Nigeria

Alleanza dell’opposizione per un candidato unico contro Buhari alle presidenziali

NIGERIA – Diversi partiti dell’opposizione si sono alleati all’interno di una coalizione per affrontare uniti il presidente uscente Muhammadu Muhari alle elezioni presidenziali del 2019.

(152 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    A Palermo e Mazara un forum su opportunità in Ghana

    GHANA - Si svolgerà dal 3 al 7 ottobre prossimi a Palermo e Mazara del Vallo un forum dedicato ad approfondire le opportunità di affari tra Sicilia e Ghana. Intitolata ‘Ghana Sicily Business Forum’, l’iniziativa è dedicata in particolare ai settori dell’agribusiness, delle infrastrutture, delle energie rinnovabili, del turismo, dell’industria estrattiva e della manifattura tessile. In base a quel che viene reso noto, l’evento è organizzato dal Consolato onorario del Ghana in Sicilia in collaborazione con Sicindustria, l’associazione degli industriali siciliani, Confcooperative Sicilia e l’Associazione reti di imprese pmi e gode del patrocinio del comune di Palermo. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.ghanabusinessforum.net. [MV]
  • Nigeria Free

    Ict, accordo con Huawei per formazione e fibra ottica

    NIGERIA – La formazione nel settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (Ict) è l’oggetto di due memorandum d’intesa firmati tra la Nigeria e la Cina, in particolare il colosso della telefonia mobile Huawei. Tra due aziende, l’azienda pubblica nigeriana Galaxy Backbone, e la società privata  Huawei Technologies, è nato un accordo di collaborazione con l’obiettivo di formare mille dipendenti pubblici alle conoscenze di base sulle Ict. Un secondo accordo riguarda la formazione di 10.000 giovani nigeriani all’anno alle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni, attraverso un sistema di certificazione targato Huawei. Il percorso prevede, per 5.000 persone, una sessione di apprendistato approfondito, utile per il curriculum e la ricerca di lavoro, anche all’estero. Tra la Huawei e la Galaxy Backbone esiste anche un accordo per la realizzazione della seconda fase della rete di fibra ottica, con al centro un finanziamento da 238 milioni di dollari. Le intese nell’ambito delle Ict tra la Cina e la Nigeria sono frutto della recente conferenza Cina-Africa tenutasi la prima settimana di settembre a Beijing. [CC]
  • Niger Free

    Prorogata per altri due anni missione europea in Niger

    NIGER - Il Consiglio europeo ha prorogato il mandato della missione EUCAP Sahel Niger per altri due anni, fino al 30 settembre 2020, aggiornandone il mandato che ora è più specificamente orientale al contrasto alle migrazioni irregolari. In base a quel che viene reso noto, il Consiglio europeo ha inoltre approvato un bilancio di 63,4 milioni di euro per il periodo compreso tra il 1° ottobre 2018 e il 30 settembre 2020. Dal suo avvio nel 2012, EUCAP Sahel Niger fornisce consulenza e formazione per aiutare le autorità nigerine a rafforzare le proprie capacità di sicurezza. La missione sostiene lo sviluppo delle capacità degli operatori della sicurezza nigerini al fine di lottare contro il terrorismo e la criminalità organizzata. Dal 2016 la missione presta inoltre assistenza alle autorità locali e centrali del Niger, nonché alle forze di sicurezza, nell'elaborazione di procedure e tecniche volte a controllare e contrastare meglio la migrazione irregolare. EUCAP Sahel Niger contribuisce allo sviluppo di un approccio integrato, multidisciplinare, coerente, sostenibile e basato sui diritti umani tra i vari operatori della sicurezza nigerini. A capo della missione, il cui quartier generale si trova a Niamey, è il sovrintendente capo della polizia belga Frank Van der Mueren. [MV]
  • Togo Free

    Reso noto calendario elettorale

    TOGO - I cittadini del Togo si recheranno alle urne il 16 dicembre prossimo per votare il rinnovo delle amministrazioni locali ed esprimersi in un referendum di riforma costituzionale. A renderlo noto è stato il responsabile della Commissione elettorale nazionale indipendente, Kodjona Kadanga, confermando inoltre la data del 20 dicembre per lo svolgimento delle elezioni legislative. “Siamo tecnicamente preparati”, ha detto Kadanga senza tuttavia specificare il tema delle riforme costituzionali oggetto del referendum. Secondo le informazioni a disposizione, il referendum dovrebbe però riguardare la reintroduzione del doppio turno per l’elezione del capo dello Stato e il ritorno del limite a due mandati presidenziali così com’era con la precedente Costituzione del 1992. [MV]
  • Burkina Faso Free

    Instabilità e insicurezza nell'est, un quadro in...

