Zambia

Enel sigla accordo di finanziamento per impianto solare in Zambia

ZAMBIA – Il gruppo energetico italiano Enel ha firmato insieme alla Società per lo sviluppo industriale (IDC) dello Zambia un accordo di finanziamento del valore di circa 34 milioni di dollari per la costruzione dell’impianto solare fotovoltaico di Ngonye con capacità produttiva di 34 MW.

A renderlo noto è stata Enel Green Power, divisione del gruppo italiano per le energie rinnovabili, specificando che il finanziamento comprende prestiti per 10 milioni di dollari da parte della Società finanziaria internazionale (IFC) del gruppo della Banca Mondiale, 12 milioni di dollari da parte del programma congiunto Canada-IFC sui cambiamenti climatici e 11,75 milioni dalla Banca europea per gli investimenti (BEI).

“Finalmente – ha detto a InfoAfrica il responsabile di Enel Green Power, Antonio Cammisecra – abbiamo firmato il finanziamento con IFC e BEI, perché non è banale armare un pacchetto finanziario con logiche di bancabilità internazionale in un Paese comunque difficile come lo Zambia e in un contesto come quello africano che dà delle difficoltà aggiuntive rispetto ai normali progetti”.

Ngonye, il primo impianto di Enel nello Zambia, si trova nella nella Zona economica multi-funzionale di Lusaka South nel sud del Paese e fa parte del programma Scaling Solar, che nel giugno 2016 ha assegnato a Enel il diritto di sviluppare, finanziare, costruire, possedere e gestire l’impianto.

In base a quel che viene reso noto, Enel investirà un totale di circa 40 milioni di dollari nella costruzione della struttura, che dovrebbe produrre circa 70 GWh l’anno, aiutando il Paese a stabilizzare la fornitura di energia e a diversificare il proprio mix di generazione energetica.

“Adesso in realtà comincia il vero lavoro – ha aggiunto parlando con InfoAfrica Antonio Cammisecra – perché dobbiamo aprire il cantiere e il mese prossimo cominceremo la costruzione fisica dell’impianto: questo è solo il primo passo. Lo Zambia è un Paese che ci interessa molto e adesso speriamo di poter continuare a investire in capacità rinnovabile, solare, eolica e idroelettrica”. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Battaglia in corso per Mocimboa da Praia, ma restano...

    MOZAMBICO - E’ ancora in corso la battaglia per Mocimboa da Praia, la strategica città portuale della provincia di Cabo Delgado, nel nord del Mozambico, dove ieri gli Shebab affiliati all’Isis erano riusciti a issare le loro bandiere. A sostenere che ancora nulla è perduto è stato il governo di Maputo, consapevole che perdere Mocimboa da Praia avrebbe conseguenze anche oltre l’effettivo valore di questa città, solo considerando la sua vicinanza ai siti dove sono in corso progetti miliardari per lo sfruttamento del gas.  Molti osservatori concordano comunque su un fatto: le forze governative mozambicane non sono state finora in grado non solo di approntare un’efficace risposta militare a un fenomeno nato pochi anni a suon di machete e ora molto più organizzato; ma anche di non essere state in grado, e qui la responsabilità è in realtà politica, di andare alla radice della questione, che potrebbe essere sociale ed economica.  Cabo Delgado è sì la provincia che ospita le ricchezze naturali del futuro del Mozambico, ma è anche una delle regioni più povere e che negli anni è stata trascurata dal governo centrale di Maputo.  Gli sviluppi delle prossime ore diranno se le forze governative riusciranno a riprendere il controllo della città, ma la questione sembra essere di là dall’essere risolta. Una vicenda che potrebbe portare a un maggiore coinvolgimento regionale. La Tanzania, a nord, sta cercando di fare piazza pulita delle retrovie islamiste presenti nel suo territorio lungo il confine con il Mozambico; gli occhi sono anche puntati sul Sudafrica, Paese che ha grossi interessi in Mozambico, e che finora non è si è mosso con decisione. [MS]
  • Angola Free

