Mali

Crisi umanitaria nel nord, la denuncia di Lvia

MALI – Nel Nord del Mali la crisi umanitaria si aggrava. A denunciarlo, è un dossier pubblicato da “Lvia”, Ong italiana di ispirazione cristiana, pervenuto all’Agenzia Fides. “La gente continua a fuggire” spiega Ousmane Ag Hamatou, tuareg, coordinatore delle attività di “Lvia” in Mali. “Secondo i dati che abbiamo raccolto, attualmente 144mila maliani sono rifugiati in Niger, Mauritania e Burkina Faso. A questi si aggiungono 52mila sfollati che hanno cercato sicurezza nel Sud del Paese. Come Ong stiamo lavorando per creare le condizioni affinché queste persone possano tornare a casa”. La Ong è riuscita a far rientrare 200 famiglie garantendo loro aiuti per ricominciare un’attività economica.

Nella regione di Gao anche l’acqua è un problema. Il Niger è il corso d’acqua più grande che finora ha alimentato i pozzi dei quali si serviva la popolazione locale. I combattimenti hanno però distrutto molti di questi pozzi che sono stati così abbandonati. Così oggi solo il 28% della popolazione ha accesso a fonti idriche sicure, meno di una persona su tre. “Lvia – osserva Ousmane Ag Hamatou – ha creato una partnership con Echo (European Civil Protection and Humanitarian Aid Operations) e Minusma (la missione Onu in Mali) riuscendo così e ristrutturare 124 punti d’acqua. A quasi 85mila persone è stata data così la possibilità di avere accesso all’acqua di buona qualità”.

Oltre all’acqua manca anche il cibo. Attualmente sono 274 mila i bambini gravemente denutriti e 582 mila i bambini colpiti da malnutrizione moderata. Già ora il tasso di malnutrizione acuta severa è sopra il 10%, ben sopra i limiti di allerta. La carenza tenderà a peggiorare nei prossimi mesi. Secondo le previsioni, da giugno ad agosto più di 4,3 milioni di persone (una su quattro) dovranno fare i conti con carenze alimentari a causa di carenze dei raccolti. “Viviamo situazioni di grave emergenza”, conclude Ousmane Ag Hamatou. “Nella regione di Gao, così come in tutto il Sahel, le crisi più ricorrenti sono quelle dovute alla siccità e ad annate di scarsa produzione agricola. Per fronteggiare questa situazione, sosteniamo gli agricoltori e i pastori per evitare che si indebitino, siano costretti a vendere gli animali o a mandare i giovani a lavorare in città o all’estero”.

Dal 1986, Lvia è presente nella zona di Gao, regione da sempre instabile a causa delle rivendicazioni della popolazione tuareg. Tra il 2012 e il 2013, la Ong è stata costretta a lasciare l’area a causa dell’inasprirsi dei combattimenti tra esercito e ribelli. Nel 2014, però, i suoi progetti sono stati riattivati. Oggi è una delle pochissime Ong che lavorano ancora nel Nord, in condizioni difficilissime. [Agenzia Fides]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Burkina Faso Free

    In corso il dialogo politico nazionale

    BURKINA FASO – E’ iniziato lunedì e durerà fino al 22 luglio il dialogo politico tra tutte le componenti della scena nazionale, promosso dal presidente Roch Marc Christian Kaboré per appianare le divergenze sorte negli ultimi tempi tra l’opposizione e la maggioranza e concertarsi su temi d’interesse nazionale.   Kaboré sostiene di voler porre l’unità e la coesione nazionale al centro dell’attenzione e lasciare in secondo piano la questione del “potere”.   Durante le giornate di consultazioni si parlerà della sicurezza nazionale, alla luce dei sempre più frequenti attentati, ma anche del nodo del voto della diaspora alle prossime elezioni, nel 2020.   L’opposizione è stata contraria al nuovo codice elettorale approvato nel 2018 e che rende più facile la possibilità di votare per i burkinabé all’estero. [CC]
  • Nigeria Free

    In partenariato con l'Onu, al via progetto per la...

    NIGERIA – Il governo federale della Nigeria e il Fondo mondiale per l’ambiente delle Nazioni Unite hanno lanciato un progetto per migliorare la gestione dei rifiuti elettronici in Nigeria.     Dotato di 15 milioni di dollari, provenienti dal Fondo Onu, il progetto mira a stimolare lo sviluppo di un’economia circolare sostenibile per i materiali elettronici, fonte importante di inquinamento.     Secondo ricerche condotte dalle Nazioni Unite, circa 60.000 tonnellate di rifiuti elettronici entrano nel Paese africano ogni anno attraverso il solo porto di Lagos. La quantità potrebbe aumentare nei prossimi anni, considerato il contesto attuale in cui i Paesi asiatici rifiutano di continuare ad accogliere tali rifiuti provenienti dal Paesi occidentali.     Un aumento esponenziale dell’ingresso dei rifiuti elettronici è messo in evidenza da una ricerca della National Environmental Standards and Regulations Enforcement Agency (Nesrea): secondo questo istituto nigeriano, nel 2017 sono entrate 270.000 tonnellate di rifiuti di questo tipo, una quantità maggiore del 170% rispetto al 2009.     Il progetto mira a far diminuire il contatto della popolazione con questi oggetti pericolosi, poiché si stima che circa 100.000 persone li maneggiano regolarmente per smontarli ed estrarne componenti commercializzabili.     L’altro obiettivo è quello di intervenire sulla legislazione, inserendo la responsabilità dei produttori e un coinvolgimento del settore privato per creare reti di riciclaggio protette. Un altro aspetto è quello dell’eliminazione dei rifiuti elettronici non utilizzabili. [CC]
  • Mali Free

