Uganda

Consegnato materiale militare donato dagli USA

UGANDA – Le forze armate ugandesi (Updf) hanno ricevuto equipaggiamenti militari donati dagli Stati Uniti, a sostegno delle operazioni di sicurezza e di mantenimento della pace.

(183 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Etiopia Free

    Abiy e la sua rivoluzione 'macchiata' di arresti

    ETIOPIA - Sono diverse migliaia le persone arrestate in seguito alle violente proteste anti-governative che si sono tenute in Etiopia il mese scorso. Secondo informazioni fornite alla Reuters dalla Commissione etiopica per i diritti umani (ente statale) le persone detenute sono state oltre 9.000.  Il dato alza un velo sulle evidenti difficoltà che il premier Abiy Ahmed sta incontrando nell’applicazione di politiche e riforme che sono state una sua bandiera ma che allo stesso tempo hanno contribuito a liberare velleità e rivendicazioni di vario tipo sfociate anche in proteste e violenze.  Secondo diversi osservatori a pesare sono anche le incertezze economiche e le promesse fatte dallo stesso Abiy e finora non mantenute.  Le proteste erano state innescate dall’omicidio, lo scorso 29 giugno, di un noto cantante e attivista oromo. Gli oromo, etnia di cui fa parte lo stesso Abiy, erano scesi in quindi per le strade intonando cori simili a quelli che già pochi anni fa avevano aperto la strada ad Abiy e a un significativo avvicendamento politico all’interno della coalizione di governo. [MS]
  • Seychelles Free

    Elezioni presidenziali e parlamentari dal 22 al 24...

    SEYCHELLES - Gli elettori delle Seychelles sono chiamati alle urne il 22,23 e 24 ottobre prossimo per le elezioni sia presidenziali che parlamentari.   A causa della crisi economica legata alla pandemia di coronavirus, il presidente Danny Faure aveva annunciato a luglio lo scioglimento del Parlamento prima della scadenza, proprio per organizzare le due elezioni negli stessi giorni e risparmiare così sui costi di organizzazione.   La decisione è stata confermata l’11 agosto dal presidente della Commissione elettorale, Danny Lucas, che ha ufficializzato la data delle elezioni. I primi due giorni, 22 e 23 ottobre, saranno dedicati al voto sulle isole più remote. Le schede elettorali saranno raccolte dalla Compagnia per lo sviluppo delle isole. Nelle tre isole princiali, Mahé, Praslin e la Diga, il voto si terrà il 24 ottobre.   Sono circa 70.000 gli aventi diritto al voto nell’arcipelago africano. Nel 2016, il tasso di partecipazione alle elezioni parlamentari era stato dell’87 percento. L’Assemblea nazionale ha 34 deputati di cui 25 eletti al suffragio diretto.   I cittadini residenti all’estero (sarebbero circa 30.000) e impossibilitati a tornare non potranno eleggere il presidente.   Danny Faure sarà candidato alla propria successione; era entrato in carica nel 2016 dopo le dimissioni di James Michel, vincitore al ballottaggio delle elezioni del 2015. [CC]
  • Uganda Free

    “Riaprite l'aeroporto di Entebbe”

    UGANDA - L'Uganda Tourism Association (Uta), associazione che riunisce gli operatori turistici ugandesi, ha chiesto al governo di Kampala di tracciare una road-map che porti alla graduale riapertura dello spazio aereo nazionale. Parlando a margine di una riunione, Pearl Hoareau Kakooza, presidentessa dell'Uta, ha affermato che l'esecutivo dovrebbe considerare la riapertura dell'aeroporto come priorità per la ripresa dell'economia. “Abbiamo bisogno di sapere quando tornerà operativo lo scalo internazionale di Entebbe in modo da poter programmare le nostre attività”, ha detto. La chiusura dell'aeroporto internazionale è stata decisa a marzo per limitare la diffusione del Covid-19. Lo scalo è rimasto chiuso al traffico commerciale, salvo per i voli charter che hanno rimpatriato i passeggeri rimasti bloccati nel Paese. Al momento non è stata fissata una data per la riapertura, nonostante negli Stati confinanti siano già riprese le attività e l'East Africa Business Council abbia chiesto la riapertura. Il presidente Museveni ha però affermato che l'aeroporto rimarrà chiuso “fino a quando la situazione all'estero non sarà risolta”. [EC]
  • Africa OrientaleBotswana Free

    Perdite insopportabili in Kenya, così Choppies sta...

    BOTSWANA - Sono state soprattutto le perdite accumulate in Kenya a convincere alcuni mesi fa la Choppies Enterprises Ltd a lasciare i mercati dell’Africa orientale. E’ quanto emerge dagli ultimi dati relativi alla società retailer del Botswana e che fanno luce sulle decisioni prese oltre sei mesi fa.  Tra Kenya e Tanzania, Choppies ha perso 16,5 milioni di dollari di cui ben 15,39 nella sola Kenya. Un fardello eccessivo da assorbire per la società del Botswana che intanto ha visto aprirsi una procedura legale nei suoi confronti, sempre in Kenya, per il mancato pagamento dei fornitori.  Choppies gestiva in Kenya 15 negozi, che ora si sono ridotti a due che secondo varie fonti verranno presto ceduti. A essere in difficoltà in Kenya sono stati anche i sudafricani di Shoprite che lo scorso aprile hanno chiuso la loro sede di Nairobi. [MS]
  • Sud Sudan Free

    Scontri nello Stato di Warrap, pesante il bilancio

    SUD SUDAN - E’ pesante il bilancio di morti e feriti causati da scontri tra civili armati e forze governative nello stato sud sudanese di Warrap. Secondo varie fonti, scontri avvenuti negli ultimi due giorni hanno causato oltre 80 morti. All’origine degli scontri il tentativo da parte delle forze governative di far applicare una richiesta di disarmo. Questa è stata almeno la ricostruzione fornita da un portavoce dell’esercito.  Il portavoce ha riferito che la maggior parte dei morti è fra i militari e che il bilancio è ancora parziale e destinato a crescere. [MS]
  • Rwanda Free

    Via libera al centro nucleare con la Russia

    RWANDA – Il Parlamento ruandese ha approvato la creazione di un centro di ricerca in tecnologia e scienze nucleari, con l’obiettivo di poter competere con i più noti istituti innovativi entro il 2050. Per questo progetto, il Rwanda collaborerà con la Russia, come previsto dall’accordo firmato con l’azienda Rosatom a fine 2018 a Mosca. Il centro svilupperà tecnologia nucleare a scopi pacifici e civili. Una cinquantina di ruandesi stanno già partecipando a masters in scienze nucleare con lo scopo di tornare in Rwanda e applicare la ricerca alla ricerca agricola, all’alimentazione, alla medicina, o agli stufi geologici. L’argomento ha suscitato dibattiti in Parlamento tra deputati favorevoli e colleghi con riserve e paure per l’uso della tecnologia nucleare e la gestione dei suoi rifiuti. [CC]