    BURKINA FASO - In un momento in cui nel nord del Burkina Faso sembrano affacciarsi timidi segnali di miglioramento del quadro securitario, è nell’est che la situazione appare in peggioramento guardando semplicemente a quanto avvenuto negli ultimi mesi. Secondo fonti locali, anche il rapimento del missionario italiano avvenuto ieri in Niger, può essere collegabile alla presenza di gruppi armati nell’est del Burkina Faso, in grado di entrare e uscire dal territorio nigerino. Poco prima del rapimento di padre Pierluigi Maccalli, missionario dello Sma con una lunga esperienza in Africa, due fatti di sangue avevano interessato villaggi della zona di Pama, nell’est del Burkina Faso, in realtà in una zona più vicina a Togo e Benin. Il primo ha visto l’aggressione armata contro un leader religioso, il secondo a Kompienbiga, ha visto invece la morte di tre persone della stessa famiglia. In entrambi i casi si è trattato di omicidi mirati. Fonti locali riferiscono che dei fatti di Kompienbiga sono circolati in rete dei video in cui uomini armati, uno dei quali parlava in arabo, rivendicavano l’attacco; testi che accompagnavano le immagini si riferivano agli autori definendoli mujahidin di al-Qaida. Non è chiaro in realtà se questi video siano autentici, ma se questo è il caso si tratterebbe di una prima rivendicazione firmata da al-Qaida nell’est del Burkina. O, come provano a ipotizzare alcuni media burkinabé, si potrebbe anche trattare di una messinscena per depistare sulla reale identità di chi si sta muovendo in quella zona del Paese. [MS]
  • Niger Free

    Rapito missionario italiano non lontano dalla frontiera...

    NIGER – “Nella notte tra lunedì 17 e martedì 18 settembre, è stato rapito da presunti jihadisti attivi nella zona, padre Pierluigi Maccalli, della Società delle Missioni Africane (SMA).” A dare la notizia a Fides è padre Mauro Armanino, missionario a Niamey. “Da qualche mese la zona si trova in stato di urgenza a causa di questa presenza di terroristi provenienti dal Mali e dal Burkina Faso” aggiunge padre Armanino. Padre Maccalli, originario della diocesi di Crema, già missionario in Costa d’Avorio per vari anni, si trova nella parrocchia di Bomoanga, diocesi di Niamey. Da tempo mette insieme evangelizzazione e promozione umana: scuole, dispensari e formazioni per i giovani contadini. Attento alle problematiche legate alle culture locali, aveva organizzato incontri per affrontare temi e contrastare pratiche legate alle culture tradizionali, tra le quali anche la circoncisione e l’escissione delle ragazze, attirandosi anche una certa ostilità. Potrebbe essere questo - riferiscono fonti locali - uno dei moventi per il rapimento, avvenuto una settimana dopo il suo rientro da un periodo di riposo in Italia. La Missione cattolica dei Padri della SMA si trova in zona Gourmancé (Sud-Ovest) alla frontiera con il Burkina Faso e a circa 125 km dalla capitale Niamey. Il popolo Gourmancé è interamente dedito all'agricoltura e stimato in questa regione attorno a 30 mila abitanti. La Missione è presente dagli anni ’90, e i villaggi visitati dai missionari sono più di 20, di cui 12 con piccole comunità cristiane, distanti dalla missione anche oltre 60 km. La Chiesa cattolica in Niger sostiene fortemente che attraverso le opere sociali cresca il regno di Dio ed è per questo che la Missione di Bomoanga ha un programma di impegno di Promozione Umana e di Sviluppo attraverso le sue "cellule di base" chiamate CSD (Comité de Solidarité et Developpement). La povertà è strutturale, i problemi di salute e igiene sono enormi, l’analfabetismo diffuso e la carenza di acqua e di strutture scolastiche ingenti. La mancanza di strade e di altre vie di comunicazione, anche telefoniche rendono la zona isolata e dimenticata. [Agenzia Fides]