Etiopia

Economia: PIL in calo del 2% nell’anno fiscale 2018

ETIOPIA – Subirà un leggero rallentamento la crescita economica dell’Etiopia nell’anno fiscale 2018, che va da luglio 2017 al giugno 2018.

(453 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Uganda Free

    Apre il Source of the Nile Bridge, nuova risorsa sulle...

    UGANDA – Una cerimonia colorata e festosa ha celebrato l’apertura del ponte della fonte del Nilo  - Source of the Nile Bridge, nei pressi della  città di Njinja. E’ stato il presidente della Repubblica ugandese, Yoweri Museveni, ha dare il via alla circolazione sull’infrastruttura, costruita sui resti di un antico ponte del 1954, quello della diga di Owen. Finanziato quasi interamente dal governo locale, il nuovo ponte stimolerà la circolazione, il commercio ed il turismo. Lungo 525 metri, si tratta del primo ponte strallato del Paese, sulla via del corridoio settentrionale che collega il Kenya alla Repubblica democratica del Congo. Si tratta del quinto più lungo ponte dell’Africa. Il costo dell’investimento è stato di circa 112 milioni di dollari. Il ponte della fonte del Nilo si trova a Jinja, sulle sponde del Lago Vittoria, e vuole diventare anche un’attrazione turistica in questa zona della cosiddetta “Perla d’Africa”, il soprannome dato  all’Uganda. [CC]
  • Etiopia Free

    Approvato nuovo governo: metà dei ministri sono donna...

    ETIOPIA – Il Parlamento etiopico ha approvato la composizione del nuovo governo presentata dal primo ministro Abiyi Ahmed. Lo riferisce la stampa locale e internazionale, sottolineando che il nuovo gabinetto ha segnato un numero record di rappresentanze femminili, con le donne che rappresentano la metà dei 20 membri del governo. Martedì Ahmed ha presentato 16 nuovi membri del gabinetto per l'approvazione alla camera bassa del parlamento etiopico. Solo quattro membri del gabinetto precedente sono rimasti nelle loro posizioni: il Ministro degli Affari Esteri, Workneh Gebeyehu, il Ministro della Salute Amir Aman, il Ministro dell'Acqua, Irrigazione ed Elettricità Seleshi Bekele e Procuratore Generale con il Grado di Ministro Birhanu Tsegaye. Dopo l'approvazione unanime della camera bassa del parlamento, il nuovo gabinetto conta ora 20 membri. I 16 nuovi membri in arrivo comprendono il neonato ministro della Pace (dopo gli accordi raggiunti con la vicina Eritrea che hanno messo fine a una crisi armata-diplomatica ventennale) Muferiat Kamil, il ministro della Difesa Aisha Mohammed, il ministro delle finanze e dell'economia Ahmed Shide, il ministro dell'Agricoltura Umer Hussien, il ministro del commercio e dell'industria Fetlework Gebregziabher, il ministro delle entrate Adanech Abebe e il ministro dell'Innovazione e Tecnologia Getahun Mekuria. Tra gli altri membri del nuovo gabinetto figurano il ministro dei Trasporti Dagmawit Mogess, il ministro dello Sviluppo Urbano e dell'Edilizia Jantirar Abay, il ministro delle Miniere e del Petrolio Samuel Hurko, il ministro dell'Istruzione Tilaye Gete, il ministro della Scienza e dell'Istruzione superiore Hirut Woldemariam e il ministro delle donne, Bambini e giovani Yalemtsegay Assefa. Ergoge Tesfaye è stato anche nominato ministro del lavoro e degli affari sociali, Hirut Kassaw come ministro della cultura e del turismo, e Fitsum Assefa come nuovo ministro della Commissione per la pianificazione e lo sviluppo.  
  • Rwanda Free