    Approvate leggi su trasparenza fiscale e golden share

    ANGOLA - Il parlamento angolano ha approvato una proposta di legge che modifica la legge di sostenibilità delle finanze pubbliche. La proposta - si legge in una nota fatta circolare dall’ambasciata angolana a Roma - prevede la creazione in Parlamento del Comitato dei conti pubblici, meccanismo che si inserisce nel rafforzamento dell’efficacia degli strumenti di gestione delle finanze pubbliche di medio termine, nonché nelle regole fiscali che concorrono all’attuazione della politica fiscale. Con la proposta, il governo angolano intende rafforzare le regole che governano l’attuazione della politica fiscale, puntando sulla stabilizzazione macroeconomica e sulla sostenibilità delle finanze pubbliche. Il ministro delle Finanze Vera Daves considera la legge un meccanismo legale a disposizione dell’esecutivo e dei parlamentari per monitorare il processo di consolidamento fiscale, con la definizione di regole fiscali chiare e concrete. La legge, secondo il responsabile delle Finanze, è più esigente per quanto riguarda l’esercizio della produzione e la trasparenza della condivisione delle informazioni, con la produzione e pubblicazione di documenti da parte dell’esecutivo. Il Parlamento angolano ha inoltre approvato la modifica della legge di base del settore imprenditoriale pubblico, che introduce l’elemento del “golden share”, per consentire allo Stato di salvaguardare gli interessi strategici in varie imprese senza creare danno al loro funzionamento.
  • Mozambico Free

    Cabo Delgado: Mocimboa da Praia cade in mano agli...

    MOZAMBICO - Dopo una settimana di combattimenti il gruppo armato degli Shebab (affiliato all’Isis ma non collegato con l’omonimo gruppo armato somalo) avrebbero preso il controllo del porto di Mocimboa da Praia e della città, nella provincia di Cabo Delgado, nel nord del Mozambico. A riferirlo sono stati gli stessi insorti attraverso la pubblicazione di una serie di immagini sui loro social; diverse fonti locali hanno confermato gli ultimi sviluppi, benché la situazione resti fluida.  L’attacco degli shebab alla città - già in passato oggetto di incursioni - era cominciato nella notte tra il e il 6 agosto. Le truppe governative potevano contare su un supporto aereo fornito da elicotteri della Dyck Advisory Group (Dag), società di sicurezza sudafricana assoldata dal governo, ma alla fine sono stati gli insorti ad avere la meglio. Secondo alcune fonti locali i militari hanno dovuto ritirarsi anche per la carenza di munizioni e rifornimenti.  I collegamenti telefonici con la città sono interrotti da alcuni giorni e poche sono finora le fonti indipendenti che possano confermare quanto sta accadendo. La notizia pone comunque forti dubbi sulle strategie seguite dal governo per far fronte a una situazione che sembra essere sfuggita di mano e che deve essere letta anche alla luce degli investimenti previsti nella regione per lo sviluppo di un’industria legata allo sfruttamento del gas con siti che distano poche decine di chilometri. Mocimboa da Praia è considerata un porto di rilevanza strategica. Già lo scorso giugno gli Shebab avevano provato ad attaccarla ma in quel caso senza successo; altri tre tentativi si erano consumati nei mesi precedenti. Secondo alcuni osservatori, la questione è adesso verificare se i ribelli proveranno e saranno in grado di tenere il controllo della città e del suo porto. Se così fosse, il conflitto in corso si alzerebbe di livello. La situazione è monitorata con preoccupazione dai Paesi vicini al Mozambico che temono possibili ripercussioni a livello regionale. In una nota, Democratic Alliance (Da), principale partito di opposizione sudafricano, ha accusato il governo del Sudafrica di non aver fatto abbastanza per guidare e coordinare sforzi a livello regionale per contrastare gli islamisti mozambicani in un Paese in cui il Sudafrica ha tra l’altro grandi interessi economici. [MS]
  • Angola Free

