Mali

Crisi umanitaria nel nord, la denuncia di Lvia

MALI – Nel Nord del Mali la crisi umanitaria si aggrava. A denunciarlo, è un dossier pubblicato da “Lvia”, Ong italiana di ispirazione cristiana, pervenuto all’Agenzia Fides. “La gente continua a fuggire” spiega Ousmane Ag Hamatou, tuareg, coordinatore delle attività di “Lvia” in Mali. “Secondo i dati che abbiamo raccolto, attualmente 144mila maliani sono rifugiati in Niger, Mauritania e Burkina Faso. A questi si aggiungono 52mila sfollati che hanno cercato sicurezza nel Sud del Paese. Come Ong stiamo lavorando per creare le condizioni affinché queste persone possano tornare a casa”. La Ong è riuscita a far rientrare 200 famiglie garantendo loro aiuti per ricominciare un’attività economica.

Nella regione di Gao anche l’acqua è un problema. Il Niger è il corso d’acqua più grande che finora ha alimentato i pozzi dei quali si serviva la popolazione locale. I combattimenti hanno però distrutto molti di questi pozzi che sono stati così abbandonati. Così oggi solo il 28% della popolazione ha accesso a fonti idriche sicure, meno di una persona su tre. “Lvia – osserva Ousmane Ag Hamatou – ha creato una partnership con Echo (European Civil Protection and Humanitarian Aid Operations) e Minusma (la missione Onu in Mali) riuscendo così e ristrutturare 124 punti d’acqua. A quasi 85mila persone è stata data così la possibilità di avere accesso all’acqua di buona qualità”.

Oltre all’acqua manca anche il cibo. Attualmente sono 274 mila i bambini gravemente denutriti e 582 mila i bambini colpiti da malnutrizione moderata. Già ora il tasso di malnutrizione acuta severa è sopra il 10%, ben sopra i limiti di allerta. La carenza tenderà a peggiorare nei prossimi mesi. Secondo le previsioni, da giugno ad agosto più di 4,3 milioni di persone (una su quattro) dovranno fare i conti con carenze alimentari a causa di carenze dei raccolti. “Viviamo situazioni di grave emergenza”, conclude Ousmane Ag Hamatou. “Nella regione di Gao, così come in tutto il Sahel, le crisi più ricorrenti sono quelle dovute alla siccità e ad annate di scarsa produzione agricola. Per fronteggiare questa situazione, sosteniamo gli agricoltori e i pastori per evitare che si indebitino, siano costretti a vendere gli animali o a mandare i giovani a lavorare in città o all’estero”.

Dal 1986, Lvia è presente nella zona di Gao, regione da sempre instabile a causa delle rivendicazioni della popolazione tuareg. Tra il 2012 e il 2013, la Ong è stata costretta a lasciare l’area a causa dell’inasprirsi dei combattimenti tra esercito e ribelli. Nel 2014, però, i suoi progetti sono stati riattivati. Oggi è una delle pochissime Ong che lavorano ancora nel Nord, in condizioni difficilissime. [Agenzia Fides]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Burkina Faso Free

    Schermaglie presidenziali, Mps pronto a proporre ex...

    BURKINA - L’ex presidente e primo ministro di transizione Isaac Zida potrebbe essere uno dei contendenti per le elezioni presidenziali in programma il 22 novembre di quest’anno. L’annuncio è stato fatto sabato nel corso di una conferenza stampa tenuta da Augustin Loada, presidente del Mouvement patriotique pour le salut (Mps). I funzionari del partito sostengono di essersi mossi per far tornare nei prossimi mesi l’ex primo ministro ora in esilio in Canada, per partecipare all’assemblea straordinaria del partito che dovrà convalidarne la candidatura alla presidenza.  “Vogliamo che ritorni in condizioni dignitose e rispettabili, in virtù del suo status di ex capo di stato”, ha dichiarato Augustin Loada. “Esiste una legge che definisce lo status degli ex capi di Stato, quindi auspichiamo l’applicazione di tale status”.  In Canada dal 2016, Zida è ricercato dalla giustizia militare di Ouagadougou che ha avviato un procedimento contro di lui per “insubordinazione e diserzione in tempo di pace”. È anche citato nel fascicolo giudiziario sulla soppressione della rivolta popolare nell’ottobre 2014. “Non esiste alcun vincolo legale che impedisce a Yacouba Isaac Zida di essere un candidato presidenziale”, ha sostenuto però Augustin Loada, secondo cui Zida è pronto a rispondere a eventuali questioni e domande in sospeso. [MS]
  • Liberia Free

    Un finanziamento per una mini diga alle cascate di...

    LIBERIA - Il governo della Liberia ha firmato un accordo finanziario del valore di 34 milioni di dollari con la Banca africana di sviluppo (AfDB) per il progetto idroelettrico delle cascate di Gbedin. I fondi serviranno alla costruzione di una mini diga sul fiume Saint John e della mini centrale idroelettrica di Gbedin Fall  nella contea di Nimba, nella Liberia nord-orientale. Secondo l’accordo, il progetto dovrebbe essere attuato nell’arco di un periodo di 4 anni. La diga avrà una capacità di 9,34 MW e fungerà da fonte di energia affidabile, sostenibile e conveniente per la regione occupando un’area di 22 ettari. L’elettricità della centrale raggiungerà 7000 famiglie attraverso una linea di trasmissione di 8 km a 33 kV. Il punto di collegamento sarà vicino alla città di Kitoma, lungo la strada principale Ganta-Sanniquellie, per una lunghezza totale di 7,8 km. Il progetto consentirà inoltre l’espansione della rete elettrica in località isolate e aree remote, favorendo il collegamento di famiglie, scuole, centri sanitari, imprese e industrie alla rete nazionale. [MS]
  • Costa Avorio Free

    Cinque capi di Stato per l'apertura del Ceo Forum ad...