    E’ ruandese il caffè più buono del mondo

    RWANDA – Viene dal Rwanda il caffè più buono del mondo secondo uno dei più prestigiosi premi internazionali consegnato nei giorni scorsi a New York. Lo si apprende dai media locali i quali precisano che il caffè ruandese coltivato dalla Ngororero Coffee Washing Station ha ottenuto sia il ‘premio del pubblico’ che quello della ‘critica’ durante la terza edizione dell’ Ernesto Illy International Coffee Award (EIICA), tenutosi alla Rainbow Room del Rockfeller Center di New York. Il caffè della Ngororero si è infatti aggiudicato sia il premio “Best of the best” raccogliendo il maggior numero di voti a favore dopo una lunga serie di assaggi a occhi chiusi (blind tasting) da parte di una giuria internazionale indipendente composta da esperti, assaggiatori e chef, sia il premio Coffee Lovers’ Choice” assegnato dopo una serie di numerose e minuziose analisi tecniche e qualitative nei laboratori della Illy a Trieste. Il caffè coltivato in Ruanda dalla Ngororero Coffee Washing Station, rappresentato alla cerimonia da Philotée Mukiza, ( production manager della Rwacof Exports Ltd la società che lo esporta e commercializza),  è stato scelto tra i migliori lotti al mondo dei raccolti 2017/2018 di 9 Paesi diversi, sbaragliando paesi produttori classici come quelli latinoamericani. Oltre a quello del Ruanda, hanno preso parte alla competizione i caffè di Brasile, Colombia, Costa Rica, El Salvador, Etiopia, Guatemala, India e Nicaragua, selezionati sulla base di un’accurata analisi da parte del Laboratorio Qualità di illycaffè.
  • Rwanda Free

    Kigali a caccia di nuovi investitori nel settore...

    RWANDA - Il Ruanda è alla ricerca di nuovi investitori nel settore minerario per aumentare le esportazioni di minerali e le entrate derivanti dalle risorse. Lo ha detto ieri il responsabile dello sviluppo minerario statale, Francis Gatare, amministratore delegato delle miniere del Ruanda, Petroleum and Gas Board (RMB), aprendo la 59ma Assemblea Generale Annuale del tantalio-niobio che è iniziata formalmente martedì nella capitale ruandese Kigali Il Ruanda, una delle economie in più rapida crescita in Africa, ha una grande opportunità di utilizzare le sue risorse minerarie per trainare la sua industrializzazione, diversificazione e trasformazione economica generale, ha detto Gatare. Il settore minerario del Ruanda presenta diverse opportunità di investimento tra cui esplorazione mineraria, estrazione mineraria, aggiunta di valore e formazione industriale, ha aggiunto ancora il responsabile. Il piccolo paese dell'Africa centrale ed Orientale mira a generare 800 milioni di dollari statunitensi entro il 2020 e 1,5 miliardi di dollari entro il 2024 dai proventi delle esportazioni di minerali. L'incontro di tre giorni ha attirato oltre 150 esperti nella filiera del tantalio e del niobio provenienti da oltre 25 paesi in tutto il mondo. Il Ruanda è tra i maggiori produttori di minerale di tantalio, secondo il RMB, producendo oltre il 60% della quantità necessaria sul mercato globale. La produzione di tantalio in Rwanda dovrebbe superare le 2.500 tonnellate nel 2018, secondo il consiglio di amministrazione. Secondo i dati ufficiali, oltre 2.000 tonnellate di minerale di tantalio sono state prodotte ed esportate per il periodo da luglio 2017 a giugno 2018.
  • Kenya Free