    Corruzione, società civile denuncia 8000 funzionari

    MALI – Sarebbero ben 8000 i dipendenti statali maliani non in regola con il fisco, con la legge o con gli adempimenti lavorativi: lo denuncia la Piattaforma contro la corruzione e la disoccupazione in Mali, composta da varie associazioni locali.   Tra i funzionari, i rappresentanti politici eletti, i presidenti di istituzioni, ci sono 8mila persone che devono giustificare i propri beni, che non hanno fatto il proprio lavoro o non hanno rispettato la legge, denuncia la piattaforma. Secondo il portale Malijet che riferisce l’informazione, la Piattaforma avrebbe avviato un’azione legale presso la Procura della Corte d’Appello di Bamako per sensibilizzare l’opinione e la giustizia su questa situazione.     Secondo Clement Dembele, presidente della piattaforma, dall’esame dei fari rapporti nazionali ed internazionali sulla corruzione, circa 380 milioni di euro sono dirottati ogni anno in Mali a causa di queste pratiche corrotte. “Con questa somma si potrebbero costruire 1250 scuole per 900.000 bambini o 1785 centri sanitari” ha sottolineato Dembele. [CC]
  • Ghana Free

    Nana Akufo-Addo 'miglior presidente' del continente

    GHANA - Nana Akufo-Addo è stato nominato il miglior presidente africano da un’organizzazione canadese denominata ‘Leaders of Tomorrow’. La nomina è derivata da un sondaggio condotto dalla stessa organizzazione.  Una simile ricerca condotta da un ente statunitense, il World Vision Forum, era giunta alle stesse conclusioni piazzando Akufo-Addo al primo posto in Africa e al terzo posto nel mondo.  Secondo la classifica stilata da ‘Leaders of Tomorrow’, subito dietro al capo di Stato ghanese si è piazzato Ian Khama Khama del Botswana, e quindi Ameenah Gurib delle Mauritius.
  • Nigeria Free

    Fondi Ue per le rinnovabili

    NIGERIA - La Nigeria riceverà un investimento pari a 165 milioni di dollari dall’Unione Europea (Ue) per il piano generale per l’energia rinnovabile del Paese, che vedrà lo sviluppo di diversi progetti. Il capo della delegazione dell’Ue in Nigeria, Ketli Karlsenn, ha confermato la notizia e ha affermato che i fondi sono destinati a sostenere gli sforzi del Paese per implementare ulteriormente le energie rinnovabili all’interno del mix energetico. “La Nigeria ha una popolazione in continua crescita e questo ha spinto la decisione dell’Ue a sostenere il programma per le rinnovabili. Quella rinnovabile è l’energia per il futuro perché è pulita, economica e offre un habitat favorevole per le persone” ha affermato Ketli Karlsenn. Si stima che l’investimento migliorerà l’accesso all’energia per circa 90 milioni di persone contribuendo alla crescita economica e creando posti di lavoro attraverso il finanziamento di numerosi progetti. [MS]
  • Africa Occidentale Free

    Eutelsat firma accordo per progetto in Africa...

    AFRICA OCCIDENTALE - L’operatore satellitare europeo Eutelsat Communications ha siglato un contratto pluriennale con la Global Technologies. Il progetto prevede la fornitura di C-band per il satellite Eutelsat 10A così da garantire connettività  comunicazioni per il West Africa Power Pool Project (Wapp). Il Wapp è un progetto della Comunità economica dei Paesi dell’Africa occidentale (Ecowas) e ha lo scopo di interconnettere le reti elettriche di 14 paesi dell’Africa occidentale. Global Technologies, una società di telecomunicazioni e infrastrutture, ha ricevuto la parte relativa alle telecomunicazioni del progetto e utilizzerà la copertura dedicata di Eutelsat 10A dell’Africa occidentale per monitorare i principali siti di distribuzione di energia in tutta la regione. Philippe Oliva, chief commercial officer di Eutelsat, ha dichiarato: “Dopo una partnership di successo in Mauritania tre anni fa, siamo lieti di collaborare con Global Technologies ancora una volta con l’assistenza di Wapp per realizzare il suo ambizioso progetto di energia condivisa nella regione dell’Africa occidentale”. [MS]