Africa Nord

Presentato a Tunisi un progetto per favorire le reti d’impresa tra sponda sud e nord del Mediterraneo

AFR NORD – (dal nostro inviato a Tunisi) Sostenere le organizzazioni imprenditoriali e la creazione di reti d’affari nella regione del vicinato meridionale nella regione euro-mediterranea con l’obiettivo di stimolare il settore privato, promuovere il commercio e gli investimenti nell’area: è questa l’ambizione del progetto EBSOMed presentato ufficialmente oggi a Tunisi dall’Unione delle Confindustrie del Mediterraneo (Businessmed).

“La crescita economica – ha detto la presidente della Confederazione generale delle imprese algerine (CGEA) e di Businessmed, Saida Neghza – è strategica per contrastare l’immigrazione irregolare”.

A sua volta, il presidente dell’Unione tunisina dell’industria, del commercio e dell’artigianato (UTICA) Samil Majoul ha sottolineato come dalla crescita economica derivino anche attese sociali da parte della popolazione: “Vogliamo investimenti, non aiuti a pioggia e tra le due sponde esistono tante esperienze e competenze da poter condividere: la nostra ambizione è che il Mediterraneo possa diventare finalmente un’oasi di pace e che grazie al dialogo e allo sviluppo economico e sociale si possa vivere ciascuno nel proprio Paese senza dover essere costretti a emigrare”.

Al seminario di presentazione del progetto è inoltre intervenuto per la prima volta in qualità di primo vice-presidente di Businessmed Giovanni Lettieri, nominato a questo incarico pochi giorni fa su proposta di Confindustria, che ha ricordato come nonostante le difficoltà e le crisi degli ultimi anni la regione del Mediterraneo continui a essere un centro globale e un ponte tra Europa e Africa attraverso il quale passa il 20% di tutti i traffici commerciali mondiali.

“L’iniziativa di oggi è un’occasione importante per discutere dell’integrazione sociale ed economica nella regione del Mediterraneo, che ha anche un grande potenziale inesplorato per la cooperazione e gli affari – ha aggiunto ancora Lettieri – La crescita economica nel Mediterraneo è stata pari al 5,6% nel 2017 con un rendimento migliore per quei Paesi che hanno aumentato gli sforzi per diversificare le loro economie. Tuttavia, questa crescita è ancora una fonte di disparità: il surplus commerciale dell’Unione Europea con i Paesi della sponda meridionale continua a crescere di anno in anno avendo raggiunto un valore pari a 54,9 miliardi di euro nel 2016 ed evidenziando chiaramente che c’è ancora molto da fare in termini di integrazione sociale ed economica”.

Il progetto EBSOMed, finanziato con uno stanziamento di 6,25 milioni di euro dalla Commissione europea e con una durata prevista di quattro anni, si propone quindi in particolare di promuovere le capacità e la formazione delle associazioni imprenditoriali con sede nei Paesi della sponda meridionale del Mediterraneo allo scopo di favorire una maggiore partecipazione delle imprese ai programmi multilaterali e bilaterali di sostegno imprenditoriali creando una vera e propria rete tra esse. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Cercansi fondi per alleviare pressione economica

    EGITTO - L’Egitto è in trattative con banche regionali e internazionali mentre valuta un prestito di circa 2,5 miliardi di dollari per alleviare la crescente pressione economica. È quanto riferito da Bloomberg citando persone a conoscenza dei piani del governo egiziano, che hanno tuttavia precisato che le discussioni potrebbero non portare a un accordo. La First Abu Dhabi Bank e la Abu Dhabi Commercial Bank stanno conducendo le discussioni sui prestiti e hanno invitato altre banche a partecipare, hanno aggiunto le fonti di Bloomberg. L’Egitto sta cercando di raccogliere 41 miliardi di dollari per pagare il deficit delle partite correnti e il debito in scadenza entro la fine del 2023. Il Paese nord africano ha bisogno di assicurarsi urgentemente più valuta estera per colmare disavanzi abissali. Il più grande importatore mondiale di grano è stato duramente colpito dall’impennata dei prezzi del petrolio e delle materie prime nonché dalla perdita di turisti provenienti da Russia e Ucraina. L’Egitto si è assicurato altri finanziamenti dal Golfo, con Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Qatar che hanno promesso oltre 22 miliardi di dollari in depositi e investimenti nell’economia in difficoltà. [CN]
  • Marocco Free