    COSTA D’AVORIO / AFRICA - Ci saranno cinque capi di Stato a partecipare all’Africa Ceo Forum, l’iniziativa organizzata dalla rivista Jeune Afrique che quest’anno si terrà ad Abidjan, in Costa d’Avorio. Ad essere presenti saranno il padrone di casa, l’ivoriano Alassane Ouattara, il presidente del Rwanda Paul Kagame, il presidente del Senegal Macky Sall, quello del Mozambico Filipe Nyusi e il presidente del Niger Mahamadou Issoufou; in Costa d’Avorio arriverà anche il vice presidente della Nigeria Yemi Osinbajo.  I lavori saranno centrati sul tema ‘Capitalism for the many’ e secondo i promotori ci sarà una partecipazione di circa 2000 persone.  Accanto ai responsabili politici, i cinque capi di Stato discuteranno dell’attuazione dell’Area africana di libero scambio continentale (AfCFTA), delle questioni relative al passaggio dal franco Cfa all’Eco e, più in generale, alla spinta verso l’integrazione economica in Africa. Quella di Abidjan sarà l’ottava edizione del Ceo Forum, l’appuntamento è il 9 e 10 marzo. Il programma è consultabile cliccando qui. [MS]
  • Mali Free

    Nuovo massacro a Ogossagou, possibili rivalità...

    MALI – Almeno 31 persone sono state uccise nell’attacco, venerdì, del villaggio di Ogossagou, nella regione di Mopti, nel centro del Mali. Il bilancio delle vittime potrebbe salire ulteriormente. Non è ancora chiaro chi siano stati gli autori dell’incursione, ma secondo alcune fonti, molti abitanti avevano lasciato il villaggio la sera prima, temendo di essere attaccati. Oltre alle vittime civili, tra cui donne incinte, molte case sono state incendiate e capi di bestiame uccisi o portati via. Nel riferire la notizia, più fonti sottolineano che le forze armate si erano ritirate dalla zona poco prima. “Allorché i nostri sforzi per dispiegare le Forze armate regolari su tutto il territorio continuano, e che gli atti d’adesione alla pace si sono moltiplicati in varie località, Ogossagou è stata nuovamente attaccata” ha detto il primo ministro Boubou Cissé, confermando l’accaduto. La località di Ogossagou era stata teatro, il 23 marzo 2019, di uno dei peggiori attacchi mai registrato in Mali, con 157 civili assassinati. L’episodio di violenza era stato attribuito alle rivalità tra le comunità fulani e dogon. La milizia di cacciatori dogon Dan Nan Ambassagou era stata accusata di essere responsabile del massacro. [CC]
  • Ghana Free

    Lanciato progetto per promuovere crescita inclusiva

    GHANA - Il governo di Accra ha ufficialmente lanciato un progetto in collaborazione con l’Unione Europea per promuovere la crescita inclusiva e ridurre le disuguaglianze sociali.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che il progetto sostiene le priorità stabilite nella seconda Agenda condivisa per la crescita e lo sviluppo del Ghana (GSGDA II), approvata dal governo di Accra.

    "Il governo del Ghana continua a dimostrare il proprio impegno nella lotta alla povertà e nella protezione delle fasce della popolazione più vulnerabili da rischi e shock imprevisti", ha detto il vice-ministro delle Finanze, Charles Adu-Boahen.

    A sua volta la responsabile della delegazione diplomatica dell’Unione Europea in Ghana, Diana Acconcia, ha evidenziato l’importanza delle opportunità di sviluppo economico offerte dai settori dell’agricoltura e della pesca per sollevare le comunità rurali dalla povertà, salvaguardando al tempo stesso l’ambiente dagli effetti negativi dei cambiamenti climatici. [MV]

  • Mali Free

    Torna l’esercito a Kidal, roccaforte della ribellione...

    MALI – Dopo otto anni d’assenza, l’esercito maliano è di ritorno a Kidal, roccaforte dell’ex ribellione separatista tuareg, che controlla la città nel Nordest del Mali. Si tratta di un ritorno altamente simbolico, che mette in risalto il ritorno dell’autorità dello Stato, dopo la conclusione di accordi di pace attraverso il quale le forze armate sono state riorganizzate. Del battaglione di 600 uomini che prenderanno posizione a Kidal troviamo infatti 200 soldati dell’esercito tradizionale, 200 soldati del Coordinamento dei movimenti dell’Azawad (ribellione tuareg) e 200 soldati della Piattaforma del 14 giugno 2014 d’Algeri, alleanza di gruppo armati filo governativi, che hanno preso parte al processo di disarmo e reinserimento. Del gruppo fanno parte 40 esponenti delle Forze armate maliane per gli incarichi di medici, infermieri, e specialisti di trasmissione. Il primo contingente di 300 uomini si è installato nel Campo numero 1 dove tradizionalmente risiede l’esercito regolare. Il ritorno è avvenuto in un clima pacifico, ma inquadrato dai caschi blu della Minusma. Il ritorno delle forze armate a Kidal avviene in un contesto generale di forte degrado della sicurezza nel Sahel.