    Banca Mondiale: bene crescita economica, PIL sfiora +6%

    KENYA - L'economia del Kenya dovrebbe aumentare del 5,8 per cento l'anno prossimo, spinta dalle buone prestazioni dell’agricoltura e dai prezzi più bassi. Lo sostiene la Banca Mondiale che ieri ha diffuso il secondo rapporto semestrale sullo stato dell’economia keniana, precisando che la crescita del Prodotto Interno Lordo (PIK) del prossimo anno (2019) sarà sostenuta da forti afflussi di rimesse e dall'aumento del reddito delle famiglie derivante dai raccolti agricoli e dai prezzi alimentari più bassi. Secondo il rapporto il PIL potrebbe salire al sei per cento entro il 2020. La banca osserva che le difficoltà economiche del 2017 hanno avuto un impatto negativo sul settore manifatturiero, ma che è comunque in corso una modesta ripresa, anche se non uniforme. "La produzione si sta ancora riprendendo e l'attività rimane fiacca. La crescita del settore manifatturiero è aumentata dallo 0,5% nel 2017 al 2,7% nel 2018, ma rimane ancora debole rispetto a una media triennale del 3,6% nel 2013-2016 ", afferma il rapporto pubblicato a Nairobi. L'aumento delle piogge, il miglioramento del contesto imprenditoriale e l'allentamento dell'incertezza politica sono i fattori chiave della recente crescita del Kenya, sostenuti da una forte produzione agricola e da buone prestazioni da parte del settore dei servizi. "Oltre alla rete stradale, che è migliorata notevolmente negli ultimi dieci anni, la ferrovia a scartamento normale ha facilitato il movimento delle persone e il porto di Mombasa, che ha ancora le sue sfide, ha migliorato i tempi di consegna delle navi e ridotto il tempo di transito dei container" ha detto Peter Chacha, un economista senior della Banca mondiale alla pubblicazione dell'aggiornamento economico dell'ottobre 2018. Il lato negativo delle proiezioni è l'IVA introdotta di recente dell'otto per cento sui prodotti petroliferi, che, combinata con l'aumento dei prezzi globali del petrolio, inciderà sui redditi delle famiglie. "La mancanza di accesso al credito per il settore privato presenta un significativo rischio al ribasso per le prospettive di crescita poiché potrebbe attenuare il previsto aumento della domanda interna e far deragliare i piani di espansione commerciale, in particolare in termini di finanziamento di micro, piccole e medie imprese", afferma il rapporto evidenziando un’altra delle criticità emerse. In generale, conclude il documento, il governo keniano deve fare attenzione a gestire debito e relazioni con investitori internazionali: "con i nervosismi continui tra gli investitori globali, i mercati emergenti e di frontiera come il Kenya restano vulnerabili ai mutevoli sentimenti. La vulnerabilità del paese potrebbe intensificarsi dato il prossimo pagamento per i suoi Eurobond e altri prestiti commerciali negoziati recentemente".
  • Africa Orientale Free

    Prestiti cinesi (2), i settori maggiormente interessati

    AFRICA ORIENTALE - La maggior parte dei fondi messi a disposizione dalla Cina in Africa orientale è andata a coprire immediate esigenze nei settori dei trasporti; subito dopo a essere finanziati sono stati nell’ordine progetti del settore energetico, di quello delle comunicazione e, infine, di quello manifatturiero. Per l’Etiopia il progetto più significativo avviato con capitali cinesi è stato il collegamento ferroviario da 700 chilometri con Gibuti, strategico porto e fino a poco tempo fa unica via di ingresso e uscita per le merci destinate ad Addis o avviate verso l’esportazione. Per i suoi mega progetti (compresa l’apertura di zone industriali in diverse zone) Addis Abeba ha ottenuto linee di credito per 6,62 miliardi di dollari con il 2013 risultato l’anno di maggiore contribuzione. Anche per il Kenya, il finanziamento più rilevante ha riguardato nuove linee ferroviarie per un totale di 3,7 miliardi di dollari nel 2014. Il progetto più importante è stato quello della tratta fra Nairobi e Naivasha. Nairobi ha inoltre ottenuto 597 milioni di dollari per progetti energetici; 135 di questi sono andati alla centrale solare da 55 MW di Garissa. In Tanzania, invece, la maggior parte dei fondi sono andati al settore energetico con 1,16 miliardi di dollari di stanziamenti. [MS]