti a vendere gli animali o a mandare i giovani a lavorare in città o all’estero”.

Dal 1986, Lvia è presente nella zona di Gao, regione da sempre instabile a causa delle rivendicazioni della popolazione tuareg. Tra il 2012 e il 2013, la Ong è stata costretta a lasciare l’area a causa dell’inasprirsi dei combattimenti tra esercito e ribelli. Nel 2014, però, i suoi progetti sono stati riattivati. Oggi è una delle pochissime Ong che lavorano ancora nel Nord, in condizioni difficilissime. [Agenzia Fides]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Capo Verde Free

    Azienda portoghese gestirà Servizio Pubblico marittimo...

    CAPO VERDE – E’ un’azienda portoghese ad essersi aggiudicata la gara per la gestione e il funzionamento del servizio di collegamento marittimo pubblico tra le isole dell’arcipelago di Capo Verde. Lo fa sapere lo stesso governo in una nota nella quale precisa che il gruppo capoverdiano Transinsular - Transportes Marítimos Insulares (in realtà sussidiaria locale del gruppo portoghese ETE-Csa) ha vinto la gara pubblica internazionale per la gestione e il funzionamento del servizio pubblico di trasporto marittimo di passeggeri e merci tra le isole di Capo Verde. La dichiarazione rilasciata dal governo di Capo Verde afferma inoltre che nella prima fase del concorso sono state selezionate le compagnie CV Line Transporte Marítimo, Transinsular, SA & Transinsular, Lda, West Africa Shipping Line, ANEK Line SA e Marlow Navigation Co, Ltd. La giuria ha poi deciso di non accettare la proposta di West African Shipping Line, ANEK Line SA e Marlow Navigation Co, Ltd., “per non aver rispettato le condizioni stabilite nel programma di gara e nel bando di gara", si legge nella dichiarazione del governo capoverdiano. La nota aggiungeva che "il mercato del trasporto marittimo a Capo Verde rimane aperto agli attuali operatori", il che significa che "il regime di esclusività per il futuro concessionario non limiterà il mercato a un singolo operatore, ma “garantirà per questo operatore l’esclusività nella fornitura del servizio pubblico che lo Stato è tenuto a garantire”. La compagnia di navigazione Transinsular - Transportes Marítimos Insulares fa parte del gruppo portoghese Empresa de Tráfego e Estiva (ETE).
  • Ghana Free

    Azienda giapponese annuncia costruzione fabbrica di...

    GHANA - La società giapponese M-TechX ha reso nota l’intenzione di voler realizzare una fabbrica in Ghana dove produrre nanofibre per l’industria estrattiva degli idrocarburi, il settore sanitario e l’agricoltura. A riportarlo sono i media ghanesi, citando il presidente e amministratore di M-TechX, Hiroyoshi Sota, in visita ad Accra per discutere il progetto con i responsabili dell’Autorità ghanese degli standard (GSA). In base a quel che viene reso noto, la società giapponese ha avviato le procedure per ottenere le necessarie certificazioni per avviare la produzione commerciale dei suoi prodotti in Ghana. Secondo Sota, la decisione di investire in Ghana è legata alla stabilità politica ed economica del Paese e alla sua posizione strategica come hub nella regione dell’Africa occidentale. Obiettivo di M-TEchX è riuscire ad avviare entro il prossimo mese di marzo la produzione di nanofibre, fibre aventi cioè diametro dell'ordine dei 100 nanometri, tramite la polimerizzazione di plastiche riciclate contribuendo in questo modo alla rivoluzione industriale nel Paese. [MV]
  • Benin Free