    Più fondi Ue contro immigrazione irregolare

    MAROCCO - Il governo di Rabat riceverà più fondi europei per il controllo dei suoi confini, secondo il quotidiano spagnolo El País. Il giornale scrive infatti che l’Unione europea sta preparando una dotazione di oltre 500 milioni di euro che sarà utilizzata per aiutare il Marocco a fermare l’immigrazione irregolare. “Questa cooperazione rafforzata sulla migrazione coprirà il periodo dal 2021 al 2027 e supera di quasi il 50% il precedente quadro di finanziamento”, aggiunge la stessa fonte, osservando che il budget sarà suddiviso in diversi progetti. I nuovi meccanismi di cooperazione tra il Marocco e l’Unione europea includeranno principalmente il sostegno alla gestione delle frontiere, il rafforzamento della cooperazione di polizia (comprese le indagini congiunte), la consapevolezza dei pericoli dell’immigrazione irregolare, nonché il rafforzamento della cooperazione con le agenzie dell’Unione europea . Inoltre, si precisa, verranno incoraggiate le politiche di integrazione e protezione dei rifugiati in Marocco e si intensificherà la lotta alle reti criminali. [CC]
  • Egitto Free

    Dalla crusca alle patate per rimediare a penuria grano

    EGITTO - Il ministro dell’Approvvigionamento egiziano Ali al-Moselhi ha rivelato che il suo ministero sta studiando varie opzioni per rimediare alle ripercussioni del conflitto in Ucraina, che, con la diminuzione dell’offerta di grano disponibile sui mercati mondiali e l’aumento dei costi di spedizione, hanno gravemente colpito il più grande importatore di grano al mondo. Con il primo obiettivo di preservare la pagnotta sovvenzionata di cui beneficiano oltre 73 milioni di cittadini ma che richiede circa 10 milioni di tonnellate di grano, di cui sei milioni vengono importate dall’Egitto, il governo ha deciso di affrontare la crisi del grano nella prospettiva di una “economia di crisi”, con l’obiettivo di fornire uno stock strategico, locale o importato. Per fare ciò, il ministero dell’approvvigionamento egiziano ha intrapreso due strade parallele per ridurre le ripercussioni della crisi. In primo luogo, elevare a circa sei milioni di tonnellate la fornitura di grano locale, in coordinamento con il Ministero dell’agricoltura, e, in secondo luogo, modificare le specifiche dell’impasto utilizzato per la fabbricazione del pane e ridurne la proporzione di grano. Il governo ha quindi deciso di ridurre la percentuale di frumento utilizzata nella fabbricazione del pane, aumentando il tasso di estrazione dall’82,5% all’87,5%, ovvero aumentando la percentuale di crusca nella farina di circa il 5%: una soluzione che consentirà al governo di risparmiare circa 500.000 tonnellate di grano, del valore di circa 250 milioni di dollari. Successivamente, l’attenzione si è concentrata sulla patata come soluzione alla crisi del grano, dopo che il ministro dell’approvvigionamento ha annunciato uno studio per introdurre il tubero nei componenti della farina di pane a tassi dal 10% al 20%, uno studio testato con successo nel Governatorato della New Valley. A margine di un giro di ispezione nel Governatorato di Beni Suef, a sud dell’Egitto, Al-Moselhi ha peraltro sottolineato che “l’Egitto ha vaste terre desertiche, e possiamo coltivare un certo tipo di patate ad alto rendimento”, ricordando che l’idea viene già attuata in molti paesi come gli Stati Uniti e l’Inghilterra. Infine, uno studio dei ricercatori Suhair Nazmy, capo dell’Istituto di tecnologia alimentare presso il Centro di ricerca agricola, e Amr Mostafa, professore di biochimica all’Università del Cairo, ha dimostrato il successo dell’aggiunta di crusca di riso “Raja Al Kosn” alla farina di frumento utilizzata nella fabbricazione del pane che, con un rapporto dal 10% al 15%, potrebbe fare risparmiare al Paese circa 375.000 tonnellate di grano. [CN]
  • Egitto Free

