EritreaEtiopia

I retroscena dell’accordo di pace

ETIOPIA / ERITREA – Etiopia e Eritrea hanno firmato una dichiarazione congiunta di pace e amicizia lunedì 9 luglio, dopo oltre 20 anni di guerra. Questo accordo storico formalizza il loro riavvicinamento e prevede una ripresa degli scambi, dei trasporti e delle telecomunicazioni, nonché il ripristino dei legami diplomatici e l’attuazione dell’accordo internazionale sul rispetto della frontiera. Una dichiarazione di pace che si inserisce in un piano strategico più ampio.

(333 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • KenyaSomalia Free

    Ripresa voli diretti tra Nairobi e Mogadiscio

    SOMALIA / KENYA - Voli diretti tra Nairobi e Mogadiscio riprenderanno a partire da giovedì prossimo grazie alla Kenya Airways. Ad annunciarlo è stato l’amministratore delegato della stessa compagnia aerea, Sebastian Mikosz, secondo cui la decisione fa seguito a richieste in tal senso e alla presenza di un mercato potenzialmente significativo. La notizia segue di pochi giorni la ripresa dei collegamenti aerei tra Addis Abeba e Mogadiscio dopo 41 anni di assenza. In questo caso è stata Ethiopian Airlines ad anticipare i rivali aprendo la tratta lo scorso venerdì. Le mosse delle compagnie aeree fanno seguito al rinnovamento del clima politico avvenuto dopo l’arrivo alla guida del governo etiopico di Abiy Ahmed. Una serie di aperture di quest’ultimo - con l’Eritrea in particolare - ha innescato un processo virtuoso di normalizzazione che sta coinvolgendo anche la Somalia e Gibuti. Questo non significa che i problemi siano però risolti come dimostrano gli ultimi attentati organizzati la settimana scorsa a Mogadiscio con un pesante numero di vittime. [MS]
  • KenyaRwanda Free

    Dangote corteggia Arm e guarda espansione in Africa Est

    KENYA / RWANDA - Potrebbe passare sotto il controllo della nigeriana Dangote la Athi River Mining (Arm) Cement. A riferirlo sono indiscrezioni di stampa secondo cui il passaggio di mano potrebbe avvenire entro metà del prossimo anno e consegnerebbe di fatto ai nigeriani il controllo del mercato del cemento in Kenya e Rwanda. Se l’operazione andrà in porto, Dangote rivedrà probabilmente precedenti piani per la realizzazione di due impianti in Rwanda, tre a Dar es Salaam, uno in Burundi e uno in Uganda. La notizia è stata confermata indirettamente dallo stesso Aliko Dangote, presidente del gruppo nigeriano e noto miliardario. Parlando della possibilità di quotare la sua società a Londra, Dangote ha aggiunto che prima della quotazione il gruppo sta cercando di consolidare le proprie posizioni in Africa orientale attraverso acquisizioni. Arm non sta attraversando un buon momento economico ed è attualmente controllata da LafargeHolcim (27%) e Tororo Cement (21%). [MS]
  • Etiopia Free

    Procura accusa servizi sicurezza dell’attentato di...

    ETIOPIA - La Procura generale di Addis Abeba ha accusato membri delle forze di sicurezza e di intelligence (Niss) dell’attentato che lo scorso giugno fu organizzato contro il primo ministro Abiy Ahmed nella capitale etiopica. I dettagli devono ancora essere forniti. Dandone notizia, il procuratore generale Berhanu Tsegaye ha riferito inoltre di aver spiccato 36 mandati di arresto nei confronti di altrettanti agenti che dovranno rispondere di abusi e corruzione e di altri 30 mandati nei confronti di agenti di una non meglio specificata sezione militare per cattiva gestione. Le riforme profonde in politica interna ed estera avviate da Abiy hanno incontrato grande favore internazionale e rivoluzionato il quadro generale del Corno d’Africa. Allo stesso tempo, secondo alcuni osservatori, queste riforme - che hanno riguardato anche il conglomerato militare della Metec - hanno colpito interessi e sezioni dell’elite al potere. E ci sarebbero queste dietro l’attentato dello scorso giugno (che causò due morti) e dietro una protesta di un gruppo di militari avvenuta a novembre e di cui si è tanto parlato per un video che mostra Abiy scaricare la tensione invitando i militari a fare flessioni insieme a lui. Secondo fonti ben informate di InfoAfrica, questi due momenti di pericolo per il primo ministro hanno condotto a un rafforzamento delle misure di sicurezza e a una maggiore attenzione da parte dell’entourage più vicino al capo del governo. [MS]
  • Somalia Free