    Isabel dos Santos lascia Unitel

    ANGOLA – Isabel Dos Santos lascia il consiglio d’amministrazione di Unitel, principale operatore di telefonia  d’Angola. «Dopo 20 anni dedicati alla creazione, allo sviluppo e al successo di Unitel, ho scelto di lasciare la poltrona nel consiglio d’amministrazione», ha detto la manager, figlia dell’ex presidente della Repubblica José Eduardo dos Santos, attualmente nel mirino della giustizia per gravi accuse di malversazioni e appropriazione indebita. La rete di corruzione in cui Isabel è coinvolta è stata resa nota al grande pubblico attraversa l'indagine giornalistica battezzata Luanda leaks.   Isabel, dirigente della Vidatel, che controlla il 25% di Unitel, ha detto di aver deciso di ritirarsi a causa del clima di «conflitto permanente e di politicizzazione sistematica» instauratosi nel consiglio d’amministrazione, che ha come principale azionista il colosso del petrolio Sonangol. Poco prima che il padre di Isabel lasciasse la presidenza, aveva nominato la figlia a capo della Sonangol, dalla quale è stata poi rimossa dal successore Joao Lourenço.   Secondo l’agenzia Lusa è in gestazione un possibile audit degli ultimi dieci anni di gestione della Unitel. La ricomposizione del consiglio d’amministrazione è anche d’attualità. La Sonangol possiede il 50% del capitale, mentre 25% sono della Geni del generale Leopoldino "Dino" Fragoso do Nascimento. [CC]
  • Sudafrica Free

    Hotel e lodge in grave crisi

    SUDAFRICA - I proprietari di hotel e lodge hanno duramente criticato le compagnie di assicurazione perché, a loro dire, non stanno garantendo i risarcimenti necessari per coprire le perdite dovute alla pandemia COVID-19. Molti operatori del settore affermano che le richieste di fondi vengono costantemente rifiutate. Dicono che ciò avviene nonostante i pagamenti delle polizze siano in regola. Secondo Tourism Recovery South Africa, più di un milione di posti di lavoro nel settore turistico sono a rischio. Interpellato da un'emittente nazionale, William van der Riet, proprietario del Cathedral Peak Hotel, afferma che senza il rimborso dovuto dalla sua assicurazione sarà costretto a licenziare gran parte dei suoi dipendenti. Molti hotel, lodge e bed&breakfast sono sull'orlo della chiusura a causa del blocco prolungato, giunto al quinto mese, che ha fermato il settore turistico. Alla chiusura dei confini nazionali, si è aggiunta la chiusura ai viaggi tra le singole province. Senza turisti (e senza fondi) le infrastrutture non possono sopravvivere. [EC]
  • Africa OrientaleBotswana Free

    Perdite insopportabili in Kenya, così Choppies sta...

    BOTSWANA - Sono state soprattutto le perdite accumulate in Kenya a convincere alcuni mesi fa la Choppies Enterprises Ltd a lasciare i mercati dell’Africa orientale. E’ quanto emerge dagli ultimi dati relativi alla società retailer del Botswana e che fanno luce sulle decisioni prese oltre sei mesi fa.  Tra Kenya e Tanzania, Choppies ha perso 16,5 milioni di dollari di cui ben 15,39 nella sola Kenya. Un fardello eccessivo da assorbire per la società del Botswana che intanto ha visto aprirsi una procedura legale nei suoi confronti, sempre in Kenya, per il mancato pagamento dei fornitori.  Choppies gestiva in Kenya 15 negozi, che ora si sono ridotti a due che secondo varie fonti verranno presto ceduti. A essere in difficoltà in Kenya sono stati anche i sudafricani di Shoprite che lo scorso aprile hanno chiuso la loro sede di Nairobi. [MS]