    Manutenzione rotabili, Bers finanzia formazione

    EGITTO - La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) in collaborazione con Hyundai Rotem  hanno lanciato un programma per migliorare le competenze dei giovani in Egitto fornendo formazione certificata nella manutenzione delle infrastrutture di trasporto e del materiale rotabile. La formazione è stata erogata in cinque lotti a 80 giovani donne e uomini nell’ambito del programma Bers-Rotem, incentrata su argomenti relativi alla manutenzione del materiale rotabile per la linea II della metropolitana del Cairo. La formazione ha consentito ai tirocinanti di acquisire competenze rilevanti ed esperienza pratica nella gestione del materiale rotabile, preparandoli all’impiego in settori ad alta intensità di risorse come la metropolitana, le ferrovie e l’industria dei servizi di trasporto. [GT]
  • Libia Free

    Italia dona trattori ad associazione agricola di Sebha

    LIBIA - L’Ambasciata d’Italia in Libia ha annunciato la donazione di due trattori all’Associazione centrale di Macchine agricole di Sebha. Secondo l’ambasciata, l’iniziativa è stata implementata nell’ambito del progetto “Migliorare l’occupazione agricola dei migranti nel Fezzan”, progetto finanziato dal Fondo Migrazione italiano e attuato dal Centro internazionale di studi agronomici mediterranei avanzati (Ciheam), con l’Ara Pacis Initiatives for Peace. L’ambasciata ha aggiunto che nella seconda fase del progetto avverranno ulteriori finanziamenti e la fornitura di macchinari agricoli per la coltivazione del grano. All’inizio di agosto, il governo italiano ha deciso di stanziare 3 milioni di euro in aiuti urgenti, per aiutare a curare le vittime dell’esplosione del serbatoio di carburante di un camion, avvenuta la scorsa settimana nel sud della Libia. In un comunicato, il governo ha annunciato che l’Italia riceverà 15 casi di feriti critici. Il Ministero degli Affari Esteri italiano ha inoltre varato un pacchetto di 37,2 milioni di euro per contribuire alla stabilizzazione dei flussi migratori in Nord Africa, Sahel e Africa occidentale. Secondo un comunicato della Farnesina, tre progetti sono stati finanziati in Libia, due in Niger e un altro nella regione del Sahel, con l’obiettivo di migliorare la gestione delle frontiere e combattere la tratta di esseri umani. Peraltro, campagne di informazione saranno avviate nel Sahel sui pericoli dell’immigrazione clandestina. [CN]
  • Tunisia Free

    Digitalizzazione e innovazione per rafforzare sviluppo

    TUNISIA - L’elaborazione di un piano aggiuntivo per il programma di visione strategica Tunisia 2035 e il piano di sviluppo 2023/2025, che si baserà su linee guida e programmi di digitalizzazione e innovazione, è stata al centro di una sessione di lavoro tenutasi nei giorni scorsi sotto la presidenza del ministro dell’Economia, Samir Saied. Nell’ambito del piano è stato posto l’accento sulla necessità di rispondere ai cambiamenti tecnologici e digitali e di lavorare per ampliarne l’uso in diversi ambiti, compresi i programmi di sviluppo e quelli settoriali e regionali. L’obiettivo è quello di beneficiare delle opportunità offerte da questi programmi per creare ricchezza, stimolare la crescita, sviluppare la competitività dell’economia nazionale e migliorare la sua posizione nelle catene del valore regionali e globali. L’incontro è stato anche l’occasione per discutere del ruolo che possono svolgere le startup nella realizzazione di questo approccio. I partecipanti hanno anche discusso dell’esistenza di reali opportunità di sviluppo in diversi settori, sia nel mercato nazionale che in quello estero, basate sulla digitalizzazione e sull’espansione dei suoi usi. Il ministro dell’Economia ha dichiarato che questa iniziativa sarà ricettiva alle visioni e agli approcci degli stakeholder del settore per sviluppare un piano aggiuntivo che arricchirà i contenuti della visione strategica Tunisia 2035 e del piano di sviluppo. L’obiettivo è presentare raccomandazioni che aiutino a concretizzare i concetti di innovazione e digitalizzazione nei programmi e nei piani di sviluppo, per migliorare e rafforzare le capacità dei settori o delle parti di integrarsi nelle catene del valore. [MS]