    Annunciato calendario per asta petrolifera

    SOMALIA - Il governo di Mogadiscio ha reso noti i dettagli del calendario della prima asta per l’assegnazione di licenze petrolifere e del gas naturale in Somalia. Ad annunciarlo è stato il ministro del Petrolio e delle risorse minerarie, Abdirashid Mohamed Ahmed, aggiungendo che il 7 febbraio 2019 nel corso di un evento che si terrà a Londra saranno resi noti i dettagli definitivi della delimitazione dei blocchi petroliferi che saranno oggetto dell’asta. In base a quel che è stato reso noto sinora, si dovrebbe trattare di circa 50 blocchi per un’area complessiva di oltre 173.000 chilometri quadrati. Nel corso dell’evento, che si dovrebbe svolgere nella sala conferenze del Claridges Hotel, sarà inoltre reso noto il quadro normativo, legale e fiscale nonché altre condizioni sottostanti l’asta per l’assegnazione delle licenze. La data ultima per la presentazione delle offerte per partecipare all’asta è stata fissata all’11 luglio 2019. [MV]
  • Tanzania Free

    Guerra degli anacardi, Magufuli fa fuori due ministri e...

    TANZANIA - Ha costretto alle dimissioni due ministri e minacciato di ricorrere all’esercito il presidente della Tanzania John Magufuli per risolvere contrasti che vedono di fronte coltivatori di anacardi e grossisti. Prendendo le parti dei coltivatori - che accusano i grossisti di tenere bassi i prezzi e contravvenire a precedenti accordi - Magufuli ha licenziato il ministri dell’Agricoltura, Charles Tizeba, e quello del Commercio e degli investimenti, Charles Mwijage, nominandone due nuovi insieme a quattro sottosegretari. Il capo dello Stato è quindi andato oltre, minacciando di inviare camion dell’esercito a prendere l’intero raccolto a spese del governo, nel caso in cui i grossisti non dovessero riconoscere un giusto prezzo ai contadini. Da settimane i contadini si stanno rifiutando di cedere il raccolto sostenendo che le offerte presentate siano troppo basse; Magufuli ha accusato i commercianti di voler truffare migliaia di agricoltori e ha ordinato loro di aumentare le offerte di prezzo a circa 1,15 euro per chilogrammo. In questa vera e propria campagna, Magufuli ha poi preso di mira la Cashewnut Board of Tanzania (CBT) revocando l’incarico del presidente della stessa CBT, Anna Abdallah. Gli anacardi rappresentano una importante voce dell’export della Tanzania e già in passato (nel 2013) si erano avuti incidenti e violenze, con proteste nel sud del Paese proprio a causa dei prezzi imposti dai grossisti e considerati troppo bassi dai coltivatori. [MS]
  • AlgeriaEtiopia Free

    Solo Algeria ed Etiopia tra i Paesi in linea con gli...

    ALGERIA / ETIOPIA - Ci sono soltanto Algeria ed Etiopia tra i 16 Paesi (oltre all’Unione Europea), sui 197 che hanno firmato l’accordo di Parigi sul clima, che hanno definito piani d’azione nazionali ambiziosi a sufficienza per rispettare gli impegni presi e mitigare l’impatto dei cambiamenti climatici. A sostenerlo è uno studio dal titolo ‘Aligning national and international climate targets’ realizzato dai centri di ricerca Grantham Research Institute on Climate Change and the Environment ed ESRC Centre for Climate Change Economics and Policy della London School of Economics and Political Science e dal World Resources Institute. Il rapporto ha comparato gli impegni assunti dai Paesi firmatari dell’accordo di Parigi nell’ambito dei contributi determinati a livello nazionale (NDC) e gli obiettivi fissati dalle diverse legislazioni e politiche nazionali. In base ai risultati emersi, a livello globale anche se 157 Paesi sui 197 Paesi firmatari hanno stabilito obiettivi di riduzione delle emissioni nei loro NDC. Di questi, solo 58 lo hanno fatto promulgando leggi o politiche nazionali specifiche e, a loro volta, solo in 16 Paesi (oltre che in Unione Europea) questi obiettivi sono coerenti o maggiori rispetto agli impegni assunti negli NDC: oltre ad Algeria ed Etiopia, anche Canada, Costa Rica, Giappone, Guatemala, Indonesia, Macedonia, Malesia, Montenegro, Norvegia, Papua Nuova Guinea, Perù, Samoa, Singapore e Tonga. Il rapporto è stato diffuso in vista della prossima Conferenza delle parti delle Nazioni Unite sul clima, prevista a Katowice in Polonia a inizio dicembre. [MV]