    Condanna in contumacia per leader partito opposizione

    BENIN - Un tribunale speciale del Benin (il Criet) ha condannato a 20 anni di detenzione Sebastien Ajavon, presidente del partito di opposizione Union sociale libérale (USL). Contro Ajavon, che si trova attualmente in Francia, è stato spiccato un mandato di cattura internazionale; il reato contestato è di traffico di cocaina. I legali di Ajavon hanno respinto le accuse e sostenuto che si tratta di una sentenza politica; lo stesso Ajavon ha rifiutato di presentarsi in tribunale denunciando frodi nel sistema giudiziario. Già candidato alle presidenziali nel 2016, Ajavon era arrivato in quell’occasione terzo e si era subito dopo allineato alle posizioni dell’attuale capo di Stato, Patrice Talon. Da allora però le relazioni tra i due - entrambi miliardari - si sono gradualmente guastate. Lo scorso marzo Ajavon ha fondato l’USL con la probabile idea di candidarsi alle elezioni presidenziali del 2020. [MS]
  • Ghana Free

    Trasformare Accra in una “smart city”, nasce...

    GHANA - Il protagonista del commercio online Alibaba Group e la Whale Cloud, azienda di data intelligence technology, si sono uniti in un partenariato con il governo del Ghana per sviluppare ad Accra un  bacino tecnologico in grado di trasformare la capitale in una “smart city”. Le due aziende cinesi lavoreranno su progetti riguardanti lo sviluppo dell’Internet delle cose, il Big data, il cloud, e altre soluzioni che integrano le tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni. I futuri servizi saranno utili per l’amministrazione  cittadina , per gli abitanti e per i numerosi pendolari che ogni giorni vanno a lavorare ad Accra. Il protocollo d’intesa è stato firmato nei giorni scorsi presso la sede del gruppo Alibaba a Hangzhou, in Cina. Alibaba Group e Whale Cloud hanno annunciato che forniranno al governo ghanese consigli strategici e professionali per trasformare il paesaggio del commercio elettronico e farne un comparto redditizio per l’economia nazionale. [CC]
  • Nigeria Free

    Cercasi partner per una centrale solare

    NIGERIA – Per la realizzazione di una centrale solare da 100 megawatt la società Alten Africa, filale ella spagnola Alten Energias Renovables, cerca un partner in grado di contribuire ai lavori d’ingegneria e costruzione dell’impianto. Le aziende interessate hanno fino al 26 ottobre 2018 per presentare le proprie proposte. L’infrastruttura oggetto del bando di gara sarà collocata nello Stato di Kogi, nel centro della Nigeria. L’energia prodotta dalla centrale solare verrà venduta alla rete di distribuzione nazionale sulla base di un contratto di compravendita. Una compagnia nigeriana, la Middle Band Solar One Limited (MBSO), è associata al progetto. La maggior parte dell’elettricità prodotta in Nigeria proviene da centrali a gas (l’86%) e da fonte idroelettrica (il 14%. Alten Africa è impegnata nella realizzazione di una centrale da 45 megawatt in Namibia e di una centrale da 52 megawatt in Kenya. [CC]
  • Costa Avorio Free

    Lotta alla deforestazione, al via progetto con la Banca...

    COSTA D’AVORIO – La lotta alla deforestazione in Costa d’Avorio sta al centro del  nuovo progetto d’investimento forestale (Pif) firmato tra il  governo ivoriano e la Banca Mondiale, per un importo di circa 21 milioni di dollari. Secondo le stime del 2015, restano in Costa d’Avorio solo 3,4 milioni di ettari di foreste, contro 16 milioni nel 1960. Il progetto formato con la Banca mondiale prevede investimenti in otto regioni, per invertire la tendenza che vede scomparire le foreste ed aumentare le emissioni di gas serra. Alla presentazione  dell’iniziativa erano presenti il ministro dell’Ambiente e dello sviluppo sostenibile, Joseph Séka Séka, e il rappresentante del direttore delle operazioni dell’istituto finanziario in Costa d’Avorio, Sunil Mathrani. A gennaio 2018, la Banca Mondiale ha approvato in finanziamento da 15 milioni di dollari a favore della Costa d’Avorio per  aiutare ad arginare il fenomeno della deforestazione. [CC]